PARODI: “LA VERITA’ SU VIALLI-FERRERO: RIFIUTATA OFFERTA DA 100 MILIONI”

17

Come al solito basiti, leggiamo l’ultima intervista di Ferrero alla Gazzetta dello Sport. Un’intervista fatta di niente, parole a vanvera di un soggetto che al vertice di una società calcistica seguita con amore da decine di migliaia di tifosi, non riesce in alcuna occasione a fare un discorso anche vagamente tecnico, limitandosi ancora una volta ad auto celebrarsi, per di più in maniera goffa.

“Presidente operaio”, “parlo con i fatti”.. parole a caso del Viperetta. I fatti, purtroppo, sono davanti agli occhi di tutti e purtroppo per Ferrero non solo parlano, ma addirittura urlano, come urla la gradinata Sud quando lo vede.

Valutando il termometro della tifoseria blucerchiata risulta abbastanza chiaro che in Italia non esista un presidente di una squadra di calcio ‘mal sopportato’ (per usare un eufemismo) come il n.1 della Sampdoria.
Gli stadi chiusi, paradossalmente, gli hanno forse dato nuova linfa: altrimenti ogni domenica si sarebbe udita una valanga di delicatessen verbali, planare da ogni parte dello stadio verso la tribuna.

Dopo l’ultima intervista (imbarazzante) rilasciata alla Gazzetta, Renzo Parodi ha pubblicato su facebook un post molto interessante. Il noto giornalista genovese ritorna sulla querelle Vialli, una delle pagine forse più buie della storia blucerchiata.
Se le cifre di cui parla Parodi corrispondono al vero, l’offerta alla Samp del gruppo americano sarebbe stata mostruosa (in senso positivo) e mostruosa (in senso disumano) la risposta di Ferrero.

Da una delle tante interviste senza domande apprendiamo che Massimo Ferrero si considera un presidente operaio, qualunque cosa voglia dire. Che lui risponde con i fatti (eccome…) alle troppe chiacchiere che si fanno su di lui e sul modo in cui ha gestito finora la Sampdoria. Insomma lasciamolo lavorare, lui sa come si fa a rafforzare la squadra, dall’alto dei suoi sei anni abbondanti di presidenzascrive Parodi, che aggiunge:
…. “Penso che (Ferrero abbia lavorato bene nei primi tre anni del suo mandato e che sia via via scivolato nel culto della personalità. La sua. Una deriva che lo ha fatto impuntare fino a fargli rifiutare non una ma due offerte formali ricevute per cedere la Sampdoria. La Prima del principe Abdullah bin al Saud, nipote del’ex re del’Arabia Saudita. Attraverso una fiduciaria costui gli aveva offferto 80 milioni di euro, comortensivi dei debiti della società allora attorno ai 30 milioni. Ferrero all’ultimo momento si era tirato indietro perché non si fidava. Lui, capite, non si fidava di un principe saudita di sangue reale. Sfumata la pista araba aveva preso campo la cordata Vialli dei due finanzieri Dinan e Knaster”.

E qui i discorsi si fanno molto interessanti. Parodi scrive questa parte in maiuscolo, in modo che il messaggio possa arrivare alle orecchie di tutti. Forse anche di chi, fra i tifosi, ha etichettato gli americani come gente ‘miscia’ e poco credibile. E beh, d’altronde la nostra squadra adesso è in una botte di ferro.

“DOPO INTERMINABILI TIRA E MOLLA E NUVOLONI DI POLVERE ALZATI ATTORNO ALLA TRATTATIVA DALLO STESSO FERRERO, IL VIPERETTA AVEVA DETTO NO AD UNA OFFERTA COSì ARTICOLATA: 48 MILIONI A LUI (GARRONE AVREBBE COPERTO FINO A 15 MLN I BONUS PREVISTI, QUALORA NON SI FOSSERO REALIZZATI), 50 MILIONI A COPERTURA DEI DEBITI DEL CLUB. E ALTRI 50 MLN DA INVESTIRE SUBITO SUL MERCATO ESTIVO”.

Insomma, 48 milioni a lui più 50 per coprire i debiti. Fanno 98 milioni, quasi i 100 che chiedeva il Viperetta.

Quindi la conclusione dell’ottimo giornalista genovese:

Ora Ferrero deve affrontare due perigliose vicende giudiziarie: Una penale per i presunti fondi distratti dalle casse della Sampdoria (affare Obiang). Una civile con le sue due società (Farvem e Eleven Finance) gravate di oltre 100 milioni di debiti e in odore di fallimento. Non anticipo sentenze che non mi spettano ma il danno di iimmagine causato alla Sampdoria è di per sé già immenso.
Infine il futuro prossimo. Nella citata intervista Ferrero parla di acquistare giovani per valorizzarli e poi rivenderli. Si dà dunque un tempo lungo alla guida del club. Non ho la palla di cristallo tuttavia credo che non lo avrà. Nell’immediato ha il dovere di consegnare a Ranieri una squadra che possa sfangarla. Ha perso Linetty e acquistato Damsgaaard, gran bel talento giovane. Ranieri ha chiesto un mediano in sostituzione del polacco e una punta di peso, un centravantone da area di rigore che sappia diaogare con la squadra. Un tipo Mandzukic, per intenderci. Ultima annotazione. Liquidato Romei e gli ultimi superstiti di sangue blucerchiato, nel cda Ferrero ha inserito tutta gente a lui fedeissima.Ora quindi sappiamo con chi dovremo prendercela se le cose andranno a rotoli. Garrone? Aspetta. Col paracadute sulle spalle”.

Autore

SampGeneration

Il blog della Sampdoria

17 commenti

  1. e’ un po’ fuori argomento ma mi e’ venuta una fantasia di mercato.
    Con qualsiasi formula (logicamente la meno dispendiosa) io proverei a prendere Piatek,che secondo me e’ un grande centroavanti.

  2. Ha straguadagnato , rubato , offeso , ci sputtana da quando è arrivato e ci ha rovinato un sogno mentre ci sta portando alla rovina come tutte le aziende che ha toccato ! tutto questo a costo zero , sarà il motivo per cui qualcuno lo reputa un buon imprenditore ! Ora martoriatevi di articoli e riempiamo la città di lenzuoli mentre lui se la ride e continua per la sua strada e nulla cambierà , finiamo di comportarci come dei babbucchioni e tiriamo fuori i coglioni !

    • Per me la soluzione passa dal creare attenzione sulla situazione della Sampdoria, protestare pacificamente e far capire ai giornali nazionali cosa stiamo passando. Deve essere data voce ai tifosi, far capire cosa si provi a vedere un portiere del Chievo rifiutarti, vedere i migliori giocatori andarsene sistematicamente, vedere la propria storia insultata.

      Ci vuole una presa di coscienza di chiunque dica di amare il calcio. Far capire che Ferrero è solo la punta dell’Iceberg di un sistema calcistico criminoso.

  3. PassavoPerCaso -

    Parodi disse la stessa sesquipedale caxxata nel 2019:
    https://genova.repubblica.it/sport/2019/08/07/news/volata_samp_intesa_a_un_passo_ma_il_rischio_c_e_-233104776/?ref=search

    Oltretutto, correggetemi se sbaglio, dando “oramai per fatta” la cessione una mezza dozzina di volte.
    Esempio:
    https://genova.repubblica.it/sport/2019/08/07/news/volata_samp_intesa_a_un_passo_ma_il_rischio_c_e_-233104776/?ref=search

    Aggiungiamo che lavora per un giornale che fa della menzogna, dell’omissione e dell’imprecisione interessata il suo core business. Un fogliaccio indegno, di livello bibino.

    Insomma: ma perche’ dare risonansa ad un tale minus habens, e alla sua diarroica sesquipedale sequela di cazzate? Riportate senza la benche’ minima prova?

    Cosi’, solo per sapere.

  4. passavo su parodi ti do’ ragione ma son curioso di sapere quale quotidiano italiano per te e’ degno di essere letto? perche’ se mi dici il giornale, la verita’ o libero….

    • PassavoPerCaso -

      Dicamo che l’intero panorama informativo italiano lascia parecchio a desiderare.
      Ma mentre per alcuni giornali è facile trovare la linea editoriale (Corriere ultras dell’UE, Giornale ultras di Silvio, ilFatto house organ dei 5S), e filtrare le notizie più tarocche, il giornale di Parodi ha fatto del dire una caxxata dietro l’altra la sua stella polare.
      E oramai non puo’ essere creduto sotto nessun punto di vista.
      Purtroppo il “noto genovese” ne e’ la prova lampante.

      Ps. Confesso ignoranza in quanto a LaVerita’ e Libero, mai letti.

  5. Dopo tutti i mesi di notizie e contronotizie, non mi ricordo da chi, ma era stato detto che, alla fine, l’unico affidabile per avere notizie su questioni come questa si era rivelato essere… Zaino se non ricordo male, ma appunto non ne sono sicuro, possibile? Domanda seria, non ironica.

  6. La questione mi sembra abbastanza chiara. In vista appunto di tutte le grane legali all orizzonte il caciottaro tiene l unica società non indagata che ha per poi usarla come garanzia quando dovrà coprire debiti e restituire soldi .
    La lazio di Cragnotti il parma di tanzi la fiorentina diventata florentia gli esempi sono li a portata di mano. Occorre , sempre nei limiti del lecito , una contestazione dura costante senza tregua verso questo buffone indegno

  7. Renzo Parodi?
    Lo stesso Renzo Parodi che l’anno scorso scrisse ” TIFOSI BLUCERCHIATI, SEGNATEVI QUESTA DATA: 5 AGOSTO!”
    E un paio di settimane dopo “SAMP VENDUTA A VIALLI PER 120 MILIONI DI EURO, MANCA SOLO L’UFFICIALITA'”.
    E che ciclicamente ritira fuori SEMPRE gli stessi argomenti e SEMPRE GLI STESSI PERSONAGGI: Vialli e Volpi, Volpi e Vialli, qualche magnate o principe saudita…
    Ora, dopo quasi un anno e mezzo, l’Illustrissimo ci fa sapere che un nipote di un EX RE (!!!) ci voleva comprare ma anche lui non vi è riuscito…mah…nessuno ne ha mai parlato, non si è mai saputo nulla, niente di niente…boh, a me sa tanto di grossa belinata, ma grossa per davvero…io dare credito a questi personaggi non riesco proprio, indipendentemente su quale giornale scrivano…

    * Sentinel,
    io ho spesso elogiato Stefano Zaino che, a differenza del succitato RP, mi sembra serio e per nulla un caxxone…
    Però sue dichiarazioni e ricostruzioni particolari sulla vicenda vendita societaria non ne ricordo, apprezzai moltissimo invece quella riguardante la diatriba Zapata e su come fosse andata la questione…

  8. Resta il fatto che ciclicamente c’e’ chi si diverte a rispolverare scheletri negli armadi….non si capisce a quale scopo e da quali fili manipolato…sono d’accordo su un solo fatto essenziale: o noi tifosi ci svegliamo o l’energumeno che alcuni chiamano ancora presidente, ci fara’ passare le pene dell’inferno e ci portera’ dritti nelle pieghe dei suoi innumerevoli casini aperti su piu’ fronti….sembra che ci sia ancora una fetta di tifosi che non abbia ancora ben compreso la drammaticita’ della situazione….nu ghe sun santi!!!–??????

Lascia un commento

Powered by themekiller.com