SAMP NAPOLI 1-1: DISASTRO AL 92°. ALTRI DUE PUNTI NEL CESSO

10

Altri due punti gettati nel cesso, viene voglia di dare le testate contro i muri, ma dove ci sono gli spigoli. Negli ultimi secondi di gioco Mertens avanza indisturbato. Perché De Silvestri non lo butta giù?

Cazzo De Silvestri, è la seconda volta che guardi impalato i giocatori. Ti sei addormentato su El Sharawy, ora anche su Mertens. Certo, Mertens sulla fascia è scarso, stendiamogli i tappeti rossi.
Buttiamo ancora alle ortiche una gara che strameritavamo di vincere.

Senza Gabbiadini conquistiamo (proprio oggi!) una fottuta miriade di punizioni dalla destra, quelle perfette per i piedi di Manolo. Tocca a Mesbah che non si rende affatto pericoloso. Così come Palombo, che batte una serie di corner corti da prenderlo a pattoni.

Siamo comunque in palla, dominiamo una gara che si presentava come una sorta di spareggio per il terzo posto. L’abbiamo giocato alla grande, ancora una volta meritando di vincere con una squadra più quotata. 

Ma negli ultimi minuti non riusciamo nuovamente a gestire il risultato: ed eravamo in 11 contro 10, grazie ad una prestazione mostruosa di Eder che prima segna un gol magico, con una fiammata imprendibile per Rafael al 57′. Poi all’85’ si beve la difesa del Napoli come un digestivo a fine pasto. Koulibaly non ci capisce nulla, lo stende a terra ubriacato dalla ventiduesima finta di Eder in sette secondi. Sembra fatta, maledizione, sembra fatta. Mancano manciate di secondi.
Poi momenti di panico: Mesbah se la fa nei pantaloni, regala palle agli avversari. Mertens si fa 30 metri palla al piede e De Silvestri non lo scaraventa a terra… fai qualcosa Lollo, fatti ammonire e abbiamo vinto la partita. E invece Lollo accompagna inspiegabilmente la discesa del belga, palla a Ghoulam e cross per la testa di Zapata. La difesa dorme, Romero non ci arriva e Sinisa è impietrito in panchina, così come tutto lo stadio.
Girano le palle, l’ennesima partita buttata al vento. Un’altra partita giocata all’assalto, senza timori reverenziali. Questo è il calcio, ragazzi. Ma gli errori di ingenuità sono quelli che ti fanno più imbestialire.

Autore

SampGeneration

Il blog della Sampdoria

10 commenti

  1. prendersela con De Silvestri mi pare ingeneroso (i 2 centrali l’hanno bucata bene…Zapata ci ha dato quasi piegato…………..) !secondo me è l’atteggiamento che non va’…siamo andati in vantaggio e abbiamo rinculato di 30 metri…sarà la ventesima rimonta che subiamo…bisogna aver meno paura di far girare la palla…scotta sempre tra i piedi…a furia di ridarla agli avversari,il gol te lo schiaffano…io venderei domattina Gabbiadini e per contro prenderei un regista coi controcazzi che congeli il gioco quando serve…più possesso palla, meno ripiegamenti delle punte a coprire sui loro attacchi, più lucidità sottoporta, più gol!

    • Concordo in pieno con Federico! Sul gol sbaglia mezza squadra a partire da palombo ( mi sembra) che esce in ritardo in pressing sulla loro trequarti quando a quel punto doveva rinculare e raddoppiare su de silvestri. Partita finita!

  2. A mio parere siamo in un “cul de sac”, nel senso che la squadra va bene proprio perchè è costruita così ma al tempo stesso per questa impalcatura non possiamo schierare una punta vera, com’era, al tempo di Del Neri, Pazzini o come potrebbe essere Bergessio (perchè è stato acquistato, allora?).Non se ne esce ed ho l’impressione che, stravolgendo l’impostazione, verrebbe meno tutto il resto. Certo che così ne perdiamo poche (con l’Inter è come se non avessimo perso) ma al tempo stesso, essendo poco prolifici per il calcio a tutto campo degli attaccanti, finiremo per pareggiarne tante. Pazienza. Intanto in Champions non ci andremmo comunque e quindi va bene così. Mi “ruga” un pò per un’altra cosa…….Ma verrà il tempo per tutto…..

  3. Ennesimi punti nel cesso e giocando bene! In zona gol dovrebbe esserci Okaka ma gioca troppo lontano dalla porta, va bene gli inserimenti di Soriano e Eder (grande gol) ma una punta centrale lì davanti ci vuole. Cosi come Gabbia che non regge palla nei minuti finali e la gestione disastrosa degli ultimi frangenti (Palombo male tutta la gara, un pò spento Lollo, ma sul cross di Ghoulam anche i centrali sballano con Romagnoli che fa il movimento sbagliato e va su Higuain e Mesbah non chiude su Zapata). La base di tecnica e agonismo, almeno in casa, è sempre solidissima, ripartiamo da qui per far meglio in trasferta. Avanti Sampdoria!

  4. Giovanni Prussia -

    Si tratta di un difficile ma ” normale ” percorso di crescita, la bacchetta magica o i miracoli nella vita non esistono, e per crescere si prendono anche delle facciate dolorose. L’importante e’ voler lo fare, creare un progetto e seguirlo, a me sembra che lo si stia facendo, dunque non si cambia o vende nessuno sino a giugno, quando poi si cercherà , con spero poche vendite sacrificate al bilancio e qualche ottimo acquisto , di migliorarci per l’anno successivo. Altrimenti sarà un vortice di fantacalcio proprio come le squadrette, tipo i bibini, senza dignità , coerenza e dunque futuro. Forza Samp. Sempre avanti.

  5. Veramente Lollo si è trovato uno contro due, anche perchè le sostituzioni di ieri sono state fatte sotto l’effetto del crack.

  6. De Silvestri l’ho visto un pò stanco già a metà ripresa, forse andava sostituito prima con Cacciatore e togliere anche Palombo. Samp anche poco cinica, quando abbiamo sprecato buone occasioni (tiri di Eder e Duncan).

  7. Premesso che sono più che contento del campionato che stiamo facendo, ma con questi sono 7 i punti buttati nel cesso… Pensate un po che classifica sarebbe…. Certo é che tanta fortuna non l’abbiamo, al di là degli errori dei singoli, in 11 contro 10,a un minuto dalla fine, 999 su 1000 vinci… Pazienza, continuando così faremo un bel campionato

  8. Punti buttati nel cesso? Per il gol preso negli ultimi minuti certamente. Ma occorre anche tirare in porta nel calcio… A Cesena un palo, parate del portiere… ma ieri quanto è stato impegnato il portiere avversario?
    E quindi mi ritrovo nella analisi di Roberto 48: siamo solidi come squadra, dal punto di vista difensivo e anche nel gioco nella metà campo avversaria. Ma poi li ci perdiamo un po’… Okaka arretra molto per aiutare a fare pressing e per ricevere la palla e difenderla per fare salire la squadra. Sarà un caso, ma i gol più belli li ha segnati partendo da metà campo, situazione in cui un Pazzini non si trovava mai…

  9. Amedeo da Roma -

    Due punti persi per il pareggio subito nel finale? Sicuramente. Ma un punto che comunque può rivelarsi prezioso. La squadra ha mostrato solidità anche se manca di quel cinismo necessario per fare un ulteriore salto di qualità. Forza Samp

Lascia un commento

Powered by themekiller.com