MERCATO: ANCORA OBIETTIVI CASTRO O VERRE. PRAET LONTANO

6

Niente di nuovo sul fronte blucerchiato. Dopo un periodo di botti in entrata e uscita, dopo la cessione di Soriano al Villarreal il mercato della Sampdoria vive un momento di stallo. Le uniche novità di rilievo riguardano due giocatori che sono stati o sono ancora nel mirino della dirigenza: Manuel Pucciarelli e Dennis Praet.

Pucciarelli sembra sfumato definitivamente. Dopo un tira e molla durato dieci giorni, tra presunti post di addio su Facebook, folli richieste economiche e il pressing di Giampaolo, il trequartista-attaccante Pucciarelli sembra destinato a rimanere all’Empoli. È notizia di oggi il rinnovo di contratto fino al 2020, con lui la società toscana blinda al 99,9 per cento il suo forte attaccante. Mister Giampaolo lo voleva a tutti i costi: a questo punto, dovrà farsene una ragione.

L’affare Praet sta assumendo i contorni di una telenovela sudamericana. Dopo che tra la Sampdoria e l’Anderlecht c’era stato più di un pour parler, ora sembra che sul trequartista belga abbia proteso le sue mani il Celta Vigo. In giornata, gli spagnoli avrebbero alzato ulteriormente l’offerta per assicurarsi le prestazioni del trequartista classe 1994, pareggiando la richiesta dell’Anderlecht di 10 milioni di euro.

Una cifra che la Sampdoria non è disposta a spendere, preferendo concentrare le proprie risorse su di un centrocampista (Verre del Pescara o Castro del Chievo). Per quanto riguarda il mercato in uscita, in partenza l’ormai non più giovane Eramo, ancora aggregato al ritiro blucerchiato per volere di mister Giampaolo. Quasi certamente partirà in direzione Benevento, non appena arriverà qualcuno a rimpiazzarlo.

In uscita anche Barreto, che proprio non se ne vuole andare. Sarà il clima, saranno gli 800 mila euro percepiti all’anno di qui al 2018, ma il paraguaiano vuole rimanere a Bogliasco. La Sampdoria la pensa diversamente e dopo che il giocatore ha rifiutato il Bologna, la società cerca di convincerlo ad accettare l’offerta dell’Udinese.

ROBERTO BORDI

Autore

Roberto Bordi

Redazione

6 commenti

  1. Pucciarelli meglio cosi, Praet sarebbe stata un altra scomessa; ora però bisogna chiudere per Verre visto che Er Vipera i soldi li ha presi per Soriano, si parla di una richiesta sui 7milioni che non mi sembra una follia sinceramente anche se io il giocatore non lo conosco.

    Per quello che riguarda Barreto faccio una domanda; voi al posto suo ve ne andreste a 800 mila l’anno e stare sul mare? Andare a Udine magari per prenderne 500 mila e stare in mezzo al nulla?

    Temo che questo non riusciamo a sbolognarlo…..

    • antonio schellino -

      Sampmania, posso capire anche l’ostracismo nei confronti di chi possa essere lontano per formazione e comportamenti ed atteggiamenti . on mi sembra corretto e neanche Sampdoria style continuare a gettare veleno e vomitare ingiurie ed insulti su chi negli anno trascorsi non ha poi fatto così male anche se ovviamente si poteva fare ualcosa di più e meglio. Per cui da sampdoriano a sampdoriano ti chiedo di rivolgerti sempre con rispetto nei confronti di chi si sta occuapando el ruolo specifico di difendere i nostri colori. Se la piantassimo di nominare il Presidente come Viperetta? Se la piantassimo di giudicare inadeguati giocatori che alla luce dei fatti poi lontano da genova e Bogliasco dimostrano come hanno dimostrato anche gli ultimi esempi un alto apprezzamento non esattamente da squadre di lega pro? Se per un po almeno i sampdoriani veri facessero i supporters e i tifosi e non si inventassero ruoli da bocconiani o da master allenatori diplomati a Coverciano e invece tenessero alta la propria bandiera? E insieme ( e ti ivito a farlo con me) aspettassero la prima partita ufficiale della stagione per gonfiare il petto e alzassero l’urlo più bello al mondo SAMPDORIA OLE’?

      • essere un tifoso della Samp : seguirla in capo al mondo o attraversare l´oceano come me per vedere una partita ( il derby ) e continuate a cantare con gli occhi lucidi per l´incazzatura , essere presenti in tutto il campionato di b e contestare se si crede che qualcosa non va senza importare che si abbia studiato alla bocconi o a cambridge como se questo fosse rilevante o dia il diritto a criticare un operato quanto meno discutibile, per di più che ci troviamo in un blog dove si parla liberamente di calcio con le dovute critiche i sampdoriani veri sono quelli liberi di dire quello che cazzo gli pare con il dovuto rispetto e non quello che sembra giusto a te ! Criticare è lecito spesso pure doveroso e se si facesse lo stessa cosa anche in altri campi forse l´Italia non sarebbe così ridotta!

  2. Massimo rispetto per i nostri colori zero nei confronti di quello che per quanto mi riguarda non lo ritengo un IL presidente di cui non mi sento rappresentato.

    • Quando leggo sue interviste tipo sulla cessione di Correa: «Non ho avuto il coraggio di fermarlo, venne da me e piangendo mi disse che il Siviglia era l’occasione della sua vita, proprio a casa sua. Spiegatemi come si fa a negare ad un ragazzo giovane e di talento un’occasione del genere». Ecco mi vergogno profondamente che questo tizio sia il presidente della mia Samp.
      P.S. Correa non era argentino? un ripassino di geografia caro Viperetta, Siviglia è in Spagna!!!

Rispondi a antonio schellino Cancella la risposta

Powered by themekiller.com