VERSO EMPOLI-SAMP. UN SOLO OBBLIGO: VINCERE

7

Attesa per la gara con l’Empoli, l’ennesimo match-point di una stagione in cui non ci siamo certo annoiati. Solo i 3 punti servono alla Samp, contro la squadra rivelazione del campionato (vista la rosa a disposizione) guidata da maestro Sarri, che sicuramente venderà cara la pelle.
Anche questa partita è fortemente condizionata da un risultato che la precederà, ossia quello di Genoa-Inter.

Giochiamo il giorno dopo, e questo indubbiamente ci favorisce molto.
Non si può comunque non sottolineare la porcheria continua del nostro campionato, che ormai da anni non prevede più la contemporaneità nelle ultime sfide decisive.
A questo giro ci va bene, ma anche l’idea di giocare a fine maggio alle ore 12,30 è una cosa insensata.
Ma lasciamo correre, nel calcio italico ne succedono di cotte e di crude, in confronto la questione degli orari è una minuzia. A noi basta tifare la nostra squadra e stop.
Una Samp che probabilmente riproporrà la formazione di domenica.
Palombo è ricaduto nel gorgo della vaccata, ogni palla un errore. Quest’anno Angelo è stato comunque importante per il nostro centrocampo, e Sinisa lo ritiene intoccabile.
Con il caldo di mezzogiorno potrebbe forse rendere di più la falange nera e incazzata, con Soriano dietro a Muriel ed Eto’o. I due attaccanti devono sbloccarsi, urgono reti fondamentali che non stanno arrivando. Ma tuttavia i due offrono molte più garanzie dei bovi Bergessio e Okaka.

Anche Djordjevic potrebbe essere un’arma inattesa per il finale.
Ora i discorsi sono finiti, servono i tre punti e poi chiudere i giochi in casa col Parma.
Intanto vediamo cosa fanno i cugini privi di licenza contro l’Inter. Poi è d’obbligo la nostra vittoria.

Autore

SampGeneration

Il blog della Sampdoria

7 commenti

  1. Mah…siamo sicuri che sapere già il risultato possa essere un vantaggio?
    Io non ne sono così tanto sicuro, anzi essere già al corrente di cosa è successo tra rumente e tristi potrebbe anche condizionarci…
    Comunque poche musse, ad Empoli si deve cercare solo di vincere, il resto conta zero…

  2. Se ce n’era bisogno (e se può consolare), la partita di ieri sera ha dimostrato ampiamente quanto Juve e Lazio siano due squadre forti e che giocano bene…

  3. come valore ed organizzazione di squadra e come forma fisica
    l’empoli attuale ci sovrasta

    però nel calcio contano anche le motivazioni, la cattiveria e la determinazione:
    una squadra che ambisce all’accesso europeo DEVE entrare in campo domenica
    con un solo risultato scontato, senza pensare ad altro che a vincere

    personalmente vorrei vedere in campo i più determinati, i più cattivi
    non servono finezze tecniche
    servono piedi ruvidi e duri che tirino sassate nello specchio della porta
    non i piedi molli come quelli di obiang sabato scorso….

Lascia un commento

Powered by themekiller.com