ECCO PERCHÉ GIAMPAOLO VA CONFERMATO

31

Svanito quasi certamente il sogno di tornare in Europa League, è tempo di bilanci. La seconda stagione targata Marco Giampaolo sta finendo nel peggiore dei modi, con un calo delle prestazioni e dei risultati che di fatto ha impedito alla Sampdoria di andare oltre una facile e comoda salvezza.

Il dato più evidente del campionato 2017/2018 dei blucerchiati è stato, come tutti sanno, il divario nelle prestazioni tra casa e trasferta. A due giornate dalla fine, la Samp ha totalizzato 39 punti a Marassi (solo Juve e Napoli hanno fatto meglio, 46 e 42 punti) e appena 15 in trasferta. Totale, 54.

La maggior parte dei tifosi blucerchiati imputano tale tendenza al solo Giampaolo, accusandolo di lacune caratteriali, integralismo tattico e scarsa duttilità a 360 gradi. Le critiche al tecnico abruzzese hanno raggiunto il loro zenit nelle ore successive al disastro di Reggio Emilia, dove la Samp si è arresa al Sassuolo senza colpo ferire (e 0 tiri in porta in 90 minuti: non capitava dal gennaio 2015).

In effetti, le parole di Giampaolo a fine partita non hanno convinto proprio nessuno. Non si può giustificare una sconfitta del genere con la stanchezza fisica e mentale. Che dovrebbe dire allora l’Atalanta, che ha IMPOSTO il pareggio alla Lazio ALL’OLIMPICO nonostante fosse la sua 48esima partita stagionale, contro le 39 giocate dalla Sampdoria tra campionato e Coppa Italia?

C’è un però. La cascata di insulti piovuti sulla testa di Giampaolo sulla piazza virtuale dei social è inaccettabile. Va bene la frustrazione del tifoso medio, che forse non si rende conto che gli anni Novanta sono passati da un pezzo e con essi Paolo Mantovani, la Samp d’oro e Vialli&Mancini. Ma c’è un limite di decenza e di continenza verbale che alcuni doriani hanno decisamente oltrepassato.

“Via Giampaolo” – “Il filosofo può andarsene” – “Altro che professore” sono i commenti più gentili scaricati addosso all’allenatore della Sampdoria. A questo punto, proviamo a smettere i panni dell’opinionista per indossare quelli dell’avvocato del diavolo. Qualcuno dovrà pur farlo, diamine.

Cominciamo dal dato statistico più importante per misurare il lavoro di un tecnico: i punti. Dalla prima stagione della Sampdoria in Serie A dopo l’ultima retrocessione (2012/2013), la Samp ha ottenuto rispettivamente 42, 45, 56, 40 e 48 punti. Oggi siamo a quota 54 con ancora due partite da disputare. Basta un successo tra Napoli e Spal per migliorare il risultato di “core ingrato” Sinisa.

Poi ci sono le vittorie di pregio. Sì, perché una squadra come la Sampdoria, tra gli obiettivi stagionali, non può non ambire a collezionare gli scalpi delle avversarie più quotate. Ebbene, con Giampaolo i blucerchiati hanno ripreso a vincere contro le grandi. Tra l’anno scorso e quest’anno, la Samp ha battuto due volte l’Inter, il Milan e la Roma, una volta la Juventus. Solo Lazio e Napoli si sono dimostrate delle bestie nere, confermando una tradizione che era negativa anche in passato.

L’imbattibilità nei derby è un fattore che va preso in considerazione. In quattro scontri diretti contro il genoa, la Samp ne ha vinti tre (più un pari). Con Giampaolo, la Samp ha bissato il record di tre stracittadine vinte di fila risalente al 1953, praticamente una vita fa. Record che si sarebbe potuto migliorare se Ballardini non fosse passato in autorimessa trasformandosi in autista dell’Amt.

Quindi la questione calciomercato. Come tutti ricordano, nell’estate scorsa Ferrero&C. Hanno dato il via a una campagna acquisti che più che altro andrebbe definita di cessioni. La spina dorsale della squadra è stata spolpata in quattro e quattr’otto, privando Giampaolo di giocatori fondamentali come Skriniar, Fernandes, Muriel e Schick. Eppure, grazie anche all’esplosione di Torreira e Linetty, senza dimenticare i 19 gol di Quagliarella, i blucerchiati hanno fatto meglio di 365 giorni fa.

E poi c’è il capitolo che sta meno a cuore ai tifosi della Sampdoria: le plusvalenze. La valorizzazione del patrimonio tecnico della società è forse il più grande successo della gestione Giampaolo. Attraverso il bel gioco e il lavoro sul campo del mister, grazie a una metodologia di lavoro che lo rende uno degli allenatori più scrupolosi dell’intero panorama calcistico italiano, la società ha vinto delle scommesse su cui non credeva nessuno, come Milan Skriniar e Patrik Schick.

Un’ultima riflessione. Giampaolo non è un intoccabile. Il Bayern Monaco ha esonerato un principe degli allenatori come Carlo Ancelotti, figuriamoci se il tecnico blucerchiato non può essere sostituito. Ma da chi? In questo momento il nome più ricorrente è quello di Sinisa Mihajlovic, un cavallo di ritorno poco gradito alla piazza per le ragioni che è inutile ricordare in questa sede.

Siamo sicuri che non ci ritroveremmo a rimpiangere Giampaolo, non appena la Samp fallirà i 3 punti a Marassi per due volte di fila? Ecco perché la società farebbe bene a confermare il suo allenatore. Che, come ogni essere umano, può sbagliare. Ma che, come spiegato in precedenza, merita di portare a termine il suo ciclo a Genova con una terza stagione. Magari con vista Europa.

Roberto Bordi

Autore

Roberto Bordi

Redazione

31 commenti

  1. seMarco Convalle -

    Sugli insulti sono d’accordo, vanno evitati e sono di cattivo gusto, da bibini , le critiche però ci possono e devono essere, Giampi ha i suoi meriti, il girone di andata è stato ottimo, gli manca però il carattere di attaccare al muro qualche sfaticato, il contrario di Sinisa che però è solo un motivatore, tecnicamente rasenta lo 0, proverei a prendere De Zerbi che a Benevento ha ridato dignita, carattere e a tratti buon gioco, ho sempre difeso Giampaolo nel corso del campionato ma l’atteggiamento della squadra nelle ultime partite non mi è piaciuto per niente e lo imputo a lui, troppo molle

  2. La penso come Semarco un buon allenatore da squadre medio piccole senza grinta e molto ripetitivo in dichiarazione post partita diametralmente opposte a quelle prepartita e questo non e’un limite da poco per un allenatore. Non contesto i punti da lui ottenuti ma qualcosa da ridire sul modulo sempre uguale e l’incapponirsi su certi giocatori improponibili come Alvarez e Regini ha dell’assurdo dopodiche’ grande lavoratore persona onesta ma avrei preferito qualche punto in meno in classifica e non fare figure di mer…. in tutta italia anche perchè queste debacle non portano ad una grande considerazione a livello nazionale. Su certe affermazioni del proprietario che ogni tanto dovrebbe imparare il silenzio non mi soffermo più di tanto vedi frasi vada dove lo porta il cuore sia riferito al tecnico che ai giocatori.

  3. Se se ne va non mi strappero’ i capelli: allenatore mediocre, da decimo posto inutile quale siamo
    Meglio cento volte Iachini (che col suo calcio pane e salame le ha suonate due volte al professore)
    Forse con Beppe questa squadra sarebbe arrivata in Europa, chi lo sa

  4. LUCA (QUELLO CHE STAVA IN BRASILE) -

    STO CON SOLODORIA!
    Essendo un “tifoso medio” che come tale adora andare “oltre i limiti della decenza” aggiungo che:
    a) Giampaolo ha dimostrato di essere mediocre tattico, pessimo motivatore e grande presuntuoso;
    b) da De Zerbi (giustamente citato) allo stesso Iachini, in mancanza di obiettivi veri, andrebbero benissimo e almeno soddisferebbero la voglia di grinta e palle che abbiamo noi “tifosi medi”
    c) GP é complice della mancanza di strategia e dei clamorosi errori di mercato, come quello di tenere a tutti i costi Regini, comprare Murru a 10 milioni, o trattenere gente come Dodó e Alvarez: é colpevole quanto la banda bassotti;
    d) abbiamo migliorato da decimi a noni la classifica finale, e solo perché il Toro ha cantato le ultime partite: dove sta la grande progressione virtuosa che si narra nell’articolo?
    e) avevamo la reale chance di andare in Europa e l’abbiamo miseramente e vergognosamente fallita, e non perdendo punti con le strisciate o le romane, ma con le squadre retrocesse!
    f) ambire come obiettivo stagionale a non perdere i derby é miserevole e meschino, questi bassi sentimenti li lasciamo volentieri ai bibini;

    CONCLUSIONI:
    Via Giampaolo subito!
    Ha sbagliato tutto quello che si poteva sbagliare.
    Ha castrato giocatori come Praet.
    Ha investito per mesi sui peggiori lasciando in panchina i migliori.
    Ha una sola tattica di gioco e non sa cambiare in corsa.
    Non sa motivare e trasmette rassegnazione e sfiga.
    Non ammette MAI le sue colpe.
    É un perdente nato.
    Via subito!!!

  5. L’articolo contiene dati oggettivi che non si possono mettere in discussione, tutto poi a mio parere va parametrato a ciò che la società davvero si aspettava dall’organico allestito…
    Veramente pensavano di dover lottare per la salvezza con le tre matricole e il Crotone?
    Allora il lavoro di Giampaolo è semplicemente STRAORDINARIO!
    Secondo il sottoscritto invece ( la cui opinione logicamente conta meno del due di picche ) questa SAMPDORIA al 1 di settembre era inferiore solamente a sei squadre, sette se vogliamo metterci l’Atalanta, per cui il nono posto, piazzamento attuale e probabilmente finale non può a mio modestissimo parere essere accolto con trionfalismo, si è fatto il nostro, niente di più e niente di meno…
    Mi auguro che la dirigenza prenda in esame TUTTA la stagione e non le singole partite contro questo o quell’avversario che possono dipendere da mille e più fattori, io più che le vittorie di prestigio cercherei di capire i perchè delle tante, troppe imbarcate prese contro le big e le non big…

  6. seMarco Convalle -

    La nostra dimensione è questa, tra il settimo e il decimo posto, c’è poco da fare, quest’anno però si era aperta per una serie di fattori la possibilità del sesto posto, ci siamo stati a lungo e con un buon vantaggio di punti, andava colta e lottata fino in fondo con altro cipiglio, questo imputo a Giampaolo, non aver trasmesso le giuste motivazioni e per questo desidero che se ne vada.

    • Condivido al 99%, l’1% che non mi trova d’accordo è la tua ultima frase dove esprimi un certo desiderio, per me il mister può anche restare come eventualmente andarsene, qualsiasi sarà la scelta societaria o dello stesso Giampaolo la accetterò serenamente…

  7. Questa volta non sono d’accordo con te El Cabezon come abbiamo scritto io Luca e tutti gli altri (non mi dilungo sui nomi) per gli obbiettivi di questa società ovvero mantenimento della categoria e plusvalenze iachini o qualcun’altra vanno bene. GP.ha fallito perché non puoi dire e poi smentirti da solo eri sesto con grandi margini hai sempre perso in trasferta ti sei mangiato tutto in pochi mesi quindi ripeto per me i grandi sono altri ma la vita insegna, a volte non sempre i più bravi vanno avanti.

  8. il primo anno difendevo giampaolo da chi gia’ lo giudicava integralista e con un solo modulo, perchè comunque lui nuovo con tanti giocatori nuovi e stranieri doveva dare stabilita’ alla squadra.
    quest anno invece, visto il campionato fatto, penso che giampaolo abbia delle colpe…
    chiaramente il solo modulo, il non saper leggere le partite (soliti cambi scolastici),incapace a motivare e tenere sulla corda i calciatori e la presunzione di non dire mai in due anni “ho sbagliato”.
    aggiungo il fatto che non si capisce come mai i nostri giocatori da novembre(dopo la juve) hanno smesso di correre e di fare prestazioni ad alto ritmo…abbiamo continuato a fare qualche bella partita ma obiettivamente non con quel furore agonistico che dovrebbe durare un campionato intero fatta eccezione per il calo biologico che tutte le squadre hanno…
    non penso quindi che gp. abbia fatto miracoli perchè i giocatori sono bravi e l europa era a portata di mano (eravamo sesti con 6p.ti sulla settima!).
    non saranno d accordo i criticoni che tireranno in ballo i soliti nomi ai quali dico che tolte le big nessuno ha roberto carlos o cafu’ come terzini,e comunque se hai dei mediocri li agevoli modificando a volte il modulo e non li lasci uomo contro uomo soprattutto con le big. inoltre siamo gli unici a giocare con 2punte.1trequartista e nei 3di centrocampo un trequartista!!
    povero praet…2 gol in 2 anni perchè ingabbiato dagli schemi del saccente….
    non mi sono piaciute le dichiarazioni post inter….
    non sono d accordo sul punteggio…e’ il piazzamento che conta non i punti!!!!!!
    un anno puoi retrocedere a 36 un altro a40…
    la lazio infatti sta per battere il suo record di punti fatto vincendo lo scudetto e quest anno arrivera’ quinta…o quarta…
    gp. è assieme a pioli il nono piu’ pagato in categoria con 1e100,non proprio pochi spiccioli e se guardiamo alle plus valenze ai ricavi etc. dico che per arrivare noni possiamo spendere meno….
    una riflessione visto che abbiamo capito in due anni che il modulo trova problemi con le piccole squadre che si chiudono….se il prox anno non facciamo le vittorie con le big di quest anno e con le piccole abbiamo problemi……..

  9. Gpaolo un allenatore pragmatico che non sa motivare con una società alle spalle che non si propone obiettivi incapace di gestire il mercato con dichiarazioni a dir poco inutili e improduttive senza saper mettere sul tavolo premi al momento opportuno,poi ci aggiungiamo una tifoseria che dopo prestazioni imbarazzanti non smette di applaudire, forse il grande Beppe potrebbe fare meglio sicuramente la Samp è in debito con Iachini e questo basta e avanza… ciao hermano salutami la florida

  10. Se dovesse rimanere GP non sarebbe un dramma, nonostante tutte le pecche , giustamente rimarcate qui sopra, ha svolto un buon lavoro nel complesso, conosce l ambiente e le caratteristiche di chi dovrà allenare, oltre ad avere 2 anni di conoscenza con staff e dirigenti. Se ci sara’ un cambio spero sia Iachini, non Sinisa, e soprattutto non un azzardo tipo De Zerbi ( fare meglio quando il tuo predecessore ti lascia la squadra a 4 punti in un girone non è grande impresa ) o Stroppa.

  11. Noi siamo qui incavolati a commentare e a bogliasco di fatto sono gia’ tutti in ferie e mangiano l asado generosamente offerto da giampaolo…mah

    • Se penso che non molti giorni fa iniziavo ad attendere la partita col Napoli come una specie di evento dell’anno, ora sarà come scapoli contro ammogliati….

  12. Credo che Giampaolo al netto delle incazzature procurate ai tifosi per i motivi ormai arcinoti(modulo duttilita’ ecc ecc)vada confermato senza discussioni.Non mi pare che in giro ci siano fenomeni compatibili con la nostra dimensione.Ancelotti e Capello non penso siano disponibili a venire da noi.De zerbi Maran Oddo Nicola non mi sembra rappresentino delle certezze piu’ di quelle che offre Giampaolo.Iachini sarebbe da prendere solo per un obbligo quasi morale ma anche lui in serie A non ha mai fatto sfracelli.freddamente parlando di numeri sono tutti dalla parte dell’attuale allenatore:giocatori valorizzati,classifica migliorata giocandosi per tutta la stagione l’europa League,gioco piacevole in molte partite,scalpi prestigiosi(ricordiamoci quando ci lamentavamo che non facevamo mai una vittoria con una grande….)derby vinti.certo tutto e’ migliorabile e le critiche rivolte secondo me sono un attestato di stima nei suoi confronti perché evidentemente pensiamo che si possa fare di piu’.il terzo anno con lo stesso allenatore e’ un buon segnale di continuita’ e penso sia la scelta piu’ sensata

    • Bravo. Io sono completamente allineato con il tuo commento. Le critiche fatte a prescindere dalle stesse persone che scrivono su questo blog da diverso tempo sono giustificabili con la delusione per il brutto finale, ma poco hanno a che vedere con la realtà dei fatti. Qui abbiamo un allenatore con molti limiti (Ancelotti qui nn viene), ma che ci ha fatto anche divertire. Lo volete mandare via per De Zerbi o Iachini, prego fate pure, ne riparleremo l’anno prossimo, sono sicuro.

    • LUCA (QUELLO CHE STAVA IN BRASILE) -

      Impossibile concordare con te in questo caso.
      Ti accontenti di vincere un derby, o di vedere ogni 5 partite la squadra che gioca decentemente? Io no!
      Un allenatore testardo, spesso incapace di una serena critica, nullo sui cambi, che non Sto arrivando! motivare e fa dichiarazioni astruse… ma per carità!

  13. seMarco Convalle -

    Dalle ultime notizie, da verificare, è vero, sembra siano tutti in vendita, allora l’allenatore può essere chiunque ed è stato meglio non andate in europa altrimenti rischiavamo la b, che anguscia!

  14. E quale sarebbe la novità?
    Ormai dovremmo aver capito tutti quanti che per la società non esistono incedebili!
    Di fronte ad un’offerta ritenuta congrua chiunque potrà far le valigie…

  15. E qual è la novità? Ogni estate è una tragedia, da ben tre anni.
    E infatti siamo qui a rammaricarci
    di un piazzamento mancato in EL.

  16. Gp l‘ho criticato veramente molto nelle ultime settimane. Il girone di ritorno era proprio malino, il finale pessimo. La società proprio come dice sentinel ogni estate destabilisce squadra ed ambiente regolarmente. Perciò io mi terei stretto gp come fattore integrativo. Non azzarderei un nuovo allenatore con una politica societaria come la nostra.

  17. Ciao Osch, io però ero un po’ sarcastico. Vedo che il campionato non è neanche finito e già si inizia con la tiritera della smobilitazione..

    • 😉 beh un po d‘ ironia, devo essere sincero, anche da parte mia! Gp non mi entusiasma molto. Peró non vedo nessuno intorno. Iachini bravissima persona, simpatico, pragmatico alquanto…per me é un buon allenatore quando l‘ obiettivo é la salvezza! Non sò se è questo che vogliamo…..

  18. seMarco Convalle -

    Un conto è vendere 1-2 pezzi pregiati, diciamo così, Torreira e Praet (che comunque a me non entusiasma), lo fanno anche società più ambiziose e con maggiori incassi generali, Roma, Inter, Milan ecc., tanto dovresti farlo ugualmente perché i giocatori, aldilà delle dichiarazioni di facciata a cui non credono più neanche i bambini dell’asilo, vogliono guadagnare di più, un altro è vendere 4-5 elementi e dover ricominciare tutto da capo, se le azzecchi tutte sei fortunato e ti trovi nella posizione di classifica attuale, l’anno che non le azzecchi rischi di andar giù, vedi Udinese di quest’anno

    • LUCA (QUELLO CHE STAVA IN BRASILE) -

      Infatti, ma questo non giustifica il tenersi un asino in panchina.
      Giá che ogni anno smobilitiamo, già che non abbiamo altre ambizioni se non le plusvalenze, magari un derby e magari una vittoria con una grande… qualunque allenatore va bene.
      Dovendo scegliere, dunque, io come tifoso mi tengo uno come Iachini o un giovane con caratteristiche simili, che almeno li frusta e gli fa buttare fuori il 101% ad ogni partita, anziché il filosofo dei miei coglioni, che blatera di tattiche e congiunture astrali, ma poi fa giocare un 10 come se fosse un medianaccio, o un brocco come Sala o come Murru al posto di termini che giocano in nazionale, o che sono cercati da mezza europa…
      Altro che musse!

  19. Dichiarazione di GP. : dopo Sassuolo ora voglio la rabbia. Scusate qualcuno potrebbe ricordargli che mancano due partite il campionato è terminato e le figure di merda sono già state fatte anche in abbondanza e che quindi ora non conta più nulla anche accadesse? Anzi sarebbe ancora di più una presa per il culo perché ti direi: potevi farlo prima.

  20. Luca (quello che stava in Brasile) -

    a proposito… qualcuno ha visto il Sassuolo ieri a San Siro?
    belli, precisi, ordinati, fisicamente al 100% , mentre gli interisti ansimavano, tutti concentrati dal portiere al centravanti, uniti dalla panchina in campo, motivati anche senza assilli di classifica…
    E poi dicono che Iachini non va bene perché é uno da B, e fa catenaccio…
    Avercelo!!

Lascia un commento

Powered by themekiller.com