IL PROFILO DI ACQUAH, COLPO LAST MINUTE

3

Scusate la battutaccia: Acquah sul fuoco dopo le turbolenze odierne, tra l’addio di Capitan Gastaldello, la misteriosa vicenda Diakité e la presunta fuga da Bogliasco di Eto’o (allarme comunque rientrato). Alla fine, nella ridda di nomi circolati in una delle sessioni di mercato più movimentate (ed ansiogene) della recente storia blucerchiata, Ferrero ha annunciato urbi et orbi l’ingaggio del centrocampista ghanese del Parma Ebezener Afriyie Acquah.

Trattativa travagliatissima: da giorni, infatti, l’ingaggio veniva dato per imminente, ma qualcosa ha sempre bloccato l’ufficializzazione. Ora siamo alla volta buona. Il giocatore ghanese arriva alla Samp dall’Hoffenheim con la formula del prestito.
Il giocatore è giovane (nato il 5 gennaio 1992 a Sunyani, periferia di Accra, in Ghana), ha talento e costa relativamente poco (il valore di mercato attuale è di 3 milioni di euro, secondo transfermarkt.it).
Dal punto di vista tattico Acquah si presenta come un centrocampista completo e duttile, capace di giocare in ogni zona del centrocampo, veloce, schierabile sia come regista che come interdittore.
E’ ambidestro, anche se predilige il destro. La sua carriera si è svolta prevalentemente in Italia, con una breve (e non felicissima) parentesi in Germania.
Nel 2005 viene ingaggiato dal Glentoran Academy, scuola calcio istituita dalla gloriosa società nordirlandese del Glentoran; in tre stagioni si guadagna il titolo di miglior centrocampista ghanese Under 14 e un soggiorno di due settimane in Irlanda del Nord, in cui ha l’occasione di allenarsi con la prima squadra del Glentoran. Successivamente disputa un paio di stagioni in patria tra Mine Stars, Bechem United e DC United, prima di essere ingaggiato dal Palermo nel febbraio 2010.

In Sicilia da’ il proprio contributo alla conquista del titolo Primavera e, nell’estate 2010, viene aggregato alla prima squadra.
Esordisce in A il 6 febbraio 2011 (Palermo-Fiorentina 2-4), a fine stagione, totalizzerà 11 presenze in campionato e 3 in Coppa Italia. Nel 2011-12 disputa 20 presenze in campionato: titolare con Mangia, viene però accantonato a partire da gennaio, in concomitanza con l’arrivo di Bortolo Mutti. Nell’estate 2012 non rientra più nei piani tecnici dei rosanero: viene quindi prestato al Parma. In Emilia, le cose vanno abbastanza bene (13 presenze in 6 mesi), ma a gennaio l’Hoffenheim lo acquista per 2,5 milioni di euro. La parentesi in Bundesliga è infelice: non vede il campo e viene convocato appena 2 volte in campionato.
Nel 2013-14 lo rivediamo (in prestito) a Parma: 27 presenze e 1 rete (contro la Roma di Garcia) nell’ottima stagione dei ducali. Si guadagna la convocazione ai Mondiali (disputando la gara contro il Portogallo) e riesce a convincere l’Hoffenheim a rinnovare il prestito in Emilia.

In questa stagione Acquah ha totalizzato 14 presenze in campionato. Attualmente il centrocampista si trova in Guinea Equatoriale a disputare la Coppa d’Africa: il Ghana infatti è in semifinale, in lizza per assicurarsi il trofeo continentale. Acquah è riuscito a guadagnarsi rapidamente un posto da titolare. Con la sua nazionale il centrocampista ha disputato 12 gare (esordio il 29 febbraio 2012, contro il Cile), ha segnato 1 rete ed è stato convocato per due competizioni internazionali.

Autore

SampGeneration

Il blog della Sampdoria

3 commenti

Lascia un commento

Powered by themekiller.com