NEL MARE IN TEMPESTA L’UNICA SPERANZA E’ RANIERI: SALVACI CAPITANO

35

E’ il nostro Capitano coraggioso e gli è toccata in sorte una bagnarola che imbarca acqua da ogni dove. Un Commodoro, forse, chiamato a salvare una barchetta piena di buchi, in lotta per approdare ad una sperata salvezza: una direzione verso la quale tutti dobbiamo remare.
E’ Mister Ranieri, uomo fino a poco tempo fa estraneo alla storia blucerchiata, ma anche l’unico soggetto in grado di salvarci le penne in mezzo ai flutti in tempesta.
In questo momento il blog è fermo, almeno per ciò che riguarda gli editoriali, per motivi che in futuro verranno spiegati.
E allora, per commentare il presente, utilizziamo i pensieri dell’ottimo Lorenzo Montaldo, che ha analizzato con acutezza la situazione blucerchiata su calciomercato.com.

Un articolo molto interessante e condivisibile praticamente in toto dal titolo: “Come un documento di Word vuoto”, scritto dopo la sconfitta di domenica.

La barra dello spazio sul documento di Word vuoto che uso per i Sampmania lampeggia e mi guarda. Mi sfida, mentre penso a come riempire le righe del pezzo di domani. All’improvviso realizzo che probabilmente è così che si sentono i tifosi della Sampdoria. Come un documento di Word cancellato, desolatamente vuoto, spolpato e annientato. Quantomeno, è quello che provo io. Sapete cosa mi distrugge? Il continuo contrasto tra un sabato come quello di Torino, e una domenica del genere.

Non so da che parte cominciare, e allora credo che possa avere senso partire dalla fine, per risalire a ritroso. L’ultima immagine che ho di Sampdoria-Fiorentina è quella di uno stadio annichilito e congelato, che cerca di spiegarsi perchè gli altoparlanti del Ferraris stiano sparando a tutto volume una musichetta trionfale, dopo che Gabbiadini ha infilato alle spalle di Dragowski una rete inutile e persino irritante. Se vogliamo, questa sciocchezza è la perfetta sintesi della completa confusione societaria e della totale assenza di correlazione tra il mondo reale e un iperuranio lontanissimo, visibile soltanto da pochi eletti, dove tutto è rose e fiori. Si tratta di un universo parallelo nel quale sono i giornalisti, la stampa, il tifo non allineato, i massoni, gli alieni a destabilizzare la squadra. Non chi fa crollare come un castello di carte un CdA a 48 ore da una partita che vale quasi una stagione, no, i colpevoli non sono quelli che appiccano l’incendio, sono quelli che gridano ‘Al fuoco, al fuoco’.

La realtà dei fatti dice che oggi la dirigenza della Sampdoria non c’è più, spazzata via da una modifica allo statuto e una lettera di dimissioni, e che la squadra è modesta, alla faccia di quelli che invitavano all’ottimismo e che sostenevano la tesi secondo la quale “intanto Genoa, Lecce, Spal e Brescia sono molto più scarse di noi”. Il Doria è fragile, malato e totalmente privo di qualsivoglia peso politico e credibilità in Lega. Metà degli elementi in rosa sono evidentemente inadatti alla Serie A, e lo dicono i numeri. La proprietà tenta con mosse degne dell’azzeccagarbugli manzoniano di spostare sempre un passo più in là le scadenze e le rese dei conti, mentre le attività finanziarie dell’elemento che dovrebbe garantire economicamente per la società affrontano non una, non due, bensì tre istanze di fallimento. Questo è il quadro, signore e signori, prendiamone atto. Dite la verità: ma voi ora la comprereste davvero, la Sampdoria?

L’unico collante che rimane tra squadra e ambiente è un signore che non c’entra nulla con questa Samp e questa proprietà, e che sta faticosamente tentando di mantenere a contatto pubblico e giocatori, alla caccia di un’impresa disperata e dai contorni miracolosi. Claudio Ranieri è il solo ombrello a nostra disposizione nel bel mezzo della bufera, è il pilota che con una bella dose di fortuna ti può portare nell’occhio del ciclone, evitandoti di finire stritolato dai venti dell’uragano e dalla tempesta che si sta abbattendo su Genova. Speriamo basti. E poi, se così non dovesse essere, facciamo sempre in tempo a prendercela con lui, no?

Per leggere il resto dell’articolo clicca qui  

 

Autore

SampGeneration

Il blog della Sampdoria

35 commenti

  1. parole sante…facciamo sempre in tempo a prendercela con lui…per alcuni qui vale un cavasin qualsiasi…per altri miopi era meglio giampaolo…poveri noi…quando dovrebbe essere evidente come ho gia’ scritto che il colpevole e’ uno solo, anzi due:mf ed eg, bastano le sigle, non meritano che i loro nomi vengano scritti per intero

    • * Solodoria
      visto che indirettamente mi citi ( sono stato io nel precedente thread a tirar fuori Cavasin…) ti rispondo qui: la mia era chiaramente una forzatura, un paradosso, secondo te davvero posso pensare che il valore di Ranieri e Cavasin sia uguale?
      Suvvia…
      Ribadisco però il MIO pensiero: AD OGGI l’impatto di Ranieri, dopo quasi un girone, è da minimo sindacale, da 6 stiracchiato in pagella!
      E visto che, sempre a parer MIO ovviamente, questa è una rosa sulla carta da salvezza più o meno tranquilla, io rimango piuttosto deluso da tutto ciò che sta succedendo, ho tra l’altro da poco appreso che MAI, NELLA NOSTRA STORIA, avevamo preso per due gare casalinghe di fila almeno quattro gol…che belle soddisfazioni eh?
      Credimi, io mi auguro davvero che mr. Tinkerman ci tiri fuori dalle sabbie mobili e di poter dire, a fine stagione, che non c’ avevo capito nulla e di urlare al cielo GRAZIE MISTER RANIERI!!!

      Domanda/curiosità: ma se dovessimo perdere male a Milano e non vincere contro il Verona, che fareste?
      Avanti col mister fino a fine stagione a prescindere?

      • Si, non è un problema di panchina, da quando è arrivato la media punti e da salvezza, non vedo chi dovrebbe salvarci. Hai nomi migliori di Ranieri per esperienza carisma e integrità?

      • beh si avanti fino a fine stagione con lui…o vuoi veramente cercare cavasin?il solo che aveva piu’ senso di ranieri era iachini ma ormai…

  2. Anche se alcune responsabilità le avrà, specialmente nei cambi e forse anche il posizionamento di Viera e die Ramirez come ala…

    penso che in questa situazione critica ha formato una squadra con carattere e agonismo, la preparazione atletica è degna del nome e mi sà che anche la coesione sociale dei giocatori sia buona.

    Speriamo…

    Non posso credere che tutte le altre pericolanti mantegano il passo attuale…

    • Bertolacci regista visto con la Fiorentina era un po’ troppo lento, ricordo quando all’inizio é stato avvisato dalle urla del pubblico che un giocatore avversario arrivandogli da dietro stava per portargli via palla…
      Boh, non lo do ancora per inutile perché mi sembrava di aver visto un giocatore con tanta voglia di “rivincita”. Aspetto.

  3. sia maledetto chi ha comprato il professionista bertolacci…iachini purtroppo ce lo hanno tolto nel 2012…ci saremmo risparmiati anni di allenatori inutili, su questo hai ragione, a farsi eliminare in quel modo indegno dal voivodina in coppa tanto per citare solo una delle belle figure fatte ci siam voluti noi…

    • Luca (quello che stava in Brasile) -

      100% d’accordo con te (e anche con Mad Max, incredibile ma vero).
      Ci sono delle cose che sono scritte nelle stelle, e tra queste c’era (e c’è ancora) che Beppe Iachini sia il nostro condottiero per 4-5 anni, vada come vada: identificazione totale tra curva, società, squadra.
      E chissenefrega se magari arrivi 13º anziché 10º, stante il livello delle palanche e delle ambizioni.
      A noi tifosi basta vedere giovani e veterani che buttano il sangue ad ogni azione, e che onorano la maglia.
      Allargo il discorso a giocatori mandati via (spesso svenduti) nonostante avessero dichiarato in modo credibile di voler continuare a stare a GE e di amari i nostri colori: penso a Muriel, Acquah, Duncan, Djuricic, Zapata, Silvestre, De Silvestri, Viviano…

      • i have a dream infatti: ranieri, bravo o meno che sia, salvi o meno che saremo, per me a giugno scappa a gambe levate mentre iachini, essendo allenatore pane e salame, temo avra’ brutte sorprese a firenze, a quel punto…

    • La mia idea? Iachini avrebbe fatto bene quanto Giampaolo. Non ci avrebbe portati in Europa League, perché questa società, al pari di quella precedente, non vuole compiere lo sforzo di una competizione Europea.

      Ma sarebbe stato l’allenatore perfetto per la nostra dimensione. Uno che avrebbe fatto sputare sangue, sudore e lacrime a tutta la rosa per la causa blucerchiata. Almeno fino a Marzo.

      • concordo su tutto: il buon iachini e’ un allenatore di medio livello ma non ha pretese di essere un genio o di aver inventato il calcio ed era perfetto per la nostra dimensione, ci risparmiavamo zenga, montella e compagnia cantante

  4. Quello che mi piace di Claudio Ranieri é che credo abbia capacità notevoli nell’evitare “crisi di nervi”, una cosa che nelle squadre che lottano per restare in A e non sono abituate può accadere, anche a livello dirigenziale, noi lo sappiamo bene. Una cosa che può mandare tutto a puttane.

    Diciamo che, scarsi o meno scarsi che siamo, comunque dovremmo da qui a fine anno esprimere quanto siamo capaci, senza penalizzarci andando in agitazione. Lo si vede da come abbiamo reagito a gol presi. A come c’è stata prestazione anche dopo delusioni, tipo la partita col Napoli.

    Ranieri lo vedo bravo a fare digerire le sconfitte e a non fare abbattere troppo se si spendono tante energie ma si perde.

    Poi, se pensiamo allo stato attuale della società… Mi viene da ridere! E’ come se attualmente fosse l’unico … Adulto tra tutti, a cui tutti, dal Presidente all’ultimo dei tifosi, ci stiamo aggrappando.

  5. Ho appena letto che ci sarà ancora Padelli… dai un po’ di fiducia porca miseria!

    @Manolo: tu tira perdio, tira, sempre. Non starci a pensare. Tira.

    • E da buon Doriano replico… Vedrai che parate padelli! Ad ora, l’unica cosa che vorrei è non avere rimpianti post partita. Tradotto: perdere male (come temo) o pareggiare 0 a 0 con un tiro per parte (sarebbe un sogno). Su gp sapete come la penso e cosa dicono i numeri con giocatori pressoché identici

  6. Ciao Pitta non ti voglio contraddire ma Andersen defrel e saponara se sta bene più Praet io non li vedo quest’anno in campo quindi non è vero che la squadra è la stessa dai fin qui ci siamo o no? Ps nel frattempo l’omino piccolo si autosopende da bogliasco. Cose mai viste. Grazie Garrone grazie

    • Ragazzi, penso che tutto siamo concordi nel ritenere la squadra titolare
      Audero,
      Beres, Colley, Tonelli, Murru
      Ekdal, linetty,?
      Ramirez,
      Quaglia, gabbia

      O forse sbaglio?

      Con de paoli e (il purtroppo rotto) ferrari pronti…

      Andersen non mi risulta stia facendo sfracelli. Praet (che a me piace tantissimo) nemmeno.

      I numeri, con il 4312, non risultano interpretabili! Sono numeri!

      Sempre ringrazierò iachini, ma, per la rosa che ha, tutta la vita Ranieri

  7. luigi non li vedi ma avevamo murillo abbiamo leris ora lagumina…dei campioni che tutto il mondo ci invidia…che poi nel dna di sti ravatti residuati dell anno scorso a cui aggiungiamo un fabio involuto ci sia il 4 3 1 2 che era il solo modulo in cui era in grado di giocare l incolore guru e’ indubbio ma da li’ a rimpiangere un fallito che non sara’ mai in grado di allenare una squadra di vertice ce ne passa…comunque son tutti discorsi da cazzeggio perche’ la realta e’ stata ben espressa da te: proprieta’ ad un omino piccolo…grazie garrone grazie

  8. Do pienamente ragione a metà a tutti,
    Come allenatore non potevamo avere di meglio di Ranieri dato che Klopp per ora è occupato;)
    L’aria paternale va bene per noi e la sua aura leggendaria fa si che i giocatori non perdano fiducia. Il gioco semplice e sensato è quel che serve anche se a volte sbaglierà analisi. I giocatori un po’ bandiera sono stati mandati via e questo è lo schifo del calcio moderno, Garrone quanto sei scemo, eppure uno nato ricco industriale e che ha studiato nelle migliori università ha dimostrato come uno scugnizzo della strada lo ha fatto fesso e a noi per giunta. Uno con triplo fallimento si sarà potuto vedere in qualche analisi un po’ più approfondita??
    Più che Ranieri e il gioco in campo quella è lpartita che ci vede sotto senza speranza…

  9. Concordo…
    Un amico sono anni che sostiene che quella di EG sia stata una vendetta verso la tifoseria che aveva osato contestarlo per quel terribile striscione IL PESCE PUZZA DALLA TESTA…
    Ho sempre pensato che l’amico esagerasse, ora più passa il tempo e più credo che non avesse poi così torto…

  10. Io continuo a pensare che sotto la cessione di Garrone a effeminuscolo ci sia qualcosa di importante ma, ovviamente, sconosciuto ai non addetti ai lavori. Riguardo a persone che “sanno” io ho già scritto che un mio amico, noto nel mondo dello spettacolo genovese, ma anche italiano, mi disse tempo fa che un suo “caro” amico (sempre di amici si tratta…) romano e importante era a conoscenza diretta del fatto fatto che Garrone avesse solo usato effeminuscolo come testa di ponte (cioè come dipendente). Sarà vero, non sarà vero? Come diceva un mio vecchio collega di lavoro, per dare risposte certe, o quasi, bisogna avere gli “elementi” giusti. E io non li ho. Però mi viene da riaffermare, e ancora riaffermare, che una persona che bazzica industria, finanza, ecc… in una parola il mondo del “grano”, non può fare un’operazione come quella di regalare un’azienda ad un carneade qualunque. E riguardo il dispetto ai tifosi mi sembra un opzione fantascientifica perchè se non altro viene da pensare all’assurdo del famoso marito che si evira per fare dispetto alla moglie. Come diceva Socrate “so di non sapere” e allora mi rifugio nella logica. Altro non so che dire. E comunque prima toglie le tende è meglio è. E se dobbiamo perdere ogni illusione residua e tornare la squadra che conquista la salvezza all’ultima giornata, magari con festanti caroselli d’auto (a De Ferrari non si può più..) allora attendo con gioia un altro….Mario Colantuoni, “avvocato di campagna” serio e onesto degli anni pre-mantovaniani. Conoscere la propria dimensione è già garanzia di equilibrio psichico.

  11. Ormai credo che l’ipotesi, che si può riassumere pressapoco così ” mf è la testa di legno ma il vero proprietario in realtà è ancora EG…” non regga più…
    Ma come dice Solodoria, personalmente alla favoletta che EG non sapesse chi fosse mf non ci credo…
    Di certo, tra tutti, ci hanno e ci stanno tuttora raccontando un sacco di palle, una farsa disgustosa architettata sulla nostra pelle e sul nostro cuore di tifosi, tra i due non so chi mi fa più ribrezzo…

  12. Ciao Roberto premesso che esponi talmente bene i concetti che leggerli è sempre piacevole la realtà che sappiamo ( quasi ) tutti è che tra Vittorio Alfieri il quale scriveva: volli fortissimamente volli si contrappone Lorenzo de medici che diceva : del doman non vè certezza. Grazie Garrone a te e tutta la tua famiglia cosi’ benevola verso i nostri colori. A Roma direbbero li mort…..adelle tua mettiamola cosi’ per non offendere troppo gli animi.

  13. Quella della “vendetta” di Edoardo Garrone verso (una parte) i tifosi credevo fosse stata abbandonata da tempo… Ma evidentemente mi sbagliavo!

    E’ stata scritta il giorno dopo il passaggio di società, da Lorenzo Licalzi se non sbaglio, e poi seguita da tanti pareri, anche di scrive qui, di libri in tribunale in due/tre anni, eccetera.

    Sono passati sei anni, sei anni Cristo!
    Il tempo col quale una persona passa dalla nascita all’andare a scuola. E si ragione come se ne fossero passati uno o due.
    Anni in cui i conti sono stati messi a posto e nei quali le polemiche erano per una società che… non credeva abbastanza nel piazzamento per la EL, o ricordo male?
    In questi anni di fallimento e tragedie imminenti, per dirne una, siamo andati in EL non per la posizione in classifica, ma grazie alla regolarità di tutto, ratificata anche dalla licenza Uefa. Ma nessuno si é messo dubbi in testa, perché, si sa “le convinzioni, più delle bugie, sono nemiche della verità”.

    Alla presentazione di Zenga, un anno dopo il passaggio di società, Garrone si presentò, a sorpresa. Per molti, per prendersi una rivincita rispetto a quelle mal dicenze. Rivincita che nessuno, nessuno, osò contestare.
    Era comunque il luglio del 2015. Una eternità fa.

    Ora davvero devo ancora leggere la ******* della vendetta.
    Che ci può anche stare nella testa di quelle persone sotto-dotate intellettivamente che, oltre a scrivere di pesce che puzza dalla testa, scrissero anche “Garrone indegno, lascia e ti applaudiamo noi” riferito a Riccardo. Uno che ci ha evitato il cambio del nome (vedi Napoli e Fiorentina) tirando fuori una montagna di soldi e voleva darci uno stadio tutto nostro. Ma se uno era scemo prima, non é che diventa intelligente oggi. Gente che abbiamo tutt’ora in casa e che secondo me va ad intaccare pesantemente l’idea storica di tifoseria “speciale” che ci piace tanto autoattribuirci.

    Edoardo Garrone é SAMPDORIANO tanto quanto lo siamo noi.
    Non solo, non é venuto da Marte su cui poteva e può tornare da un momento all’altro, ma é fortemente legato al territorio da sempre come famiglia, territorio su cui non vuole, e non può, sbagliare.

    Oggi a distanza di tanti anni la Sampdoria vive una brutta situazione (ma con mali non ancora accaduti, solo temuti, sebbene ok ce ne sia il rischio, e chi lo nega), secondo me dovuta da “eventi
    inceppatesi” durante un cambio di proprietà.

    Ma Garrone, é sempre li, gravita intorno alla questione, e quindi, chissà cosa ci sia dietro.
    E per quanto mi riguarda la “presenza” di Garrone (nonché, sebbene più marginalmente, una certa presenza anche di Enrico Mantovani) é sempre e comunque una boccata di ossigeno.
    Invece, evidentemente, per chi lo tratta come un Zamparini qualsiasi che lascia al suo destino una squadra (Palermo) per tornarsene a casa sua (Udine) deve essere addirittura un peso. Mah.

    Per partecipare alle “voci ricevute”, a me invece hanno detto: “tranquillo, Garrone sa benissimo che non tutti i tifosi ce l’hanno con lui, sa come vanno queste cose, é che tanti tante cose non le sanno”.

  14. Mi spiace Sentinel rispetto ciò che pensi ma non lo condivido un’uomo nella posizione di Garrone non poteva NON sapere a chi avrebbe ceduto la squadra e questo viene suffragato anche qui in Lombardia, è inaccettabile che abbia ridotto la società alla zimbella d’Italia e parlare di società ad oggi è un’eufemismo lo “perdonerei” solo se riuscisse a fare da intermediario per trovarci un presidente magari non troppo facoltoso ma serio che abbia un minimo di attaccamento ai nostri colori. Ripeto del doman……

  15. * Sentinel
    risponderti punto su punto diventerebbe troppo lungo e un pò stucchevole quindi lascio perdere, troppo alto il rischio di dar vita a una polemica assai poco interessante, ho personalmente stima di te e di praticamente tutti quelli che scrivono qui, per cui…va bene così 🙂
    Permettimi però una precisazione e una…curiosità:-) :
    lo striscione di cui parli era rivolto a Edoardo e non a Riccardo, visto che quest’ultimo era scomparso già da qualche mese…
    La curiosità invece è questa: ma tu, alla luce di quello che sta accadendo in società e di quello che sta combinando mf in questi mesi/anni tra ipotesi di truffa AI DANNI DELLA SAMPDORIA, rischi di fallimenti delle sue aziende e quant’altro, dalle parole di EG ” ha superato tutti i filtri, sono convinto che farà bene e bla bla bla…” non ti senti un tantinello preso per i fondelli?

  16. Rinviata inter Sampdoria e tutte le manifestazioni sportive in Lombardia. PS. Nel 1981 uno scrittore americano scrisse in un suo libro che una grande epidemia specificando polmonite sarebbe nata nel 2020. Non mi sento di aggiungere altro.

  17. @Luigi:
    Ciao, sinceramente, il complesso di inferiorità rispetto ad altre società di calcio (“zimbella d’Italia”) è una delle mille cose che sono contento di non avere. Anzi è anche una delle centomila che non pensavo potessero nemmeno esistere… Non me ne frega niente di cosa pensano gli altri tifosi. Uno juventino si gode il suo scudetto sempre e comunque, sia che tu e io pensiamo che lo vincano perchè la Juve è marcia e ruba, sia che tu e io pensiamo che lo vincano perchè in panchina hanno giocatori che in Italia sarebbero titolari in qualsiasi altra squadra… Figurati se mentre vincono uno scudetto stanno a pensa’ cosa pensiamo io e te. E comunque sicuramente non sono loro ad instillarci certi pensieri negativi sulla loro società. Questo per fare un mero esempio.
    A proposito, ne approfitto comunque per dire quello che penso sul punto (a chi interessa…) relativo alla “immagine” della Sampdoria. E anzi faccio proprio il parallelo con la Juve, che ho appena portato come mero esempio.
    Della Juve si dice (i detrattori almeno) che è una società ammanigliata, marcia. Della Sampdoria, chi vede il male in Ferrero dice “povera Samp”. Riuscite a cogliere l’enorme differenza? E’ la differenza tra essere “criminali” e parte lesa. Insomma se cambiano i dirigenti della Juve, la fama resta. Se da noi cambia la proprietà, Ferrero si porta via tutto. C’è un oceano di differenza.

    @EL CABEZON
    Ok per la data dello striscione.
    Stai riportando parole dette nella conferenza stampa del 2014. Sei anni fa. Come da oggi al 2026. Ho letto su 4R che ci saranno le prime auto volanti nel 2026… Comunque, restando sul punto: continuo a considerare la teoria della “vendetta” di Garrone, che avesse voluto fare il male della Sampdoria per punire l’ambiente o parte di esso, oggi assolutamente fuori tempo massimo; ed in ogni caso negata dai fatti.

Lascia un commento

Powered by themekiller.com