TRIS SAMP, MA UN MARE DI DIFFICOLTA’ A CROTONE

16

I lati positivi della partita di ieri sera allo Scida di Crotone, primo match ufficiale dell’era Di Francesco, sono: il punteggio finale, la concretezza blucerchiata in zona rete, alcuni interessanti inserimenti dei terzini (azioni utopiche sotto la gestione Giampaolo), la crescita sontuosa di Vieira. Poi, poco altro.

Va bene che siamo ancora a metà agosto (anche se il campionato inizia fra sei giorni), va bene che gli avversari avevano una partita ufficiale in più nelle gambe e che giocavano in casa.

Bisogna però evidenziare che stavamo affrontando una squadra che lotterà probabilmente per la salvezza in serie B, senza ambizioni di promozione, sfornita  di giocatori da massima serie. Insomma c’era un dislivello tecnico totale fra Crotone e Sampdoria. Ma il campo non lo ha dimostrato.

A parte i primi dieci minuti di gara in cui la Samp ha provato a dettare i tempi di gioco, è stato il Crotone a fare la partita. La nostra difesa balla ancora una volta il twist (un fatto molto preoccupante). Il centrocampo non becca una palla per larghi tratti di gara.
Nel settore della mediana l’uomo in condizioni migliori è chiaramente Ronaldo Vieira, 21 anni appena compiuti: gran bel giocatore, ma realisticamente non possiamo pensare che sia un pilastro per l’intera stagione.
In attacco, Quagliarella ha la scusante dell’età per la sua condizione non ottimale. Sugli esterni la calma è piatta: Caprari si illumina soltanto nell’azione della rete del pareggio, al 37′ del primo tempo, su grande lancio di Vieira e buco colossale della difesa pitagorica (che restituisce il regalo della precedente falla della nostra difesa, che ha portato alla rete di Molina all’8′).
Sull’1-1 è ancora un regalo della difesa calabrese a portarci al rigore. Intervento scomposto da dietro su Murru, e tiro dagli 11 metri realizzato come sempre da Quagliarella. Si va al riposo su un immeritato 1-2.
Nella ripresa assistiamo ad un assedio crotonese alla nostra porta, un ritmo spezzato dalla rete di Maroni al 60′. L’argentino, entrato da 35 secondi, sfrutta al meglio una sortita offensiva di Bereszynski. Il polacco, servito in profondità, pennella un cross per la testa di Maroni, abile a trovare il definitivo 1-3. Lo stesso Maroni è sfortunato quando in contropiede viene azzoppato da un pedatore calabro. Il giovane argentino è costretto ad uscire per infortunio alla caviglia, sono state comunque scongiurate fratture ossee.

Di Francesco al termine della gara è apparso perplesso: “Bene alcune cose, male molte altre” – ha dichiarato il tecnico, critico in particolar modo nei confronti della fase difensiva blucerchiata.

Superiamo il turno di coppa Italia e bagniamo l’esordio ufficiale con tre reti.
Ma la nuova Samp che vediamo prendere forma appare ancora troppo fragile, poco capace di mantenere il controllo del campo e completamente priva di quelle frecce all’esterno dell’attacco che sono l’emblema del gioco di Di Francesco.
Il 3-1 è un punteggio soddisfacente. Ma si spera che non crei false illusioni: su questa squadra, su questa rosa, c’è molto da lavorare e gli innesti devono arrivare nei prossimi giorni. Ferrero svegliati, oppure finalmente, vattene.

Autore

SampGeneration

Il blog della Sampdoria

16 commenti

  1. Analisi perfetta il dato oggetivo è che siamo molto più deboli rispetto al campionato scorso dopodichè se arriveranno due o tre pedine importanti allora ne riparliamo e la ventilata cessione di quello che non nomino altrimenti vado oltre non contribuisce sicuramente nell’innesto di nuove pedine da mettere a disposizione del mister.

  2. cerco di essere ottimista ;-).

    Troppi giocatori adattati al modulo nuovo. Il lato destro presentato ieri è un cantiere totale. Beres anche se ha fatto l`assist mi sembra di nuovo svagato come la stagione passata. Ramirez è il sintomo di una strategia di mercato che non esiste. La questione societaria si fa sentire purtroppo sotto questi aspetti. Jankto non so se lo vedremo mai in versione friulana. Fabio deve fare molti chilometri e sbattersi, si vedrà se trova ancora una volta le energie per sopportare il lavoro chiestoli dal mister. La difesa preoccupa assai.

    ma non ero ottimista…la partita era molto importante e spero che i responsabili ne traggano le giuste misure da adoperare

  3. Ciao Osch mi sei piaciuto mi hai fatto sorridere però ti chiedo chi sono i responsabili? Ad oggi è solo uno gli altri si sono defilati speriamo bene…

    • Caro Luigi, quest`è una bella domanda! non ci ho capito mai nulla….le intenzioni di Vialli, il ruolo di Garrone, Ferrero fra delirio e sbornia?????

      Sono contento che almeno abbiamo DiFra a darci una struttura tecnica.

  4. Non sono d’accordo su viera…l’ho trovato insicuro e impreciso su tanti palloni; è sicuramente più dinamico di ekdal ma nella capacità di dettare i tempi c’e Un abisso!! Forse sarebbe più efficace da mezzala..
    Ho trovato inoltre imbarazzante Ramirez…non che mi abbia mai convinto pienamente ma ieri sera sembrava proprio lento e in ritardo di condizione…considerando che domenica c’e La Lazio io punterei sui gabbia in quel ruolo

  5. A mio parere se abbiamo vinto è merito principalmente di Vieira che è (stato) l’unico a prendersi la responsabilità del passaggio diretto e di fare quei lanci che da una vita non si vedevano più (vedasi quello per Caprari che ha portato al pareggio altrimenti avremmo finito il tempo in svantaggio e sarebbero stato dolori) Purtroppo l’anno prossimo lo perderemo perchè sarà uno da 80 milioni o giù di lì.

  6. La partita è finita bene ma inutile negarlo, poteva finire diversamente. Troppi uomini fuori ruolo. Ramirez non può giocare come esterno, Yankto ci cresce abbondantemente. Molti giocatori sono fuori forma. Quagliarella per primo. Caprari ha fatto un bel gol ma, solo quello e veniva da un infortunio. Mi sono piaciuti solo Audero, Linetty, Murru e Vierà. Il resto da rivedere. Non parliamo più di cessione per favore, se arriverà….
    Servono assolutamente almeno due giocatori. Un esterno veloce e che sappia saltare l’uomo e un centravanti riserva o comprimario del grande Fabio.

  7. Ramirez é da regalare la Samp di giocatori che fanno bene 5 o 6 partite all’anno non ne ha bisogno dopodiché fuori i brocchi come regini capezzi tenere uno tra sala e beren comprare non so da chi giocatori di serie A su cui il mister possa fare affidamento difficile? A me non sembra con i soldi incassati e mai spesi. Su viera concordo con Roberto è bravo e uscirà sicuramente

  8. Partita di una pochezza imbarazzante, il Crotone per 20 minuti ci ha preso a pallonate.
    Serve qualcuno che faccia gol e che dia il cambio a Quaglia quando deve tirare il fiato, Ramirez scandaloso ma penso che il Gabbiano sia sullo stesso livello purtroppo.
    Squadra indebolita a meno che non arrivino 2 giocatori, un esterno ed una prima punta di peso, unico plus della stagione il mister, cmq con la Lazio se giochiamo cosi son legnate per noi.

  9. Se rimaniamo così siamo da zona retrocessione, tutto è legato alla presunta vendita societaria, Ferrero con Andersen e Praet i suoi soldi li ha incassati, ora non ne spende certo più, sta a chi vuol subentrare, ammesso che ci sia qualcuno, portare a termine l’acquisizione e fare campagna acquisti altrimenti siamo messi male

  10. L’impressione purtroppo e quella di Semarco. Viperetta ha venduto e non compra. Aspetta che lo faccia la eventuale nuova proprietà. Vialli e C sono muti e non subentrano. Finisce che rimaniamo così e va bene se ci salviamo. Manca assolutamente almeno un esterno, un vice Fabio e mancherebbe dell’altro ma, ci accontenteremo sempre che non prendano brocchi. Mi piacerebbe un ritorno di Defrel che può fare l’esterno e sostituire Fabio. Vediamo ma………

  11. sicuramente con Giampaolo questa partita l’avremmo persa in malomodo ,non vorrei continuare a vedere Ramirez un ectoplasma da tanto tempo,per il resto mi fido di difrancesco sperando che venga accontentato con i rinforzi che vuole.come ho gia’ detto vedrete che i migliori acquisti quest’anno saranno vieira e jankto che il maestro non vedeva.

    • Premesso che a me piace dare tempo alle persone e, quindi, mi riservo ogni giudizio, chiedo a te che tanto critichi il “maestro”.. 1. Quante occasioni abbiamo lasciato al real Crotone!?!? Direi tante, tantissime, troppe. 2. Hai visto la linea difensiva sul gol del loro vantaggio? Zig zag imbarazzante. 3. Piangiamo esterni ma i due centrali, oggi, sembrano incompatibili ed approssimativi… Come emerso in tutte le partite di questa estate (monaco, Spezia, Parma e Crotone). 4. Di Francesco ha preso caterve di gol con una difesa mille volte superiore alla nostra. 5. Di Francesco ha annientato Schick che qui, con il vergognoso maestro, era un fenomeno. Detto questo, tra 2 mesi spero di poter dire di essere felicissimo del cambio mister ed, a fine campionato, di vedere i voli per l’Europa. Oggi, nell’immediato, vorrei veder comprare un centrale difensivo affidabile, prego beres di tornare quello di un po’ di tempo fa (altrimenti largo a sala, ebbene si) e di fare i necessari punti in casa per non cagarmi addosso (perdonate la finezza)

  12. Vista domenica, la Samp è una squadra tra passato non tanto remoto e futuro…la Lazio la incontreremo nel presente. Sottoscriverei senza esitare per un pareggio squallido.

    Vialli muoviti se hai ambizioni serie!!!!!!!

Lascia un commento

Powered by themekiller.com