FINALMENTE 3 PUNTI. DECISIVI SORIANO E LA FALANGE NERA

6

A Udine succede di tutto, sbagliamo una caterva di gol, alla fine ne potevamo segnare dodici o tredici. Ma ci va anche bene, sullo 0-1 l’arbitro annulla una rete valida a Thereau per fuorigioco.
A parte questo episodio, meritiamo nettamente la vittoria.
L’Udinese è squadra strampalata, ha giocato un calcio semi-balneare: si è riversata in attacco e ha lasciato dei buchi clamorosi in difesa.
Muriel ha giocato a ritmi alterni: ha sulla coscienza un paio di gol sbagliati in maniera incredibile, ma si è esibito anche in giocate risolutive.
Djordjevic (messo a sorpresa in campo da Sinisa a inizio ripresa al posto di Eto’o) ha ottimi numeri. Svolazza per il campo come una libellula, ma sbaglia anche due gol madornali, davanti al portiere con 20 metri di spazio.
Sugli scudi Wszolek, ci piace finalmente dirlo.
Finalmente un grande polacco, che al 25′ sblocca la partita.
Potere al contado: Wszolek avanza sulla destra, sembra munito di zappa, sfonda e sfronda il terzino avversario e mette in mezzo per il puntualissimo Soriano che la butta dentro di destro: 0-1.
Acquah e Duncan a centrocampo fanno un gran volume di gioco: meglio Acquah, che azzanna i calcagni degli avversari, ha tutta l’aria di volerseli portare a casa come trofei di caccia.
Dopo il gol, tuttavia, patiamo la reazione udinese, che fa gioco ma sbaglia spesso e volentieri quando arriva vicino all’area.
Al 50′ errori incredibili in area friulana: cross di Silvestre, magia di Soriano: palla dietro a Muriel a colpo sicuro, fetecchia di Muriel respinta dal portiere, irrompe a testuggine Duncan, sbaglia incredibilmente da un metro colpendo il palo, palla ancora a Muriel che ri-sbaglia a colpo stra-sicuro colpendo sul petto un difensore sulla linea di porta.
Allucinante, Sinisa calcia la solita bottiglietta in panchina. 
Teniamo così in bilico l’ennesima partita che potevamo chiudere da tempo.
E l’Udinese sfiora il pareggio: prima palo di Widmer a un metro dalla porta, poi gol annullato per fuorigioco inesistente a Thereau.
Chi vedeva la partita su Sky ha assistito ad uno spettacolo impagabile: Onofri, oggi commentatore, che strozza l’urlo in gola e pare che voglia bestemmiare in turco.
Finalmente arriva il raddoppio: prima Djordjevic sbaglia il primo tiro davanti al portiere. Due minuti dopo si libera bene in area e con una deviazione del portiere mette Soriano in condizione di segnare con un tiro al volo di sinistro. 0-2, ottimo.
Poi ancora errori di Djordjevic solissimo davanti al portiere.
La partita ha un ritmo frenetico: noi abbiamo più occasioni oggi che nelle ultime 15 giornate.
Al 79′, sull’ennesimo contropiede 4 contro uno, palla ad Acquah che si invola solo verso la porta e non sbaglia con un preciso destro 0-3.
C’è tempo ancora per un nostro errore a centrocampo: Di Natale si guadagna un rigore, che realizza per l’1-3.
E poi gloria finale anche per Duncan, a tempo scaduto, su assist bellissimo di Muriel.
Gloria per la nostra falange nera.
Che dire? Partita molto strana: era netta la differenza fra chi si giocava una buona fetta di campionato e chi ha ormai poco da chiedere, come l’Udinese di Stramaccioni.
Ecco spiegati i ripetuti buchi in difesa dei friulani, sembrava di assistere ad un calcio ferragostano. E infatti anche il caldo del nord-est si faceva sentire: Eto’o boccheggiava visibilmente, mentre è uscito alla distanza il nostro duo ghanese, forse più abituato a temperature così alte.
Quel che conta, comunque, è che sono arrivati i tre punti: puro ossigeno per la nostra classifica e per il nostro morale.

Il traguardo è ancora lontano, meno 3 partite, ora affrontiamo la Lazio più tranquilli e vediamo i risultati delle altre.
Ma un altro passo per l’Europa è compiuto

Autore

SampGeneration

Il blog della Sampdoria

6 commenti

    • Ragazzi Wolf è grezzo e indisciplinati ma sa galoppare. Qualcosa forse si può tirar fuori. Anche a san Siro in coppa per quanto autore di 2 scellerate indicibili a parte quello aveva fatto buone cose. Certo non un fenomeno ma può diventare una decente riserva in un ruolo in cui siamo notoriamente limitati

  1. Bene così, vittoria meritata anche se agevolata dall'”aiutino” arbitrale visto che il gol di Thereau era regolarissimo, bravi tutti ed anch’io faccio una menzione particolare per Wszolek, spesso massacrato perchè suo malgrado protagonista di episodi decisivi ma che non ha mai demeritato e si è sempre battuto con grande impegno…
    Uniche note negative le vittorie di Fiorentina e Inter e la prestazione di Eto’o, ieri sembrava davvero un ex giocatore, spero solo che sia un calo di forma momentaneo o dovuto al fatto che siamo a fine stagione…

  2. Wszolek ha mostrato grande tenuta di carattere, era diventato la pecora nera dell’organico, e non dev’essere facile. Merito anche all’allenatore, che lo ha riproposto. Muriel era visibilmente emozionato, è davvero un peccato se abbiamo scoperto un altro elemento che può limitare le sue enormi potenzialità… forza Luis perchè sei più forte di tutti gli altri messi assieme! Bella prestazione di Soriano in ottica incasso estivo. Discorso “analogo” per Afriyie: non facciamolo più giocare, che’ dobbiamo ancora riscattarlo…
    Mi spiace per chi (mediaset premium? io mi sono trovato un bar in zona Marassi, pure fin troppo onesto alla cassa, e per scaramanzia ci tornerò!) si è perso una partita vivace e divertente, nel secondo tempo vibrante con tutte quelle azioni sbagliate e i “NOOOOOOO” in coro, che non dimenticherò.
    Su Eto’o preferisco non esprimermi oggi, ne’ su di lui ne’ sul suo passaporto.

Lascia un commento

Powered by themekiller.com