ROMEI: “DEFREL- ZAPATA, PER ORA CI ABBIAMO GUADAGNATO”. PERCHE’ NON AVERLI ENTRAMBI?

1

Nell’ultima partita contro l’Atalanta uno degli osservati speciali del match era proprio quel Duvan Zapata che l’anno scorso ci tolse parecchie castagne dal fuoco, risultando a più riprese decisivo con la sua potenza ebanica, unita a colpi di classe, sportellate a volontà e giocate da centravanti vero.

Come sappiamo tutti Duvan è stato ceduto all’improvviso. Ma non ad uno squadrone, bensì ai bergamaschi, tornati in fretta ad una dimensione più consona alla propria storia, ossia nei bassifondi di classifica fra le lacrime del loro allenatore.
Di questa stagione finora alquanto deludente dell’Atalanta targata Gasperini non si può certo dare colpa a Zapatone, che anzi, anche contro la Sampdoria ha dimostrato di fare reparto da solo, predicando spesso nel deserto.
Duvan è stato fino ad oggi ridimensionato da una squadra pasticciona che non ha la fluidità in attacco messa in luce nelle ultime due stagioni e per adesso il colombiano non è riuscito ancora a trovare la via della rete.
Chiaro che una situazione come questa lo ha fatto dimenticare facilmente dai tifosi blucerchiati, che ora si godono il meritato quinto posto in classifica e l’ottimo inizio di Gregoire Defrel, autore già di 5 reti in campionato ( Zapata ne segnò 11, in tutta la stagione).
Sull’argomento Defrel-Zapata è intervenuto in queste ore l’avvocato Romei. Già Mister Giampaolo aveva detto la sua, precisando che lui non c’entrava niente sulla cessione di Duvan, come invece sospettato da molti tifosi, che ritenevano il centravanti colombiano non particolarmente amato dal tecnico.
Io sulle vicende di mercato non conto nulla” – ha detto Giampaolo –“La cessione di Zapata era un’occasione buona per la società e il giocatore. E a me piace Defrel” – ha aggiunto, in sintesi.

L’avvocato Romei è tornato sull’argomento, comunque interessante: “Siamo ancora all’inizio del campionato, però abbiamo dimostrato una solidità importante, dobbiamo continuare su questa strada – ha dichiarato a Tuttosport Romei – “Zapata-Defrel? – ha aggiunto -”è stato un cambio sofferto: Duvan è un giocatore molto forte, lo ha dimostrato anche domenica. C’è stata questa opportunità, volevamo più qualità e in avanti un giocatore come Defrel ci era sempre piaciuto. Ma Duvan è un ragazzo d’oro, merita tutte le fortune del mondo, un grandissimo campione. Abbiamo fatto una scelta, per ora ci sta andando bene”.

Auguri meritati per Zapata, che oltre ad essere un giocatore molto forte ha anche dimostrato attaccamento alla maglia doriana, creando un’alchimia con i tifosi che è difficile veder nascere in così poco tempo.

Romei ha sottolineato che per la Sampdoria la sostituzione con Defrel è stata un’opportunità da cogliere.
Ma l’obiezione immediata è che per una crescita della squadra sarebbe meglio aggiungere tasselli, facendo di tutto per tenersi anche i pezzi pregiati, e non procedere soltanto con una continua sostituzione di uomini.
Il mercato si è chiuso in attivo per la Samp, che ha in questo momento solidità economica (per abilità dei propri dirigenti e per le capacità di Giampaolo di valorizzare i giocatori).
Uno sforzo per trattenere Zapata poteva essere fatto e ci avrebbe regalato un parco attaccanti di primo livello: Defrel e Duvan potevano benissimo coesistere e girare con Quagliarella per un attacco da Europa League.
I soldi per l’attaccante Ferrero li voleva spendere, tanto che fino all’ultimo si è gettato su Zaza (che non sarebbe venuto certo gratis) e Destro (per fortuna è rimasto dov’era).

Ma noi il bomber attaccato alla maglia ce l’avevamo già in casa. E se la nostra squadra sta facendo 30, con Zapatone avrebbe potuto fare 30 e lode.

Autore

SampGeneration

Il blog della Sampdoria

1 commento

  1. A me pare che Giampaolo abbia anche detto, parola più parola meno, che Defrel rispetto a Zapata è più congegnale al suo modo di giocare, ergo: non sarà andato di persona da Ferrero a dirgli di cederlo, però…e ricordo benissimo la ricostruzione fatta dal giornalista Stefano Zaino, sempre molto attento e puntuale riguardo le nostre vicende, nella quale appunto si affermava che lo “scambio” Defrel-Zapata è stata ANCHE una scelta tattica assolutamente avallata dal mister…
    Riguardo all’attaccante che abbiamo cercato nelle ultime ore di mercato io sinceramente non ci ho mai capito granchè, cosa sarebbe venuta a fare un’altra punta?
    Credo infine che pensare di tenere Zapata e prendere pure Defrel sia qualcosa di fantascientifico per la nostra realtà…

Rispondi a El Cabezon Cancella la risposta

Powered by themekiller.com