LANNA COMPRACI MERTENS! RISVEGLIAMO UN AMBIENTE IN STATO COMATOSO

24

Sampdoria. Il mercato è in fase di stallo ed anche la questione cessione, al momento, non registra novità.
Si parla di un fondo americano fortemente interessato, ma a questo punto è meglio non sparare notizie fasulle: l’importante è che la Sampdoria sia ceduta in buone mani. Non ci interessa alimentare false speranze o voci di corridoio. A giochi fatti si parlerà.
Intanto Marco Lanna lavora sotto traccia e a lui va tutto il nostro applauso: si è preso una patata bollente. E’ difficilissima la situazione della nostra amata Samp che cerca una rinascita per il ‘dopo Ferrero’, un cataclisma che ha piagato gli umori di tutto l’ambiente.
Il Viperetta è stato visto di recente a Milano, a razzolare e grufolare nell’hotel del calcio mercato, fresco di libertà.

Non si sa a quale titolo si muova l’ex presidente, e soprattutto per conto di chi. Ma di certo la sua presenza è una piaga al cui confronto le cavallette bibliche che “divorarono ogni erba della terra e ogni frutto d’albero che la grandine aveva risparmiato”, è acqua fresca.
Ora dobbiamo necessariamente voltare pagina. E, se dio vuole, dobbiamo rinascere. Fra le occasioni di mercato (anche se si parla di un’impresa difficile) spicca un grande calciatore che ha fatto la differenza in questi ultimi anni, ha fatto la storia della recente Serie A.
Parliamo di Dries Mertens, 35 anni e oltre 100 reti nella massima serie del campionato italiano.
L’attaccante belga non ha rinnovato con il Napoli e potrebbe lasciare la squadra partenopea dopo essere diventato il miglior marcatore della storia azzurra.
Non entriamo nelle vicende che riguardano Aurelio De Laurentiis, un presidente sanguigno che comunque non ha vinto nulla (o quasi) negli anni della sua reggenza. Il probabile mancato rinnovo dell’attaccante più prolifico sono affari dei napoletani.
Ma Mertens è attualmente senza squadra e per la Sampdoria sarebbe una grandissima occasione. Per il momento, infatti, continuiamo a fare affidamento su attaccanti ormai vetusti, diciamo pure demodé: un Quaglia ed un Caputo che non possono convivere nell’11 titolare (ormai è un dato conclamato), ma che probabilmente saranno (ahinoi) le nostre ‘punte di diamante’ per il prossimo anno, insieme al fondamentale Manolo Gabbiadini.
E allora, vista le carenze del nostro organico, perché non investire su un grande calciatore come Dries Mertens, che ha espresso la sua volontà di restare in Italia?
L’impresa non è certamente delle più semplici: dobbiamo superare la concorrenza della Lazio, che gioca una carta allettante, ossia la presenza del mentore dell’attaccante belga, Maurizio Sarri. E poi dobbiamo cedere il buon Ciccio Caputo, per non fare della nostra rosa un ospizio in stile Villa Arzilla. 
Noi possiamo proporre a Mertens un contratto di lunga durata. Due milioni di euro all’anno. E una villa in riviera per l’ultima fase di carriera di un grande calciatore. O comunque Faggiano si dia una mossa, è pagato per questo, per allestire una squadra come Dio comanda.  
A Lanna chiediamo un colpo di mercato, per accendere l’entusiasmo dei tifosi.
E’ vero che per Mertens  andare in una squadra che lotterà per la salvezza, orchestrata da un tecnico come Giampaolo, può avere lo stesso appeal di Sofia Loren a 80 anni.
Ma l’ex Napoli ci garantirebbe la salvezza e finalmente la possibilità di andare a Marassi e vedere giocare a calcio.
La richiesta è inoltrata al grande presidente Marco Lanna, monumento della storia blucerchiata: Compraci Mertens!

Autore

SampGeneration

Il blog della Sampdoria

24 commenti

  1. Sognare non costa nulla ma….è altamente improbabile che anche venendo a zero, la società possa accollarsi un ingaggio da 2 milioni all’anno.

  2. Con quali soldi paghiamo lo stipendio di Mertens visto che regaliamo Candreva al Monza e svendiamo Bonazzoli alla Salernitana, probabili rivali per la salvezza il prossimo anno, perché non possiamo permetterceli economicamente? Questi sono voli pindarici con la fantasia, non il concreto interessamento di vari fondi americani dato per certo da più fonti giornalistiche; tuttavia, finché non si metterà nero su bianco dobbiamo tirare a campare autofinanziandoci.. Per favore non parlate più di quell’ essere indegno che ogni tanto riappare per farsi pubblicità e grattare qualche portafoglio…

  3. Per ora non abbiamo ancora fatto niente sia nel bene che nel male. Io penso che queste voci, questa volta veritiere, di fondi e/o cordate interessare ad acquistare la Samp siano in parte motivo delle attese. Penso che il mese di luglio vedrà pochi movimenti in attesa di sapere se per agosto ci sia qualcosa di più chiaro. Certamente dovremmo acquistare due centrali difensivi e sfoltire gli attaccanti in esubero ma, dal centrocampo si capirà meglio chi saranno i nuovi proprietari se faranno in tempo a condizionare il mercato in agosto.

    • Per ora il centrocampo, se dovesse partire Candreva, l’uomo di maggior qualità, e non rinnovare Ekdhal, è il più scarso della serie A…

  4. se non ci sono soldi (o se arrivano fuori termine) puntiamo sui giovani della primavera. E NON vendiamo Falcone!!!!

  5. Forte l’autore dell’articolo:
    non vuole alimentare false speranze sulla cessione quando ( finalmente! ) le notizie relative ad essa
    paiono avere delle concrete fondamenta però poi dal nulla s’inventa questa notizia/auspicio/speranza
    assolutamente senza senso, detto con rispetto…

    Ho notato che è passato nell’indifferenza più assoluta l’addio di Yoshida,
    personalmente invece due parole voglio spenderle,
    per me è stato per almeno una stagione e mezza di gran lunga il nostro miglior difensore,
    poi l’infortunio patito nella disgraziata gara casalinga contro il Cagliari ha stravolto tutto,
    al suo rientro è sembrato un altro giocatore, disattento e insicuro,
    da capire se non ha “digerito” la famosa linea difensiva marchio di fabbrica di Giampaolo
    o se è lui che magari, sapendo di non restare, ha staccato la spina…
    L’ho comunque apprezzato,
    in un mondo popolato da palloni gonfiati lui mi è parso serio e rispettoso,
    arigatò Maya…

    • Si hai ragione, merita più di due parole come giocatore (ricordo bene che non ci aspettavamo nulla, e invece è stato fondamentale) e come uomo, perché imparare così in fretta la lingua, l’italiano e un poco di genovese, è una cosa fuori dal mondo.
      Ma… da tempo noto e so che i giudizi sono vincolati all’ultimo periodo, comunque influenzatissimi. Se ne è andato via Gastaldello, una vera Bandiera, nell’indifferenza generale (ancora non mi va giù), perché negli ultimi mesi Sinisa gli preferiva Romagnoli (l’imperiosa coppia Silvestre/Romagnoli).

  6. Luca (Brasile / Spezia) -

    Siamo alle solite:
    scendiamo ceri votivi in attesa del compratore, sperando non sia uno speculatore puro.

    Poi pensiamo alla campagna acquisti e anziché partire da zero, partiamo da -5..

    PORTIERI:
    vendere Falcone e tenere Audero (e va bene, pravo per aver parato il rigore a criscito.. ma quante papere fai in un anno?) è una cazzata pazzesca.

    DIFENSORI:
    stiamo offrendo Colley al miglior offerente per due noccioline e una banana (altri lo valuterebbero almeno 15 mln), lasciamo andare via Yoshida, restituiamo Magnani (meno male) e basta..
    Terzini sinistri 2 che non ne fanno 1.
    Terzini destri solo Berezinski.

    CENTROCAMPISTI:
    regaliamo candreva, il nostro miglior giocatore senza alcun dubbio.
    Non sappiamo cosa ne è di Damsgaard.
    Rinnoviamo con Rincon ma non con Ekdal.
    Abbiamo Verre, Vieira ed altri personaggi in cerca di autore.

    ATTACCANTI:
    2 da Villa Arzilla, che si pestano i piedi tra loro.
    1 sempre rotto.
    Bonazzoli ed altri giovani che tutti vogliono li scacciamo come se avessero la lebbra.
    Torregrossa non si sa…

    Per ora direi smantellamento generale e solita preoccupante mancanza di progetto tecnico e sportivo, perdipiu nelle mani dell’allenatore più sopravvalutato d’Italia, che non ci ha fatto retrocedere SOLO perché altre squadre si sono suicidate prima.

    Mala tempora currunt.

    • PassavoPerCaso -

      D’accordo quasi su tutto. Unici due punti:

      1) Non sono sicuro ci fosse alcuna offerta per Audero, mentre ce ne sono per Falcone. Se uno dei due devi vederlo bisogna anche vedere chi vogliono i compratori.

      2) Poi pero’ se il sopravvalutato la squadra di merda la salva un post di congratulazioni glielo fai? 🙂

      • Luca (Brasile / Spezia) -

        Ciao PPC.
        1) una società avveduta prima definisce i SUOI interessi, poi cerca di vendere al meglio gli assets che non ritiene fondamentali. Nel caso del portiere io credo che Wladimiro falcone avrebbe tutte le carte in regola per diventare un grandissimo portiere e una bandiera della nuova Samp, mentre Audero è un discreto portiere, che ha degli acuti ogni tanto ma ben più spesso delle amnesie tremende, e che ANCORA non ha imparata ad uscire.
        Andrebbe venduto lui, e credo lo sappiano anche in società, ma siccome c’e stata una manfrina da ufficio inchieste nell’acquisto stratosferico per pulire i conti della Juve, ora non possono cederlo senza fare minusvalenze contabili… non è calcio, fa schifo, ma è quello che passa il convento.

        2) Io il sopravvalutato sudaticcio non lo vorrei a prescindere, perché farà danni comunque, vendendo gente brava, facendo giocare fuori ruolo giocatori promettenti, non facendo giocare i giovani e avendo una visione rigida e ottusa del calcio. Ciò premesso, e visto che ancora siamo molto traballanti societariamente e finanziariamente, se contribuirà a non farci retrocedere, non inveirò contro di lui… va bene?

        • PassavoPerCaso -

          Non sapevo GP vendesse, ma mi accontento del “non inveiro’ ” mi pare gia’ un passo importante.

          Aggiudicato!

  7. PassavoPerCaso -

    OK due paroline voglio dirle.

    Vi rocirdate quando, all’epoca di Dinan, facevo presente che il mercato era asfittico perche’ si pensava di arrivare ad una cessione?
    Arrivarano le oche starnazzanti a dire che incolpavo gli amerregani …
    Ora sta accadendo la stessa identica cosa (PS. era successa anche coi polli con i 777).
    Un copmratore prefereisce avere CASSA piuttosto che valore, soprattutto nel calcio dove “giocatore XY vale 16 milioni” e’ sempre estremamante soggettivo, o, se preferite, i valori delle prestazioni pluriennali sono volatili.

    Ovviamente se questo mercato fosse stato fatto con il nano alla guida lo starnazzare sarebbe insopportabile.

    Detto questo trovo che cedere pezzi come Candreva per due spicci sia demente. Piuttosto vendi Daamsgaard e bene.

    Pero’, che dire, i periodi di cessione sono sepmre problematici (a meno che dall’altro lato non ci sia pura passione).

    • Vabbè, ma se iniziamo a ripercorrere le cose dette dovremmo ad esempio citare cose come i libri in tribunale ogni anno, praticamente con un’ala del tribunale organizzata come il Libraccio per ricevere i libri dell’UC Sampdoria. Non so te, ma è un lavoraccio e fa già caldo…

      Parlare di mercato oggi…, Diirei mero esercizio di stile al 04/07 e con una cessione in corso in effetti!
      Pensiamo positivo con una Samp che riparte da Sabiri e Daamsgard (mi sembra di intuire abbia risolto i problemi fisici): se in forma non è poca roba, e soprattutto nel caso lo fossero poi potrebbe non essere necessario venderne almeno uno l’estate prossima… Think Positive

  8. E diligence qui, e diligence là. Ci sono addirittura 5 gruppi attorno alla diligence. Americani, arabi, spagnoli. Che poi l’unica diligence che conosco è quella del west con i banditi e lo sceriffo. E non siamo tanto distanti dai…banditi. Lo dico in tutta sincerità qualsiasi acquirente mi andrà bene perché dopo aver toccato il fondo non possiamo che risalire. Ma poche illusioni se per spendere una manciata di milioni (non siamo sul miliardo,2 del Milan) questi ricconi da nove zeri se la menano così a lungo con la diligence. E magari firmano quando la campagna acquisti sarà chiusa. Sono completamente disincantato. Per fortuna.

  9. Ciao Roberto, io penso che il passaggio di proprietà si sia dilungato per la situazione della Sampdoria, ben lontana dall’essere nella disposizione di una persona che la vende come e quando vuole. Addirittura avevo letto una notizia sulle varie questioni giudiziali che la vedono protagonista che mi aveva fatto temere di arrivare fino a settembre come eravamo fino a pochi giorni fa! Insomma mi piace pensare che invece ci sia qualcuno che voglia bruciare i tempi e non veda l’ora di insediarsi.

    Fino a prova contraria io continuo a sperare in Jeff Bezos (dietro uno dei gruppi Usa di cui si parla), perché così ci compriamo proprio tutta la Serie A e facciamo un po’ come cazzo ci pare!

  10. Ahahahah Sentinel,
    mi fai scompisciare!

    Comunque capisco cosa intende Roberto,
    al netto dell’incredibile “gabbia” che quel parassita è riuscito a costruire attorno alla nostra amata,
    le vendite delle altre società sembrano sempre filare lisce come l’olio, senza intoppi!
    Esce fuori la notizia ( VERA ) che Tizio vuole comprare un determinato club?
    Passano 2/3 settimane al massimo e addirittura arrivano firme e CLOSING, con buona pace di tutti!!!
    Ricordo la Fiorentina per esempio,
    il NYT diede per primo la notizia, passarono 3 settimane esatte e arrivò l’annuncio ufficiale!
    Il Milan, non proprio l’ultima società del pianeta,
    mi pare che in 8 anni abbia cambiato 4 proprietà, 4!
    con esborsi dei compratori di centinaia e centinaia di milioni!
    Per gli altri di DUE DILIGENCE non si sente mai parlare, mai!
    i nostri acquirenti invece sembra che debbano controllare anche quante bottigliette d’acqua
    sono presenti nei magazzini di Bogliasco…mah…

  11. Non vorrei disilludervi subito, ma anche se arrivasse Bezos (superfantascienza) non sarebbe comunque per investire fantastiliardi nella Samp, ma per ripulire qualche angolo del suo impero… Purtroppo questo improvviso innamoramento dei fondi americani per il nostro calcio (ultimo nell’europa che conta) ha una sola spiegazione: lavanderia finanziaria.
    Un Paese senza regole, senza giustizia certa, senza alcuna trasparenza e con la criminalità organizzata tra le migliori del pianeta è l’ideale per il riciclaggio.
    Non vedo alternative.

  12. Allora da Repubblica di oggi pare che gli acquirenti si riducano agli americani e alla cosidetta cordata araba più importante come risorse e pronta. Si parla della famiglia Al Thani e dell’emiro del Qatar Tamin bin Hamad pronto a sfidare il cugino Mansour bin Zayed Al Nahyan nuovo proprietario del Palermo che sceiccamente parlando prossimamente vincerà lo scudetto. Come direbbe Gaber “Non ce li vedo, non ce li vedo proprio”
    Insisto: questi sceicconi stanno a guardare una manciatina di milioni per chiudere la pratica.
    Come diceva Ferrini ora Signora Coriandoli:Non capisco mo adeguo

  13. Lanna: “La squadra a parte qualche piccolo rinforzo c’è”…alla faccia! C’è da comprare un centrale in difesa, due se parte il colombiano, da rifare completamente il centrocampo per renderlo adeguato al gioco di Giampaolo (da qui le partenze di Candreva e Thorsby) e che dire dell’attacco? L’unico affidabile è Caputo! Quagliarella ha 40 anni, Gabbiadini chissà quando sarà pronto, ma per fare cassa vendono Bonazzoli a un prezzo inferiore a quello pattuito lo scorso anno per il riscatto e sbolognano De Luca e Torregrossa , senza tenere neanche uno come punta di riserva…Non so entro quando arriveranno gli americani o gli arabi, spero prima della fine del mercato perché qui si mette male!

  14. Bonazzoli e Thorsby alla Salernitana per 9 milioni in tutto…SONO INORRIDITO!
    E menomale che poche settimane fa Lanna disse che non avevamo bisogno di vendere…direi che aveva ragione:
    noi non vendiamo, bensì SVENDIAMO!
    Che tristezza poi sentire che Bonazzoli ( non so se sia vero …) preferirebbe tornare alla Salernitana,
    piuttosto che giocarsi le sue carte qui da noi,
    essere messi in secondo piano rispetto alla REAL SALERNITANA mi manda in una depressione senza fine…:-(

Lascia un commento

Powered by themekiller.com