SOLO LA VITTORIA. COL SASSUOLO DEVE ESSERE “UNO FISSO”

2

I tre punti sono un obbligo contro la neopromossa Sassuolo che ha mostrato non poche difficoltà in queste prime giornate di campionato. Il tanto atteso Zaza, il giocatore zazache ci ha snobbato sentendosi già un campione, e che merita di marcire in qualche squadretta di basso profilo, sarà assente. Peccato. Ci stavamo gia preparando con fior fior di gargarismi per urlargli contro le peggiori volgarità a voce roca. Sarà per il prossimo anno.

Da Bogliasco arrivano voci che Delio Rossi starebbe preparando un mini turn-over… Addirittura? Parole molto strane che, data la situazione, non si addicono ai nostri colori. E’ dall’inizio del capionato che assistiamo ad un tourbillon vorticoso di giocatori: non si capisce Poulsenchi sia titolare e chi sia la riserva. Chi possa avere i meriti di essere considerato un punto fermo della squadra (fatta eccezione per Obiang ed Eder) e chi debba starsene buono in panchina. Sono tutti interscambiabili, tutti accomunati da un livello qualitativo approssimativo, con alcune punte di negazione assoluta (sì, parliamo proprio di te Simon Poulsen, e anche di te Maticrack Rodriguez).

Dopo la prova opaca di Verona, anche il 4-4-2 andrà temporaneamente in archivio. Delio Rossi ha in mente di schierare un sapido 3-4-1-2 (ma tanto siamo abituati ai cambiamenti repentini, dell’ultima ora, del tecnico romagnolo). Da Costa in porta, Mustafi Palombo (preferito a Gastaldello) e Costa in difesa. De Silvestri, Obiang, Kristicic, Soriano (accidenti a te!) e Regini a centrocampo. Eder e Gabbiadini o Pozzi in attacco. Molti i punti interrogativi. Giocatori bocciati, come Soriano a centrocampo e Regini a sinistra, verrebbero riproposti. Staremo a vedere.

Certo, non giochiamo contro il Barcellona. Il Sassuolo ha modesti giocatori. Noi dobbiamo assolutamente vincere per arrivare a 12 punti e dare continuità di risultati ad un campionato in cui stiamo lievemente alzando la testa, pur sommersi da molteplici problemi. I neroverdi di Di Francesco si schierano col 3-5-2: Pegolo in porta, Antei, Bianco, Acerbi in difesa, Gazzola, marrone, Kurtic, Missiroli, Longhi a centrocampo. Floro Flores e il talentuso Berardi in attacco.
Una squadra nettamente alla nostra portata… E allora: forza Doria prendiamoci questi maledetti tre punti!

Autore

SampGeneration

Il blog della Sampdoria

2 commenti

  1. Giovanni Prussia -

    La Samp più scarsa di sempre, o quasi. Come può palombo essere meglio di gastaldello nel ruolo di centrale? Come e’ possibile rinunciare per capriccio isterico a De silevestri e Maresca? Come si riesce a mettere in campo un asino come soriano, inoltre cambiare modulo e giocatori ogni domenica e siamo alla decima o undicesime…..è incredibile per me il Mr. È in bambola totale e lui stesso non vede l’ora di le arsi dalle palle e da sta situazione pessima..leggendo i nomi dei 26 convocati viene da ridere o da piangere.

Lascia un commento

Powered by themekiller.com