RE MURIEL, TUTTI SI INCHINANO AL SUO COSPETTO

0

I 6 punti in classifica sono merito di Luis Muriel, regale e devastante. Fanno persino tenerezza i difensori che annaspano nel tentativo di arginare la sua furia quando parte palla al piede, unendo la potenza di un bufalo all’eleganza di un ballerino di freestyle.
Il dribbling è quello del campione, le finte (con le debite proporzioni dovute al rispetto per la storia) sono quelle di ronaldiana memoria.

L’anno scorso Luis difettava di concentrazione: giungeva spesso stremato alla conclusione, senza la lucidità per compiere la scelta più opportuna. Il suo errore tipico era affrettare il colpo finale, rendendo vana la sublime preparazione al tiro o all’assist con un’inesorabile vaccata conclusiva.

Ma le prime due giornate di campionato hanno messo in luce un Muriel completamente diverso.

La preparazione in ritiro è stata condottatta al meglio: i platani in doppia frittura sono stati accantonati, Giampaolo l’ha caricato come una molla, responsabilizzandolo e facendolo sentire l’uomo della Provvidenza, l’uomo della Differenza, il fuoriclasse della nostra squadra.

Più libero mentalmente, Muriel prende sempre l’iniziativa, porta palla, slalomeggia saltando uomini che diventano birilli e conclude. E i risultati si vedono.
Realizza il primo gol in campionato della Sampdoria, con un siluro contro l’Empoli al termine di un’azione individuale che vale i primi 3 punti.
Spariglia le carte, alla maniera del campione, contro l’Atalanta: una gara resa difficile dalle furbate tattiche della vecchia volpe vittimista Gasperini.

Sullo 0-1 e poche manovre offensive dei blucerchiati, il talento colombiano ha recuperato un pallone a centrocampo, ha quindi ubriacato il malcapitato Raimondi con un paio di finte ottenendo il rigore che ci ha condotti al pareggio, facilitandoci un cammino fino a quel momento periglioso.
Non pago, pochi minuti dopo con l’Atalanta in 10, Luis si è dimostrato il suggeritore perfetto, pennellando un cross (“più che un cross un passaggio” – dirà in seguito Nicolini) delizioso per la testa di Barreto, a segno con il primo gol “aereo” della sua carriera.

Applausi a scena aperta per Muriel, alla guida di un attacco che per il resto ha diversi punti interrogativi: Quaglia sembra ancora macchinoso; Schick acerbo, non si sa quanto Giampaolo punti su di lui. Budimir si batte molto, ha discreti colpi, ma anche una certa imprecisione. E in serie A la vita è dura, staremo a vedere.

Intanto ci godiamo le prodezze di Luis. La sua convocazione in nazionale non suscita l’entusiasmo di Giampaolo, che teme in questa settimana festini e junk-food.
Ma il colombiano dovrà tornare fra dieci giorni, più in forma che mai per regalarci ancora magie.

Ci inchiniamo tutti al cospetto di re Muriel

Autore

SampGeneration

Il blog della Sampdoria

Lascia un commento

Powered by themekiller.com