SENZA SILVESTRE DIFESA NEL PANICO. DUE REGALI DI NATALE AL CHIEVO

14

In un clima da tregenda, un’ambientazione stile Fracchia contro Dracula, assistiamo ad una brutta partita, condita da una duplice strenna natalizia.
Il Chievo non è superiore alla Sampdoria, ha semplicemente sfruttato i due errori marchiani della nostra difesa.
Sotto di due gol che abbiamo gentilmente concesso, vediamo grossi errori ma anche la sfilata di tutte le nostre mezze punte e trequartisti. Risultati: non molti.
L’attacco oggi non incide: Muriel corre a vuoto, Quagliarella non conclude mai a rete, Ricky Alvarez, ancora lui, macina chilometri, ma a calcio si deve anche essere decisivi nei settori importanti, non stiamo parlando del podismo della domenica.

La sagra dell’errore comincia al 9° minuto: su un lancio dalle retrovie Puggioni e Regini producono la classica frittata: si scontrano, Puggioni fa volare per le terre Regini e per Meggiorini è un gioco da ragazzi infilare la porta vuota.
Al 22′ il portiere blucerchiato ci salva dal possibile doppio svantaggio: è ottimo il suo intervento dopo il colpo di testa a distanza ravvicinata di Meggiorini. Poi è ancora l’attaccante clivense, al 40′, a sfruttare la cappellata di Sala: la punta si invola verso la porta e guadagna con astuzia il rigore, trasformato da Pellissier.
Pellissier e Meggiorini hanno fatto la differenza, e non è un bel segnale, visto che stiamo parlando di due vecchie carriole.
Pesa come un macigno l’assenza odierna di Silvestre, a causa di circostanze ancora non chiarissime. Il Secolo ha scritto esplicitamente di una possibilità per l’argentino di andare a Torino e nulla ancora è stato smentito.
Abbiamo visto oggi che senza Silvestre la nostra difesa rischia di andare in bambola continuamente. L’importanza del giocatore è sotto gli occhi di tutti.

Qualche timido segnale di risveglio per la Samp si è visto nella ripresa: caduta la nebbia sono anche cadute un po’ le palle, perché la squadra imbottita di mezze punte non si è resa concretamente pericolosa, pur giocando meglio di una pessima prima frazione di gioco.
Nei minuti di recupero è arrivato anche l’ormai abituale gol di Schick che a differenza di Quaglia sembra vedere la porta. La sconfitta, a tutti gli effetti, è meritata: non si possono concedere due regali così macroscopici in serie A.
Galleggiamo a metà classifica, la società ha detto più volte di non voler rinforzare la squadra a gennaio, perché siamo in linea con le nostre ambizioni.
Ma Silvestre, a prescindere da tutto, non si tocca: oggi abbiamo visto quanto sia fondamentale

Autore

SampGeneration

Il blog della Sampdoria

14 commenti

  1. come ho scritto ieri(purtroppo non smentito dalla partita)senza grinta non si va da nessuna parte.una gara oscena,a tratti imbarazzante,una difesa rabberciata con l’assenza di silvestre che pesa come un macigno.la non convocazione non la comprendo,se e ‘ distratto l’allenatore lo prende lo scrolla lo attacca al muro ma si manda in campo comunque.errori grossolani e gente distratta sono il contorno di questo pomeriggio assurdo.alvarez e Quagliarella impresentabili con uno schick scalpitante non si puo’ non dargli una possibilita’ dall’inizio.sala terrificante.oggi veramente nulla da salvare se non il gol di schick.speriamo che a gennaio non ci sia un fuggi fuggi generale

  2. Puggioni Regini Alvarez Palombo Quagliarella ma per favore in qualsiasi altra squadra starebbero seduti in panchina ma da noi si guarda il lato affettivo le bandiere povere stelline che guadagnano fior di milioni ognuno ha la sua idea la mia è che da quest’estate io e qual’cunaltro andiamo dicendo che abbiamo una difesa scandalosa ma tant’è qui bastano 2 o 3 partite sopra la media per farli diventare tutti fenomeni. Mi viene anguscia poi ad altri non lo so.

  3. Non ho ho visto la partita, ma, il risultato, la mancata convocazione di Silvestre e la formazione schierata in campo non mi sono piaciuti per niente, speriamo che “il giocattolo” non si stia rompendo un poco per volta…

  4. A scusate mi ero dimenticato Sala insieme a Regini e Puggioni oggi le comiche. A già a gennaio o giugno liberi tutti e ci sono tifosi che poverini spendono soldi per seguire questi scarponi in trasferta. Li rispetto ma non se lo meritano questi tifosi di essere trattati così. Ferrero torna a Roma facci in favore a tutti.

  5. D’ora in avanti chiedo al nostro editorialista di non continuare a incensare Gianpaolo: tra gli ultimi attributi discutibili cito “il nostro stratega”. non lo meritava prima non credo lo meriterà d’ora in poi. Oggi non ha certo colpa delle 2 cappelle inguardabili (e inaspettate) ma l’incapacità di rendersi pericolosi e segnare dipende molto da lui (anche se non solo da lui). E la formazione chi la sceglie?
    Non aggiungo altro, alle nostre carenze (ce le diciamo ogni settimana) dobbiamo reagire con i talenti che in squadra ci sono anche se spesso in panchina.

  6. Se Silvestre è attirato dal Torino (che non è il Real Madrid e nemmeno per dire una Lazio), che da noi è titolare inamovibile c’è qualcosa che non va.
    Squadra in campo che sapeva già di sconfitta annunciata…e grosso limite del nostro allenatore lasciare gente come Cigarini che non entra nemmeno per sbaglio una partita, come si pretende che chi sa che tanto non entrerà mai, si alleni con motivazione e si faccia trovare pronto se poi davvero ce ne sia occasione.
    Torreira l’anno scorso non faceva il mediano di fronte alla difesa, ricordiamocelo, è dinamico può fare anche la mezzala e Cigarini è più regista e trovare qualche imbucata per l’attacco che non mi pare in queste ultime partite brilli per fantasia.
    Soliti giocatori fuori ruolo Djuricic e Praet, però piuttosto mettiamo Alvarez titolare…ripeto, avrà anche dato un gioco, ma quando diventi prevedibile poi lo voglio vedere tutto sto gioco…

  7. Due mega cappelle della difesa nel giorno in cui manca Silvestre.
    Cosa c’è da indagare o capire?
    Sempre detto, è il giocatore imprescindibile di questa stagione.

  8. In una difesa inguardabile da sempre se manca silvestre son dolori, a centrocampo e in attacco lo stratega ci mette invece sempre del suo, alvarez spesso in campo e schick mai..

  9. Cmq ricordiamoci che siamo sempre a -18 dai 40 punti, bene che dietro vanno molto piano o meglio sono fermi ma io ne ho visti di campionati strani quindi vediamo di fare punti alla svelta.

    Salvo questo non capisco come Silvestre possa voler andare al Torino, idem De Silvestri nella scorsa sessione di mercato, cè qualcosa di strano….o forse no.

    Schick titolare no? cosa deve fare 25 gol per giocare? Non dico sempre ma qualche partita per far rifiatare Quaglia, Alvarez caso clinica ma ancora di più chi lo fà giocare. Che brutta Samp a Dicembre ragazzi……

  10. Certamente Torreira può ricoprire anche altri ruoli a centrocampo lasciando spazio a Cigarini. Per i motivi di Silvestre, maggiore ingaggio e contratto piu’ lungo, sono ottimi per stare in panchina a Torino.

  11. Togli Silvestre a questa difesa, sembra di rivedere quella della sciagurata notte di Torino coi serbi. Il meno peggio è stato Skrniar, ed è tutto dire. Un giovane giornalista che conosco l’ha soprannominato Arkanoid, perché i suoi rilanci sono prevedibili come quelli della pallina del celebre videogioco anni 80.

    Resta un fatto allarmante. La difesa è da rifare, potendo contare, per ora, su un unico centrale di ruolo, se davvero dovessimo cedere Silvestre a gennaio. L’attacco non possiamo costringere Giampaolo a mettere dentro Schick: se non lo capisce da solo dopo che questo, subentrando, ha segnato tre gol in tre partite, non so proprio cosa possiamo fare. Stesso discorso sul tenere fuori Alvarez: BASTA! Non posso più vederlo.

    Praet rimane un oggetto misterioso.

    Della partita di ieri, gli unici che salvo sono Torreira e Barreto. Il primo per l’impegno, perché il gioco del Chievo lo ha chiusto e non ha costruito come avrebbe potuto, il secondo è stato l’unico a farsi pericoloso del centrocampo.

Lascia un commento

Powered by themekiller.com