PARODI SU FERRERO: “CAMBIARE LO STATUTO E’ UNA SFIDA AL PALAZZO”

7

Molte perplessità sull’ipotesi di cambiare lo statuto dell’UC Sampdoria per consentire a Ferrero di mantenere le deleghe operative. La questione è spinosa e si concluderà probabilmente nei prossimi giorni con Ferrero che si auto-procalmerà presidente onorario (il ruolo di direttore galattico forse era troppo anche per lui, ma ormai non ci sarebbe da stupirsi più di nulla) mentre è improbabile che Vanessa Ferrero prenda il posto del padre nella posizione di presidente.

Su questo e altri temi ha scritto Renzo Parodi su Repubblica, partendo da una valutazione del campionato blucerchiato:

Il bilancio della Sampdoria – scrive l’ottimo giornalista – rimane positivo e il decimo posto – se venisse confermato – sarebbe un risultato ottimo, nella stagione della rifondazione dopo gli incubi zenghian-montelliani. Purtroppo alla luce delle due purghe ingurgitate a Reggio Emilia (Sassuolo) e col Crotone a Marassi si rischia di dissipare quanto di buono si era prodotto. Il nono posto sarebbe possibile soltanto battendo il Torino a domicilio sabato sera, guardandosi alla spalle dal ritorno dell’Udinese che insegue ad appena due punti e riceverà i blucerchiati al Friuli alla penultima di campionato. Non è soltanto una questione di prestigio, il piazzamento finale determinerà un “premio” di alcuni milioni di euro.

Ferrero, assente al Ferraris , ha inviato ad allenatore e squadra – tramite Pradé e Osti – un duro ukaze ai giocatori. Basta brutte figure. Si spera nel ritorno di Muriel, forse a Roma contro la Lazio…. Preoccupanti l’involuzione di Fernandes e la latitanza di Praet , un talento pagato esageratamente che non ha mai mostrato le proprie qualità. Giampaolo lo ritiene una mezzala, ruolo nel quale finora non è riuscito a calarsi. Vale la pena di insistere? Il belga ha forza fisica, corsa e tiro, sarebbe un esterno d’attacco interessante, purtroppo il tridente non è negli schermi attuali del tecnico, che peraltro aveva annunciato di voler mettere alla prova l’intero organico. Viceversa insiste su giocatori che hanno detto già tutto di sé, come Dodo, che a volte gioca come se si divertisse sulla spiaggia di Copacabana. E non dura più di un’ora di gioco, bruciando in partenza un cambio. Mi auguro che Giampaolo vada fino in fondo con gli esperimenti, ci faccia vedere Simic in difesa e Djiuric a tempo pieno alle spalle delle punte, conceda qualche spezzone conceda anche a Budimir, a Reggio e col Crotone il croato avrebbe meritato una chance nell’assalto finale alla baionetta: un colpo di testa in mischia, hai visto mai . Alvarez cosa poteva dare in una manciata di minuti?

Quali obiettivi restano alla Sampdoria?

L’obiettivo della Sampdoria ora è duplice – scrive Parodi – “Difendere il decimo posto – e qui i calciatori debbono darsi una bella regolata e ritrovare la vis pugnandi – e testare fino in fondo le potenzialità dell’organico in modo da andare sul mercato con le idee chiare. Quanto alla società dovrà fare di tutto, anzi di più, per trattenere la terna Skriniar-Torreira-Schick”.

Le ultime parole sono riservate al caso Ferrero:

Trovo infine improprio cambiare lo Statuto dell’Uc Sampdoria per permettere a Ferrero di conservare delle deleghe operativecommenta Renzo Parodi. “È una sfida al Palazzo e il Palazzo lo terrà a mente. Quanto alla figlia Vanessa, se assumerà la presidenza assuma anche gli oneri conseguenti e si faccia vedere a Bogliasco e allo stadio. Altrimenti è un escamotage da quattro soldi. Fortunatamente Romei è al lavoro su tutti i fronti.”

Autore

SampGeneration

Il blog della Sampdoria

7 commenti

  1. Questa è l’ennesima dimostrazione se ce ne fosse ancora bisogno che non siamo messi bene con Ferrero perché se amasse veramente questi colori non sfiderebbe il palazzo anche perché già non godiamo di simpatie figuriamoci ora. Sulle due sconfitte parlavamo tutti di motivazioni quindi le avevamo quelle di puntare al nono posto . Conclusione i giocatori della Samp non sono professionisti seri come quelli zebrati che giocano 20 partite all’anno più dei ” nostri “

  2. Beh certo, basta non considerare decimo posto, campagne acquisti come non se ne vedevano da anni, bilancio finalmente in attivo, stadio in gestione, interventi strutturali per avere uno dei vivai piú forti d’Italia, ed é ovvio che c’è la dimostrazione che siamo messi male con Ferrero. Diventate risibili le ipotesi “libri in tribunale” e “Ferrero scappa con la cassa”, si trova sempre comunque un appiglio per continuare ad annunciare disgrazie.

    • Luca dal Brasile -

      la prova del nove che ci eravamo sbagliati quando lanciavamo strali contro Ferrero & C. l’avremo solo a giugno, quando vedremo davvero se esiste uno straccio di progetto sportivo oltre a quello finanziario, peraltro necessario alla sopravvivenza.
      Bogliasco, vivaio, bilancio, plusvalenze, progetto stadio.. sono cose concrete e positive.
      Dovremo vedere cosa si vende e cosa si compra per capire chi siamo e dove andiamo con questa gestione.

  3. Ferrero sta a Genova come C. Colombo alla Spagna! La vipera e’ miscia ed a queste condizioni, Bosotin for president! cosa cazzo ci fa un burino sulla Lanterna!
    rispondo agli adepti del serpente:
    – bilancio in attivo perche’ appianato dalla ERG
    – campagna acquisti: Dodo, Pavlovic, Budimir, Cigarini, Alvarez,Berez, Kranjic, etc.. Tutto tranne che sontuosa!
    – Bogliasco: investimento con soldi CONI e banche. nessun esborso dalla ditta a parte il pagamento degli arretrati al parroco!
    – Marassi: gestione con i piccioni! dopo pagamento arretrati al comune.
    – Primavera: erano gia’ forti dai tempi di Fulvio Pea!
    – Non scappa con la cassa perche’ la governance della ERG lo controlla. un milione di euro all’ anno basteranno per il pignoramento ai parioli!?

    saluti a gabry hermano in trasferta!!

  4. Garrone (che ora vedo che ha dei meriti, mentre prima era la peste) la ha “lasciata” dichiarando espressamente che la Sampdoria aveva un grosso problema di riduzione dei costi, cosa a cui ha provveduto Ferrero (che poi vuole dire anche Romei), lavorandoci.
    Criticare come si è mossa la Sampdoria sul mercato da quando c’è Ferrero vuol dire essere o ciechi o prevenuti. Che se uno non sa come muoversi basta andare dietro agli addetti ai lavori che esprimono solo elogi. Poi se uno è scontento persino dell’acquisto di un Cigarini non so, forse voleva Verratti. Poi non capisco perchè non fare i nomi di Skriniar, Praet, Schick, Torreira, Linetty (questi ultimi tre sono costati insieme meno di dieci milioni, il loro valore è già stra-moltiplicato, forse perchè abbiamo preso giocatori forte invece che scarsi), boh saranno sfuggiti! Oppure non considerare le plusvalenze fatte con gente come Correa, che ha solo deluso e ci abbiamo pure guadagnato. Abbiamo pagato Budimir (su cui faremo plusvalenza facile) meno di quanto abbiamo incassato per Moisander, arrivato peraltro a costo zero. Vabbè, anche non sapere che Alvarez è arrivato a costo zero… con una operazione complessa e ci faremo dei soldi. Bereszynky farà tranquillamente mercato anche lui e Kranic non so come lo si possa giudicare se non lo si è ancora visto giocare.
    L’Atalanta ha il migliore vivaio d’italia e continua ad ampliarne le strutture.
    Vabbè non continuo, l'”adepto del serpente” saluta chi Bosotin presidente se lo meriterebbe veramente tutto.

  5. Sentinel io rispetto la tua opinione su Ferrero anche se diversa dalla mia e da quella di Alex però ricorda che se ti metti contro il palazzo sono guai seri dopodiché a Ferrero (mio parere magari sbaglio) della Samp non interessa granché se non per fare cassa se dovesse un giorno non riuscire a fare più plusvalenze Arrivederci e grazie ovvio che spero che ciò non accada mai. Sempre forza Samp

Lascia un commento

Powered by themekiller.com