AGENTE RAMIREZ: “INTESA CON LA SAMP LONTANA”. CONTINUA POLITICA DEI FICHI SECCHI

3

Continua la politica dei fichi secchi in casa blucerchiata.  Dopo la cessione di Linetty, il mercato delle pezze al deretano si avvia verso un’altra uscita eclatante.
Il nostro unico giocatore di classe, colui che ci ha consentito di ottenere fondamentali punti salvezza lo scorso anno, potrebbe infatti essere ceduto.
Gastòn non è convinto della proposta (al ribasso) fatta dalla Sampdoria e forte di offerte in arrivo soprattutto dal ricco campionato arabo potrebbe (a malincuore) decidere di lasciare la nostra maglia.

Ramirez è il giocatore di cui si parlerà maggiormente nei prossimi giorni. Il suo rinnovo, auspicato da tutti i tifosi e da lui stesso, è ad oggi molto lontano.
La politica della società è chiara ed è stata esplicitata: taglio agli stipendi, anche se in controtendenza è andato Bonazzoli, giovane su cui la dirigenza punta a fare plusvalenza nei prossimi anni. Una scommessa che ha meritato un aumento dell’ingaggio (oltre un milione di euro per Federico).

Sul caso Ramirez, il suo procuratore Betancourt ha illustrato la situazione, almeno dalla sua campana:

“Abbiamo già avuto un appuntamento con Carlo Osti, un bel pranzo a Milano durante il quale abbiamo parlato un po’, ma abbiamo lasciato tutto in sospeso per riprendere la trattativa quando Gaston tornerà in Italia, lunedì. La situazione Ramirez è un po’ anomala, all’inizio della stagione non stava giocando e il Doria lo aveva messo sul mercato. Era arrivata una proposta dagli Emirati direttamente alla Samp, che aveva spinto per venderlo. Alla fine era stato lui stesso a impuntarsi per rimanere” – ha spiegato alo sito calciomercato.com

Ramirez è un leader – ha aggiunto il procuratore – “ uno di quelli che parlano poco ma che giocano con le ferite alla testa, aveva a cuore la squadra e i compagni e non voleva abbandonare la barca. Adesso i ruoli si sono invertiti, perché ho ricevuto un’ offerta scritta molto importante da considerare per Gaston. Lui e la sua famiglia tengono molto alla città e ai tifosi. La società stessa mi ha chiesto di pensare a un proseguimento insieme”.

In questo momento di crisi – ha concluso l’agente a calciomercato.com – “è normale che vengano fatte proposte al ribasso, ma è anche normale che il giocatore dica di no, specialmente se ha sul piatto un quadriennale così ricco dall’Arabia. Bisogna individuare un punto di incontro tra la volontà del club e le richieste del giocatore. Ma è difficile trovarlo, devo essere chiaro. Da parte della Samp c’è la volontà è di rinnovare, diciamo che non è molto normale accorgersi all’ultimo delle qualità di Ramirez”.

Vedremo l’evoluzione del caso.
Di certo non è un bel segnale per una squadra già scarsa in partenza che ha lottato  per la salvezza, beneficiando del buono stato di forma avuto nella fase post lockdown (fase dove i valori tecnici non possono considerarsi attendibili come in una stagione normale), privarsi in un colpo solo dei due giocatori più forti della propria rosa (escludendo Quagliarella, perché la soglia dei 40 inizia a farsi vicina).

Vuol dire iniziare il mercato con il piede sbagliato, con il piede immerso in un cesso alla turca. Ma d’altronde, ormai, ci siamo abituati: nulla di nuovo sul fronte blucerchiato.

Autore

SampGeneration

Il blog della Sampdoria

3 commenti

  1. Se è nero quanti ho letto, cioè di un’offerta da 4mln a stagione di € in Arabia, non c’è storia. Sarei dispiaciuto, ma obiettivamente meno incavolato rispetto alla storia di Linetty.

    Per il resto leggo anche di Colley e Gabbiadini. E su quest’ultimo, un po’ per il rinnovo di Bonazzoli, un po’ per le difficoltà a piazzare Caprari, sospetto ci sia margine di manovra per una cessione. Su Colley mi sono già espresso. In rosa hai cinque difensori centrali. Sei se non piazzi Murillo. Almeno uno, quello con lo stipendio più oneroso immagino, partirà.

    • Furibondo li piazzano tutti quelli disponibili ad andarsene e Colley è uno di quelli … Ranieri qualcosa in più proverà a farlo al di là che nn l hanno prolungato quindi difficile che stravolga l assetto ma aspettiamoci qualcosa di diverso rispetto il 4 4 2 basico cn cui ci ha salvato l anno scorso ,deve trovare soluzioni che spaziano dal controllo % dl pallone, peggio di noi solo il Brescia la scorsa stagione , c è tanto da lavorare anche sull efficacia della pressione sul portatore di palla , ci siamo procurati pochi errori gratuiti e fatto pochi break nella zona intermedia dl campo,il nostro recupero palla è affidato principalmente ai difensori e questo ci ha penalizzato,pr altro nelle poche occasioni dove siamo stati agressivi e abbiamo vinto una contesa siamo risultati micidiali ,penso al Derby d andata o la gara cl Toro dove è stato Berezinsky a rubare una palla a metà campo e dare il via alla rimonta … L esser passivi e limitarsi ad occupare il campo può aiutarti cn squadre che hanno pochi calciatori cn valori tecnici di prima fascia , ma cn chi ha qualità lasciargli un paio di metri sulla tua trequarti nn paga,nn un caso che la Samp l anno scorso abbia fatto meno di 10 punti cn squadre che l hanno preceduta in classifica…

    • Se quello che scrivono i media è vero Ramirez va via e Gabbia vuole restare ma, io non credo alle informazioni di rito. penso che entrambi potranno restare a meno di offerte clamorose. Se credevamo ai media per Colley c’era la fila con valutazione 15 milioni invece, l’umica proposta del Celtic è di prestito a 2 e riscatto a 6,5… quindi Panzane

Lascia un commento

Powered by themekiller.com