GIAMPAOLO HA DISTRUTTO MONTELLA. SAMBA BLUCERCHIATA AL FERRARIS

10

Il Milan balla la samba a Marassi. Se c’è un dato che emerge dalla partita di oggi, dominata dalla Sampdoria, è la netta supremazia organizzativa, tecnica, oseremmo dire filosofica ed esistenziale di Giampaolo su Montella.

C’è sempre un legame affettivo che ci lega all’Aeroplanino: duole dirlo ma Mister Montella è un tantino sopravvalutato. La partita è finita 2-0, ma Giampaolo ha battuto Vincenzo almeno 4-0.

La cronaca:

Il primo tempo si chiude a reti inviolate ma si è giocato praticamente solo nella metà campo rossonera. Possesso palla sempre nostro, arriviamo prima su tutti i­ palloni ma le conclusioni a rete sono poche. Difettiamo negli ultimi metri e nei primi minuti il Var ci nega un rigore per un fallo di mano in area rossonera che in effetti sembrava non esserci.

Nella ripresa caliamo leggermente, impossibile d’altronde mantenere i ritmi indiavolati della prima frazione,  e le nullità rossonere prendono lentamente campo. Restiamo comunque compatti ed ordinati e pur senza avere grandi occasioni troviamo il vantaggio ultra meritato al 72°: Zapata combina la vaccata, in area intercetta un cross di testa e lo serve allo Zapata blucerchiato che stoppa di petto nell’area piccola e spacca la porta di destro. Black power in maglia blucerchiata.

Il Milan tenta una reazione sotto la guida di un Montella funereo ma la solida Sampdoria di oggi non si scompone ed anzi trova il meritato raddoppio su un altro errore del Milan: l’insospettabile Alvarez sommerso di critiche da mesi ne azzecca finalmente una e legittima il quasi milione di euro che guadagna in un anno solare: l’argentino entra in area e calcia rasoterra sul secondo palo alla Gallo Belotti: 2-0 partita finita, vinta nettamente e meritatamente.

Il Milan è stato assediato, prestazione disarmante dei rossoneri e di livello europeo della Sampdoria.

Le note finali: Torreira è monumentale, Zapata un tir umano, un caterpillar ebanico. Buona la gara di Bereszynski, veloce ma con un senso logico calcisticamente parlando. Finalmente un polacco con un senso logico calcistico.

La speranza è che questa partita sia il giusto trampolino per lanciarci nelle parti alte di classifica, il momento di meritata gloria per Giampaolo che oggi ha dimostrato una volta di piu’ di essere un allenatore di razza, fenomenale per i nostri livelli.

Autore

SampGeneration

Il blog della Sampdoria

10 commenti

  1. partita semplicemente perfetta interpretata magistralmente da tutti.meriti particolari per i nuovi acquisti zapata strinic e ferrari che ha disputato una partita sontuosa formando con silvestre una coppia centrale davvero rocciosa e solida.torreira mostruoso e Ramirez incredibilmente continuo e sempre al centro dell’azione.se poi anche Alvarez azzecca giocate simili allora vuol dire che oggi e’ stata la giornata perfetta.quel cazzo di palo a verona grida ancora vendetta peccato…..speriamo che gli scetticismi e i catastrofismi che c’erano fino a qualche settimana fa siano definitivamente spazzati via dopo cotanta prestazione.avanti cosi’

  2. Siamo tutti felici per classifica e prestazione però vorrei ribadire che quando si prova a fare una critica costruttiva non si è ne pessimisti ne catastrofisti prova ne è che quando qualcuno diceva che Ferrari è due spanne sopra Regini non lo faceva sicuramente per il puro gusto di criticare comunque forza Sampdoria continua a farci gioire!!!

  3. grande programmazione strategica di una società che sa fare alla grande il suo lavoro nonostante ancora la poca esperienza…si inizia a vedere il Berez che mi che speravo di vedere…che tra l’altro sta facendo molto prima di Praet ad entrare nei meccanismi e ad affermarsi :-)..

    • LUCA DAL BRASILE -

      Berezinsky andava confermato subito e senza esitazioni (anche perché il suo alter ego é davvero grammo).
      Praet, da giocatore di classe quale é, si sta adattando al ruolo non suo e anche a me sta piacendo per impegno, eleganza e grinta. Se arrivasse un gol secondo me si esalterebbe.
      Sulla programmazione strategica ho qualche riserva, ma quel che conta é che oggi stiamo prendendo coscienza di un gruppo e di una squadra molto piú equilibrati e compatti dell’anno scorso.
      Spero che se ne accorga anche GP, e non solo nelle partite di cartello, ma anche e soprattutto in quelle come Verona.
      Ad Maiora!!!

  4. Bella, bella e ancora bella Samp. Era da tempo che al Ferraris non mi divertivo così tanto. E che soddisfazione mandare il Diavolo all’Inferno…….
    Oggi darei un voto altissimo a tutti, ma forse il piccolo-grande Torreira ha dimostrato ancora una volta, se ce ne fosse bisogno, di essere di caratura internazionale.
    Finalmente il Mister ha sostituito Sala con l’ottimo Bere e Regini con l’altrettanto ottimo Ferrari e, avendo tutti gli uomini giusti al posto giusto, la squadra ha girato a mille e ha tritato il Milan.
    Visto che a Udine Zapata era considerato un “bidone”, io fossi nei panni dei nostri dirigenti chiederei ai friulani se di “bidoni” così ne hanno altri da venderci…… Duvan davanti è tanta roba!
    Forza Samp.

  5. Primo tempo pazzesco, inevitabilmente siamo calati nella ripresa e paradossalmente abbiamo segnato quando la gara si stava spegnendo e dentro di me temevo un finale di sofferenza con il possibile ritorno dei zozzoneri…
    Io una nota di particolare merito la voglio spendere per Bereszynski che, forse, avrà sbagliato un intervento: ho sempre sostenuto e insistito che era assolutamente inutile prendere un Laurini qualsiasi, o si acquistava un terzino destro in grado davvero di fare la differenza ( ma poi, chi?) o tanto valeva puntare su questo polacco che anche l’anno scorso, seppur a sprazzi, aveva fatto vedere e capire di poter dare il suo contributo alla causa…
    Grandissima goduria, se poi penso che abbiamo purgato quel piccolo uomo che sedeva sull’altra panchina bè…la goduria si amplifica a dismisura…

  6. Partita capolavoro del mister, squadra veramente tosta!!!.giornata meravigliosa..
    l’unico rammarico… pensate cosa poteva essere questa squadra con Zapata e Muriel!!!

  7. Quando a pochi minuti dalla fine è entrato Alvarez al posto di Linetty tutti penso, abbiamo pensato……….
    poi il goal bellissimo. Il calcio è strano forse a volte ci fa parlare troppo. GRANDISSIMO GIAMPAOLO.
    Grande partita, squadra perfetta. Vorrei spezzare una lancia a favore di Bereszinski!!!!!

  8. LUCA DAL BRASILE -

    Il nostro fuoriclasse si chiama Lucas Torreira: non ricordo un mediano completo come lui.
    Se penso che l’Inter aveva speso 45 milioni per Kondogbia, faccio 2 conti e dico…

    Oltre al piccolo grande uruguagio, abbiamo Silvestre che é una muraglia e il duo Regini – Ferrari che nonostante le iniziali perplessità, e giocando come nelle ultime gare, ci faranno stare abbastanza tranquilli.

    Davanti siamo completi con 4 attaccanti tutti abbinabili tra loro (non dimentichiamo Kownacki).

    A metá campo abbiamo diverse soluzioni e l’entrata ieri di Verre e Capezzi fa ben pensare ad un gruppo coeso, e anche al fatto che tutti abbiano o avranno delle chances.

    Ora Udine la seconda chance per dimostrare che possiamo puntare in alto: la prima a Verona é stata sprecata.

    Let’s go mariners!

Lascia un commento

Powered by themekiller.com