PAREGGIO DEPRIMENTE, UN CAMPIONATO INDEGNO E VERGOGNOSO

33

Ogni partita è una depressione e una schifezza maggiore.
Oggi, spiace dirlo, abbiamo avuto l’ulteriore conferma di quanto abbia prodotto Montella in tre mesi di panchina doriana: il nulla, il deserto, la sterilità completa del gioco.

Zero a zero indecoroso, al termine di una gara che dovevamo provare a vincere a tutti i costi e che trasforma il prossimo appuntamento in casa col Frosinone in un match da ultima spiaggia.
Giornata ferale a Marassi, mancavano solo i fiati di una marcia funebre ad accompagnare la tristezza e la mestizia delle (non) gesta blucerchiate.
Con una squadra completamente priva di idee e di costrutto, il Mister ha persino il colpo di genio ti togliere Cassano al 60′. Il barese non è mobilissimo ma è l’unico a darti la speranza di accendere qualche fiammella in una squadra da obitorio.
Fuori Antonio e dentro Ricky Alvarez, una sorta di zombie che ciondola per il campo, tutto sinistro, con finte che capirebbe anche mia nonna rimbambita.
Dulcis in fundo, a coronamento di una prestazione inutile, Ricky Alvarez riesce persino a sprecare l’unica palla gol creata dalla Samp, al 93′.
Sarebbe stata una vittoria insperata, che ci avrebbe restituito i due punti gettati nella latrina contro il Torino. Ma sull’ottimo spunto del valido Dodò, il cross al pennello del brasiliano, Alvarez riesce a spedire di testa sopra la traversa da favorevole posizione.
Migliore in campo? Probabilmente Ranocchia, insieme a Dodò.
Con il terzino brasileiro, Ranocchia è stata l’unica nota positiva della giornata, bravo dietro e pericoloso anche sulle palle alte.
Il resto è inaccettabile: condizione atletica pessima, squadra terrorizzata con un cagotto perpetuo, sterilità totale di idee e di gioco, Mister spaesato, precarietà e fragilità collettiva.

Abbiamo tanti attaccanti, forse troppi perché sono male assortiti; e soprattutto utilizzati male da Montella che li sta ruotando con l’effetto di scontentare tutti e di non essere ancora riuscito, dopo mesi di gestione, a trovare la coppia giusta. Cassano-Muriel è davvero un’utopia vederli in campo assieme?
Insomma sei mesi di campionato per arrivare a questa indecenza.
Ora Inter e Frosinone, ma le preoccupazioni sono veramente tante. L’unica cosa che resta è sostenere la squadra sul campo, perché fino alla fine ci sarà da soffrire e anche parecchio.

Autore

SampGeneration

Il blog della Sampdoria

33 commenti

  1. DODO’ RANOCCHIA MIGLIORI IN CAMPO A DIMOSTRAZIONE CHE AVER PERSO REGINI E ZUKANOVIC E’ DA FESTEGGIARE PER 6 MESI!!!!DODO’ FANTASTICO NEI CROSS QUASI COME IL VASCO REGINI…….TOGLIERE CASSANO UNA FOLLIA.HO PAURA CHE ANCHE VINCENZO COMINCI AD ESSERE IN CONFUSIONE.COL FROSINONE PARTITA DA INFARTO

  2. Questo campionato ormai e’ un calvario, esattamente come il 2011. Puoi girare e rigirare gli interpreti come vuoi, il risultato non cambia. Anche la Sud aldila’ degli appelli dei pochi sempre presenti mostra larghi vuoti, segno che ci credono in pochi. Fra i pochi non ci sono certo i giocatori, senza alcuna grinta, un armata brancaleone composta da gente a fine carriera o che sa gia’ che la propria carriera proseguira’ altrove. Tantomeno una societa’ della quale non si capisce nemmeno chi sia il reale proprietario. Chiuderemo penultimi a 32/33 punti. Scusate lo sfogo, ma dopo la salvezza all ultima giornata in B del 2002 e il quasi fallimento scongiurato dai Garrone questo e’ il punto piu’ basso che ricordi, e non vedo una via di uscita.

  3. Come volevasi dimostrare in attacco non è questioni di titolari o riserve, a turno fanno schifo tutti sia che giochino dall’inizio o che subentrino…
    Il primo tempo non era stato affatto malvagio, è nella ripresa che siamo andati giù sia fisicamente che soprattutto di testa, ci siamo fatti prendere dal panico e non ne abbiamo quasi azzeccata più una, ma la cosa che più mi preoccupa è che ho la sensazione che squadra e allenatore non si stanno rendendo conto della situazione.
    Oggi ci voleva più fame, più grinta, più voglia di vincere, non ho visto nulla di tutto ciò…

  4. Io nn capisco una una cosa: perso eder il mister si butta sull’accoppiata Muriel correa con in appoggio soriano. facciamo un paio di partite dove l’attacco gioca e segna (Bologna e torino) poi una brutta (roma) . certo Muriel a corrente alternata, ma soriano e correa nelle loro posizioni naturali nn mi dispiaccio per niente e Muriel se supportato e nn lasciato solo la davanti, i gol li fa eccome. poi, a Roma, una mezz’oretta finale con i due vecchietti in spolvero (e grazie entrano quando gli altri corrono da un’ora) induce il mister a rivoluzionare l’attacco e partire con loro due dal primo minuto. Boh, o io sono matto e vedo cose che nn sono, oppure regna anche nel mister la confusione più totale. Cmq io sono dell’idea che Cassano e Quaglia vadano bene a partita in corso e nn dal primo minuto, specie il primo. lo so che quasi tutti la pensano diversamente da me, ma guarda caso, eccezion fatta per il derby, quando é partito dal primo minuto, ha sempre giocato così così…

  5. Allenatore senza palle, squadra senza palle. La serie B fara’ bene un po’ a tutti. E Che retrocedano anche I bibini allora!

  6. Blucerchiato94 -

    Che palle… Provo ad essere positivo ma poi vedo come giocano e mi deprimo…

    Numerosi giocatori non meriterebbero nemmeno di giocare, oggi Fernando pessimo (mi sembra abbia preso 20 anni dallo scorso settembre…)… Idem Soriano che è una vergogna sia il capitano, completamente assente.

    Oggi anche Silvestre a me non ha convinto, ha dei momenti in cui si assenta dal campo… E le dimenticanze in difesa si pagano care.

    Non so, mi sembra che il modulo con un unica punta non vada bene, ne occorrono due… Se no l’unica punta poi viene isolata.

    Oggi male anche Correa che anziché calciare in porta, si porta la palla fuori.

    Insomma prepariamoci alla solita goleada fuori casa con l’Inter, sempre basandoci sulla scusa che i nostri giocatori fuori casa non riescono ad esprimersi al meglio…

    Mi fanno abbastanza tutti pena, non meritano una tifoseria come la nostra, e non hanno nemmeno le palle di dimostrare in campo che giocano per la vittoria ma anzi… Hanno sempre timore dell’avversario.

  7. Dispiace arrivare a questo punto ma si è sempre detto che l’organico della Samp è da ottavo posto o giù di lì e io lo credo. Quindi è inevitabile affemare che Montella è un autentico fallimento e non è adatto ad allenare una formazione che lotta (o dovrebbe lottare) con le unghie e con i denti per non retrocedere. Per molto meno altri allenatori sono stati cacciati anche se mi rendo conto che la mossa potrebbe essere deleteria. Non so più che dire ma sono sicuro che da qui alla fine se ci fosse Iachini arriverebbe quella grinta necessaria per salvarsi. Bisognerebbe anche chiedere scusa a Zenga che sarà stato anche un gran bidone ma a conti fatti aveva raccolto 16 punti in dodici partite: Vi sembra poco? Poi vorrei dire una cosa INDICIBILE ma a questo punto inevitabile: non so come andrà con il Frosinone ma di questi tempi ho paura che sarà difficile vincere quindi non rimane che tifare……Genoa il 3 aprile!! E in ultimo vorrei dire che Ferrero, il quale non ha messo un centesimo nell’acquisto della Samp, sarebbe bene che a fine anno facesse meno il pretenzioso e se ne andasse cedendo la baracca a Volpi, tanto con la tifoseria ormai il rapporto si è rotto e per uno come lui che vive sull’immagine sarebbe bene togliere il disturbo.

    • intervengo solo per dire che Iachini (tra l’altro rientegrato oggi alla guida del Palermo)
      non poteva allenare altre squadre di serie A in questa stagione

      semmai, vista la squadra costruita e “rinforzata a gennaio” a membro di segugio,
      forse era più adatto un Donadoni al posti di Zenga

      Montella deve costruire lui la squadra a giugno/luglio
      ma con questi giullari che dirigono la nostra società, questo non accadrà mai

  8. Quando è stato criticato e conseguentemente esonerato Zenga io ero molto scettico.Qualcuno era davvero convinto che eravamo più forti dello scorso anno non si era consci che eravamo e SIAMO un’onesta squadra da mezza classifica…… Sicuramente Walter è stato silurato troppo presto ma ormai è tardi….. Pensiamo solo a salvarci ma ho tanta paura (i ricordi del 1999 e del 2011 sono ferite ancora aperte che nessun tifoso dimenticherà)…….cmq forza SAMP

      • con la media punti a partita di Zenga si arrivava a 50 e rotti, con quella di Montella a 26… Cmq nn vuole dire nulla: abbiamo iniziato il campionato avanti nella preparazione(!?), questo ci ha permesso di prendere un punto a Napoli (ad esempio). quando zenga é stato esonerato, eravamo nello stato comatoso come, se nn peggiore di quello attuale. io non rimpiangerei così tanti zenga, anche se i risultati nn mi stanno dando ragione. forza Samp.

        • No Matteo, no davvero!
          Io non rimpiango Zenga, ma la situazione all’epoca non era catastrofica come quella attuale, e non mi riferisco alla classifica!
          Quando coach Z venne esonerato eravamo reduci da tre risultati utili ossia la vittoria contro il Verona e i pareggi con Empoli in casa e Chievo fuori, tralasciando la goleada con gli amici butei le prestazioni contro toscani e clivensi non furono certo memorabili ma neanche penose, si fece una brutta figura coi viola ma più che altro per l’enorme divario tecnico tra noi e loro!
          Ma in campionato fu probabilmente la prima volta che venimmo surclassati in maniera così netta, anzi la seconda ( ci metto la trasferta di Torino…).
          A me piange il cuore scriverlo, Montella credo che rappresenti per tutti noi un idolo assoluto, è stato un calciatore fenomenale e anche come persona ha sempre dato l’impressione di essere serio, umile e perbene, ma qui i numeri e i fatti lo inchiodano al muro, bisogna essere onesti ed ammetterlo…

    • non si possono fare queste proiezioni

      mancherà sempre la controprova, magari con Zenga non vincevamo nemmeno il derby per dire,
      chi può affermare il contrario ?

  9. Purtroppo Montella , seppur bravo e con ottima carriera davanti , non è il tecnico adatto per condurre in porto la Samp. Occorre essere abituati a lottare senza badare troppo agli estetismi. Non conta giocare bene ma fare punti! Per questa ragione mi affiderei a un tecnico che entri subito in sintonia con la squadra e che riesca a fare trasmettere il 100% a ogni singolo calciatore (Lippi? Mazzarri? Novellino?).
    Serve un tecnico anche meno bravo tatticamente di Montella ma che riesca subito ad entrare in empatia con la squadra. L’impressione è che la squadra non creda sino in fondo ai dettami dell’allenatore e che quando c’è da effettuare uno scatto , un recupero , una giocata non sia pienamente convinta.

  10. A Napoli abbiamo preso un punto non per la preparazione ma per unico merito di Eder che, specie sul secondo go,l sembrava……Messì.

    • Beh, dai…non è vero, il Napoli ne secondo tempo non riusciva nemmeno a correre e noi andavamo come spie, poi forse ricordo male, abbiamo addirittura rischiato di vincere (palo o mega occasione, non ricordo).

  11. Siamo un armata Brancaleone, giocatori indegni di vestire e rappresentare la nostra maglia, un allenatore che in tre mesi, non ha ancora capito nulla dei giocatori che allena, ogni domenica una formazione differente, poi senti i commenti a fine partita, e non capisci se ti sta prendendo per il culo, oppure crede veramente in quello che dice…
    Poi dopo mille incazzature , vedi in tribuna un pagliaccio, che continua imperterrito a fare tutto tranne il presidente di una squadra di calcio, una società inesistente.
    Sto rivivendo il 2011, stessi errori, stesso atteggiamento, supponenza da parte dei dirigenti, ma qui non si tratta solo si retrocedere, ma si tratta del nostro fallimento…evidentemente non si sono ancora resi conto del rischio che stiamo correndo.

  12. Il rischio B esiste, la partita con il Frosinone diventa la partita dell’anno, vincere vorrebbe dire tirarsi fuori dal baratro a livello psicologico.
    Il mister dovrebbe puntare su un modulo in avanti e tenere quello, ma siamo noi stessi nel blog a dire “Cassano e Quaglia dal primo minuto evviva” poi dopo il flop chiamiamo un altra coppia d’attacco…questa confusione regna anche nella testa di Montella.
    Vogliamo vedere i lati positivi (se cè ne sono..)? Dietro non abbiamo preso gol (giocavamo però con l’Atalanta) .
    Per il resto dobbiamo giocarcela con Palermo, Bibini e Udinese per restare in A, oltre a quelle dietro.

  13. Montella se ne deve andare fuori dai coglioni …..dimissioni subito e dentro novellino che al netto delle ultime stagioni fallimentari almeno li attacca al muto sti rammolliti!!!

  14. Sono sicuro che se fosse entrato il colpo di testa di Alvarez la metà di voi oggi avrebbe scritto: “finalmente una buona Samp!”
    Al netto dei palloni persi ingenuamente a centrocampo, quando – a tratti – facciamo girare bene il pallone, si ha sempre la sensazione che stiano per creare un’azione pericolosa. Poi negli ultimi metri si vanifica tutto.
    Ieri ad esempio sono mancati due cross potenzialmente molto pericolosi con Correa che lascia scivolare il pallone sul fondo e Alvarez la stessa cosa, ma dall’altra parte del campo.

    Su una cosa darei forse ragione a Montella, la dimostrazione la abbiamo avuta ieri; Cassano deve giocare solo nel secondo tempo. Con l’avversario un po’ più stanco, quando il ritmo cala un po’, allora Cassano ti fa la differenza, tanto è vero che facendo in questo modo abbiamo sempre segnato…. ieri no.

    • Montella ha fatto complessivamente 9 punti : 8 di questi (Palermo,Derby, Lazio e Atalanta) sono stati ottenuti con Cassano dal primo minuto…

        • 25-30 minuti dalla fine è ancora decisivo, pretendere di più, vista l’età e i problemi avuti credo sia impossibile (nn dimentichiamo che al Milan non ha avuto proprio una cosetta da niente)

  15. La tifoseria (per lo meno la parte maggioritaria) raccoglie quello che ha seminato con contestazioni a presidenti, allenatori e giocatori, esoneri a richiesta, nomine e acquisti a furor di popolo. Il tutto, sempre, senza una logica supportata da dati oggettivi.
    Se ci salveremo sarà un mezzo miracolo.
    Io quasi quasi firmerei per una retrocessione se in cambio arrivasse un presidente decente che non ci faccia fallire.

  16. LUCA DAL BRASILE -

    Non concordo su Ricky Alvarez, che io farei giocare sempre.
    Per me Correa dovrebbe giocare da vecchio no.8, cioè regista arretrato con licenza di scappare palla al piede quando se la sente, come faceva all’Estudiantes.
    Sulle fasce Dodó e Alvarez, Muriel e Cassano da far entrare a partita iniziata, e Quagliarella centravanti virtuoso che parte da fuori area.

  17. Nella domenica in cui la difesa non barcolla, manca l’attacco pur con la qualità presente.
    E’ un anno davvero strano, per la sua negatività.
    Ma, demeriti a parte (demeriti a parte), Ieri ci stava benissimo di vincere, magari con una deviazione, un autogol, un rigore a favore mezzo regalatoci… non avremmo fatto altro che raccogliere qualcosina di ciò che ci è stato tolto dalla (s)fortuna nelle ultime gare.
    Perchè ricordiamoci che questa squadra poteva benissimo fermare la JUVE sul pareggio, così come meritava in pieno di pareggiare a ROMA. Abbiamo perso meritando di pareggiare, all’andata con la Roma avevamo vinto pur meritando di perdere.
    Si insomma, tattica, grinta, ma anche tante visite alla Nostra Signora Madonna Della Guardia!!! Una dopo ogni allenamento!!!

  18. Skeno ha capito: in cambio di un nuovo vero Presidente (Volpi) varrebbe la pena di andare in B!! E poi a seguire quello che è successo con Mantovani (anche se tutto quanto sarebbe improponibile dati i tempi cambiati del calcio europeo).Ma almeno essere grandi in Italia e non falliti come adesso.

  19. Dimenticavo, perchè sarebbe necessaria la retrocessione? Perchè Ferrero sarebbe costretto a cedere anche per la pressione della piazza e non sicuramente al prezzo assurdo che ha chiesto recentemente.

Lascia un commento

Powered by themekiller.com