LA LEVA CALCISTICA DEL… 1997: OCCHI SUGLI ATTACCANTI FAVILLI E OBERLIN

2

Oltre all’interesse per Defrel, che rimane sempre forte, la Samp ha messo gli occhi su altri due possibili obiettivi per l’attacco: Dimitri Oberlin e Andrea Favilli, entrambi nati nel 1997. Il primo gioca nel Basilea, che lo ha appena riscattato dal Salisburgo. Il secondo, dopo la recente esperienza all’Ascoli, è di proprietà della Juventus, proprio come il neo-portiere blucerchiato Emil Audero.

Oberlin, nato in Camerun ma cresciuto in Svizzera, è in tutto e per tutto una punta moderna. Alto 1 metro e 82 centimetri, abbina alle doti tecniche una buona velocità con cui attaccare la profondità per fare male alle difese avversarie. Potenza fisica e agilità si combinano alla perfezione in questo ragazzo che, nonostante la giovane età, ha già maturato una buona esperienza in ambito nazionale e internazionale. Dopo il vivaio nello Zurigo, è passato prima al Salisburgo e poi al Basilea, dove l’anno scorso ha giocato con una certa continuità mettendo a segno 9 gol in 31 presenze. Ottimo il suo rendimento in Champions League, con 4 reti in 8 presenze. Il profilo di Oberlin appare perfetto per l’attacco blucerchiato. Il ragazzo sa muoversi su tutto il fronte d’attacco, gradisce il gioco palla a terra ed è micidiale nelle incursioni da lontano o dalla fascia. Sulla carta sarebbe un vero colpaccio.

L’altro giovane attaccante finito sul taccuino dell’area tecnica della Sampdoria è Andrea Favilli. Anche lui classe 1997, è diventato di proprietà della Juventus dopo le esperienze a Livorno e Ascoli. Fisicamente è un armadio, con il suo metro e 91 di altezza. Le sue caratteristiche sono diverse rispetto a quelle di Oberlin. Favilli è il prototipo del numero 9, bravo a far salire la squadra e nelle sponde con cui aprire gli spazi ai compagni. Padrone nell’area di rigore avversaria, dispone di doti balistiche importanti. Anche a Coverciano si sono accorti delle sue potenzialità. Il ragazzo ha fatto la trafila delle rappresentative giovanili dell’Italia. Ultima esperienza quella in Under 21, con 1 gol in 7 presenze. L’anno scorso Favilli era partito bene con 5 reti in 12 partite in Serie B, poi un brutto infortunio ai legamenti lo ha tenuto fuori per tutta la stagione. Potenzialmente è un ottimo giocatore.

Nel frattempo la Sampdoria continua a lavorare per regalare Defrel a Giampaolo. Al momento la trattativa è in stand-by, ma i blucerchiati continuano a lavorare su questa pista. Da giorni si parla di una possibile conclusione dell’affare sulla base di un prestito con diritto di riscatto. Sembra che l’eventuale arrivo a Genova del francese non precluderebbe quello di uno tra Favilli e Oberlin. Per quanto riguarda questi ultimi, circa il loro possibile acquisto si registrano due problemi diversi. Favilli rimarrà aggregato alla Juventus per qualche tempo su indicazione del tecnico Allegri. Per quanto riguarda la svizzero-camerunese, invece, su di lui rimane forte l’interesse della Fiorentina.

Autore

Roberto Bordi

Redazione

2 commenti

  1. La squadra è ancora indecifrabile.
    Silvestre va o resta?
    Chi al posto di Torreira?
    Senza Zapata e con Quagliarella con un anno in più, che attacco? Siamo poi sicuri che Defrel non sia un diversivo?
    Sala va, così prendiamo un terzino dx di ruolo?
    Ne deve passare di mercato sotto i ponti….
    La priorità è comunque valutare la coppia Andersen-Colley: devi esser certo che può funzionare!

    • Roberto Bordi -

      Ciao Sentinel. Silvestre va al 99,9%, al posto di Torreira potrebbe arrivare M’Bia, in attacco ancora non si sa, sulla fascia destra della difesa tra Beres, Rolando e volendo Alex Ferrari siamo a posto. Andersen-Colley? Personalmente sono ottimista. Sarà più importante avere un bel recupera palloni davanti alla difesa che sappia dare una mano nelle situazioni di inferiorità numerica.

Lascia un commento

Powered by themekiller.com