PUNTO SALVEZZA: CROLLO PALERMO, SU ZAMPARINI INCOMBE LA “B”

2

Che questa Samp, nettamente superiore, si trovi a lottare ancora per la salvezza contro taluni trogloditi del pallone è un segno di questo nostro campionato nefasto e per lunghi tratti incomprensibile.
L’aritmetica dice comunque che restiamo a soli 5 punti dalle simpatiche canaglie agricole di Frosinone. Pertanto dovremo lottare fino in fondo, nonostante la squadra stia compiendo notevoli passi avanti, percepibili a tutti.
5 punti ci separano dal Frosinone, ma anche tre sole lunghezze ci distanziano da Chievo e Empoli (il prossimo avversario), ossia la parte sinistra della classifica.
Senza farci trascinare da attacchi di euforia post goleada, si può facilmente immaginare che l’ambizione di Mister Vincenzo sia quella di agguantare la parte sinistra della classifica, per dimostrare con un bel lieto fine “Hollywood-style” di non essere affatto l’“inadeguato della situazione”, come molta critica lo ha definito.

La lotta salvezza resta aperta
I ciociari non si arrendono: i 6 punti ottenuti in modo rocambolesco a Empoli e meritatamente contro l’Udinese stanno mettendo in difficoltà diverse squadre, tutte nella palude della lotta per la sopravvivenza calcistica (almeno fino a quota 31 punti in classifica).
Dopo le ultime sconfitte, restano a maggior rischio Atalanta e Udinese (entrambe in crisi da mesi) a quota 30, ma soprattutto il Palermo del beneamato Iachini, trascinato nella melma da un presidente furioso e illogico come Zamparini, chiaramente un amante dell’acquavite, la buona vecchia acqua di fuoco.
Il vulcanico Zampa non ha mai perso occasione per lanciare frecciate verso la Samp, anche contro la caratura tecnica della nostra squadra. Disse che avrebbe atteso Ferrero sulla riva del fiume. Ora sono i tifosi rosanero ad attenderlo sulle ripe dell’acqua, armati di forconi. Avete il nostro totale supporto.

I siciliani, in caduta verticale, si trovano a 27 punti, soltanto uno in più del Frosinone.
Iachini a parte, lo spettro della serie B incombe sul Palermo, dopo il quinto cambio di panchina avvenuto col ritorno di mister Beppe.
I rosanero sono in stato confusionale. A vederli nelle ultime partite ricordano in qualche modo la Samp dei periodi più bui dell’anno: discreta qualità in campo ma incapacità totale di avere il controllo della situazione. Lo stesso Iachini ha affermato nelle ultime settimane: “Non ho trovato i giocatori che ho lasciato”. E te credo, dopo i giri di valzer di tecnici, qualsiasi squadra resterebbe frastornata e suonata.

Per la Samp, intanto, il prossimo mese risulterà decisivo per le sorti del campionato: Empoli e Fiorentina in trasferta; Chievo e Udinese in casa. Devono arrivare 7 punti (almeno), andremmo a 38 a 6 giornate dalla fine, una quota apprezzabile.
Un lieve ottimismo, figlio delle ottime ultime prestazioni ci spinge a guardare più alla parte sinistra della classifica che alla salvezza.

Ma non si dovrà abbassare la guardia. Montella appare comunque molto più consapevole dei propri mezzi e delle reali possibilità della squadra. I segnali sono positivi e dovranno essere confermati sabato a Empoli, dove ci aspettiamo ancora una grande partita e un’ottima Sampdoria.

Autore

SampGeneration

Il blog della Sampdoria

2 commenti

  1. Blucerchiato94 -

    Esatto, occorre mantenere la concentrazione molto alta.

    L’Empoli ha regalato punti a destra e a manca (delusione per ieri, pensavo che strappassero un pareggio ai Bibins -veramente scarsi- che ottengono vittorie contro avversari svogliati come Udinese e Empoli che sembra scendano in campo dicendo “sì, 3 punti per Brezzzzzziosi per mandare avanti il suo broggggggetttttttto”. Al contrario contro la Samp, un’Atalanta ha giocato con il coltello tra i denti dal primo all’ultimo minuto) ma l’allenatore dell’Empoli ha già detto ieri che si dovranno rifare con la Sampdoria (eccheccaso!!!).

    Insomma occorre assolutamente fare risultato positivo ad Empoli (vittoria ancora meglio ma anche il pareggio non sarebbe male, l’importante è non perdere) e poi battere il ChievoVerona!!!

    Per il resto, mi farebbe piacere vedere retrocedere il Palermo per via del presidente che mette bocca su tutto e poi, diciamocelo, è già un miracolo che il Palermo sia ancora fuori dalla zona rossa della classifica per via di tutti i cambi di allenatore… Una qualsiasi altra squadra sarebbe già nelle ultime tre posizioni.

    • cristiano72 -

      ieri empoli vergognoso per tutto il primo tempo ma nel secondo il pareggio lo avrebbero strameritato se come al solito la buona sorte non fosse sempre dalla parte bibina….sono incredibili senza botte di culo quest’anno sarebbero col carpi

Rispondi a Blucerchiato94 Cancella la risposta

Powered by themekiller.com