PRESI A PALLONATE DAL BENEVENTO, ORRORE A MARASSI

26

Un esordio in casa peggiore di questo era inimmaginabile. Sconfitti meritatamente da una neo promossa, presi letteralmente a pallonate dal Benevento che al Ferraris è sembrato il Barcellona al cospetto di una squadra blucerchiata svogliata, con pochissimo spirito di battaglia, ma anche – diciamocela tutta – senza uno straccio di schema di gioco.

Dopo aver visto nel pomeriggio la macchina perfetta chiamata Atalanta, poi i temerari beneventani, venuti a Genova senza timori reverenziali a mettere in campo il proprio calcio propositivo, ci si chiede cosa diamine facciano Ranieri e C. durante la settimana.
E ci si chiede inoltre, di fronte alla nostra pochezza tecnica, come è possibile che Ramirez stia perennemente a marcire in panchina e giochi solo 25 minuti? Anche in casa contro il Benevento, è incredibile!

Un’azione di oggi può considerarsi emblematica: al 67′. Ramirez, con uno dei pochi palloni toccati, illumina il gioco lanciando Jankto il caprone verso il portiere avversario.
L’esterno ceco arriva ad un metro dalla porta, potrebbe spaccarla o ancor meglio servire Quagliarella a 30 cm dalla rete e a porta sguarnita. Invece si produce in un incredibile colpo di roncola, una zappata ingobbito che contro ogni legge fisica finisce sopra la traversa. L’arbitro fischia fortunatamente fuorigioco e annulla tutto. Ma è stata un’azione grottesca, anzi al limite dell’osceno.

Eppure la partita era cominciata bene, grazie alla super cappella del portiere ospite Montipò che regala gentilmente all’8′ la palla a Bonazzoli, assist dell’attaccante per Quagliarella e palla in rete.
Il match prosegue meglio: a Candreva bastano 17 minuti per sfoderare il primo assist dei suoi. Dribbling, cross perfetto dalla destre e incornata vincente di Colley: siamo già 2-0 al 18′.

Non abbiamo fatto cose trascendentali, ma siamo stati abili a sfruttare gli errori difensivi dei nostri avversari, freschi di promozione.

Poi, dal 18′ del primo tempo, si chiude il sipario sulla Sampdoria e inizia il monologo del Benevento, inaccettabile se giochi contro una diretta concorrente per la salvezza.
Caprari la fa da padrone (ed è tutto dire), Dabo spadroneggia a centrocampo.
Vediamo ottime trame di gioco dei ragazzi di  Inzaghi a cui risponde una Sampdoria che pratica un calcio troglodita, totalmente a caso, nel quale inspiegabilmente Candreva non viene mai servito, ma si gioco solo sui piedi di piombo di Jankto.

Una galleria degli orrori per 70 minuti: subiamo il meritato pareggio del Benevento con doppietta di (udite udite) bomber Caldirola. Sfioriamo la rete di un (immeritato) 3-2 prendendo un palo con Gabbiadini.
Poi subiamo la terza rete all’88’ con un bel destro di Letizia dalla distanza (forse non del tutto incolpevole Audero).

2-3 finale, un disastro se teniamo conto che questa era la nostra unica partita abbordabile del calendario,  prima del derby.
L’orrore è stato servito quest’oggi a Marassi. Toccato il fondo già alla seconda giornata (sei pappine prese in due turni) questa deve essere un avvisaglia per la dirigenza: senza ulteriori rinforzi l’anno sarà complicatissimo.

Autore

SampGeneration

Il blog della Sampdoria

26 commenti

  1. SONO UN TIFOSO PARANORMALE

    Ma che dico, sono un mostro. Non chiedetemi di formule e schieramenti ma di in una cosa sono molto bravo. Riesco a leggere le partite in tempi non sospetti. Dunque c’è la prima partita di campionato in casa e la sfida è una di quelle da vincere. Comincia l’incontro e in poco tempo la Samp si ritrova in vantaggio di due reti, una per altro regalata dal portiere avversario. Ma l’avversario gioca molto bene, come si dice è messo bene in campo. Loro fanno anche 14 passaggi di fila, noi al massimo 3 e crossiamo la palla, e questo è il classico gioco che tanti, tanti anni fa dava la misura della nostra pochezza nei tristi campionati della nostra vita. Ed io in quel momento capisco tutto. Tant’è che scrivo un messaggio al mio amico Franco dicendogli che siamo in vantaggio ma il Benevento è nettamente superiore a noi e non vedo niente di buono all’orizzonte. Detto fatto, arriva il gol dei campani. Dice: ma come fai ad affermare certe cose? Le sento, semplicemente. Insomma da tifoso che soffre e per cui il calcio reca solo patimenti e diventa così una sorta di travaglio, decido di vedere Cagliari – Lazio e collegarmi ogni 5 minuti su Marassi togliendo l’audio e “spillando” in alto il risultato che per un po’ rimane invariato ma, come immaginavo, ad un certo punto compare il 2 accanto al nome Benevento. E non è finita…Certe brutte storie devono andare fino in fondo.
    Ora, io sono l’ultima persona a dover criticare un tecnico ma a spanne mi sembra che la Samp sia totalmente priva di gioco. Magari nel secondo tempo ha creato molte occasioni. Non lo so e non lo voglio sapere. Ma anche quest’anno ci ritroveremo alla quinta giornata, se va bene, con un punto. Come stavo bene quando non si giocava per il Covid!

  2. Non sono d’accordo su alcune valutazioni, Ramirez a parte l’azione descritta secondo me non pervenuto, ennesimo cartellino giallo, da vendere se qualcuno lo vuole, non capisco poi cosa abbia il giapponese per non farlo giocare e la sostituzione di Bonazzoli con Quagliarella fuori forma e in difficoltà , confido sempre in Ranieri secondo me alla lunga nostra ancora di salvezza ma secondo me in queste due partite non ne ha azzeccata una

  3. Quando stai vincendo due a zero in casa tua con una neopromossa e al termine prendi tre pappine l’unica cosa che meriti è di sparire dalla serie A compresi dopo i giocatori, proprietario,dirigenti(che non esistono) allenatore, e metà dei tifosi melensi e piagnoni come certi pseudo giornalisti che sembra commentino più che una partita di calcio una prosa a teatro. Ora cercate pure qualche giocatore come capro espiatorio quando a Genova sponda Samp non funziona più niente da anni. Vergogna, mi viene il vomito,dopo 40anni devo piantarla li di seguire una banda di RIDICOLI

  4. incazzato nero…come tutti voi…commenti piu’ lucidi nei prox giorni ma anche io, come roberto, ho avuto subito dopo i primi 20 minuti brutte sensazioni

  5. E’ una strana sensazione quella che sto provando e con essa mi allaccio a quanto ha scritto Luigi. Quando succedono cose come quella avvenuta oggi a Marassi ,nell’ ennesimo fallimentare inizio di campionato, allora, specie se non sei più giovane, ti prende un senso di mancamento per una storia che non vedrai più nelle dimensioni sperate e succede di provare una sorta di distacco non solo dalla tua squadra ma dal calcio intero proprio perchè senti che la tua squadra non ne fa più parte attiva. Vedi società gagliarde come l’Atalanta e capisci che la tua Samp è come uno scarto di fabbrica e allora perdi interesse e ti manca la voglia di seguire tutto il resto. Tutto diventa vago e impalpabile. Svanisce un mondo intero e tutto ciò è molto triste. Scusate lo sfogo “distruttivo” ma è ciò che provo in questo momento.

  6. E’ una strana sensazione quella che sto provando e con essa mi allaccio a quanto ha scritto Luigi. Quando succedono cose come quella avvenuta oggi a Marassi ,nell’ ennesimo fallimentare inizio di campionato, allora, specie se non sei più giovane, ti prende un senso di mancamento per una storia che non vedrai più nelle dimensioni sperate e succede di provare una sorta di distacco non solo dalla tua squadra ma dal calcio intero proprio perchè senti che la tua squadra non ne fa più parte attiva. Vedi società gagliarde come l’Atalanta e capisci che la tua Samp è come uno scarto di fabbrica e allora perdi interesse e ti manca la voglia di seguire tutto il resto. Tutto diventa vago e impalpabile. Svanisce un mondo intero e tutto ciò è molto triste. Scusate lo sfogo “distruttivo” ma è ciò che provo in questo momento.

    • Roberto personalmente preferisco esser felice piuttosto che aver ragione,nn è una sensazione ma quel che vedi,la Samp l anno scorso aveva il peggior pace della serie A cl Brescia,vero che si è salvata in anticipo ma la stagione è girata in una singola gara a Lecce,il pace è quanti possessi si hanno in una partita una statistica avanzata consiste nell annullare il possesso se nn arriva a tre passaggi,il nostro era un disastro e tale resterà se nn aggiungiamo un palleggiatore in mezzo al campo e nn possiamo permetterci di giocare cn Berezinsky e Colley in contemporanea e cn Tonelli pr il Giapponese si tocca il fondo in quella che è la statistica più indicativa pr determinare i possibili risultati sul lungo periodo…Se nell arco dl campionato subisci 4 azioni x una che costruisci farai grande fatica in generale…D altra parte in questo momento Candreva è un upgradee e se arriva lo è anche Keita,ma nn sono quello che ci cambia la fisionomia a noi serve quel profilo di giocatore che possa aiutarci a far salire il nostro pace,che ci dia chimica in fase d impostazione dell azione…

      • Si chiama Bentaleb, un centrocampista dinamico, che recupera palloni e sa fare passaggi e assist che non siano fucilate.
        Il suo arrivo è molto più importante di quello di Keita (che comunque è ottimo perchè può creare superiorità numerica e offre velocità).

  7. Una delle migliori formazioni degli ultimi anni secondo il tuttologo , lo stesso che definisce l´immondo un buon imprenditore , la supercazzola d`eccellenza ! Gli altri sono tifosi da gradinata e non capiscono !

    • PassavoPerCaso -

      Capisco che tu ti sia innamorato di me, ma dovresti imparare a leggere.
      *SE* arrivano Keita e Candreva questa e’…

      Poi ti svelo un segreto: se la squadra e’ forte ma l’allenatore non la mette in campo bene in Serie A perdi.

  8. Mi trovo a commentare in una posizione indesiderata. Quella di una persona che sosteneva e sostiene Claudio Ranieri, che oggi tuttavia si trova ad affrontare per la seconda volta una partita in cui credo esista una responsabilità dell’allenatore.

    Parliamoci chiaro. Non credo si potesse trovare una formazione migliore. O che si potessero fare cambi capaci di migliorare la partita. Quello che secondo me ci ha fatto perdere è l’atteggiamento. Qualcosa su cui l’allenatore ha responsabilità.

    Dopo il secondo gol ci siamo sciolti. A bianco giochicchiato, come se fosse un’amichevole, convinti di aver stabilito la superiorità su un avversario agguerritissimo.

    Abbiamo visto come è andata. 72 minuti solo di Benevento.

    Se dovessi cercare la soluzione nel mercato dovrei chiedere 2 terzini, 1 centrale e 1 mediano. Ma realisticamente quattro titolari a pochi giorni dalla fine non è realizzabile.

    Per me il problema è ancora una volta di testa. Non so cosa stiano passando i giocatori, perché 9/11 di loro siano così imbarazzanti. Posso solo sperare perché davvero, soluzioni non ne ho.

    Forse perché soluzioni non ci sono. Al di là dei proclami dei tifosi, desiderosi di vedere teste saltare, giocatori arrivare e allenatori esonerati, penso ci siano poche soluzioni concrete se i giocatori non si smuovono.

  9. Mik, la tua è una lettura tecnica, e non ho alcunchè da eccepire. La mia è un’analisi psicologica se vuoi, ma diventa un tormento nel momento in cui appare ancora una volta lo stesso scenario che è un fondale di cartapesta destinato a crollare. Il calcio è soprattutto divertimento e fantasia, piacere di essere in un contesto di squadre nelle quali anche la tua possa partecipare con possibilità di disputare alla pari molti incontri e quindi essere ritenuta importante nel quadro generale. Così invece….Perdi in casa con una neo promossa dopo essere stato in vantaggio di due reti: è una cosa improponibile, senza senso. Tu ora mi dirai che il calcio è strano e magari vinciamo a Firenze e poi con la Lazio. Lasciami dubitare anche perchè la Samp degli anni NO (tanti) non è squadra da certi exploit. E tu me lo insegni parlando del nostro organico. Probabilmente arriveremo al derby a zero punti (o forse 1?). La sensazione che provo in momenti come questo, e come se mi rivolgessi a tutto il mondo del calcio, la vedo molto bene nelle parole di Giuseppe Ungaretti: Lasciatemi così come una cosa posata in un angolo e dimenticata”
    Ciao. Roberto.

    • Grazie Roberto,hai come sempre spietatamente radiografato il quadro generale,d’altra parte da tifosi a noi interessa sentimentalmente solo una parte,una piccolissima parte …L analisi sulla vera natura dl sistema è fisiologicai quando si fa strada la depressione e la consapevolezza che sarà un altro anno, in cui sarai protagonista il prossimo…Ma credimi tecnicamente cn un paio d aggiustamenti alzi il pace e cambia completamente il tuo ruolo e la forbice di forza cn il contesto,se ho chiaro io quale sia il problema e come si può risolvere in almeno un paio di modi è impensabile che nn lo sappia il coaching staff,pr altro se arriverà Keità facciamo un ulteriore upgradee …Ora un altro calciatore forte a metà campo a me piacerebbe molto,ma al di là di quello una volta aggiornato il sistema di gioco valiamo anche qualcosa in più della metà classifica e nn partiamo battuti cn nessuno,inutile giudicare adesso Ranieri aveva la squadra dell anno scorso sino a Venerdi ,avrebbe potuto fare cose diverse ? Forse ma in questo momento ci sono aspetti che nn sono solo tattici e tecnici quali saranno le scelte di campo dl mister pr la stagione lo sapremo solo dopo il 5 ottobre…

  10. Facciamo alcune considerazioni. Ai tempi di Gp il portiere dava la palla ai difensori per un quarto d’ora e poi iniziava l’azione..che barba. Ieri ho visto un altro gioco ovviamente. Il portiere lancia lungo, saltando il centrocampo e la palla la prendono sempre gli altri che iniziano a giocare con manovre di aggiramento e ci inchiodano nella nostra metà campo. Prima considerazione, i nostri attaccanti non ci danno di testa, non sono altissimi e i rinvii del portiere li può prendere solo Thorsby ma per un ora non era giustamente in campo. Il Benevento ha vinto meritatamente. Della Samp si sono salvati solo: Audero, Colley, Verre, Bonazzoli e Candreva. Non mi è piaciuto il capitano, guai a chi lo tocca ma sia lui sia Ranieri devono capire che non può fare oltre 50/60 minuti di gioco. Colpe dei giocatori 60% colpe di Ranieri 40%

  11. Mi lancio in un’analisi tecnica, cosa che non faccio mai perché penso di essere 1000 volte più impreparato di qualsiasi allenatore, questa volta la voglio fare con alcune considerazioni: Ekdal e Verre possono coesistere solo se Verre fa il trequartista alle spalle delle due punte, in mezzo al campo ci vuole un mazzuolatore, avevamo Linetty venduto per pochi soldi, l’unica alternativa che vedo è Thorsby, fa casino ma è da tutte le parti e intercetta decine di palloni, altri non ne abbiamo, se vuoi mantenere Candreva, Ekdal, Thorsby e Jankto a centrocampo con Verre rifinitore devi quindi giocare con la difesa a tre ma ci riesce poco oppure con una sola punta e difesa a 4, alternative non ce ne sono se non escludere o Verre o Ekdal o Jankto ma non so se i primi due sono adatti a giocare sulla sinistra come fa lui, Ranieri deve trovare la quadra e ancora non ci è riuscito, voglio spendere anche due parole a favore di Tonelli, fa cagare perché deve coprire le mille cavolate di Bere. coprendo la parte destra dell’area, più facile per Colley perché Augello sulla sinistra è più attento, dovremmo riuscire a comprare un terzino destro che sappia fare appunto il terzino, reputo Bere un vero disastro dalla fine del campionato scorso, trovata la quadra secondo me come squadra non siamo così male come sembra dalle prime uscite, scusate se vi ho tediato e scritto delle cavolate

    • Al contrario hai sottolineato aspetti degni di nota,spezzerei una lancia a favore dl terzino Polacco che è un calciatore che mal s adatta ad un sistema difensivo in linea dove deve stringere e temporeggiare,il ragazzo ha caratteristiche d agressività e ha pr miglior dote la tantissima gamba,anello debole sicuro se nn viene protetto nelle due fasi di gioco dove nn brilla ovvero l aspetto difensivo e di rilancio dell azione dl basso…Tonelli nn è adatto a giocare cn Berezinsky ma è anche peggio l abbinamento cn Colley come opposto,il Gambiano è pr situazione il calciatore che ha la possibilità di fr funzionare Berezinsky nella fase di possesso perchè è fisiologicamente l asse pr saltare un tempo di gioco,che il centrale di difesa cerchi il terzino opposto nello spazio,quando si fa girare palla si sposta anche la densità dl avversario quindi sposti il baricentro dell avversario che ti contrasta e ti lascia campo sul lato debole,il terzino deve apoggiare al centrale all indietro e lui saltare la densità spostando la palla sul lato opposto senza intermediari,abbiamo preso il terzo gol cn uno sviluppo di questo tipo,ma sono giocate elementari e cmq si Berezinsky e purtroppo anche Colley ci condizionano in negativo insieme ma era già evidente dall anno sorso,ma nn vuol dire che in assoluto siano scarsi…Dobbiamo fare degl aggiustamenti e come hai fatto notare Throsby è un calciatore utile e anche Verre ha fatto vedere d aver caratteristiche che possono far comodo,come farli coesistere cn Ekdal e Candreva ? A chi rinunciare a Jancto o una punta ? passare a 3 dietro ? secondo me ci capisci eccome e nn so’il calcio è materia opinabile ma credo che Candreva dimostri la volontà di cambiare tatticamente e tornare ad un unico schermo di centrocampo,se nn arriva un calciatore molto forte in mediana in entrambe le fasi a mio avviso passiamo a un centrocampo cn perno basso e due interni a sostenerlo cn candreva che fa il tornante e cuce attacco cn centrocampo…Credo Jancto sia fuori proeggetto e temo lo siano anche Ramirez e Manolo

  12. Ciao Roberto colgo l’occasione per salutarti e dirti che il tuo non è uno sfogo distruttivo ma oggettivo quando definisci giustamente la nostra amata Samp uno scarto di fabbrica dopodiché il sottoscritto vivendo a Monza e lavorando a Milano forse riesce a sentire pareri sopra le parti più autorevoli del sottoscritto in quanto dirigenti di squadre lombarde, e posso assicurare che non sono per niente positivi dal massimo “dirigente” a qualche giovane che veste i nostri colori. Mi fermo qui perché mi ripeto ci sono modi e modi di perdere e gestire una società la nostra ha superato ogni decenza e come già scritto in precedenza si naviga a vista.

  13. * Furente
    pensa che io dubbi su Ranieri li ho…da sempre!
    Poi siccome tutti ne scrivono e ne parlano bene un semplice tifoso come me se ne sta, mica mi metto a fare una “guerra” virtuale verso il nostro mister gentiluomo che però non mi ha mai, e dico mai convinto!
    Ormai è passato quasi un anno dal suo arrivo, l’organico che ha a disposizione dovrebbe conoscerlo alla perfezione, in questi 12 mesi quanti volti nuovi ci sono…2? Forse 3?
    Ma prima del lockdown, a parte il lancio lungo a cercare la testa di Thorsby, avevamo uno straccio di gioco?
    Per me assolutamente no!
    Poi c’è stata la lunga interruzione e quindi la ripresa, che io non ho seguito per motivi che scrissi anche qua, ma che di colpo, in quello scorcio super concentrato di campionato, fossimo diventati una squadra da…Europa League come gioco e risultati mi suonava strano, più probabile che a fare la differenza siano stati la nostra buona condizione atletica e i maggiori stimoli rispetto a molte altre contendenti…
    Ora sembra che siamo tornati quelli del pre-lockdown, una squadra che a me spaventava per la sua totale assenza di carattere…e il condottiero in panchina non è cambiato!
    ATTENZIONE: non sto dicendo che Ranieri sia il primo colpevole e responsabile della situazione!
    Però, la mia personalissima impressione che ho da mesi, ossia che il mister stia incidendo poco, troppo poco su questo organico da SALVEZZA TRANQUILLA mi rimanee non passa, purtroppo…

    *Roberto, quanto hai ragione!
    Il calcio, la NOSTRA SAMPDORIA soprattutto sono, anzi dovrebbero essere divertimento, fantasia…SOGNARE AD OCCHI APERTI!!!
    Pensa che mi erano bastati l’acquisto di Candreva ( che penso e spero faccia bene, ma parliamo di un giocatore che si avvia alla fine della sua carriera…) e il doppio vantaggio col Benevento per farmi camminare a..un metro da terra, sfottevo via messaggio una mia amica granata per la loro sconfitta e le avevo pure scritto, ovviamente in maniera ironica, che quest’anno andavamo in Champions…e tutto, ripeto, per Candreva e perchè vincevamo col Benevento!!!
    Senza sogni, senza entusiasmo tifare diventa solo un atto di fede, come il credente che va in chiesa alla domenica…e se tifare diventa solo un dovere morale…ma chi me lo fa fare???
    Mi tocca fare il populista e demagogo, ma davvero dobbiamo farci il sangue marcio per gente che ieri sera, nonostante il k.o., se la sarà certamente spassata?

  14. PassavoPerCaso -

    Ho letto tutti i commenti e oggi sono in disaccordo con molti…
    Per me peggiori in campo ieri Tonelli, Augello, Jankto e Bonazzoli.
    Tonelli: zero stacco areo (lui che era bravissimo su questo aspetto), fuori tempo due errori costati due goal.
    Augello: fortunato perche’ quando sbaglia non ne approfittano, ma e’ stato spesso fuori posizione e non ha mai la volocita’ per recuperarla. Un buon corss all 81emo.
    Jankto. E’ veloce e corre ma sembra non stare in piedi. Quando tira invece di servire Quagliarella e’ da bestemime: significa che gli interessa piu’ lo score personale che la squdra, il che e’ un bruttissimo segnale.
    Bonazzoli. Sbaglia tre stop semplici come giocasse in seconda categoria: vaga ombra del giocatore post covd. A me sembra che non possa giocare con Quaglia, se pestano i piedi.

    Thorsby serve sia per la corsa che per i cm. Entrato lui di testa abbiamo inizatoa prenderle.

    Migliori in campo (si fa per dire) Candreva e Colley. Colley ha slavto gli svarioni di Augello e segnato. Che deve fare di piu’?

    Mi sembra chiaro che Ranieri per ora stia sbagliando parecchio. Inviterei a smettere di prendere per il culo GP: porta sfiga.

    • PPC…Il nostro Mister è subentrato ed ha ereditato una squadra disfunzionale da uno precedente che si è dimesso, dato che nn gle ne avevano preso mezzo pr giocare il suo calcio…Ora quest’anno se chiudono anche Keità e magari ci regalano Betanleb o Silva potremmo anche finalmente essere una ciambella cn il buco,ma sino a ieri la squadra è quella dell anno scorso ed è difficile vederla in campo in modo diverso al di là che Ranieri possa cambiare gl interpreti,ieri male Augello e Jancto principalmente pr un motivo che è stato il piano strategico di gara di Inzaghi che ha preparato la partita molto bene e ha fatto scelte precise come quella di lasciarci la fascia destra cn un uno contro tutti ma fare grande densità sulla nostra fascia sinistra,l abbiamo sfruttata poco la superiorità numerica e cmq Candreva ha fatto un assist e guadagnato un cartellino in un ora di gioco,cn un solo allenamento cn la squadra,al di là che nn è un centrocampista ma un ala o tornate ,cmq un calciatore che allarga il campo ed è innaturale chiedergli di stringere a centrocampo e immagino che sarà la Samp a cambiare sistema di gioco e nn si voglia snaturarlo ? Almeno mi sembrerebbe logico così…Dato che una squadra deve aver equilibri che nn sono solo difensivi e offensivi ma anche di natura di livelli di gioco e un identità,pur amareggiato pr il risultato e la totale mancanza di un gioco di ieri vedo la luce in fondo al tunnel,nn è indicativa la formazione contro la juve e nn lo è neanche quella di ieri,sicuramente cambieremo pelle lo dicono le caratteristiche dei calciatori e che li voleva il mister e nn sono occasioni di mercato concretizzate pr caso,al di là dl centrale di centrocampo che a me piacerebbe arrivasse Candreva e Keità fanno di noi una squadra funzionale cn alcuni aggiustamenti ed uno è quasi sicuramente quello di passare ad un unico schermo davanti la difesa e quindi due mezz’ali a coadivarlo cn un tornante di destra una punta che parte larga a sinistra e un centravanti,aumenterà la responsabilità di porzione di campo dl terzino sinistro cn spaziature diverse come dato che ora hai Candreva a destra che preferisce mettersi in proprio in fase propositiva come terzino destro potresti passare ad un giocatore cn spiccate doti difensive invece che uno che sostiene l azione,cosa che invece potrebbe fare il centrale opposto ovvero Colley accorciando su Augello cn la squadra che scala se una delle mezz ali fosse Verrè hai anche la possibilità d abassare un altro calciatore a ricever palla pr impostare quando vuoi incominciare dl basso e Throsby da mezz’ala sarebbe sempre in fase dinamica dove è più efficace che quando è statico e sin troppo facile d aggirare,Keità a forza nelle gambe ed è un potenziale pericolo anche a 50 mt dalla porta (un po’come Muriel 3 stagioni fa) da centravanti hai Fabio che se gioca negl ultimi 20 mt è un fattore ancora adesso…Personalmente se devo giocare cn Colley l unico cn cui puoi accopiarlo è il Nippo che ha piede e istinti da leader difensivo da terzino destro oggi pr equilibri cn il resto della squadra probabilmente il meglio che hai è Ferrari dato che hai più bisogno d un intermedio difensivo e nn un perimetrale …Sulla carta questa è una squdra funzionale,nn m entusiasma ma tra sistema di gioco e interpreti nn credo di sbagliare nell affermare che nn fai meno di 45/46 punti cn questa base …Se poi arriva un palleggiatore degno di nota al centro dl campo cn presenza anche al contrasto che trova chimica cn Ekdal puoi fare anche un 4 2 4 che invece si sarebbe entusiasmante ma forse un po’troppo coraggioso,anche se secondo me pagherebbe anche solo pr la mancanza d abitudine degl avversari a confrontarcisi…Vedremo ora mai alla fine dl mercato manca poco

Lascia un commento

Powered by themekiller.com