INCREDIBILE RIMONTA: 11 BELVE, VI VOGLIAMO COSÌ!

9

Un miracolo. All’86’ eravamo ancora sotto 0-2: questa rimonta è da ascrivere fra le più grandi e colossali della storia, vicina a quella epica del Manchester United contro il Bayern Monaco nella finale di Champions 1998-99.
In quell’occasione gli inglesi segnarono due reti nei tre minuti di recupero, vincendo per 2-1. Oggi è probabilmente intervenuta la Madonna della Guardia, insieme al grande cuore blucerchiato, per ribaltare un punteggio che fino a quattro minuti dalla fine sembrava segnato.

Ci ha pensato anche paracarro Matri a sprecare l’occasione in contropiede calciando addosso all’attento Puggioni e ceffando goffamente la rete che avrebbe chiuso la gara.

Sul ribaltamento di fronte Muriel trova il corridoio per Quagliarella: è questo uno dei primi spunti felici dell’attaccante campano nella partita. Il suo diagonale supera Consigli in uscita, palo clamoroso, ma la buona sorte ci dà una mano. La palla torna sui piedi di Quaglia che realizza l’1-2 a porta vuota.
Un minuto dopo è la Madonna della Guardia a intervenire, causando una sincope ai danni del maturo Acerbi che scivola e regala palla e praterie a Quagliarella. Fabio avanza di nuovo verso il portiere avversario e cede saggiamente la sfera all’accorrente Muriel per il più facile dei gol 2-2.

A questo punto manca pochissimo alla conclusione, ma la partita ha spazio per ulteriori fiammate: al 90′ Pellegrini del Sassuolo colpisce male di testa a un metro da Puggioni, graziando i nostri colori.
Ribaltamento di gioco: Muriel fa casino in area (siamo ormai al 91′) ubriaca i difensori con le sue finte e controfinte. Il colombiano perde l’equilibrio ma serve Schick che sposta la palla sull’intervento in ritardo di Antei. Forse è ancora la Madonna della Guardia o più prosaicamente l’arbitro Doveri a concedere il penalty, realizzato dallo stesso Muriel: 3-2!

Una rimonta incredibile che ci fa volare in classifica e ci ripaga di quei punti persi nelle precedenti partite, quando esprimevamo un bel gioco ma non muovevamo la classifica.

Prima degli interventi della Provvidenza avevamo comunque disputato una buona gara, con la proverbiale imprecisione nell’ultimo passaggio e negli ultimi metri.
Lo 0-2 con cui il Sassuolo ci aveva infilato tra il 64′ e il 74′ (gol di Ricci e Ragusa) sarebbe stato un punteggio troppo severo, lontano dai valori espressi in campo.
La Sampdoria è apparsa sempre tonica e agguerrita, per quanto imprecisa per tre quarti di gara.
E’ giusto sottolineare che grazie a Mister Giampaolo non ci arrendiamo mai, e siamo su un altro pianeta rispetto a quella compagine loffia che vedevamo l’anno scorso.
Anche sullo 0-2 ci aspettavamo un assalto finale all’arma bianca che potesse rimettere in bilico il match. Ciò è avvenuto, ed è una rimonta storica, finalmente un premio alla grande audacia del Mister e al grande cuore dei giocatori che rispecchia il grande cuore della Sud.
Ora a Crotone: continuiamo a volare!

Autore

SampGeneration

Il blog della Sampdoria

9 commenti

  1. Grande partita e grande rimonta! Abbiamo un centrocampo ed un attacco composto da 8 giocatori di grande spessore. Ho letto che molti criticano Silvestre e Skriniar. In non sono d’accordo. per me i due insufficienti sono Sala eRegini. Gli altri tutti bene o molto bene anche Fernandes al di sotto del solito ma, comunque, di grande qualità

  2. La gara l’ ha spaccata Praet! Forza ragazzi ed un grazie al coach per la pazienza che ha con il gatto e la volpe.
    Grande la Sud,
    Ferrero via da Genova!
    Saluto all’ hermano in Canaria dagli USA

  3. un riassunto del nuovo spirito di squadra di quest’anno e’ barreto.un giocatore rinato che molti da qui davano per finito ed invitato ripetutamente ad andare a zappare ma che in realta’ era solo stato travolto dal marasma generale dell’anno scorso.i nuovi acquisti si stanno rivelando ottimi e tutto adesso sembra andare decisamente bene.centro classifica,squadra assatanata,partite emozionanti,questa e’ la nostra dimensione.i conti ovviamente si fanno alla fine ma se penso allo stuolo di corvi e cassandre che aleggiavano quest’estate anche da questa pagina………chi diceva che saremmo stati la cenerentola del campionato,chi era sicuro che ci saremmo venduti anche i mobili……..il bello del calcio in pochi mesi si dice tutto e il contrario di tutto!!!!

  4. Per non parlare di quelli che volevano mettere fuori Quagliarella, e Skriniar… ma se ne saranno già dimenticati. As usual.

    E’ un buon gruppo, con una ottima gestione perché in grado di valorizzare i giocatori.
    Torreira e Linetty insieme sono costati 5 milioni… mi viene da ridere.

    Garrone ha dato 8 alla gestione Ferrero.

  5. Ci siamo ripresi quello che la sfortuna ci aveva tolto, questa è la dimensione che ci compete per rosa e competenza societaria.
    Siamo a -22 da quei famosi 40 punti che ci siamo prefissati come minimo obiettivo.

    PS: anche a me il personaggio Ferrero non piace (come atteggiamenti più che per il complesso di azioni), ma a chi scrive via Ferrero chiedo, ma chi CAZZO COMPRA? Ci sono alternative? a me pare di no almeno che qualcuno sappia cose che noi tifosi non sappiamo.

  6. LUCA DAL BRASILE -

    ora dobbiamo fare una raccolta firme molto semplice:
    se Ferrero vende uno qualunque tra Viviano, Silvestre, Torreira, Linetty, Barreto, Fernandes, Muriel, Schick o Praet, lo castriamo in Piazza.
    Ipse dixit.

  7. LUCA DAL BRASILE -

    molto interessante, aldilà del trio d’acciaio del centrocampo, il blocco alternativo Praet- Schick, capace di far cambiare marcia nel secondo tempo, sconcertando le difese avversarie con geometrie e soluzioni imprevedibili.

Lascia un commento

Powered by themekiller.com