REGALE AUGELLO, LAZIO ANNICHILITA: LOTITO A CASA

62

Regale Augello. La citazione di Eddie Murphy è doverosa e definisce al meglio il succo della partita di stasera, chiusa con un clamoroso punteggio che forse nemmeno i più inguaribili ottimisti potevano immaginare.

3-0 secco alla Lazio, squadra che l’anno scorso si è giocata lo scudetto praticando calcio champagne (almeno prima del crollo nella fase post lockdown).
Quella di stasera era una Lazio piena di assenze, è onesto dirlo. Fra infortuni e squalifiche (e con Correa e Caicedo a mezzo servizio), gli uomini di Inzaghi si sono presentati a Genova con più di un cerotto.

Ma qui entra in campo la proverbiale saggezza di Mister Fox, anche detto signor Volpone Claudio Ranieri che, con l’esperienza di un Matusalemme del pallone, ha assestato il colpo di grazia ad un avversario in difficoltà.
Ranieri ha organizzato la partita bloccando sul nascere ogni iniziativa biancoceleste, grazie al suo granitico 4-4-2. Il Mister ha tolto ogni rifornimento al reparto offensivo imbastendo un pressing continuo sul Luis Alberto e Milinkovic-Savic, oggi totalmente irriconoscibili.
In particolare Milinkovic era l’ombra di sé stesso, sembrava un grezzo pedatore dei campi di periferia, lungagnone e sbilenco, marcato e annullato in modo commovente dal discendente diretto di Thor, Morten Thorsby.

Nel primo tempo l’errore capitale dei capitolini è sistemare Parolo sulla destra.
Parolo deve governare la fascia, ma ha la movenza tipica del bradipo quando va a caccia di fogliame.
E Augello (che ha ben altro passo) indossa la corona, si trasforma in regale Augello e lo asfalta di continuo.
E’ il nostro terzino sinistro a fare la differenza nella prima frazione di gioco.
Al 33′ l’ex Spezia galoppa sulla fascia lasciato libero, appunto, come un augello.
Ma liberi sono anche i nostri attaccanti in mezzo all’area, sia Quaglia che Ramirez: Fabio ha il tempo di osservare la porta, staccare, ricevere il cross e con precisione insaccare alla sinistra di Strakosha: 1-0. Al 41′ tiro-cross ancora di Augello, che si presenta questa sera in formato Roberto Carlos, e per poco non ci scappa il raddoppio.
Un minuto più tardi ancora il regale terzino raccoglie palla dal limite dell’area sugli sviluppi di un corner e realizza la rete con un chirurgico sinistro: 2-0.

Ripresa: nella Lazio, frastornata, entra qualche titolare azzoppato, tipo Fares e Marusic.
La condizione dei romani, però, è sempre scarsa. E il rigoroso ordine blucerchiato, orchestrato dal generale Ranieri, non lascia spazio ai giocatori di Inzaghi.
I guantoni di Audero si mantengono pressoché intonsi per 90 minuti. Entrano sul finire di gara Keita, Verre, Silva e Damsgaard. Ed è proprio quest’ultimo a colpire ancora.

E’ il 75′: diagonale velenoso di Quagliarella, respinta a terra di Strakosha. Patric si assopisce e si fa soffiare palla da Verre. Assist a Damsgaard e bel destro sotto la traversa: 3-0!

Finisce così, punteggio forse fin troppo largo per una Sampdoria che non si può dire abbia macinato l’avversario, ma ha tenuto il campo con un ordine praticamente perfetto, colpendo sempre, ogni volta che è capitata l’occasione.

Lazio annichilita: saliamo a quota 6 punti in classifica, un bottino di tutto rispetto visto il calendario che abbiamo dovuto affrontare.
Goduria nella goduria: il pensiero di Lotito, l’uomo foca, che torna a casa a capo chino, saltellando sulla pancia come un pinnipede. I tre gol sono tutti dedicati a te

Autore

SampGeneration

Il blog della Sampdoria

62 commenti

  1. La differenza si vede con gente che da del tu alla palla e senza strafare vediamo un giro palla senza ansie, dove perfino Leris è sembrato un giocatore di calcio.
    Avanti così e felicissimo per Augello, l’umiltà del lavoro paga sempre.

  2. ciao sentinel sono come tutti felicissimo per la vittoria contro una lazio decimata e confermo che questa squadra, con un mercato estivo da sri stiracchiato, e’ meglio di quella dell’ anno scorso con un mercato estivo disastroso e puo’ salvarsi senza patire le pene dell’ inferno ma nulla di piu’, confermo anche, per quanto magari possa essere fuori tema, che per quanto mi riguarda ferrero e’ una merda di uomo e di presidente, non so se questo significhi salire sul carro

  3. Gli ultimi giorni di mercato hanno resettato la squadra e anche se i nuovi acquisti hanno giocato poco a parte Candreva hanno dato una sicurezza in più a tutto il gruppo, qui non si tratta di salire sul carro oppure no, si tratta di gioire per una bella vittoria, la seconda di seguito, e per il fatto che probabilmente la lotta per la salvezza non ci riguarderà (toccate pure ciò che volete), se dobbiamo fare
    polemiche anche dopo una partita come questa vuol dire che c’è qualcosa che non va, dimentichiamoci dell’innominabile, tifiamo Samp e basta!

  4. Sono profondamente insoddisfatto del risultato. Volevo fargliene CINQUE a quelli!!
    Sto scherzando, naturalmente. A parte il fatto che dei tre gol ho visto solo il primo perchè da tifoso pazzo come sono soffrivo perchè mi sembrava troppo bello essere in vantaggio e quindi patire nel pensare di essere raggiunti. Sono molto contorto, lo riconosco. Nemmeno sul 2 0 ero tranquillo. Mi sono goduto solo gli ultimi 15 minuti sperando solo che non accorciassero le distanze.
    Adesso forse penso di essermi esaltato, come sempre, anche se di fatto la Lazio mancava di molti titolari (Immobile ecc..) ma questa squadra mi sembra forte se la analizziamo nello specifico. A parte il solito Quagliarella, e i tre ottimi acquisti, ma ci sono anche altri validi come Gabbiadini, Augello, quel martello di Thorsby, Damsgaard che viene definito gioiellino, Ekdal, Yoshida così sicuro in difesa, Audero che sembra migliorato. Insomma perchè non si potrebbe provare a giocare per qualche obiettivo più importante che non sia la sola salvezza?

  5. Postilla e suggello a quanto detto: con i 3 punti che sembravano acquisiti con il Benevento saremmo secondi in classifica!!! Anche se il calcio non si fa con i se (Vedi la Juve a Crotone).

  6. Che bei commenti. Siamo tutti felici. Dobbiamo dire il vero la gestione del nano malefico del mercato (grazie Pecini Damsgaard è fortissimo purtroppo colui lo venderà presto) a parte lo scorso anno è stata sempre buona purtroppo essendo lui senza soldi si vende tutti o quasi ogni anno ma Pecini e Osti, più il primo, sanno dove andare a pescare nuovi talenti. Grande Ranieri, grande prova di squadra, gigantesco Thorsby, grande Augello, intramontabile Capitano ora ci vorrebbero 4/6 punti nelle prossime due , se quattro 1+3 e poi vediamo dove siamo. Dimenticavo Silva è buono!

  7. Finalmente si inizia a rivedere la Samp del post lockdown, speriamo che duri!
    E sottolineo che abbiamo vinto praticamente con la squadra dello scorso anno (tolto Candreva), almeno per 70 minuti, dimostrando che non era una rosa così disastrosa come si voleva far credere… Poi certo, i nuovi hanno ridato vigore e fiducia anche ai “vecchi”, Damsgaard, come avevo anticipato tempo fa, è un giovane di grande prospetto e lo stesso farà Askildsen. Due ragazzi di cui ci siamo dimenticati quando si discuteva di campagna acquisti…

    Poi scusatemi ma…
    Lazio “decimata” francamente non si può sentire, le mancavano Immobile e Lulic, che sono due importanti, ma anche noi abbiamo giocato senza Keita e Silva che in teoria sono i 2 più buoni…

    • keita e silva non han giocato o mi sono perso qualcosa? e che la lazio fosse a pieno organico non mi sembra proprio…per cui bella vittoria, contentissimi tutti ma i problemi restano, sopratutto societari, che poi si possa dire, per una settimana o piu’, ma chissenefrega abbiamo vinto ci sta…e lo dice uno che come tutti voi vorrebbe che la samp facesse come il leicester anche se purtroppo la vedo ardua

    • immobile lulici lazzari radu e luiz felipe, vado a memoria ma magari sbaglio, probabilmente avremmo vinto lo stesso ma tra noi possiamo dircelo che non era proprio al top come organico quella squadra di merda

  8. Mahh fare polemica dopo questa bella vittoria caro Sentinel….eri sempre molto attento nell‘ analisi e paccato nei toni.

    Centrocampo con molte soluzioni: agonistico e con il fioretto, Damsgaard e Verre. Ranieri ha interpretato magnificamenta la serata. I terzini stavolta super, vedi Augello. Tonelli in questi ultimi tempi non proprio una garanzia. Sono curioso che ruolo ricoprirà Keita. Sembra diventi una stagione con un pò di soddisfazione…contadicendomi un poco. Sono sorpreso come il gruppo sia cresciuto nelle ultime due partite

  9. Considerato il mio odio per i laziali in genere c’è poco da dire. Goduria immensa.

    La squadra gira, segno che Ranieri è riuscito a ridare carattere ai giocatori, quello che era mancato nelle prime due partite.

    Mi piace anche il modulo, molto fluido. La squadra si imposta con una linea a tre dietro Quagliarella in attacco e ripiega velocemente quando deve difendere. Vedo molto bene i terzini, e ieri Augello ha dato una bella prova di sé. Ma aggiungo che anche Yoshida-san lo vedo in continua crescita. Parliamo di un giocatore che mastica calcio internazionale da quasi dieci anni. Prima o poi doveva venire fuori. E ieri è stato perfetto in ogni intervento, Correa e Caicedo non sono mai stati in problema per lui. Meno bene Tonelli, che si è concesso anche un errore clamoroso. Ma l’ho visto in netta ripresa. Si avvicina sempre di più al giocatore visto due stagioni fa.

    • PassavoPerCaso -

      Sottoscrivo in pieno con un appunto: Tonelli ha fatto anche il (bel) lancio ad Augello per il cross dell’1-0.

      E se Strashka non faceva un miracolo commenteremmo il 4-0.

      Oggio giornata strana, concordo con te Solodoria e Francsco…

  10. Osch, sinceramente non mi sembra di non tenere toni pacati se, ad esempio, faccio notare che c’è stato pure chi ha dato un voto negativo al nostro mercato.

    • Il voto negativo l‘ ho dato pure io, per la disperazione dell‘ ultimo giorno di mercato dove a forza di cercare un pò di ghiaia hanno venduto senza piani. Contro la Lazio però s‘ è intravisto il valore della rosa, che è superiore agli anni passati.

      • anche io al mercato ho dato 5 e mezzo perche’ comunque nell’ organico abbiamo delle lacune, molto meglio dell’ anno scorso comunque

        • PassavoPerCaso -

          Per come la vedo io:
          Voto = 6: mercato che rafforza (poco) la squadra.
          Voto 6 mercato migliora la squadra.

          Tu se ho capito bene, non guardi il punto di partenza e di arrivo ma solo il valore “assoluto” della squadra. Mi pare un modo (per quanto lecito) un po’ originale di valutare il mercato.
          Per farla in breve, anche un mercato che milgora moltissimo una rosa, ma lascia uno o due vuoti, tira fuori un voto negativo..

          • PassavoPerCaso -

            Ha tagliato il commento.
            Voto “minore” di 6 = squdra peggiorata.
            Voto “maggiore” di 6 = squadra migliorata.

            Sembra che i simboli di maggiore e minore non piacciano al server.

  11. Cosa ci ha detto la gara e che valutazioni si possono fare ? Primo l avversario era credibile anche cn delle assenze e sostanzialmente nella prima mezz’ora la gara era da sbadigli e questo dimostra che in campo c era dell esperienza e si è saputo aspettare che la gara ci regalasse la nostra occasione senza forzare ed esporci,secondo che una volta messa in discesa la si è gestita in modo discreto,peccato quei tre rinvii da pippa di Audero nei primi 20 minuti dl secondo tempo,se gestisci quei tre palloni cn meno paura nn hai neanche la sensazione d esser lontanamente in affanno (aspetto su cui è fondamentale lavorare e se nn basta c è da iniziare a ragionare sul perchè succede che ti complichi la vita da solo ?)…L ultimo aspetto su cui farei una riflessione di campo è che quando Silva e Verrè hanno iniziato a far girare palla la gara è finita e c era ancora tanto da giocare,al di là che avevi un triplo vantaggio la Lazio è una signora squadra e quando salgono in pressione accorciano benissimo tutti e ci hanno messo la gamba anche sul 3 a 0,cn rispetto pr il Benevento se quando vinci hai paio di giocatori che giocano a calcio invece che arare il campo quando sei in vantaggio le gare le porti a casa,poi Jancto ha fatto un lavorone sin che è stato in campo nel proteggere Augello cn il supporto di Throsby e Candreva in supporto a Berezinsky che nn è mai stato lasciato a un 2 vs 1 che pr la contrapposizione di modulo poteva capitare…M aspetto che la squadra cresca in autostima e chimica ulteriormente e che il Mister riveda qualche gerarchia e persino il modulo nn tanto nell iniziare le gare quanto pr finirle,i 5 cambi possono essere un problema o un vantaggio dipende nn dl punto di vista ma come imposti le tue strategie sul lungo periodo,personalmente m aspetto che il primo staff tecnico che capisce che le partite si decidono nell ultima mezz’ora cn 5 cambi in questo campionato tra lavorarci e lasciare che le cose vadano come capita ballano dai 15 ai 20 punti alla fine,chi si saprà adeguare potrebbe fare un balzo di classifica significativo al di là dl valore assoluto della rosa,es: hai una rosa da 55 punti di norma ma hai la possibilità di strappare nei finali di gara salti facile sopra i 65…Su che base lo dico ? Statistica ovvero quante gare si sono decise negl ultimi 20 minuti l anno passato ,personalmente se so che le partite si decidono alla fine voglio aver l 11 più funzionale possibile in quel momento che devo portare a casa un risultato aquisito che devo recuperare o sbloccarla,d altra parte nn posso arrivarci che la gara è già persa,chi si saprà adeguare a questa variante prima e meglio quest’anno avrà grande vantaggi…Costruire una second unit potrebbe coprire il gap tecnico cn delle corazzate che oggi sembrano lontanissime potendo contare su una parte di gara in cui sei più funzionale alla situazione e allenato a giocarla…

      • Nn ha giocato se no lo si sarebbe commentato Sent…Cmq i nostri avversari si sono lamentati meno delle assenze di quanto nn le abbiamo sottolineate noi e cn ragione,nessuno obbligava Inzaghi a giocare cl 3 5 2 ed è quello che gli rimproverano,Parolo da 5to di centrocampo mismatch cn Augello(che l ha scherzato di brutto)e Jancto cn cui è finita in pareggio è stata una scelta come Patric da terzo di difesa e si pr loro Immobile è fondamentale ma è un problema loro, se nn hanno un sostituto cn caratteristiche simili cn cui sostituirlo credo ? il fatto che gli mancassero gl esterni i 5ti di centrocampo titolari e i sostituti nn fossero al 100% come direbbe qualche mio familiare nn me ne po’fregà de meno gioco a 4 e i terzini li ho come le mezz ali e tutto il resto…In pratica se ho una punta ma preferisco il portiere come centravanti è una scelta nn una forzatura e la squadra che avrebbe potuto schierare la Lazio cn la linea a 4 difensiva e tutte le varianti a centrocampo e attacco era cmq sulla carta superiore alla nostra…Ci hanno sottovalutati perchè francamente sino alla gara cl Benevento(anno scorso compreso nn eravamo credibili e ci aggiungo anche mezza stagione precedente cn GP),ancora a molti nn è chiaro quello che ci ha dato questa finestra di mercato e quanto ci cambia in leadership e esperienza,poi è ovvio hai ancora tanti difetti e i 3 rinvii alla carlona d Audero testimoniano che c è tanto da lavorare,ma se a questa rosa dai una mentalità parsimoniosa dove la prima palla guadagnata è quella che nn butti via c è da esser positivi

  12. La peggiore lazio recente non toglie la goduria di una samp sciolta , disinvolta e organizzata grazie ragazzi
    ferrero indegno facci sognare sparisci per sempre !

  13. PassavoPerCaso -

    Concordo con molti dei commenti sopra.
    Purtroppo vedo che anche dopo DUE vittorie belle ed insapettate c’e’ chi preferisce commentare sul presidente.
    E vabbeh, la natura e’ matrigna, e ciascuno ha la sua valvola di sfogo per nevrosi e frustrazioni.

    Dunque, calcio.
    Augello mi e’ piacuto. Inizio a vadere quello che ci vede il Mister. Se ieri non e’ stato un exploit momentaneo, mi tocchera’ ammettere di essermi sbagliato sul suo conto.

    Yoshida e Tonelli hanno entrambi giocati molto bene (Tonelli un po’ meno). Ma Thorsby e’ insostituibile. Continuo a non capire come facesse DF a non considerarlo da serie A.
    Bene anche Jankto ieri, a dirla tutta.

    Mi lancio in un’alaisi tattica.
    Noi giochiamo in maniera “antica”, attaccando principalmente dalle fasce. MI domando se questo non possa essere un grosso vantaggio tattico, visto che in Italia moltissime squadre giocano a tre, concedendo le fasce in fase di non possesso. Quando ier Augello e Jankto attaccavano erano spesso due contro uno, il che ha reso la vita difficile a Parolo (uno bravo ma gia’ fuori ruolo).
    E mi domando quanto l’effetto Covid sgombinera’ le carte in tavola, tra gare sospsese, rimandate, giocatori malati, penalizzazioni…

    Comunque, 6 punti. Alzi la mano chi l’aveva detto.
    Mik, che ne pesni?

    • Che hai ragione ci hanno sottovalutati il solo Parolo a contrastare Augello e Jancto in fase di nn possesso è stato un errore tattico che hanno pagato ancora poco,ma noi li temevamo tanto dl resto ci hanno preso a pallate nel recnte passato,Pippo ha vinto la gara li e Simone ce l ha lasciata nella stessa zona di campo…I centrali difensivi bene ma è stata una gara tranquilla come hai detto tu abbiamo portato la gara sugl esterni e Candreva e Jancto hanno fatto un grande lavoro nl coprire i due terzini che sappiamo sono un po’il nostro punto debole a difesa schierata…Throsby ha giocato a uomo su Savic all antica cn buoni risultati ma nn avevo dubbi il ragazzo è fuori ruolo da schermo deve giocare il suo calcio e seguire Savic gli ha permesso di essere nl vivo della gara sempre in fase dinamica,come ho già scritto Silva nn è il suo di alter ego ma quello di Ekdal,In teoria PPC il 3 5 2 ti favorisce contro il 4 4 2 sugl esterni perchè hai un 3 vs 2 cl terzo di difesa che appoggia la fase offensiva e in quella difensiva scali e hai un 2 vs 2,in realtà se Jancto e Candreva nn avessero protetto benissimo i nostri terzini l avremmo subito noi il 2 vs 1 fisiologico,la Lazio ci ha sottovalutati e noi bravi ad aprofittarne,ma Augello ha massacrato Parolo e bravo Jancto a portar via sempre l uomo tenendo una posizione intermedia invece d allargare il campo,ai nostri piace giocare vicini e combinare ma hanno messo in dificoltà Patric che doveva scegliere se stare cn Jancto o radoppiare su Augello e Parolo l hanno battuto ogni volta sul 1 vs 1 ma cn Marusic che è di ruolo nn è cambiato niente, la nostra fascia sinistra è stata una specie di cassaforte zero rischi da lato forte e precisi da lato debole in entrambe le fasi…Interessante la fase in cui anche Silva ha circolato in quella zona di campo nl finale pur cn Damsgaard che è un attaccante a far il 4to di centrocampo…Dico che il ragazzino è un attaccante perchè vedendolo salta all occhio un centrocampista nn farà mai un gol come il suo terzo,cmq cn Silva e Verrè in campo in contemporanea se sei in vantaggio negl ultimi 20 minuti sarà dura pr tutti rimontarci,pr capire sino a 15 giorni fa avevamo dificoltà a completare 5 passaggi di fila in qualunque situazione,ieri nell ultima mezz’ora c era un giro palla d elitè,tanto che i biancocelesti se la sono presa a male e hanno puntato alle gambe,sul 3 a 0 è significativo che gli siano saltati i nervi così…la cosa fa ben sperare

      • “come gioca centrocampo gioca squadra” (Cit Boskov).
        E’ appunto quello che mi è venuto in mente ieri, pensando ad esempio a Berezinsky che davanti a se ha Candreva invece che Depaoli.

  14. Vedo che parlate tutti dei voti di mercato. Keita, Candreva e Silva sono tanta roba ma, non sottovalutiamo assolutamente Damsgaard e Verre due veri talenti. Quindi i nuovi colpi di mercato sono 5 anche se uno era già nostro e non lo facevano tornare. La differenza della squadra dello scorso anno è la panchina. Se giocano i tre nuovi ci ritroveremo in panchina gente come: Ekdal, Yankto, Verre o Ramirez, Gabbiadini, Damsgaard e uno in difesa Colley?. Vi sembra poco? Fate un rapporto con gli altri anni. Poi piedi per terra perchè una rondine non fa primavera ma se il buongiorno si vede dal mattino…….

  15. il nostro vero tallone d’ achille sono i rincalzi come esterni difensivi, mi sento male a pensare a regini che sostituisce augello ad esempio

    • This. La squadra titolare è nettamente migliorata. Il fatto di avere degli esterni più forti da poter schierare sulle fasce non va assolutamente sottovalutato anche nell’ottica del miglioramento della difesa, che è sostanzialmente invariata.

      Ma ricordiamoci che se si dovessero far male Augello e Bereszynski, autori di un’ottima partita, le riserve sarebbero Regini e Rocha (o Ferrari). Non cert delle garanzie di bel gioco, per un motivo o per l’altro.

      Rocha è digiuno di A. Ferrari sarebbe comunque adattato. E Regini… no, se commento ancora su Vasco è sparare sulla croce rossa.

  16. si la difesa e’ il punto debole,il resto va benissimo.anche Audero non e’ che mi convinca molto anzi…
    per il resto continuo a parlare del guru perche’ vorrei convincere altra gente che sia un allenatore veramente modesto,come la sua carriera ha sempre dimostrato.come persona niente da dire ma come mister stenderei un velo pietoso

  17. apa francesco -

    si la difesa e’ il punto debole,il resto va benissimo.anche Audero non e’ che mi convinca molto anzi…
    per il resto continuo a parlare del guru perche’ vorrei convincere altra gente che sia un allenatore veramente modesto,come la sua carriera ha sempre dimostrato.come persona niente da dire ma come mister stenderei un velo pietoso

  18. Il centrocampo che ci troviamo quest‘ anno non lo ricordo così forte e variopinto in termine funzionalità da molto. Ad un tratto sono diventato ottimista

    • Se si pensa che esiste persino l’opzione Keita esterno…
      Il centrocampo 2020/21 è una specie di Luna Park mutabile a piacere.
      Da benedire le cinque sostituzioni anche se non siamo la Juve, mi verrebbe da dire…

      • Come hai ragione Sentinel…ieri quando Ranieri ha messo Verre e Damsgaard, Keita e Silva e vabè anche Leris ho pensato lo stesso. Dicevano che le 5 sostituzioni agevolerebbero le big….hihih

        • Guarda, io sono appagato dal solo vedere Dasmgaard al posto di Mr 15 Millions. Quindi ogni virgola di tutto il resto per me è già grasso che cola.
          Giuro, sarà un limite mio sicuramente, ma quando lo vedo non riesco a non pensare a cosa voglia dire per una società miscia come la nostra buttare 15 milioni per un giocatore di cui ci ricorderemo in futuro… per quello che lo abbiamo pagato. Ci fosse stato lui al posto del danese, non so se intuiva il movimento dell’eccellente Verre, non so se ci arrivava. Ma se intuiva, se ci arrivava: due metri sopra la traversa.

          • Su Jankto, anche se sabato ha fatto un lavoro importantissimo a coprire ed aggredire gli spazi, siamo su una linea. Il ceco ha un ruolo diverso da come giocava ad Udine. Da noi questi 15 milioni non gli vale per interpretazione della posizione. è un incursore , in Friuli ha potuto far vedere il potenziale anche percè con meno compiti difensivi. Ranieri e GP prima non lo vedono così e anche lui s`è involuto un pochino

  19. Vorrei spendere 2 parole su Cuba(Jancto),perchè viene massacrato pr la percezione che giornalisti e prima opinione staff tecnico ne diede,l età dl ragazzo e i numeri da cui veniva ne facevano la valutazione lecita,il fatto che pr una squadra come la nostra nn fosse una buona operazione nn era certo lui a doverlo valutare,parliamo dl ruolo ? fatto giocare da 4to e 3zo a centrocampo (palesemente fuori ruolo),Jancto è un terzino perimetrale a Udine dove lo detestavano fece una stagione stratosferica come numeri ma nn lo potevano vedere perchè tutti pensavano fosse un ala ma il ragazzo parte 30mt più indietro rispetto ad altri esterni e se l Udinese quell anno giocava a 6 dietro in fase di nn possesso nn era mica pr scelta dl giocatore,ma perchè erano inguardabili,quali sono le doti ? La gamba il fondo e come gioca senza palla tecnicamente pr il suo ruolo naturale è un fenomeno dato che palla al piede nn perde velocità anzi…Punti deboli nn ha angoli di passaggio poca visione di gioco e tolto dalla comfortzone che è il perimetro nn trova punti di riferimento,fatica spalle alla porta perchè nn a skills ma servito nello spazio questo ragazzo è fortissimo,nn è un difensore interno ma nn vuol dire che nn abbia istinti difensivi,sabato ha salvato il risultato chiudendo lui una palla velenosa sul secondo palo su Marusic che avrebbe appoggiato a porta vuota,l ha fatto a difesa schierata in protezione di Augello che nn può saltare di testa cn sta gente qui,cosa se ne deduce ? che la sua occasione era DiFra che però gli preferiva Murru da 5to e abbiamo visto cn che risultati e lo vedeva attaccante ? ma dl resto vedeva Throsby alla Cremonese dopo averlo fatto giocare zero minuti…A me nn piace il 4 4 2 cn centrocampo in linea ma come 4to l anno scorso nl post lockdown cn Augello cn l intuizione dl mister di volerli al centro della nostra fase di possesso abbiamo svoltato,giocatore che ha contribuito alla salvezza in modo significativo,Dasmgaard è un attaccante nn li si può e deve paragonare,Augello cn il Danesino in campo può andare in grande dificoltà come cn la Juve cn Leris,perchè nn ha qualcuno cn cui condividere l onere della fase di nn possesso soprattutto da lato debole,cn questo nn reputo l asse che formano un super fitt ma c è chimica pr le caratteristiche e se oggi quello che ne ha maggior vantaggio è il gioco dl ex Spezia cn un vero palleggiatore in uscita bassa potreste anche ricredervi tutti su Jancto ,se nn lo cedono a Gennaio pr fr cassa a mio avviso è il giocatore che possiamo usare pr strappare dopo il 70tesimo quando Candreva fisiologicamente inizia a calare in fase propulsiva e ti porta palla 20 mt invece che 40,quello che nn vede nessuno di sto ragazzo e che cn Throsby sono quelli che corrono di più lontani dl pallone e che ne ha quasi sempre pr 95 minuti …A chi può interessare ? All Atalanta come vice Goosens ad esempio,Jancto nn è scarso tutt altro semplicemente è come se Novellino avesse fatto giocare Bettarini mezz’ala o terzo attaccante ,nn è colpa dl ragazzo se alla fine si riesce ad adattare a fare anche altro ma se mai un pregio,poi tutti d accordo che quei soldi l avessero spesi pr una mezz’ala se li dovevi farlo giocare nn erano da metter su di lui…

    • Mik,
      parliamo di Verre… per fortuna le strane trame di mercato ce la`hanno lasciato. Anche prima di toccar palla mi da sempre L´impressione di aver già una precisa idea come impostare la prossima azione di come muoversi. Veramente bello da vedere. Volpi, agiva si in una zona più in mezzo al campo, ma qualcosa….

      • Concordo sulle strane e sarebbe stato un delitto perderlo pr due noccioline(grazie Verona)…Ho idee poco condivise sul calcio quindi devi aver pazienza cn me,nn mi piace la simmetria nl gioco io penso che le due fasi siano dinamiche e statiche quindi m adeguo quando parlo di possesso palla e della fase di nn possesso,Verrè è un calciatore da fase dinamica,Sergio era un mediano solidissimo cn idee e piede pr metterle al servizio della squadra ma era un calcio di letture statiche,Verrè ha la colpa d aver un talento rarissimo immagina calcio,quindi dove lo metti metti lui fa la sua parte…Il ragazzo ha doti tecniche molto buone piede cn angoli di passaggio nn banali time di calcio,ma il vero talento e quello di leggere il gioco,quindi a volte ha intuizioni come dove il piede a banana di Audero può mandare un rilancio(mica credevate che avesse visto Verrè partire pr lanciarlo sulla corsa da 50 mt? ) ma anche il piede pr metterla giù e poi pennellare un pallonetto degno di Romario …Uno dice e un caso ! Poi la partita dopo, mette il corpo tra palla e Patrik che pensa esco palla al piede comodo comodo verso l esterno e la passa indietro ad un altro che ha lo stesso modo di leggere le cose e deve aver pensato UBELIN(in danese)Verrè gli fa un taglia fuori a quel tonno di terzino biancoceleste, aspetta che aggredisco lo spazio dove può mettermi la palla se gli riesce il furto ? confezionano il terzo Gol sulla respinta di portiere ,poi e chiaro se Patrik spazzzzava in angolo se la scansavano…Cosa hanno in comune i due Gol ? Verrè che prima che una cosa succeda immagina che può succedere e poi è bravo a sfruttare il vantaggio d aver indovinato quello che poi accadrà,ora nn è un regista e neanche un trequartista a me sembra una mezz ala sui 90 minuti ma su 30 può fare un po’tutto a naso..

  20. A me Verre sembra diversissimo da Volpi…
    Il mitico Sergione era il classico regista, il classico metronomo, francamente non credo che avrebbe potuto ricoprire un altro ruolo, Verre invece, dalla metà campo in su, forse può farli tutti, ricordo che Di Francesco nel precampionato spesso l’aveva utilizzato come falso nueve anche con buoni risultati, poi abbastanza inspiegabilmente l’abbiamo dato al Verona…a me nelle movenze e come tipo di giocatore ricorda Soriano!
    Io di Verre sento parlare dal 2012!!!
    Evidentemente questo talento ( perchè di talento allo stato puro si tratta, il gol di Firenze lo testimonia ) non ha avuto la testa e l’atteggiamento giusti ( come forse il bizzarro look ci fa intendere: capelli bianco/argentati, ma perchè? ) per esplodere prima, chissà che con Ranieri non sia la volta buona…
    Due parole sulla vittoria di sabato: bene ma…piedi per terra!
    E’ stata una partita un pò particolare, personalmente attendo test più… attendibili per eventualmente…esaltarmi…

  21. Condivido appieno Il commento di Osch che ha espresso quello che io avevo pensato ieri guardando la partita con la Lazio, cioè Verre mi ha ricordato un pò Volpi, ma con più propensione offensiva e direi che, considerata la sua tecnica sopraffina e le sue intuizioni da suggeritore e finalizzatore del gioco, Ramirez si può tranquillamente accomodare in panchina per la prossima difficilissima partita contro l’Atalanta.
    Ramirez infatti è stata l’unica nota stonata, colpito da inutili raptus di nervosismo , ha rischiato di lasciarci in 10 e di compromettere una bellissima partita da parte nostra. Purtroppo anche le scorse stagioni sprecava troppe energie a litigare con avversari ed arbitri , ma questa stagione si nota proprio che non gioca con la dovuta tranquillità, forse causa strascichi del recente calciomercato.
    Il generosissimo Thorsby direi ancora una volta gigantesco, ha annullato chiunque osasse contrastarlo a centrocampo. Chi aveva detto che era un giocatore modesto, si cosparga il capo di cenere.
    Confermo comunque la mia convinzione che ci salveremo con una certa tranquillità e a chi, facendo voli pindarici, già parla di Coppe, suggerirei di aspettare l’esito delle prossime due importantissime e difficilissime partite per avere delle conferme.

    • Thorsby anche a me pareva un po (anche molto ;-)) sopracategoria le prime volte. Bella sorpresa. Avete anche voi avuta la senzazione che fosse migliorato nei passaggi, insomma come tecnica?

  22. proporrei ai gestori del blog di far tenere a mik la rubrica che teneva il da me mai compianto carlo gino sarpero, oramai desaparecido…chissa’ se insulterebbe ancora il grande roberto cozzolino ed il sottoscritto perche’ non gradiamo il guru come allenatore, forse non eravamo roberto ed io ad essere da tso come da lui scritto…

    • Lui è un allenatore io nn lo sono e nn sarei in grado di darvi spiegazioni tecnico tattiche,le mie sono analisi spesso statistiche e a volte neanche le verifico vado a memoria,la verità e che sono un tifoso, le mie sono spesso belinate a tutto tondo,pr altro chiunque abbia visto una decina di campionati ha esperienza pr capire cosa succede in campo e che nn guardiamo tutti le stesse cose,quindi si possono avere idee diverse va a sensibilità individuale…

      • mik c’ e’ allenatore ed allenatore come c’e’ tifoso e tifoso, non credo lo faresti rimpiangere, io sono un semplice e viscerale tifoso…un caro saluto a tutti

        • SoloD…era solo pr dire che il suo modo di leggere le cose era qualificato,il mio è una percezione personale se un allenatore ti spiega palla coperta e scoperta e lo capisci ti muovi in sincrono come reparto senza bisogno d attenzionare la linea una volta istruita,chi te lo spiega ci crede sia utile ha una sua visione ed è pr loro una libidine perchè comandare dal di fuori un azione di gioco è tipo un porno…Quindi è un dogma nn perchè utile ma in quanto funzione delle competenze,noi tifosi avolte intuiamo queste mancanze di genuinità anche in modo inconsapevole,quindi diventiamo ipercritici cn chi ci sembra ambiguo a volte cn ragione altre no,ma chi ha perso dl tempo a qualificarsi pensi che possa ammettere facilmente che quelle sue competenze siano farlocche ? Boscov direbbe Calcio è materia elementare se si presenta professore d università parlare d altro sport, pr calcio basta sapere tabellina dl 2…

  23. Allora poichè Solodoria mi ha chiamato in causa devo entrare in argomento anche se non nel puro merito tecnico , non ritenendomi adeguato, ma cercando di far capire la mia posizione, diciamo filosofica, riguardo certi allenatori, che si piccano di essere tecnici particolari, quasi fossero astrofisici, a differenza degli altri poveri mortali come il nostro Ranieri che viceversa vincono (Leicester, off course). Questi elementi da foglietto ed appunti in genere vogliono una serie di giocatori adatti al loro metodo. Poi, come nel caso del guru, che è stato accontentato, ed ha voluto mezza Samp, se le cose vanno…more solito allora che bisogna dire? Che sono sfortunati? O forse un poco (auto)montati. Che poi io non ce l”ho con lui come uomo, anzi, quando lo vedo in panchina con quella faccia da cane abbandonato, mi fa anche un pò pena. Che poi non sarebbe il caso considerando la sua situazione economica paragonata alla mia. Ma i sentimenti in genere dipendono da fattori legati all’immediatezza e non alla pacata riflessione. Per dirla tutta, poichè causa emozione non sono riuscito a vedere buona parte della partita (non sono tanto normale, evidentemente con “quelli” non mi bastava il 2-0 per essere tranquillo) ho visto il derby di Milano ed ho parteggiato per il Milan non perchè mi sia particolarmente simpatico (e pensare che quando avevo sei anni o giù di lì mi dichiaravo milanista prima che lo stato di una nuova conoscenza mentale mi portasse sul blucerchiato ed i rossoneri ho continuato a seguirli con simpatia fino all’avvento del massacratore psicologico degli italiani – chiusa parentesi) dicevo appunto che “stavo” con il Milan per il suo allenatore che fa parte della categoria dei “semplici” a differenza dello psicotico Conte.
    Un caro saluto a Solodoria.

  24. E se si facesse due chiacchere su quali dinamiche potrebbe avere la gara cn l’Atalanta ? La conosciamo tutti giocano accettando l 1vs 1 in difesa a metà campo propongono 2 schermi due esterni un po’ più avanzati come baricentro e poi c è la linea offensiva di 3 che possono essere due trequarti e un attaccante centrale o un trequarti dis ‘assato cn un seconda punta e il centravanti …Quando gioca il Papu (sempre) a mio avviso va attenzionato a tutto campo,l altro aspetto e che cn loro la coperta è sempre corta quindi qualcosa da qualche parte lo devi concedere,immagino Ranieri farà densità centrale e gli lascerà tanti cross …Come ripartire ? potremmo usare due strategie distinte una pr la prima ora, una nella parte finale,cercare di partire bassi e tener un po’palla all inizio pr nn farli entrare in ritmo, un “pace basso”che limiti il numero di possessi dei nerazzurri… Poi rinvio lungo sistematico e immediato nell ultimo terzo di gara magari cn un bel aggiustamento anche a livello tattico in modo da poter sfruttare l 1vs 1 cn un 4 2 4 o un 4 3 3 …Vengono da 2 partite in 7 giorni,nn tiratissime ma potrebbe esserci un calo verso la fine della gara, andrebbe tenuto conto nella gestione,chiaro loro sono forti forti cmq semplicemente tenere bene il campo farebbe morale al di là dl risultato…

Lascia un commento

Powered by themekiller.com