FERRERO: “VENDO QUESTO E VENDO QUELLO. OBIETTIVO SALVEZZA”

7

Intervista ai limiti del paranormale all’inizio di un mercato rovente, Rovente può essere il termine giusto perché dopo l’attuale rogo dei nostri uomini migliori resterà soltanto il fumo di quella che doveva essere la struttura tecnica di una squadra e di un Mister che necessitano invece di continuità.
Il progetto tecnico va probabilmente a farsi benedire già a fine giugno, con la cessione simultanea di Muriel, Schick, Skriniar, Fernandes e un Torreira che spinge per la cessione.
Il quadro è oscuro, ma è pur vero che bisognerà aspettare la fine delle operazioni di mercato per valutare quali saranno i sostituti dei pezzi grossi ceduti e la forza complessiva della rosa.
Sul problema del tempo però non si discute: arriveranno nuovi giocatori e nuovi giovani e Giampaolo sarà chiamato a compiere gli ormai tradizionali salti mortali per far assimilare i suoi schemi. A tal proposito, sarebbe veramente interessante sapere cosa pensa il Mister dal suo atollo vacanziero di questo valzer di cessioni.
Le operazioni in uscita sono state invece commentate ieri da Ferrero, come fossero la cosa più ovvia e banale del mondo. Nella rapida intervista di ieri rilasciata a Radio Crc il Viperetta ha parlato della sarabanda di vendite, non esponendosi sugli obiettivi in entrata (a parte l’arrivo imminente di Caprari, ossia una buona riserva).
In compenso ha informato delle sue ambizioni per un roseo futuro: “Obiettivo salvezza, poi si vedrà”, ha detto il Vipera. Beh con quasi 100 milioni di tesoretto di mercato, tenendo conto che dalla B arrivano Spal e Benevento e retrocedono in 3, l’asticella del presidente è sicuramente alta.
C’è chi ricorda che al termine dello scorso anno Ferrero ripeteva: “Il prossimo anno saremo la squadra da battere”.
Bene, allora tiriamo fuori i soldi che arrivano e costruiamo questa famosa “squadra da battere”, come Lei aveva promesso.

Autore

SampGeneration

Il blog della Sampdoria

7 commenti

  1. Marco Convalle -

    Ferrero è venuto per far soldi, non ci sono altri motivi, li faccia pure se è capace basta che ci tenga ad un livello dignitoso di media classifica, di più non si può sperare, ricordo a tutti che i Garrone nonostante ci abbiano portato varie volte in coppa Uefa e una quasi in Champions erano contestatissimi, mi ricordo bene il coro il giorno della retrocessione, uomo di merda ecc. ecc., il risultato è questo, se ne accorgeranno i fiorentini che fine fanno se se ne vanno i Della Valle, bisogna purtroppo scordarsi l’epoca Mantovani, siamo tornati agli anni 70, l’unica speranza è che Ferrero per far ancora più soldi venda a qualche gruppo importante, altrimenti più in là non si va, anzi, si rischia, aspettiamo comunque gli acquisti prima di giudicare

  2. Forse sfugge qualcosa: a Ferrero e Company della Samp non importa nulla incassa 100? 50 vanno ai soci che sono la figlia e il nipote quindi come puoi rinforzati smantellando l’ossatura della squadra vendendo i migliori? Il giorno che sbaglierai gli acquisti perché non sempre è domenica come provvedi? Non importa se la Samp retrocede io scappo a Roma più ricco di quando sono arrivato..

  3. Occhio al mister…se andrà in ritiro bene ma a quanto pare nn è andato alla riunione tecnica di lunedì.. .
    Chi vivrà vedrà…
    Cmq qualcuno dovrebbe far tacere questo buffone.
    Vi siete dimenticati di dire nell’articolo questa frase sul mister
    Il Napoli vuole Giampaolo per il dopo sarri ?
    Che se lo prendesse!!!
    No comment

  4. sinceramente dare importanza a quello che dice ferrero non ha molto senso anzi paradossalmente se dice obiettivo salvezza magari pensa a puntare all’europa League……e’ chiaro che vedere andar via in pochi giorni i pezzi pregiati della squadra e’ abbastanza irritante,pochi giorni fa avevo scritto che l’ideale sarebbe stato se avessimo mantenuto skriniar silvestre barreto torreira e muriel quindi gia’ averne persi 2 su 5 fa incazzare ma ase ci ricordiamo anche l’anno scorso dopo pochi giorni di mercato vennero venduti fernando correa e soriano e in tanti gia’ presagivano scenari catastrofici poi sappiamo come e ‘ andata.aspettiamo un paio di settimane e il giorno del ritiro il 12 luglio potremo fare un primo bilancio.adesso e’ presto per dare giudizi.importante e’ reinvestire parte degli incassi e trovare sostituti pari se non superiori ai partenti come e’ successo l’anno scorso anche se tutti gli anni diventa difficile lo so anche io.il nostro livello ormai e’ questo non c’e’ altro da fare

  5. Io penso sempre positivo ma le partenze sono importanti, senza isterismi di fine Giugno ma spero arrivi qualche giocatore di livello, secondo me davanti siamo al momento a 10/12 goal tra Quaglia e Caprari, non possiamo pensare che di fare il campionato con questi 2 uomini, serve un giocatore che vadain doppia cifra.

    Dietro siamo ancora messi peggio che davanti, unico il centrocampo se nn parte Torreria, altrimenti sono dolori, temo che siamo in stile Piccioni se Ferrero non caccia almeno 30/40 milioni……

    Il nostro livello se va bene è la meta classifica, se facciamo un campionato importante inizio parte sinistra, altrimenti parte destra e speriamo non bassa.

    Cmq all’orizzonte non si vede che possa rilevare la società.

  6. Vediamo alla fine. Certo che le premesse sono pessime. Ok x Schick, Ok x Fernandes Male Muriel, Malissimo Skriniar ma….abbiamo finito? Poi le dichiarazioni del presidente hanno stufato. Primo voleva vincere gli scudetti ora parla di salvezza ma perchè non vende ora che la società è molto appetibile? Ho a ragione chi dice che la Samp è sempre dei Garrone?

Lascia un commento

Powered by themekiller.com