OBIETTIVO CASTAN, COME LEADER DELLA DIFESA

32

Montella punta su Leandro Castan. Difensore da recuperare, roccioso e abile con i piedi (è un mancino), ha le caratteristiche richieste dal Mister: centrale esperto in grado di svolgere il ruolo di leader del pacchetto arretrato, con la capacità di iniziare l’azione dalle retrovie. Cosa che non si è praticamente mai vista quest’anno in casa Samp. Si è vista piuttosto una serie di difensori in imbarazzo ogni volta che dovevano giocare da play-maker arretrati.
Le figure barbine di Ranocchia sono fortunatamente un lontano ricordo. Vogliamo l’oblìo.

Ora, non si pretende Bonucci come regista difensivo. Ma un minimo di decenza, quella sì.
Castan era stato acquistato nel 2012 dalla Roma di Zeman, prelevato dal Corinthians per 5 milioni di euro. Il brasiliano non si coprì di gloria nella difesa svolazzante del Boemo ma riuscì a riscattarsi l’anno seguente, con l’arrivo di Rudi Garcia: 36 presenze e l’apprezzamento dei tifosi.
Poi la crisi: la terza stagione è condita da infortuni muscolari sia in precampionato che durante l’anno. Per Castan è inoltre necessario un intervento neurochirurgico a causa di un cavernoma. Una stagione sfortunata per il difensore quella del 2014-15, non riscattata dalla successiva: il brasiliano perde il posto da titolare alla Roma e disputa solo sei partite.
Classe 1986, alto 1,84 per 80 kg, Leandro Castan è un difensore centrale forte fisicamente che tende ad assumere la posizione di leader di reparto.
Forza fisica, gioco aereo e costruzione di gioco. Queste caratteristiche fanno di Castan un giocatore interessante per la nostra difesa.

La Samp, a quanto emerge in queste ore, lo ha richiesto alla Roma.
Per Castan approdare alla Samp rappresenta un’occasione di rilancio dopo le ultime stagioni deludenti. Ora Montella proverà a convincerlo.

Autore

SampGeneration

Il blog della Sampdoria

32 commenti

  1. LUCA DAL BRASILE -

    Mah… a Roma ha fatto anche delle gran cappelle, sia di testa che di piede.
    Io lo ricordo qui al Corinthians, e non era certo un fulmine di guerra.
    Tra lui e Oikonomou non avrei dubbi e punterei tutto sul greco.
    Poi via Moisander, via Ranocchia (per fortuna questo é certo)… darei fiducia a Diakité e Skriniar, e mi terrei stretto Silvestre.

  2. LUCA DAL BRASILE -

    dimenticavo:
    per ora la Roma ci sta sabotando sul mercato: prima il niet per Dodó, il no per Paredes, poi l’ostruzionismo per Schick.. non ci conterei troppo come partner.

      • LUCA DAL BRASILE -

        tu dici? Meglio Regini? Non mi ha certo esaltato, specie per la sua fragilità e per la classica deficienza difensiva dei brasiliani, ma per la prima volta dopo lustri ho visto dei cross da sinistra in direzione dei piedi e delle teste degli attaccanti…

        • Cross?a memoria ne ricordo 2!!!ci ha illusi le prime partite di aver uno abile nei cross e coi suoi dribbling ma fini a se stessi, dietro passeggiava, si disinteressava completamente dell’uomo (ultimo derby docet)…è un mezzo giocatore che mi ha fatto rimpiangere Regini (e il che è già tutto dire).
          Per me Regini può rimanere dov’è o al massimo far la riserva, io vorrei cercassero un terzino sinistro degno di tale nome, magari anche dalla serie B, non per forza deve esser un nome altisonante.

          • É presto detto.
            Dodo secondo me é un ottimo giocatore come esterno nel 442, ha corsa e piedi, ovvero… con un Regini dietro, sarebbe una buona fascia tipo Pisano/Tonetto.
            Ma come terzino, o esterno di un centrocampo a 5 davanti a una difesa a tre (cosa fatta quest’anno), dimostra limiti difensivi.
            Li aveva anche Lollo (gli preferivano Berardi, sia Zenga che Delio Rossi), poi é migliorato anche in fase difensiva ed é diventato uno da Nazionale…

  3. Ammesso e non concesso che sia guarito NO ad un altro prestito senza futuro. Se gioca male lo perdi ma se fa benissimo hai regalato alla Roma un giocatore nuovo e non hai fatto nessun affare

    • Capisco i tuoi dubbi, anche a me piacerebbe aver un difensore tutto nostro, però dobbiamo anche essere realisti che se non si hanno soldi bisogna far la campagna acquisti di prestiti e sperare che i prestiti siano come Romagnoli (cioè facciano bene) e non come Ranocchia e Dodò (da rispedire a calci al mittente).

    • Come prestiti “pezze” é meglio in difesa, in genere in attacco é piú facile fare valorizzazioni e plusvalenze, quindi ci sta. Direi che il mercato di Romei e Osti va appunto in questa direzione.

  4. Forse ricordo male ma Castan non mi sembrava questo disastro, poi ha avuto troppi problemi fisici che lo rendono praticamente ingiudicabile nelle ultime due stagioni…
    Se è davvero recuperato sul piano fisico a me non va bene ma benissimo, anche in prestito, della formula con la quale arrivano i giocatori m’interessa fino a un certo punto l’importante è che non siano dei cani, integri fisicamente e motivati a far bene…

    • Anche Silvestre arrivò che era uno sempre rotto, poi fece un anno da Baciato Dal Signore insieme a Romagnoli.
      Sarà che ci vuole anche culo.

      • Verissimo!
        E Romagnoli arrivò in prestito: uno sciancato e uno di passaggio insieme hanno rappresentato uno dei nostri punti di forza di quella stagione, a ennesima dimostrazione di come nel calcio valga tutto e il contrario di tutto…

  5. Il mio pensiero è che la Samp debba partire da subito con una squadra PRONTA per giocare in modo dignitoso il prossimo campionato, dal mio punto di vista Castan non è per nulla pronto:
    1) deve riprendere fiducia e contatto col campo e col ritmo di gioco
    2) i diversi infortuni lo hanno segnato e non tornerà (credo) mai come quello di una volta (vedi Krsticic)

    Fossi Montella non punterei mai su Castan. Poi può anche andare bene, ma sulla carta mi pare un grandissimo punto interrogativo e noi – soprattutto in difesa – dobbiamo già partire solidissimi.

    • LUCA DAL BRASILE -

      faccio mio il tuo commento!

      Su Castan, che conosco dai tempi del Corinthians, posso dirti che é un giocatore abbastanza sopravvalutato, e nella Roma fece una anno buono perché aveva a fianco Benatia.
      Poi il nulla.

      Anche in serie B c’é gente superiore, italiani, giovani…
      Se comprassero Oikonomou dal Bologna sarebbe una grande cosa.

      una squadra vincente comincia dalla solidità difensiva, che passa per un gruppo ristretto di giocatori che si conoscono tra loro, si compensano ed integrano, e che non hanno paranoie mentali da prestito.

  6. E quando leggo che verrà confermato Alvarez a 800mila euro a stagione, ho davvero paura che non abbiano capito che devono cambiarne tanti…

    • Ne hanno dati 700mila a Cassano, non credo….. voglio sperare di no!
      A Muriel rifarei il contratto a un milione e otto all’anno.
      Di calci nel culo.

  7. Castan era un grande difensore! L’intervento al cervello lo ha, purtroppo trasformato. Certamente ha vinto la battaglia più difficile e potrebbe essere una scommessa ma se non si riprende chi gioca?
    Oltretutto chiederei almeno un diritto di riscatto!!

  8. Sembra che lo abbiamo preso!
    Dai che se “funziona” iniziamo a fare una difesa come due anni fa, invece che come un anno fa.
    Think positive!

  9. Ma qualcuno conosce l’esatta percentuale che prendiamo sulla vendita di MUSTAFI?
    io sapevo il 20/30%, ma ora leggo il 10…
    Il fatto é che questo si sta pure facendo gli europei, se c’é un poco d’asta può raggiungere cifre elevatissime.
    Son soldi…

  10. LUCA DAL BRASILE -

    MERCATO NUOVO, DUBBI VECCHI.
    Sin dai primi vagiti questo mercato Samp da l’impressione che sia una riedizione dei disastri precedenti.
    Si pesca nel mucchio, senza costrutto, senza una strategia, e soprattutto sembra che Osti & C. si siano svegliati ora.. ah, vediamo chi possiamo prendere per poter mettere Moisander in panca… proviamo sto Castan, che era bravino un paio di anni fa’ e che la Roma non considera piú degno di giocare.
    Buongiorno!

    • Buon giorno!
      Romagnoli e Silvestre arrivarono dopo che ci andò BUCA con: Balanta, Samuel, Yepes, Campagnaro.
      Quindi rispettivamente la quinta e la sesta scelta. Senza costrutto, senza strategia, si sono svegliati tardi…
      Una delle migliori coppie di centrali mai viste dal 46.
      Basta un po’ di serenità, e soprattutto un poco di attesa, e non é detto che ci siano solo disastri, soprattutto per chi non ama vederli.

      • LUCA DAL BRASILE -

        CALMA SENTINEL… siamo marinai della stessa nave.
        Io naturalmente sono d’accordo che bisogna attendere il 31/07 per pronunciarsi, ma il calcio é bello anche perché nelle more della campagna acuisti ognuno esterna le sue sensazioni, qui come al bar…
        É vero che Romagnoli e Silvestre fecero una grande stagione, come é vero che già si sapeva che sarebbero stati divisi dopo un anno.
        Io credo ancora che la gestione di una squadra debba essere strategica e non solo tattica, ovvero programmare per vincere nel corso di un ciclo di 2-4 anni, a partire da un allenatore con condividere uno schema di gioco, e giocatori, TUOI, da schierare nei ruoli previsti, con 2 uomini che disputano la maglia ogni domenica.
        Per questo, non credo a questi prestiti da E-Bay, e non credo che ci si debba affidare alla fortuna, come nel caso che hai ricordato tu, peraltro con giocatori indicati da Mihaijlovic, adatti al suo gioco.

        • Guarda, l’anno scorso é andato male secondo me perché molti giocatori hanno reso al di sotto delle loro potenzialità e/o aspettative.
          E piú di loro l’allenatore, raramente in grado di motivarli ed incattivirli.
          La questione mi sembra semplice. Quindi per quanto riguarda l’anno scorso io me la prendo con loroche, la dirigenza, pensando a ‘qualcuno’, mi sembra quasi parte lesa. Di certo non la avevo criticata alla fine del mercato estivo scorso ne’ dopo aver preso il miglior allenatore su piazza (criticata un po’ solo per aver preso Zenga invece che Donadoni). Cerco di non fare quello del senno del poi.

          Altra cosa, la “PROGRAMMAZIONE”……… Permettimi questo spunto: se Muriel avesse fatto il Muriel (doppia cifra), Correa fosse esploso, Moisander rispettato almeno un po’ del suo curriculum, Barreto giocato come faceva nel Palermo, e via dicendo, oggi si parlerebbe di: “grandissima programmazione societaria, che grazie all’affiancamento di giovani di qualità su cui costruire futuro e plusvalenze e elementi di esperienza, ha costruito un bel gruppo e bla bla bla….”.
          Insomma i punti fatti influenzano ogni giudizio. …
          Non siamo la Juve che progetta di essere prima in Europa (e che ha i mezzi per farlo), da noi ‘programmazione’ per quel che serve c’é e c’era, semplicemente a volte ti va bene, e a volte no!

          Fermo restando che abbiamo concluso il campionato prendendo due ceffoni da un giocatore del Milan e un ceffone da un giocatore che presumibilmente lascerà Genova con la velocità con cui ci é arrivato. E finendo dietro alla squadra in cui giocano. Altro spunto di riflessione.
          (poi vabbé, oltre alla programmazionesull’organico ci sarebbe anche quella di BILANCIO, e….. chissà)

  11. LUCA DAL BRASILE -

    Voglio essere chiaro su Castan, per non essere frainteso:
    Se pensiamo a una Samp da piccolo cabotaggio, da sopravvivenza in Serie A come obiettivo rinnovato ad ogni stagione, il prestito di Castan e lui come giocatore vanno benissimo.
    Se pensiamo che nonostante le diversità finanziarie e strutturali, societarie e cittadine, possiamo dire la nostra e puntare a vincere 1-2 trofei ogni 10 anni, allora non va bene, né come giocatore, né tantomeno come formula.
    Spero di essermi spiegato meglio adesso.

  12. * LUCA DAL BRASILE
    i tuoi commenti/ragionamenti non farebbero una grinza se fossimo su un forum rossonero, nerazzurro, giallorosso e via così…
    Ma qui si parla della nostra piccola grande SAMPDORIA, una squadra che, se non interverranno clamorose svolte societarie è destinata ahimè, come scrivi anche tu, al piccolo cabotaggio!
    Inutile farsi illusioni, ci vorrebbe una solidità economica che ti permetta ogni anno sia di non cedere i pezzi migliori ( fatta eccezione per offerte folli ) e d’investire su giocatori…buoni, siano essi calciatori già fatti e finiti o potenziali talenti…
    Per questo credo che sia ad oggi inutile parlare di progetti a breve/medio termine e fare gli schizzinosi se arriva un giocatore in prestito, bisogna fare la squadra anno per anno sperando che sia la più competitiva possibile

    * sentinel, io su Mustafi ho sempre saputo che ci aspetta il 10% della futura vendita…

    • LUCA DAL BRASILE -

      Caro cabeção (come si scrive qui), sei venuto nel mio carruggio… siamo da piccolo cabotaggio, porca putt…

      Caro Sentinel, da piccolo sentivo dire “se mio nonno avesse 5 palle, sarebbe un flipper”..
      Vendere Rizzo, Duncan, Obiang e tutti gli altri, Facendo arrivare Bonazzoli (8 Mln per non giocare mai e darlo al Lanciano!), il piantagrane Cassano, Zukanovic e altre mezze calzette, non é considerabile come programmazione neanche per una squadra di provincia.
      Basta vedere Chievo, Udinese, Atalanta, Bologna…
      Che fosse una campagna acquisti fallimentare si era capito da giugno.

      • Concordo con te, prese tante belle figurine, ma mal assemblate nell’insieme.
        Per me una programmazione la sta facendo da un paio d’anni il Sassuolo (grazie ha il presidente Squinzi che ha il grano mi direte voi), che se vende il terzino destro titolare per offerte da un sacco di soldi, cerca un nuovo terzino destro, non compra tanto per comprare, ma sta inserendo piano piano tasselli utili alla crescita della squadra.
        I prestiti secchi invece è la nostra realtà, viver all’annata, il problema è che lo stiamo facendo un po’ a caso, non con le idee proprio chiare, del resto cosa aspettarsi da Ferrero, Romei e Osti: i primi 2 fanno dichiarazioni fuori dalla realtà, il terzo è un incapace!

      • Caro Luca dal Brasile,
        che a giugno si fosse capito che quella dell’anno scorso fosse una campagna fallimentare… complimenti a te che un anno fa l’avevi capito e detto (ma magari lo avevi detto anche un anno prima… sai com’é), io ricordo che si diceva in realtà una cosa molto diversa, anzi era da molti considerato uno dei migliori organici degli ultimi anni, se non il migliore per alcuni.
        Io CONTINUO A DIRE che invece un anno fa la squadra l’anno fatta eccome, basta rileggersi l’organico per non trovarci stonature per la nostra dimensione, anzi.
        La tifeseria organizzata ha del resto a fine anno contestato i giocatori per il rendimento scadente, la presidenza piú che altro per un discorso di immagine (balletti), e non di gestione tecnica o di bilancio.
        Io sono pienamente d’accordo con loro.
        Siamo finiti a sei punti dal decimo posto, bastava che il SOLO Muriel facesse UN PO’ di ciò che é capace e altro che sei punti in piú!!
        Bonazzoli un anno fa era considerato nell’ambiente il piú promettente attaccante italiano, piú promettente di Romagnoli prima che venisse da noi. Non era pronto per la A? Peccato.
        Certo tu lo sapevi. Anche che Silvestre sarebbe stato un altro giocatore dopo un anno alla grande (lo cercano ancora per quell’anno) E un sacco di altre cose.

        Infine, il Sassuolo é piccolo solo per chi non ne conosce la proprietà.

  13. LUCA DAL BRASILE -

    Caro Sentinel, sento un po’ di acidità nelle tue risposte e questo mi dispiace.
    Non ho il dono della preveggenza, né mi considero Gianni Brera, ma magari ho un po’ più di esperienza di tifo di te, avendone già viste tante in questi ultimi 34 anni, e quindi mi permetto di dire ció che penso, e enfatizzare ció che vedo, cercando di separare tifo/cuore/speranza, da ragione/occhi/realismo.
    L’anno scorso, già a giugno, scrissi diversi posts anche sul Secolo, criticando l’acquisto di Cassano, la vendita di Duncan e Rizzo specialmente, il mancato riscatto di Aquah, tra le tante, troppe belinate fatte dal trio Lescano che sta sul ponte di comando della Samp.
    Mi attirai allora anche molte critiche, proprio come ora da te… spero di non dover tra un anno dire (DI NUOVO) la sapevo, l’avevo detto, era chiaro…
    Su Bonazzoli mi pare che tu giustifichi l’operato della società… io no, affatto.

  14. Anche io l’anno scorso fui critico con l’operato della società, lo scrissi ovunque e in tutte le salse!
    Certo, non mi aspettavo di soffrire così tanto, ma che non avremmo assolutamente ripetuto la precedente stagione lo davo per scontato…sarà che ormai seguo la SAMPDORIA con cognizione di causa ormai da una trentina d’anni che, più o meno, “annuso” che stagione andremo a fare già dall’estate, anche se ovviamente poi ci sono le eccezioni…
    Andrebbe fatta una richiesta di risarcimento di danni morali a chi l’anno scorso ( anche personaggi e giornalisti di un certo spessore…) andava a dichiarare e a scrivere che quella era una delle Samp più forti degli ultimi vent’anni, andando così a generare nella piazza pericolose e fuorvianti illusioni…

Lascia un commento

Powered by themekiller.com