MIRACOLO STANKOVIC. LA MIGLIOR SAMPDORIA DELLA STAGIONE: 3 PUNTI D’ORO

16

Miracolo Stankovic. L’insolito ritiro invernale sembra aver fatto benissimo alla nostra squadra. Per la prima volta abbiamo visto una Sampdoria giocare con personalità, senso di appartenenza e soprattutto con le palle.

Azzeccati, almeno per il momento, i due nuovi acquisti. Nuytinck ha addirittura giganteggiato nel ruolo di centrale nella difesa a 3. Un autentico pilastro. Peccato per l’episodio del rigore che ha macchiato la sua prestazione, altrimenti il suo esordio in blucerchiato sarebbe stato da 8.
Lammers non ha fatto cose trascendentali, ma per lo meno è stato una buona spalla per il rinato Gabbiadini. Lammers e Gabbia sono due giocatori tecnici in attacco che riescono ‘persino’ a scambiarsi il pallone e ad arrivare alla conclusione. Scene che non vedevamo ormai da mesi in maglia doriana.
C’è da stropicciarsi gli occhi per questa Sampdoria.
Eravamo rimasti ad una compagine di amebe, che stava accettando senza alcuna reazione il decesso sportivo.
A distanza di poche settimane ritroviamo un’ottima Samp, orchestrata alla grande da Mister Stankovic. A Reggio Emilia, già in partenza, l’11 titolare sembra solido.

Se non altro i giocatori scendono in campo nei rispettivi ruoli.
I tre centrali di difesa offrono discrete garanzie. Leris e Agello, sugli esterni, sanno rendersi pericolosi. Il centrocampo è finalmente cazzuto con due combattenti come Rincon e Vieira. E in attacco abbiamo un barlume di tecnica con il trio Verre-Gabbia- Lammers. Hallelujah, finalmente andiamo in campo con un squadra sensata.
Al 25′ passiamo in vantaggio: Verre batte il corner, cross morbido per lo stacco di Amione, che con una precisa torre trova Gabbiadini. Bella rovesciata di Manolo, da attaccante di razza e Consigli è battuto: 0-1.

Tre minuti più tardi il raddoppio: Thorstvedt perde palla malamente sulla propria trequarti, e dopo un batti e ribatti la sfera arriva ad Augello che calcia dalla distanza verso lo specchio. Conclusione precisissima dell’esterno sinistro che finisce nell’angolino: 0-2.
Nella ripresa il Sassuolo attacca e al 64′ accorcia le distanze. Pinamonti è abbattuto da Nuytinck, purtroppo sulla linea dell’area di rigore. Il fallo si poteva evitare. Penalty concesso da Maresca e realizzato da Domenico Berardi.
Nell’ultima mezz’ora di gara è assalto del Sassuolo. Noi ci difendiamo, chiudendoci bene negli ultimi metri e mantenendo con ordine le distanze fra i reparti.
I Neroverdi avrebbero molte frecce al loro arco per i tanti attaccanti a disposizione. Ma riescono soltanto a creare qualche mischia. Noi soffriamo e in contropiede non ci rendiamo mai pericolosi. Montevago paga ancora la giovane età e una volta entrato perde numerosi palloni.
Un plauso invece a Gabbiadini e Leris. Soprattutto Manolo è indomabile, ha lottato fino al 100esimo minuto dimostrando (gol a parte) di essere tornato a buonissimi livelli di condizione.

E alla fine conquistiamo una vittoria importantissima. Proprio dai piedi di Manolo può passare la nostra salvezza, intanto ci prendiamo questi 3 punti d’oro che riaprono tutti i discorsi.

Forse non siamo più quell’Armata Brancaleone di smidollati che abbiamo visto fino a poche settimane fa. Giocando come oggi, i punti con certe squadracce del nostro campionato arriveranno sicuramente.
A Reggio Emilia è stata una grande prestazione, in faccia ai bibini che gufavano, magari in una pausa pranzo triste come loro, al baretto. Il triste panino gli sarà andato di traverso. Grazie ragazzi!

Autore

SampGeneration

Il blog della Sampdoria

16 commenti

  1. Siamo ancora vivi…almeno come squadra! Forse il tanto auspicato break rimodellerà un campionato tutto nuovo, almeno per noi.

    PS: pessima figura e non é una novità per il governò del calcio che lascia trafficare quell‘ impostore romano

  2. L’inizio è stato incoraggiante. Nuytinck bisogna valutarlo nel complesso, non semplicemente nel rigore dove è stato anche sfortunato e la sua prestazione è stata buona, perché ha dato sicurezza alla difesa. Lammers è un giocatore tecnico, è alto e apre gli spazi a Gabbiadini. Entrambi sono appena arrivati e devono trovare la giusta intesa con gli altri. Ottimi a centrocampo i due mastini Vieira e Rincon. In attesa di Djuricic e Sabiri, se non parte, anche Verre ha fatto una partita dignitosa. Bisogna continuare a lottare su tutti i palloni e migliorare i passaggi a centrocampo. Purtroppo preoccupa il ritorno della zecca maledetta, anche se penso che non potrà procrastinare all’infinito il boicottaggio del cda. Se, come credo e spero, non troverà nessuna banca disposta a prestargli 30 milioni (come li restituisce, con i debiti delle bancherotte e con i falsi in bilancio…?) potrebbe tornare Barnaba e aprirsi nuovi orizzonti. Speremmu ben. Intanto godiamoci questa vittoria e pensiamo ai problemi uno alla volta.

  3. Non ho visto la partita
    ma noto ( sarà solo un caso? )
    che FINALMENTE abbiamo schierato un centrocampo con TRE CENTROCAMPISTI DI RUOLO!!!
    Ora, non so esattamente in che posizione abbia giocato Verre,
    se da trequartista dietro le punte o in linea con Rincon e Vieira ma cambia poco,
    Rincon non poteva essere lasciato solo a battagliare lì nel mezzo,
    Vieira o chi per lui deve SEMPRE giocare assieme al venezuelano!
    Nell’immediato pre partita avevo la sensazione che avremmo fatto il colpaccio,
    è andata bene!
    Ora non mi voglio illudere,
    “voglio continuare” a sentirmi virtualmente in B,
    ma forse, e sottolineo FORSE, sul pianeta DORIA c’è ancora qualche segnale di vita…
    E anche nel sottoscritto,
    non mi vergogno a dire che a fine match mi sono venuti gli occhi lucidi,
    un mix di gioia e di rabbia che credo che possiate comprendere 🙂

  4. -31 al miracolo!
    Finalmente ho visto una Samp che ha giocato a calcio, e che vinceva i contrasti!
    La strada è lunghissima, e speriamo soprattutto di recuperare giocatori, perchè ad un certo punto, quando c’era necessità di dare i cambi, mancavano elementi, soprattutto Montevago è parso davvero acerbo per la serie A.

  5. Luca (Brasile / Spezia) -

    Se arrivasse Cabral (ovviamente in prestito secco fino a giugno, in cambio di quello stronzo di Sabiri) forse forse…
    Mettiamoci anche il recupero dell’armadio De Luca, senza comunque bruciare il bravo Montevago…
    In tal caso avremmo un attacco decente.

    Per il resto concordo in toto con El Cabezon e con gli altri amici.

    Aggiungo che Djuricic e (forse) l’inglese misterioso potrebbero fare con caratteristiche diverse a seconda dell’avversario il lavoro di cerniera tra centrocampo di interdizione e attacco.

    Concludo: un altro difensore pronto ci vuole comunque, considerando la quasi certa partenza di Colley (che non rimpiangerò).

  6. Il Napoli ha perso, non è nelle condizioni per mondiali e si parte comunque dallo 0 a 0: non saranno molto tranquilli, anche per loro è una partita delicata malgrado la differenza di valori.
    si gioca anche Spezia Lecce!…
    Forza ragazzi!

  7. Per la prima volta abbiamo giocato a calcio, come non facevamo da molto tempo. Vuoi l’atteggiamento remissivo del Sassusolo, vuoi i due gol in tre minuti, ma ho esultato talmente tanto da spaventare il cane.

    Buona la prima anche per i due nuovi. Nuytick (responsabile sul rigore, ma perfetto su Pinamonti) e Lammers hanno fatto bene. Il secondo non è la punta da dieci gol che ci serve, ma nel complesso è più affidabile di Montevago e pare avere più voglia di Caputo.

    Se dobbiamo guardare al mercato, ci servirebbe un difensore da mettere a destra nel terzetto al posto di Bereszynski; un tornante destro che si alterni a Leris (mi costa dirlo, ma è stato autore di una buona prova nella giornata di ieri); un mediano che sappia impostare (a me piaceva molto il nome di Marin, ma ovviamente l’Empoli non te lo cede); e una prima punta che o segni, o sappia metterci il fisico per dare spazi a Manolo.

    La prossima è la sfida impossibile, specie dopo che il Napoli ha beccato la prima sconfitta contro l’Inter. Lì c’è poco da fare, sappiamo tutti come andrà e che conseguenze avrà la partita in questione. Speriamo sia indolore: firmerei col sangue per un pareggio.

  8. E’ indubbio che Stankovic abbi lavorato bene in Turchia ed è indubbio che la squadra vista al Mapei sia in condizioni atletiche e mentali molto migliori di quelle pre – mondiali. Nel dettaglio Nuytinck ha fatto il centrale molto bene deciso, duro, tempestivo. Ha marcato a uomo Pinamonti. Mi sembrava di rivedere i centrali del passato ed ha anche piedi accettabili ma principalmente non si distrae come fa il nostro Colley in tutte le gare. Il rigore è un incidente di percorso. Abbiamo ritrovato Gabbia e non è poco. Lammers è incoraggiante (almeno non siamo in 10) ma la sorpresa più grossa è, a mia avviso, Vieirà (la sua migliore partita in blucerchiato). Ora mi dispiace per Beres, ieri molto bravo. Spero alcune cose. Via Colley e Sabiri (vergognosi nell’ultimo trimeste) dentro un altro difensore (Dragovic?) e dentro un altro centrocampista (via Villar inutile) e un altra punta in quanto De Luca è ancora la palo, Pussetto è rotto e non è un attacante, Montevago è da preservare senza bruciarlo e il capitano sarà un ottomo tecnico a breve o un dirigente prezioso. Forza Samp. Ho evitato attentamente di parlare di assemblee e di società. Attendo come tutti un miracolo!!!!

  9. Consideriamo anche, facendo gli scongiuri, che a breve dovrebbe rientrare Winks, sarebbe un bel colpo per il centrocampo, se parte Volley avremo i soldi per Dragovic

  10. Mi sono ripromesso di non parlarne ma, notizia di ieri, anche Barnaba si è defilato. Il nano malefico ci porterà a fondo con lui. Personalmente dubito che un investitore, tramite una banca, accetti di dare al personaggio almeno 30/35 milioni in cambbio di azioni che varranno, visto il debito crescente, sempre meno. La vedo ner, nerissima.

  11. ciao luca…con te se ne va un fratello, siamo, anzi purtroppo eravamo, coetanei…oggi e’ giornata di lacrime, non ci sono altri pensieri

Lascia un commento

Powered by themekiller.com