ZAMPARINI BEVI DI MENO E LASCIA STARE LA SAMP

8

“Ferrero è fortunato, di calcio non sa nulla”, ha detto Zampa il beone, mai sazio di parlar male di Samp. Anche lui non accetta che stiamo davanti, chissà poi perché.
Ferrero avrà anche un pizzico di buona sorte, ma sopratutto ha avuto la furbizia di affidarsi interamente a Mihajlovic.

La gestione tecnica è stata affidata a Sinisa e i risultati si vedono.
Tra i tanti difetti del nostro presidente, l’esuberanza barbuta e verbale, c’è anche l’abilità di operare in un modo funzionale per ottenere il massimo dei punti sul campo.
Gli anni scorsi la Sampdoria lottava per non retrocedere. Oggi Ferrero ha la fortuna di trovarsi terzo o quarto in classifica”, dice Zamparini a Tiki Taka. 
E gli brucia ancora l’ano per la mancata vittoria alla prima giornata di campionato.
Chiari, evidenti, lampanti segnali di demenza senile.
Zamparini si accorgerà cosa vuol dire avere fortuna quando, nella prossima giornata di campionato, incontrerà i bibini. Quelli sì baciati da un culo incredibile e immeritato: ma avete visto anche contro il Cagliari? Una cosa indecente: pali, traverse, respinte di natiche, rigori sbagliati, svirgolate: un culo inverecondo.
Il presidente del Palermo, prima di queste esternazioni nonsense, sembra solito bere grappa per scaldarsi il cuore e corroborare i pensieri.
Ma sono uscite inutili e vacue: la Samp si è meritata tutti i punti che ha e la sola partita in cui abbiamo avuto fortuna è stata forse quella con l’Atalanta.
Zamparini goditi il tuo è Palermo e non romperci le palle, fatti un grappino alla nostra salute.. Salut!

Autore

SampGeneration

Il blog della Sampdoria

8 commenti

  1. Ferrero capirà pure poco di calcio, ma ha avuto la consapevolezza di demandare alle persone preposte la gestione sportiva/tecnica del club. Difficile da capire per Zamparini che delle scomposte intromissioni tecniche ha fatto il suo marchio di fabbrica, riuscendo a retrocedere anche con buone squadre e distruggere allenatori uno dopo l’altro. Taci Zampa, l’ospizio di attende!

Rispondi a Giuseppe Orlandazzi su Facebook Cancella la risposta

Powered by themekiller.com