ZENGA FIGURACCIA COSMICA. VOJVODINA PERDE 3-0 IN EUROPA

3

La figura di merda dell’eliminazione assume connotati imbarazzanti.
C’era anche qualche tifoso doriano, forse particolarmente ottimisita, che affermava che avessimo perso contro una squadra cazzuta, contro un Vojvodina agguerrito, con qualche nano molto tecnico davanti che avrebbe messo in difficoltà chiunque.
Palle colossali.
Alla prova del “9”, ossia il turno successivo europeo, il Vojvodina prende una scoppola che quasi certamente la porterà all’eliminazione.
I serbi hanno perso 3-0 in Repubblica Ceca sul campo delle furie del Viktoria Pilzen.
Questo significa due cose.
Primo: la sconfitta di Torino è mostruosa, meglio non pensarci più, meglio non pensare alla formazione imbarazzante che hanno messo in campo Zenga e Cagni.
Secondo: nonostante lo schifo iniziale, potevamo comunque ribaltare il risultato in Serbia ed entrare pure nel Guinness dei primati e berci anche una sfilza di Guinness per festeggiare.
Invece siamo riusciti a giocare una partita “controllata”, chiusa con uno 0-2 mediocre che è servito soltanto a salvare la panchina a chi sappiamo.
Ora voltiamo pagina radicalmente.

A tutti va data una seconda chance: Zenga ha la fiducia (forse a tempo) della società. Spetta a lui riscattare la figura ignobile dell’eliminazione contro una squadraccia.

Autore

SampGeneration

Il blog della Sampdoria

3 commenti

  1. Oltre ad aver buttato nel cesso la stagione scorsa, abbiamo buttato nel cesso due mesi. Andava esonerato, anzi eliminato già dopo la fine del primo tempo a Torino

  2. Allarmante e non poco è il completo stallo subito dalla società dopo l’eliminazione in Europa League.Dove pompose e quantomai fuori luogo, dichiarazioni portavano la SAMP non solo al passaggio del turno ma sicura di un posto nei gironi.
    Che il Vojvodina fosse una squadra materasso non vi erano dubbi, gli allibratori davano a 8 la vittoria dei serbi a Torino.
    Purtroppo i fatti hanno consegnato alla storia una debacle vergognosa in eurovisione.
    Questo ha mandato in confusione le menti eccelse della società.
    La società è guidata da Ferrero che sa solo fare il clown , come dichiarare in conferenza stampa che non va a Forte dei Marmi perchè non ha soldi e che Soriano è un giocatore della SAMPDORIA.Il giorno seguente cosa succede? Ferrero è a Forte dei Marmi per vendere Soriano.Ora che Ferrero sia un Pinocchio è dato incofutabile,ma la cosa peggiore che in pochi mesi ha distrutto un giocattolo che funzionava , rivoltandolo come un calzino…per quale ragione?? A pensar male si commette peccato ma spesso ci si azzecca..
    Osti gran raccomandato,di un incompetenza mostruosa,rimane saldo nel suo ruolo nonostante i suoi errori marchiani siano innumerevoli, partendo da Zaza passando per Matias Rodriguez arrivando a Campana e le belinate Samaras e Carbonero.Da licenziare in tronco solo per questo e certo che ci sia il suo zampino nel reclutamento di Zenga e nonno Cagni.
    Zenga e Cagni appunto, Dio li fa e poi li accoppia,
    Due ritiri ,uno più inutile dell’altro , come del resto i 2 guru della panchina,costellati di amichevoli insulse ,contro compagini di dilettanti o poco più.I campanelli d’allarme risuonavano comunque forti,enorme difficoltà nel creare occasioni da gol,gioco zero,ma il dinamico duo pareva essere sordo.
    Al sorteggio europeo si senti affermare: Vojvodina è Boskov che ce lo manda…. probabilmente era vero,in quanto Boskov sperava che una cocente batosta portasse lontano da Genova Zenga e Cagni.
    Ma invece la totale incompetenza della società con gli oscuri piani di Ferrero hanno decretato un immobilismo totale del mercato in entrata,aspettando l’esordio in campionato.
    Siamo veramente in pessime mani.

Lascia un commento

Powered by themekiller.com