PRIMO TEMPO REGALATO. LA SCONFITTA E’ MERITATA

23

Primo tempo vomitevole. E’ ormai una costante da tre turni a questa parte. E tre turni iniziano a essere significativi.
Zenga come diamine sta preparando le partite? Con i piedi?
Anche oggi la prima parte della gara è stata completamente e inspiegabilmente lasciata agli avversari, per poi correre ai ripari e migliorare la situazione nella ripresa.
Primi venti minuti di catenaccio insulso, senza mai riuscire a ripartire.
Regini è stato lasciato in balìa di Bruno Peres che oggi sembrava unire nel proprio corpo demoniaco sia Cafù che Roberto Carlos. Erano anni che non si vedeva un divario così esagerato tra due terzini.
Che Regini sia scarso non è la scoperta di oggi. Ma il fatto che Zenga lo abbia abbandonato in balìa dell’avversario, senza preparare in settimana un raddoppio, una qualsiasi strategia per aiutare Vasco a non fare queste figure pietose è davvero incomprensibile.
Sulla partita c’è poco da dire.
Il “fortino” doriano crolla ben presto, al 18′, sull’ennesimo cross di Peres dalla destra (se ne conteranno forse 30 nel solo primo tempo).
Chissà se il Coach pensava di restare in partita con questa tattica rinunciataria per 90 minuti. Sarebbe interessante chiuderglielo. Comunque sia non resistiamo nemmeno 20: Peres salta Regini (se ci fosse stato una canna di bambù al posto di Vasco sarebbe stato uguale), testa di Quagliarella da due metri dalla porta e palla in rete.

Cinque minuti dopo, sugli sviluppi di un corner, il tiro cross di Belotti trova ancora Quagliarella a porta vuota per il raddoppio granata (Quagliarella non esulta in entrambe le occasioni).
Sul 2-0 mettiamo lievemente avanti la testa, alziamo il baricentro e ci rendiamo pericolosi sullo scadere con un tiro quasi a colpo sicuro di Eder, ribattuto a pochi metri dalla porta ancora da Peres, sempre lui, maledetto. Andare all’intervallo sul 2-1 sarebbe stato positivo.
Ci presentiamo nella ripresa con l’azione più pericolosa della gara: Eder lancia Muriel che salta anche Padelli ma si allarga troppo, il tiro di sinistro è debole a porta vuota, Moretti salva sull’irrompente Eder: i due si scontrano sulla linea di porta: episodio dubbio, c’è chi grida al rigore, ma l’arbitro opta per il fallo dell’attaccante doriano.
Entra anche Correa, la Samp gioca decisamente meglio, aggressiva, si vede finalmente una reazione con un centrocampo solido che cerca di imbastire diverse azioni d’attacco.
Ma non andiamo mai sul fondo per un cross e le punte oggi non ci sono: Eder ci mette il solito impegno ma è marcato costantemente da due/tre uomini. Muriel è in versione grassa e mangiatore di platani: non combina nulla.
Tuttavia il discreto secondo tempo (condito da errori granata in contropiede che conservano il 2-0) rende meno amara la sconfitta, contro una squadra alla nostra portata affrontata nel primo tempo in maniera imbarazzante, come se avessimo di fronte il Manchester United.
Per fortuna torniamo subito in campo mercoledì, anche se la Roma non sarà un avversario morbido.
Non facciamo drammi per la prima sconfitta, all’Olimpico di Torino ha perso anche la Fiorentina.
Resta il rammarico per una partita deludente, che sembra essere stata preparata piuttosto male dallo staff tecnico.
Ora attendiamo un riscatto mercoledì. E non sarà facile.

Autore

SampGeneration

Il blog della Sampdoria

23 commenti

  1. Male tutta la partita, il secondo tempo abbiamo fatto la partita per scelta del Toro di difendersi con ordine ( mai in affanno ) e rischiando piu di prendere il terzo che di riaprirla. Zenga ha confessato che aspettarli al limite dell area per la prima mezz ora e’ stata una precisa scelta tattica. Complimenti, calcio anni ’30.

  2. Ma provare Cassano invece che Rodriguez no?almeno per una ventina di minuti no?cmq ragazzi fino ad adesso è andata bene per zenga anche se abbiamo perso oggi ma non è l’allenatore che fa per noi è il tempo mi darà ragione

  3. Ma poi quando lo capisce che regini su bruno peres è un suicidio?
    Anche Puggioni l’avrebbe contenuto meglio. Basta per favore diamo spazio anche a pereyra ma sto regini non è da serie a. Incerto cacasotto impreciso, marca da venti metri, non spinge. Manca qualcosa?

  4. facciamo una cosa,la prossima volta giocheremo e ci metteremo una maglia decente basta sgorbi del genere iniziano a rompere il belino

  5. Scusate ma solo io ho visto un rigore (con conseguente inevitabile espulsione) su Eder?
    In diretta a velocità normale mi è sembrato nettissimo ed anche il replay non mi ha fatto cambiare idea.
    Prescindendo da ogni altra considerazione, vorrei sapere se qualcuno la pensa come me.

    • Sul replay di Sky la situazione non era chiarissima. Moretti sembrava in vantaggio a coprire la posizione e sembra più Eder ad andargli addosso che il contrario. Forse l’arbitro ha preferito privilegiare il difensore. Per me è situazione ambigua ma non sono sicuro come te del rigore

  6. …..ad allenatori invertiti credo che non avremmo preso due pere!Regini è un mediocre giocatore di lega pro e nulla più!Zenga non all’altezza della serie A credo che si debba arrendere all’evidenza ……Prendiamo Montella prima che ce lo soffi il Napoli…..

  7. Il Torino é piú forte. Forse é proprio forte, e basta.
    Tuttavia, il gruppo c’é: mercoledí, a casa nostra, é da tripla, non da X2.
    Che si vinca o che si perda, non mi abbandona la positiva sensazione che si sia creato davvero un bel gruppo in quel di Bogliasco. Quindi ogni partita, ad oggi, la vedo come storia a se.
    Con un pó’ di ‘amalgama’, e col recupero di elementi oggi per varie ragioni indisponibili, teoricamente non si potrà far altro che migliorare in futuro (di poco o di tanto, lo vedremo).

    Una delle partite piú emozionanti che ho visto negli ultimi anni é il Samp-Roma di Delio Rossi…
    replichiamola!!!

    -Forza Samp-

    • Sentinel sono d accordo con te, la rosa e il gruppo attuale sono tra i migliori dei nostri ultimi quindici anni, purtroppo il manico e’ terribilmente inadeguato. Oggi con tre “rubapalloni” a metacampo come Ivan, Barreto e Fernando, ha giocato d attesa a venti metri dalla porta. A livello numerico e di valori abbiamo problemi sugli esterni bassi? Perfetto allora li lascio uno contro uno 40 volte in venti minuti. Errori macroscopici di scelte e tattica, evidenti anche ai non addetti ai lavori, Palombo centrale difensivo a quattro col Vojvodina e poi trequartista a Napoli, roba da forti bevitori. Detto questo vinceremo con la forza dei singoli il numero di partite sufficienti a vivere tranquilli e in casa ci faremo rispettare . Forza Samp

      • Ciao MikP, vero, in effetti errori tecnici (tipo il Palombo centrale) o ‘sottovalutazioni tattiche’ di Zenga ne abbiamo visti.
        Tuttavia, i risultati si ottengono non solo con la fredda tattica, ma anche con motivazioni e con un gruppo fatto di gente felice di giocare, nella Samp, e tra loro.
        In questo a costo di ripetermi credo che Zenga stia facendo un buon, se non ottimo, lavoro.
        Un gruppo ‘positivo’ consente anche l’inserimento e la scoperta di giocatori di cui, obiettivamente, si sapeva solo l’esistenza (oggi ne avevamo titolari almeno un paio), ovvero una bella gestione del ‘patrimonio societario’, una cosa fondamentale per noi, per il futuro di una società come la nostra che deve cercare una valorizzazione e una plusvalenza tra un pó pure dei magazzinieri…
        A chi dice, secondo me in modo prematuro e pure un pó’ distruttivo, “Vincenzino subito”, un invito a guardare la classifica, e a considerare che raggiungendo la panchina prima di Samp-Bologna Zenga ha ricevuto un applauso dalla tribuna. Non una ovazione, ma comunque un applauso (a cui ha risposto con la sua consueta mano che batte sul cuore).
        Chi vivrà vedrà, intanto gruppo unito, tutti.

  8. non farei troppi drammi il Torino a me piace tantissimo,sono anni che fanno bene e hanno proseguito con un allenatore che ha sempre fatto grandi cose.

    • Completamente d’accordo con tete. Vedremo a fine campionato quante squadre andranno a Torino a detta legge. Bella squadra rinforzata con acquisti mirati e di qualità. Lasciarci le penne ci sta. Dovevamo fare meglio il primo tempo. Regini è sempre in difficoltà, nn solo oggi….

    • LUCA DAL BRASILE -

      vero! campagna acquisti (e vendite) oculata e furba. Hanno preso quello che gli serviva per migliorarsi, senza snaturare quello che avevano raggiunto in termini di gruppo e gioco. Noi invece…

  9. Sveglia!!
    Ci sta tutto, ma non vedere sempre una squadra buttata li senza uno straccio di gioco affidandosi solo a quei 2/3 davanti.
    Aspettarli nei 30 mt è qualcosa di inquadrabile oltre un suicidio.
    Ok sarà anche un bel gruppo, ma non ditemi che i meriti sono di Zenga.
    Va bene ci salveremo, ,ma senza toglierci alcuna soddisfazione e prendendo qualche rumba storica e per me quest’anno abbiamo già dato.
    ZENGA VIA SUBITO!!! Nessuno e dico nessuno può far peggio al posto suo!! (magazzinieri ecc compresi).
    Ovviamente mi dispiace ma se Mercoledì dovremo usare il pallottoliere me ne farò una ragione basta che serva a cambiare guida tecnica.
    P.S. Montella costa troppo, il Viperetta quelli che non spende in allenatore se li intasca…(chiamatelo abelinato).
    Scusate lo sfogo.
    Saluti a tutti

  10. Bastassero l’affiatamento, l’unità d’intenti e forse anche l’amicizia per ottenere dei risultati, continuo a rimanere un pò basito quando leggo di una delle SAMPDORIA più forti di sempre…mah, mi auguro davvero che alla fine abbia ragione chi oggi sostiene ciò…

  11. Continuo ad essere deluso da Zenga.. apportare ogni volta correttivi all’intervallo significa non saper preparare la partita.
    Oltre a questo, non si vede un gioco.. è palese che ci si affidi solo alle iniziative dei singoli, ma non può sempre andar bene.
    Io sono sicuro che la squadra sia più forte dello scorso anno, ma è purtroppo nelle mani di una persona inadeguata

  12. Tutto quello che volete, ma cacciare un allenatore con la squadra sesta in classifica, e dopo aver perso su un campo dove ha stra-perso anche la Fiorentina… mi sembra una affermazione da tifoso totalmente “deresponsabilizzata”, cioè facile da scrivere da casa, ma sicuramente sarebbe più meditata e difficile da fare se si fosse in prima persona Presidenti.
    Con lo stesso criterio dovrebbe essere stato già cacciato un terzo degli allenatori della serie A.
    Detto questo, concordo con tutte le critiche, anche con l’ultima qui scritta che vede sempre la necessità di rettificare qualcosa nell’intervallo… Poi io ho sempre rimpianto il mancato arrivo di Donadoni, per cui tutto sono tranne che uno stipendiato da Zenga.
    Sarò il primo a rimodularmi se dopodomani con la Roma facciamo la figura della Lazio col Napoli… però ad oggi non vedo nessuna squadra che affoga, nessuno allo sbaraglio, ritengo ampiamente possibile che l’esito della partita sarà diverso.

    • sai che la immagino proprio simile alla disfatta della Lazio a Napoli?!
      Comunque anche fosse non credo verrà cacciato così in fretta dal viperetta…
      Aggiungo solamente che non posso sentir dire dal mister che “abbiamo reagito nel secondo tempo” o “abbiamo aggiustato qualcosina”…:-DDDD esilarante! A me invece è sembrato chiaro che Ventura volesse allenare la sua squadra a qualche ripartenza, giusto per cambiare un po il copione della partita e forse graziarci da una goleada. Credo che sia ancora un po’ Sampdoriano e che a Genova ogni tanto debba tornare…

  13. Mi fa piacere notare dell’entusiasmo in alcuni di voi che reclamano rigori o che si giustificano per il fatto che a Torino ha perso pure la Fiorentina. Va bene, una cura d’ottimismo servirebbe a tutti, eppure ho ancora negli occhi i primi 30 minuti di partita e nelle orecchie la voce di Zenga che -rasserenante- dice in conferenza che la Samp avrebbe continuato sicuramente la striscia positiva.
    Non guardo mai la classifica nelle prime 7/8 giornate di campionato, secondo me non è affatto indicativa, però sto attento alle prestazioni, quello sì. Ciò che posso dire oggi è che questa sconfitta la avevo ampiamente ipotizzata perché di gioco non ne ho visto e di culo, per ora, non ne abbiamo quanto l’Inter.

Lascia un commento

Powered by themekiller.com