“LA MAGLIA BLUCERCHIATA? E’ LA PIU’ BELLA DEL MONDO”

11

“Può passare il tempo ma siamo sempre noi. Cambieranno tante cose anche i nomi dei nostri eroi”.

Con queste parole che oggi potrebbero essere scolpite su pietra, i New Trolls, con l’aiuto imprescindibile di Federico Sirianni raccontavano e immortalavano il tifo blucerchiato.
Una storia sorprendente che mette in campo sempre tanta poesia.

Perchè in fondo è sempre la stessa storia: sono sempre quei colori magici che ci fanno venire i brividi.
Quando si vede blucerchiato cresce l’entusiasmo. E allora riportiamo le parole rilasciate al Secolo da Giampaolo, che dovrebbe essere il nostro allenatore a vita, ad libitum:

L’altra sera guardavo in televisione “Che tempo che fa”. Quagliarella ha regalato la sua maglia a Fabio Fazio. Ero con mia moglie, le ho detto “guarda come è bella”. La maglia della U.C. Sampdoria respira fascino. È riconoscibile. È quella. Non si camuffa. Il fascino della Samp deriva anche da quella maglia, ha un senso di antico e di storico, la riconoscevi anche quando la tivù era in bianco e nero. Tutti la vogliono. Rappresentarla nel modo migliore… questo è il mio sentimento. E il sentimento è la prima cosa, senza non fai niente”.

Autore

SampGeneration

Il blog della Sampdoria

11 commenti

  1. Purtroppo Giampaolo non credo sarà il nostro allenatore a vita. Se, come mi auguro, riuscirà a tenerci nei primi posti della classifica con una squadra, la nostra, che ha un organico complessivo (secondo me) da decimo posto, penso che squadre più titolate della Samp inizieranno sicuramente a corteggiarlo.
    A me spiacerebbe molto se andasse via a fine campionato perchè, oltre ad essere un buon allenatore che ha dato un gioco ben definito ed una fisionomia alla squadra, è anche una persona colta e nelle sue interviste non è mai banale, al contrario di tanti suoi colleghi.
    Tornando ai nostri “colori magici”, voi ottima redazione di Sampgeneration fate una campagna di sensibilizzazione verso la Società affinchè, con promozioni mirate relative ai biglietti dello stadio, si riescano a vedere gradinate, distinti e tribune colme di tifosi. Che ci siano sempre meno presenze allo stadio, anche se la squadra si sta giocando qualcosa di importante, è un dato di fatto sconfortante.

  2. Purtroppo Giampaolo andrà via è la legge del calcio, pazienza godiamo quest’anno poi lo ha detto anche lui non puoi pensare di vendere tutti gli anni e di crescere l’obiettivo Samp è rimanere in serie A cosi è fatevene e me ne faccio anche io una ragione dopodiché ci può stare l’anno in cui fai di più di quello che ti eri prefissato ma questo non cambia la realtà. Sui colori più belli del mondo ovviamente tutti concordi ma questo lo sappiamo da sempre

    • Si infatti, avrei riportato quelle di dichiarazioni. Praticamente ha già detto addio per potersela giocare in una squadra con più ampie ambizioni.
      Oggi gioiamo di una posizione che, però, è anche il massimo ottenibile con questa gestione. Lo ha detto lui chiaramente.
      Certo deprimersi sarebbe da pazzi e rincoglioniti, è una posizione invidiata da tre quarti di serie A!
      Ma il tifoso è sognatore.

  3. piuttosto che il tecnico, comunque tra i più bravi visti sulla NS panchina, mancherà l uomo, colto, chiaro nel parlare, e finora sempre corretto nei confronti di tutte le componenti del mondo Samp. Godiamocelo perché ce ne sono pochi in circolazione come lui.

    • Concordo pienamente con MIKP riguardo al mister. Auguro le migliori future fortune a Giampaolo, ma ho il presentimento che, una volta approdato in una grande piazza, non gli daranno il tempo di costruire quello che ha costruito qui da noi e si brucerà.
      Se inforca una serie di risultati negativi in una piazza come Napoli, che non è paziente e tranquilla come la nostra, lo cacciano immediatamente.
      Io sono convinto che lui sappia fare benissimo in una società di medio livello, ma che non sia adatto a società che hanno enormi aspettative, un pò come Gasperini…

  4. sul mister si puo’ dire di tutto tranne che sia ruffiano.se ha detto queste cose e’ perché lo sente davvero.questa dovrebbe essere una buona ragione per rimanere ancora almeno un’altra stagione se fossi in lui.poi ogni tanto ci fa incazzare per le sue scelte ma da un anno e mezzo a questa parte ci sta facendo godere.come uomo credo sia una persona squisita e mai banale nelle sue interviste.raramente ho ascoltato con interesse le conferenze stampa del sabato di allenatori precedenti invece con lui succede.dai mister facci sognare ancora

Rispondi a seMarco Convalle Cancella la risposta

Powered by themekiller.com