L’OCCASIONE PER VOLARE. NON SPRECHIAMOLA

7

Nel campionato degli imprevisti e dei risultati a sorpresa, vincere la gara di stasera ci condurrebbe a vette impensate e impensabili soltanto un mese fa.
Giusto per suscitare un sorriso (o un grattata di palle, a seconda degli umori personali), ieri sera lo zio Bergomi a Sky (probabilmente per amore di Zenga) ha sparato questa frase: “In questo campionato strano, non dimentichiamoci che la Samp deve giocare domani ed è ben allenata. Se dovesse vincere la partita entra anche lei nella lotta per i primissimi posti”.
Che partano tutti gli scongiuri del caso. Ma stasera l’occasione è ghiotta: dobbiamo giocare per il segno “2” 
Una vittoria stasera conferirebbe inoltre un fascino spettacolare al match di domenica prossima contro l’Inter, letteralmente disintegrata dalla Viola di Paulo Sousa, quest’estate vicino alla Samp.
Perfetto, come nelle migliori occasioni l’Inter arriverà a Genova con il coltello fra i denti e il pepe nel culo.
Ma prima pensiamo ad altri nerazzurri: squadra alla nostra portata, ma, come si legge su giornali e siti vari, “alquanto ostica”.
Sarà una partita aperta, in cui la nostra difesa dovrà bissare la sorprendente prova disputata contro l’artiglieria pesantissima della Roma.
La speranza è di non vedere più quel catenaccio da dopoguerra che sta mettendo in campo Coach Walter.
Il catenaccio ce lo dovremo già sorbire nella partita contro l’Inter. Con l’Atalanta, viva Dio, giochiamocela!
Abbiamo molta qualità in campo: Fernando, Soriano, forse Correa, Eder, Muriel, più il supporto indispensabile di Barreto. Stasera, poche palle, la partita dobbiamo farla noi.

Autore

SampGeneration

Il blog della Sampdoria

7 commenti

  1. Una divagazìone….extra. Una volta tanto nella vittoria di….quelli là c’è un aspetto positivo. Ha perso Mihajlovich e ne sono felice. Da bambini dicevamo “Così impari!!”

    P.S. Speriamo faccia la fine di Del Neri e di tutti quelli che “vogliono” lasciare la Samp e poi fiiniscono nel dimenticatoio. La lista è lunga…….

    • Continuando la parentesi che hai aperto io non posso “voler male” a Sinisa perché tutto sommato ci ha salvato dalla B e ci ha fatto disputare un campionato di tutto rispetto, anzi, un pochino lo rimpiango perché secondo me se ci fosse stato lui saremmo ancora in corsa in Europa.
      Ma vabbè, è andata così e sinceramente lo capisco e condivido la scelta che ha fatto così come ai tempi ho condiviso la scelta di Del Neri (e pure quella di Marotta).

      Mettiti nei suoi panni: sei uno straniero, la tua squadra preferita è, che ne so, il Siviglia, e dopo un campionato buono con la Samp ti propongono il doppio dello stipendio per allenare il Milan o la Juve: che fai rinunci? Io NO, mai e poi mai.
      Da “non tifoso” avrei seguito la stessa strada di Del Neri e la stessa strada di Sinisa. Poi Del Neri è stato emarginato ma prima o poi ricomincerà ad allenare, mentre Sinisa sulla panca del Milan ci rimarrà ancora e sicuramente avrà modo di dimostrare che sa fare l’allenatore.

      Chiusa parentesi:

      stasera è dura – così come è stata dura a Torino.
      L’Atalanta sa giocare a calcio. Ok, sulla carta meglio noi, ma sempre all’erta!

  2. Una divagazìone….extra. Una volta tanto nella vittoria di….quelli là c’è un aspetto positivo. Ha perso Mihajlovich e ne sono felice. Da bambini dicevamo “Così impari!!”

    P.S. Speriamo faccia la fine di Del Neri e di tutti quelli che “vogliono” lasciare la Samp e poi fiiniscono nel dimenticatoio. La lista è lunga……

    Vedo che siete in tanti ad esultare per ciò che è accaduto ieri a Marassi, come si dice a Genova ME TASTU SE GHE SUN!
    Questo vero e proprio odio verso Mihajlovic lo trovo assurdo, sono allibito e quasi sconcertato nel constatare ciò…

    • Nel cuore del tifoso sempre vive la romantica illusione di trovare nuove bandiere. Non succede quasi mai. Quanti ora stanno sognando un eder bandiera? Con probabile delusione dopo

    • Hai ragione, la gratitudine, questa sconosciuta. Passi qualche critica, ma godere della sconfitta di uno che ieri sperava di vincere anche per noi, é proprio il colmo….

  3. Scrivo volutamente dell’intervallo. Su Moisander meglio proprio non dir nulla. Muriel é in involuzione rispetto all’anno scorso, l’anno in cui era grasso e infortunato (fate voi). Correa (fanno quasi 20 milioni in due) non puó giocare in serie A, ha troppa paura di farsi male, forse anche di sporcarsi, forse é proprio presuntuoso. Ma va fatto giocare per forza evidentemente… chiunque metterebbe Ivan a centrocampo e Soriano trequartista, anche mia nonna.
    Pereira paga legittimamente l’età.
    Meno male che c’é invece chi ci da sennó altro che un gol. Almeno col Torino giocavamo contro una squadra con dei valori. Quest’Atalanta é una squadra normale se va bene.
    Certo in difesa abbiamo piú infortunati che titolari, e scelte obbligate.
    Mah, speriamo nel cambio di passo post intervallo…

  4. De Silvestri, Silvestre, Coda, Cassani, ci fossero stati avrebbero anche potuto fare una difesa titolare… Quindi qui c’é anche sfortuna.
    Ma per il resto, ad alcuni sono stati fatti troppi complimenti credo…
    Cassano, credo stia addirittura ingrassando, sarà la maglia bianca spero. Tante dichiarazioni d’amore, ma non chiedetemi la dieta che é troppo. Mi sento pigliato per il culo.

Lascia un commento

Powered by themekiller.com