MANOLO GABBIADINI, IL RITORNO E’ DIFFICILE. MA LA SAMP CI PROVA

34

Qualcosa si muove nel mondo blucerchiato e il reparto offensivo della Sampdoria potrebbe avere interessanti trasformazioni nel corso della stagione.

Papu Gomez è vicino a lasciare l’Atalanta. Ciò innescherebbe un giro di mercato che potrebbe portare a Bergamo Caprari, il prescelto da Gasperini per sostituire la classe e l’estemporaneità del Papu.
E con Caprari sarebbero due gli attaccanti che l’Atalanta preleva dalla Sampdoria. Ma le voci di mercato prefigurano qualcosa di interessante anche per i colori blucerchiati.
Manolo Gabbiadini è infatti in uscita dal Southampton FC e ora cerca una nuova occasione per rilanciarsi.
Inutile aggiungere che è proprio con i colori blucerchiati che Gabbiadini ha espresso il suo meglio. Le cifre: Ferrero si sarebbe mosso sulla base di un prestito con obbligo di riscatto fissato a 12 milioni di euro. La proposta non entusiasma la società inglese, che punta alla cessione definitiva del giocatore.
Per arrivare a Manolo, a quanto dice Di Marzio, la Sampdoria dovrebbe cedere uno tra Gregoire Defrel su cui è forte l’interesse del Fulham oppure il già citato Gianluca Caprari.
Insomma, staremo a vedere. Il Southampton chiede 13 milioni di euro sull’unghia per l’attaccante 27 enne.

Una proposta che sarà difficilmente accettata da Ferrero che di solito si propone nella trattativa cercando di pagare i giocatori con due sani fichi secchi.
Gabbiadini sarebbe comunque un rinforzo importante, un passo sicuramente nel verso giusto per affrontare con ambizione la seconda parte di stagione.




Autore

SampGeneration

Il blog della Sampdoria

34 commenti

  1. Ci siamo tenuti Caprari per un lungo periodo in cui era completamente inutile se non dannoso, vogliamo darlo via proprio adesso che è in deciso miglioramento? Allora meglio provare la complessa operazione con Defrel che dopo un inizio scoppiettante sembra un po’ perso

  2. Luca (quello che stava in Brasile) -

    Depurando la mente dall’assuefazione al mantra del nostro guru sudaticcio, per cui cedere Duvan Zapata e prendere Gregoire Defrel avrebbe fatto bene alla nostra performance offensiva (NO COMMENT), cedere il francese per prendere Gabbiadini 5 anni piú vecchio, mi pare veramente una stronzata.

    Intanto deferì, pur non essendo degno di lustrare gli scarpini a Duvan, é un onesto attaccante che si smarca e tira a rete, mentre Gabbiadini é un’ala tutta mancina, che può giocare a destra o a sinistra, suggerisce e solo quando possibile si accentra e tira, insomma saremmo ancora piú stitici in fatto di conclusioni.

    Manolo ha dalla sua, oltre al gran tiro da fuori, anche il saper calciare benissimo punizioni e angoli, ma teoricamente questo compito é stato dato a Ramirez, per cui anche in questo fondamentale sarebbe un doppione.

    Tutto ció premesso, se arrivasse gabbiani senza far partire altri attaccanti (Kownacki compreso) sarei felicissimo.

    • Veramente Gabbiadini e Defrel sono coetanei anzi, Manolo è di qualche mese più giovane…
      Riscattare il francese costerebbe se non erro 18 milioni, ben cinque in più della proposta che pare abbia fatto la società per comprare Gabbiadini, certo ci sarebbe il nodo dell’ingaggio da superare…
      Io per queste cifre Manolo proverei davvero a riportarlo, per me può anche essere impiegato come prima punta, seppur atipica, tanto Defrel non lo riscatteremo mai per quell’importo…

      • Luca (quello che stava in Brasile) -

        Hola Cabezon!
        Mi riferivo ai 5 anni passati da quando é andato via da noi..
        Defrel credo che debba costare, al netto di prevedibili sconti, sui 14.
        Comunque sarebbe a dir poco strano che dopo aver sacrificato un bomber come Duvan Zapata sull’altare del pensiero unico Giampaolino, per prendere un attaccante di manovra come Defrel, dopo 6 mesi mandassimo via il preferito del maestro, per adattare a prima punta un’ala… diciamo che sarebbe follia pura, e come sempre mancanza totale di programmazione, ambizioni e capacità gestionale.

        • PassavoPerCaso -

          Rispondo solo a questo, per l’altro commento un’altra volta che ora ho da fare.
          Ma tu vivi nella mente di GP o vi chiamate tutte le sere?
          GP defini Zapat “Un possibile crack” ed aveva avvallato il suo acquisto.

          Mi dici da cosa deduci che Zapata sia stato sacrificato all’altare del suo credo?
          Fino ad adesso tutto cio’ che ho trovato e’ che GP abbia detto che a lui Defrel piaceva, e che sia Zapata che la societa’ hanno guadgnato un sacco di soldi dall’affare.

          • Luca (quello che stava in Brasile) -

            Non ho il piacere di conoscere l’allenatore, che come avrai capito non mi piace affatto, ma questo non significa che io non possa interpretare ció che vedo.
            Giudico dai fatti e dalle dichiarazioni, che nel nostro sfortunato caso non sempre vanno di pari passo.
            Zapata non sarebbe mai partito senza il beneplacito di GP, che ha invece piú volte dichiarato che per il suo gioco non va bene una punta di sfondamento ma piuttosto 2-3 che manovrano e svariano.
            Le sue squadre non hanno mai avuto un puntero come Duvan.
            Checché ne dica lui, essendo sufficientemente vigliacco da non assumersi mai le proprie responsabilità, NON É VERO che il mercato venga fatto a sua insaputa, specialmente in uscita.
            Sul fatto che la società abbia guadagnato un sacco di soldi con la vendita (a babbo morto) di Zapata, non so dove tu abbia letto questa baggianata, e come possa crederci soprattutto, ma contento te…
            Spero di avere chiarito i tuoi dubbi.

            • PassavoPerCaso -

              Ultimo post (mio) sul tema. L’allenatore vigliacco… belin lo conosci bene. Sai cio’ che pensa sai che e’ un vigliacco…

              Su Zapata: i conti li ho fatti su un altro post tra Zapata e Defrel, senza contare l’eventuale incremento dell’ingaggio di Duvan, ci sono circa 9 mln.

              Praticamente in termini monetari: Zapata = Defrel + cartellino si Saponara.

              CIao alla prossima.

    • PassavoPerCaso -

      Trascuro per amor di pieta’ i commenti sul sudaticcio e l’analisi da allenatore del dopolavoro ferroviario (rigorosamente brasileiro).
      Commento solo il “deferì, pur non essendo degno di lustrare gli scarpini a Duvan, ”

      Defrel: 1 goal ogni 194 minuti alternandosi la posizione di centravanti con Quagliarella.
      Zapata: 1 goal ogni 146 minuti, da punta centrale diun tridente (con Gomez e Ilicic a suo servizio).

      Zapata Samp: 11 goal in tutto il campionato, in perfetta media Defrel.

      Insomma non proprio una differenza da far dire che non e’ degno di lustrare gli scarpini, ecco.

      • Luca (quello che stava in Brasile) -

        se io fossi davvero brasiliano, caro Passavopercaso, avresti probabilmente piú ragione a dire che non ci capisco niente… visto che per loro il calcio é quella cosa che si dovrebbe giocare in 11 acrobati da circo, senza tattica, senza schemi, senza difesa.

        Invece sono italiano, e perdipiú della vecchia guardia, cioè amo il calcio giocato da squadre che abbiano al loro interno ruoli ben definiti, tipo
        – portiere che para e rilancia
        – terzini che sgroppano sulla fascia e crossano, ma che affrontano le ali avversarie
        – mediano interditore che impedisce al regista avversario di pensare
        – regista elegante e intelligente che passa la palla al compagno smarcato
        e soprattutto, udite udite…
        – centravanti che lotta, tira e fa gol
        Detto per amor di pietà che Zapata é stato in panca per 3 mesi, il confronto tra Defrel e Zapata lo potrai fare a fine campionato: io scommetto che Duvan fará una ventina di gol mentre Defrel molti meno, ma posso sbagliare.
        Di sicuro, Zapata é un grande, grandissimo attaccante di razza.
        Defrel é solo un buon attaccante di manovra, se sta bene.
        Punto.

        • PassavoPerCaso -

          Tu puoi amare quel che vuoi, e su alcuni punti siamo anche d’accordo, ma i gusti non li discuto, sono personali. Anche ti piacessero 10 attaccanti e un centrocampista.

          Ma i numeri e i fatti non puoi inventarteli.
          Zapata nel 2017-2018 ha giocato 31 partite su 38 ed e’ stato fuori per infortunio.
          Questi tre mesi fuori li hai visti solo tu.

          Zapata e’ un buon attaccante, non un fenomeno. Defrel e’ un buon attaccante, non un fenomeno. Non vedo un abisso tra i due. Uno segna sfrutando il fisico uno sfruttando la rapidita’.

          Zapata nonostante la stazza difetta in controllo palla e nello stacco (guarda il goal di Mbaye contro di noi l’anno scorso) ma ha una potenza devastante, Defrel manca di continuita’ e colpo di testa.
          Ma ecco, nessuno dei due e’ Vieri, Shearer o Ronaldo.

          Io dico che la media goal sara’ piu o meno la stessa avuta finora, tu che dici?

          • Luca (quello che stava in Brasile) -

            che dico…

            Dico che i 3 mesi fuori Zapata li ha fatti a Bergamo, per stare dentro ai numeri che portavi tu.
            Vedremo a fine campionato chi aveva ragione, poi se ci sará da pagare il classico caffè, io ci sono.

            Dico anche che prima disfarsi di uno che ha fatto i gol ( E CHE GOL) che ha fatto con La Samp, ci avrei pensato molto di più, e che GP é stato complice se non artefice di una cessione che grida vendetta, perdipiú senza le palanche di Schick, Mustafi, Muriel, Skriniar, Correa… e via dicendo.

            Peró voglio anche precisare che, mentre vedrei come una follia vendere Defrel (tanto richiesto da GP) per adattare Gabbiadini al suo posto metà campionato, lo sarebbe meno farlo arrivare al posto di Kownacki, che GP per gli stessi motivi di Zapata, non vede (e te lo dice uno che invece crede che il polacchino potrebbe fare molto bene).

            Su questo spero che anche tu convenga.

            Un abbraccio

  3. Prima destro poi gabbiadini della serie esco per comprare la 500 dopodiché punto alla range rover questo si chiama giornalismo becero tanto per scrivere. Il gabbia non arrovera’ ingaggio e cartellino pesante. Poi sai corri il rischio di entrare in Europa e il viperetta dove li trova i soldi? L’importante è crederci

  4. Luigi sono d accordo con te, purtroppo…e il purtroppo e’riferito al fatto che dal mercato di gennaio per la nostra Samp non mi aspetto nulla di esaltante

  5. Intanto si prospetta una vera asta europea per Andersen. Questo vuol dire che la prossima estate la consueta necessità di avere entrate verrà coperta dal biondino.
    Se poi vogliono vendere anche Praet… Il cui ingaggio è troppo pesante.
    Se la Juve esercita la recompra su Audero ci rimangono 5 milioni.
    Sapere già oggi quali sono le entrate su cui contare credo sarebbe un gran bel vantaggio.

  6. Zapata è molto più forte di Defrel, per me non ci sono dubbi ma, Zapata ormai è il passato ed è inutile continuare a parlarne altrimenti non finiamo più e ripartiamo da Schick che è stato un grande affare cederlo o Muriel che comunque ha fallito etc etc. Bisogna parlare di futuro e allora io dico si a Gabbiadini possibilmente al posto del polacchino o di Defrel no di Caprari. Qualcuno neigiorni scorsi ha scritto Caprari ha sempre deluso andava ceduto! ora che si è messo a giocare molto meglio lo mandiamo via? Condivido in pieno. Penso che un attacco con Quaglia, Capra e Gabbia si molto interessante.

  7. M’inserisco nella diatriba tra Luca e PassavoPerCaso per dire che…avete ragione entrambi!
    La vicenda Zapata fu spiegata nel dettaglio da Stefano Zaino, giornalista di Repubblica sempre molto vicino e ben informato sulle vicende di casa Samp…
    A Zapata Giampaolo non piaceva, gli fu quasi imposto da Osti, poi immagino che viste le prestazioni del colombiano abbia cambiato idea, che il mister preferisca per il suo gioco due attaccanti agili e veloci è risaputo…
    Poi ecco arrivare il mercato e l’esigenza di fare altra cassa dopo quella già realizzata con Torreira, per Praet non arrivano grandi offerte e così si decide di sacrificare Zapata: da come l’ho intesa io non è che Giampaolo sia andato a bussare alla porta dei dirigenti per chiederne la cessione, diciamo però che, sempre per il suo modo d’interpretare il calcio, non ha posto il veto preferendogli Defrel…
    Ricordo che anche Enrico Nicolini la definì una scelta folle, ora non perchè lo dica Nicolini sia Vangelo però il fatto che anche un tecnico sostenesse ciò…
    Concludendo: la cessione di Zapata è stata più una scelta societaria che dell’allenatore il quale però non ha opposto resistenza, non è dato sapere se il mister avesse dichiarato Duvan incedibile come sarebbe andata a finire…

  8. Non si è mai visto che ùn’allenatore decida su un giocatore è sempre la dirigenza quindi anche io non credo che su Zapata abbia deciso il mister

  9. Diciamo che un allenatore puo’palesare piu’o meno apertamente il suo gradimento…ad esempio a giampaolo non e’che ekdal andasse molto a genio e non si era risparmiato nelle dichiarazioni subito prima che arrivasse

    • PassavoPerCaso -

      GP su Ekdal: “Ekdal? L’ho avuto dieci anni fa. In un periodo così lungo nella vita può succedere di tutto. Dieci anni fa era un ragazzo di 19 anni con grandi qualità, tenica e stop orientato, mi auguro non sia cambiato.”

      MI giri una dichiarazione dove ha detto che non gli andava a genio?

      A me pare di ricordare che avrebbe gradito moltissimo Objang, non che non gradisse Ekdal.

      • Mi auguro non sia cambiato non era propriamente un benvenuto…era chiaro che gp preferiva obiang e lo abbia accettato obtorto collo mettiamola cosi

  10. Inviterei tutti a guardare la classifica a destra di ciò che scriviamo, magari poi non resterà la stessa, scivoleremo indietro , comunque si può parlare solo dei fatti e attualmente è buona per non dire ottima, questo aldilà di Zapata, Defrel, Caprari e compagnia varia, tutto il resto è fuffa o se preferite esercizio dialettico, un po’ di ottimismo, cazzo!

  11. Dai Semarco facciamoci una risata non stiamo criticando stiamo cazzeggiando un po’ intanto che rimanga defrel che vada via che arrivi gabbiadini il nostro campionato è quello di un comodo centro classifica il resto è fuffa

  12. Passavopercaso mi sei sempre più simpatico. Grazie per motivare ogni tuo assunto. Ora mi scaglio le critiche. Io proprio ora venderei Caprari per una cifra che si aggiri a quella (assurda e a dir poco gonfiata) nell’affare skriniar. Se il mister non vuole un giocatore, lo fa fuori (cassano, strinic, Silvestre mentre Zapata è stato portato in ritiro, perché ampiamente di gradimento come documentato da parecchi virgolettati). Non è calcisticamente corretto fare un raffronto tra i giocatori se non a parità di compagni. Se mi schiero davanti negli anni 50 (squadra dilettantistica farcita di ex professionisti, faccio dei gol pure io)!!! Quindi, Zapata va confrontato a defrel con a fianco quaglia e capra… W lo zoo!

  13. Ma quaglia e capra li mettiamo in gabbia?ragazzi buon anno a tutti…passavopercaso non hai messo il link delle dichiarazioni di giampaolo su ekdal…scherzo eh le ricordo bene,non cercare nulla e mandami pure affanculo ma col sorriso…ale’doria

  14. *PassavoPerCaso
    io ti ho riportato la ricostruzione dei fatti…fatta da Stefano Zaino che a me pare un giornalista onesto ed equilibrato e che lui stesso si definisce Giampaoliano per cui non corriamo il rischio di trovarci di fronte ad un…hater del mister:-)
    Continui a riportare dichiarazioni di Giampaolo su questo e quell’altro giocatore ma abbi pazienza, cosa vuoi che dica pubblicamente?
    Era arrivato a difendere persino Alvarez:-)
    Mi sembra evidente che non possa storcere il naso riguardo a giocatori che sta allenando attualmente o che ha avuto di recente e che oggettivamente hanno fatto bene, vedi appunto Zapatone, e dice bene chi ha scritto che non aveva accolto con entusiasmo neppure l’arrivo di Ekdal dicendo infatti, parola più parola meno “la società mi prende Ekdal, e allora che vada per Ekdal” manifestando non poche perplessità…
    Ti riporto io una dichiarazione del mister che secondo me dice tanto“Zapata aveva caratteristiche diverse rispetto a Defrel e viceversa. Le caratteristiche dei calciatori rispecchiano anche i modi di giocare. Con attaccanti veloci e agili puoi attaccare la profondità, con giocatori meno agili giochi più palla addosso. È ancora fuori Praet per infortunio. A me piacciono i giocatori rapidi“.

  15. Abbandoniamo ora le elucubrazioni sul mercato.
    E’ ora di entrare in trance pre-agonistica per l’ottavo di Coppa Italia.

    – Partita secca
    – Quote equilibrate (1 a 2,80, 2 a 2,50)
    – Milan che 4 giorni dopo ha la Supercoppa con la Juve (potrebbe centellinare alcuni giocatori), mentre noi non abbiamo alcun motivo per fare turn-over strani… ecco, tipo quelli tradizionalmente fatti proprio in Coppa Italia.

    C’è la possibilità di farcela, e qualora ci si riuscisse, sarà logico, piacevole, ma soprattutto doveroso godere fortemente!

    Tutti allo stadio per interagire con l’evento con un ruolo da (quasi) protagonisti!

    Milan Merda

  16. PassavoPerCaso -

    Concordo!

    Tra l’altro snobbare la Coppa e’ una sciocchezza. Dovessimo passare il milan ci sarebbe Napoli o Inter.
    Proviamoci!

    Froza Samp.

Lascia un commento

Powered by themekiller.com