SI’ AL RITORNO DI PAZZINI. MA OKAKA NON SI TOCCA

10

Scambio Pazzini-Okaka? Improponibile. Ma l’ha già garantito Osti: è uno scambio che non si farà.
I meccanismi d’attacco della Samp sono perfetti, un dirigente doriano ha confidato al giornalista Di Marzio “Okaka? E’ il 50% della nostra squadra”. Quindi la punta non si muove, lo scambio a gennaio non ha senso: sarebbe come ri-scambiarlo con Pozzi.
Il buon vecchio Pazzo sembra stia percorrendo malinconicamente il proprio viale del tramonto: potrebbe esserci ancora utile?
L’ex doriano vuole tornare a giocare, al Milan non ha trovato alcuna fiducia, in pratica è regredito ai livelli della stagione con la Fiorentina.
Eppure Pazzini, ce lo ricordiamo tutti, è un gran bel giocatore: potente e agile, infallibile sui colpi di testa, forse il migliore in Italia in questa specialità.
Certo, aveva vicino Cassano che gli metteva la palla con il contagiri: lanci al millimetro per le conclusioni del Pazzo.
Ma Fantantonio o meno, Pazzini ha bisogno di un clima di fiducia intorno a sé, e anche il tempo per ritrovare la condizione perduta
Il suo contratto è in scadenza (giugno 2015) e il Milan lo vuole sbolognare al più presto.
Se ci fossero le condizioni Pazzini sarebbe da prendere al volo: il suo ingaggio è alto, ma il contratto scade fra qualche mese, il Pazzo dovrà rinegoziare il tutto.
Per noi sarebbe un rinforzo importantissimo, anche a gennaio: potrebbe partire dalla panchina ma anche giocare in coppia con Okaka.
Pensiamoci un attimo: il trio d’attacco blucerchiato funziona a meraviglia ma le partite sono tante: se avessimo 4 giocatori per 3 posti (tenendo conto che il Bergessio di oggi sta rimanendo ai margini) sarebbe tanto di guadagnato.
Poi c’è la Coppa Italia, altro impegno da tenere in massima considerazione. Quest’anno la squadra gira e sarebbe importante riuscire ad avvicinarsi alla finale, giocare altre partite che contano nella nostra Storia.
Lo scambio con Okaka è improponibile, ma l’arrivo di Pazzini può essere un’ottima carta da giocarsi comunque.
Votiamo sì ad un Pazzini bis, e se Ferrero può fare lo sforzo per prenderlo lo invitiamo a colpire.. Daje Viperetta!

Autore

SampGeneration

Il blog della Sampdoria

10 commenti

  1. Uscito dalla Samp non ha più fatto nulla di buono in pratica, sinceramente non so se possa essere ancora quello di una volta. Scommessa!!!

    • Io dico che sarebbe un errore tecnico e finanziario. Grande esborso anche se riducesse di molto le pretese ( attualmente guadagna 5 volte la cifra di Okaka ), investimento che, al limite, si potrebbe fare per rinforzare la batteria degli esterni d attacco (Sansone e’ ai margini e Fedato sembra necessiti di un prestito per crescere ancora ). Tecnicamente nessuna compatibilita’ con Okaka, Pazzo in carriera ha dato il meglio giocando come unica punta o in coppia con un attaccante brevilineo e in grado di allargarsi e fornire assist ( in questo caso la coppia con Eder sarebbe molto interessante ). Nota a margine, sono affezionato a lui come lo sono a Cassano, anche lui infatti si guardo’ bene dal rimanere sulla barca e ci guardo’ affondare da Milano, e ora che non vede piu’ il campo vorrebbe tanto tornare….

  2. Per me premesso che Okaka non si tocca e non lo farei partire per una cifra sotto i 15, Pazzini può starsene in tribuna a Milano. Scappato alla prima difficoltà con una falsa lettera di commiato, ora che non gioca vuole tornare. Adieu mercenario

  3. Rileggendo poi l’articolo…dai non scherziamo, prendere Pazzini per fargli fare scampoli di partite e la coppa italia con quale ingaggio?

  4. NO a Pazzini! Non dimentichero’ mai il suo infortunio fantasma con la Juve, doveva stare fuori un mese e tre giorni dopo era a Milano ad esultare con le dita negli occhi. Adesso le dita negli occhi gliele metto io. Ci hai lasciato nella m…., hai contribuito alla nostra serie B insieme a quell’altro psicopatico ed ora ti attacchi al tram. Io mi tengo stretto Okaka e pure Bergessio

  5. sarebbe un ritorno senza senso…

    ognuno fa le proprie scelte:
    chi sceglie (legittimamente) il dio denaro invece di un posto nella storia di un club
    deve farlo fino in fondo e continuare a “grattare” il fondo del barile
    dove ancora regalano ingaggi a giocatori in declino

    poi tutta sta’ corsa a fare soldi, per poi sputtanarli in quattro minchiate da fighettoni,
    mentre un posto nella storia di un club è per sempre e non ha prezzo
    ma quando la capiranno sta’ cosa ??

  6. Dico no al Pazzo, non mi convincono i cavalli di ritorno. Io sono della serie “tutti importanti, nessuno fondamentale”. Per Okaka si proverà a rinnovare, ma il procuratore non sembra molto ben disposto. Ma tutto può succedere. Se non dovesse rinnovare, a giugno può partire per oltre 10 milioni, da investire in un giocatore giovane anche più forte.

  7. Dopo anni di elucubrazioni sul ritorno del barese, ora ne iniziano sul ritorno del Pazzo? I giornali hanno rotto i coglioni, parlano a nome dei tifosi che sognerebbero questi ritorni, ma Cassano non lo rivuole nessuno e nemmeno il Pazzo. La Samp spende certe cifre solo per giocatori che possono rappresentare una plusvalenza anche dopo due/tre anni. Con Bergessio s’è fatto un acquisto oneroso con utilità a breve termine, e, segno del destino, è andata di merda, soldi buttati nel cesso. Io non spero ne’ in Pazzini ne’ in Cassano. Io spero in Djordjevic, che se esplode come Icardi, e ne gestiamo il contratto meglio che con Icardi…

  8. Concordo pienamente con 3 luglio 1985. Tutte queste ricche banderuole del calcio saranno dimenticate nel tempo(Balotelli chi?) mentre un GRANDE come Di Natale sarà sempre nei cuori di un’intera città ed anche in quelli, nel paese intero, di chi pensa questo sport(?) come un importante paradigma e supporto nell’avventura e nel senso che si vuole dare a questa vita. Ah dimenticavo Totti! Bravo anche lui. Come direbbe Ferrero:” Er core de Roma!”

Lascia un commento

Powered by themekiller.com