CUORE, CORAGGIO E CULO. LA VITTORIA DELLA SALVEZZA!

9

Il gol dell’anno arriva al 71′, grazie a una protuberanza di Diakitè: colpo di naso o più probabilmente di pene, il suo gagliardo pene!
Comunque sia è il gol da tre punti che ci consente di assaporare una salvezza ormai raggiunta. 40 punti a tre giornate dal termine, manca solo la matematica.
Oggi è stata una partita incredibile, a tratti surreale: la nostra difesa ha sbandato un’infinità di volte. Tra Milan e Lazio si contano almeno una dozzina di palle gol nette lasciate agli avversari.
Oggi ci va di lusso soprattutto nella prima frazione, quando la Lazio spreca in modo clamoroso le occasioni capitate in serie sui piedi di Candreva, Keita e Djordjevic.
Il raddoppio sembra nell’aria.

Ma probabilmente una mano santa dal cielo impedisce alla palla di finire nella nostra porta: che sia l’intervento divino di san Paolo, san Vujadin o san Damiano il Tamburino non si saprà mai.

Ciò che conta è che ci salviamo più volte in maniera miracolosa e troviamo il gol dell’anno con una mischia stile football americano in area laziale, dove al 71′ piovono colpi di panza e di nerchia: spiovente di Fernando, testa di Silvestre, miracolo di Marchetti, palla che picchia sulla traversa e torna in campo. De Silvestri si getta a volo d’angelo e si sfascia il naso, irrompe con prepotenza ebanica Diakite che butta con cuore, coraggio e palle grosse come cocomeri la palla oltre la linea. 2-1!

E dire che la partita si era messa malissimo: al primo affondo laziale, al 3′, Dodò lascia metri a Candreva per il cross: traversone dalla destra e colpo di testa vincente di Djordjevic a un passo da Viviano.
Rischiamo il crollo sulle incursioni di Keita e le topiche macroscopiche della nostra difesa.
Il culmine degli errori laziali si raggiunge al 44′: Dodò interviene in modo scomposto su Keita in area: rigore di Candreva ed è ancora santo Viviano a bloccare il tiro del giocatore laziale. Doppiamente Santo Viviano!
Al 19′ raggiungiamo il pareggio: corridoio di Krsticic, Quagliarella vola per le terre e fa un velo forse involontario per l’accorrente Fernando. Il brasiliano ha una sorta di rigore in movimento davanti a Marchetti: piatto destro preciso e 1-1.
Nella ripresa il match è più equilibrato, si respira un’aria quasi balneare: comprensibile per la Lazio a fine stagione, molto meno per noi, ancora in lotta per un obiettivo vitale.
Per fortuna i capitolini non trovano il raddoppio, non approfittando degli spazi concessi: la rete al 71′ di Diakite, a seguito della citata fagiolata, è dunque totalmente liberatoria.
2-1 finale: i 3 punti di oggi riscattano molti punti persi in circostanze dubbie (vedi sfortuna nera o errori arbitrali).
Muriel conferma di essere deludente e inconcludente, ha bisogno di una carriola per trascinare dietro la sua zavorra costruita birra dopo birra. Si deve svegliare: sarebbe lui l’attaccante da dieci milioni di euro?

Questa sera le birre le stappiamo noi, per celebrare una salvezza ormai raggiunta, alla salute dei due giocatori che oggi hanno più brillato: Fernando, quasi monumentale, e Viviano per il quale, in quest’ultima parte di stagione, abbiamo consumato tutti gli elogi possibili. La Santità è un obbligo!

E allora: Prosit!

Autore

SampGeneration

Il blog della Sampdoria

9 commenti

  1. Probabilmente é una squadra costruita male e questo finale di stagione ne é la dimostrazione, cambiamo modulo è giocatori, ma il risultato non cambia, gioco latitante, confusione a centrocampo e balli proibiti in difesa. spero che l’anno prossimo, acquistando giocatori e nn figurine, si trovi quellequilibrio tattico che quest’anno proprio nn si é visto.

  2. Per la salvezza non si deve perdere a Palermo.. Altrimenti si rischia ancora.. Oggi si certifica il fallimento tecnico di montella.. Squadra senza gioco è difesa colabrodo! Per il prossimo anno mi auguro un IACHINI bis.. Poche parole, tanta grinta! Viviano puggioni de Silvestri Silvestre moisander cassani Ivan carbonero Fernando quagliarella alvarez gli unici da confermare.. Cassano se accetta il ruolo alla altafini.. Per il resto piazza pulita!

  3. Vittoria del culo, oggi è andata bene.
    A proposito di Cassano, oggi lo hanno inquadrato in maglietta bianca e panzone straripante, sarà lui il nuovo Altafini?
    Ora penso che i nostri eroi avranno un motivo in più per sbracare, visto che il risultato minimo è stato raggiunto.
    Quanto alla prossima stagione, con questa società inutile illudersi.

  4. In effetti, con l’ingresso in campo del mitico Kulovic, nelle ultime 9 partite abbiamo totalizzato 15 punti (media 1.66/partita, proiettati sull’intero campionato fanno 63 punti…ritmo da EL) goal fatti 11, goal subiti 5.
    Questo elemento è stato decisamente determinante…. io lo riconfermerei anche per il prossimo anno!!

  5. Culovic, culovic… accidenti non contesto (occasioni incredibili per la Lazio), ma mi basta pensare alla sola partita Samp-Milan per sentirmi la coscienza piú che a posto! Non scherziamo!

  6. Non so voi ma io dal momento del loro gol fino a quello del nostro pareggio mi sono fatto mille film, tutti orribili, credo di aver passato il quarto d’ora più brutto di sempre, neppure nel nefasto 2011 stavo così…
    Sinceramente, arrivati a questo punto della stagione, mi fa sorridere leggere ancora di moduli, di tattiche e via dicendo…ragazzi, di che stiamo parlando?
    Ieri più che mai ma in generale negli ultimi tre mesi L’UNICA COSA CHE CONTAVA era quella di portare in porto la nave e, tra incredibili difficoltà, ce l’abbiamo fatta!
    Vittoria certamente fortunosa e immeritata che compensa l’ingiusto k.o. contro il Milan…unica nota stonata è che ci sono ancora tre partite, non ce la faccio veramente più…

  7. Comunque è incredibile, abbiamo 40 punti, e nonostante tutto potremmo ancora rischiare.
    Io di questa squadra non mi fido, le prossime 3 partite per noi non sono semplici, certo Carpi e Palermo, dovrebbero sempre vincere, ma visto ieri la partita Carpi-Empoli, nn mi stupirei più di nulla.
    Dobbiamo andare a Palermo e giocare alla morte, per prenderci sto benedetto punto.

Rispondi a El Cabezon Cancella la risposta

Powered by themekiller.com