DENTRO ILICIC, VIA FERNANDES. LA SAMP CI GUADAGNA? FORSE SÌ

8

Ha destato scalpore la notizia dell’impacchettamento di Bruno Fernandes direzione Sporting Lisbona. Il futuro del portoghese sembrava blindato alla Samp: non è stato così per una serie di motivi che vedremo insieme. Ma prima ancora di procedere all’analisi di cosa è andato e cosa no nell’unica stagione in blucerchiato del “10” lusitano, non può passare sotto traccia un’altra news importante: quella del probabile arrivo alla Samp del fantasista sloveno Josip Ilicic.

Torniamo a Fernandes. Giocatore tecnicamente provetto, ma insipido sotto il profilo del carattere e della continuità di rendimento. La Samp lo aveva strappato all’Udinese con un esborso importante, sugli 8 milioni complessivi. Doveva essere lui “il Saponara” di Giampaolo. Ma non è andata così.

Per tutta la stagione il bravo portoghese ha vissuto sulle montagne russe. Dotato di un tiro potente e preciso, Fernandes ha siglato in tutto l’anno un discreto bottino di gol: 5, di cui 3 partendo dalla panchina e uno – splendido, bisogna dirlo – nel 2-2 di fine campionato contro la Fiorentina.

Tante reti, poca sostanza. O meglio, tante reti e sostanza soltanto solo qualche volta, vedi la super prestazione nel derby di andata. Ma tante, troppe volte Bruno è apparso spaesato e inconcludente, anche se mai svogliato. L’impegno ce l’ha messo sempre. Era la sua prima stagione a Genova, quindi ci sta che non abbia spaccato il mondo. Però Fernandes sembrava un campione triste, avvolto in campo da una “saudade” malinconica che ne bloccava l’iniziativa, la mente e i movimenti.

Ragionando con le categorie dell’economia, la sua frettolosa ma redditizia cessione allo Sporting è un affare per tutti. Per lui che torna a casa e per noi che, tra cash e bonus, guadagniamo parecchio.

E ora Ilicic. Classe 1988 (6 anni più di Bruno), esperienze pregresse a Palermo e Firenze e prim’ancora in madrepatria, Nazionale sloveno dal 2010. Esploso con Mutti, infiacchito con Montella e rinato con Sousa, con i suoi 190 cm di altezza per 77 kg Ilicic è un giocatore atipico. Sembra un folletto imprigionato nel corpo di un gigante, un fenicottero elegante nonostante le lunghe leve. Dotatissimo tecnicamente, mancino naturale, adora accentrarsi partendo da destra.

Può giocare in varie posizioni: trequartista sinistro, centrale e destro oltre che seconda punta. Negli ultimi due anni ha quasi sempre giostrato dietro le punte, un ruolo dove può esprimere le sue innate capacità in fase conclusiva e nell’ultimo passaggio. Infatti Ilicic è assistman e goleador.

Forse non ha la stessa visione di gioco di Fernandes, ma è un calciatore più concreto a cui è difficile strappare il pallone. Merito del suo fisico da corazziere, che non gli impedisce di puntare l’avversario nell’uno contro uno sfruttando le sue abilità nel dribbling e nell’affondo in velocità.

Infine un ultimo aspetto da non trascurare: in Italia pochi sanno calciare le punizioni come lui. Il suo sinistro, morbido o deciso a seconda della mattonella su cui posiziona la sfera, è un pericolo pubblico per ogni portiere. Ilicic te la può mettere da 16 come da 30 metri: da fermo è un Dio.

Alla Sampdoria manca da tempo immemore un calciatore capace di fare la differenza sulle palle inattive. Tra l’altro, proprio sulle palle inattive – a favore e contro – la Samp di Giampaolo ha mostrato uno dei suoi lati peggiori. Un aspetto che l’innesto di Ilicic attutirebbe in modo decisivo.

Insomma, il possibile acquisto di Josip Ilicic sarebbe un ottimo colpo per il presente, meno per il futuro. Ma questa squadra è già abbastanza giovane di suo e un calciatore di esperienza (anche internazionale) non potrebbe che essere un beneficio per i tanti giovani che compongono la rosa.

Fuori Bruno Fernandes, dentro Ilicic. La Samp può guadagnarci. Il campo ci dirà se sarà così.

ROBERTO BORDI

Autore

Roberto Bordi

Redazione

8 commenti

  1. ma magari!!!!!ilicic alla samp non l’avrei mai immaginato.lui al posto di fernandes sulla carta ci si guadagna alla grande.sarebbe l’ennesimo colpo di questa societa’ super criticata,denigrata,insultata ecc ecc ma che dimostra ancora una volta di sapersi muovere sul mercato.finiti i tempi del 31 agosto alle ore 20 si annunciavano barilla’ ,bjarnason o petagna che allora era un cinghiale impresentabile tanto per fare numero

  2. Mi aggiungo, magari!
    Fernandes davvero troppo discontinuo, forse più partite no che sì. E l’Udinese non é fessa….

  3. Ilicic più concreto di Fernandes che però ha dalla sua l’età e miglioramenti in prospettiva…certo ilicic attuale soprattutto anche con i calci piazzati può essere decisivo più di Bruno, ma che leggo oggi venduto per 8,5 milioni che trovo una cifra ridicola per uno di 22 anni!

  4. Mah…io tutto questo entusiasmo faccio fatica ad averlo…
    Verissimo che Bruno Fernandes era discontinuo, ma non è che Ilicic sia questo campione di continuità di rendimento, l’ho avuto negli ultimi due anni al Fantacalcio quindi per forza di cose l’ho seguito, se il primo anno fece molto bene quest’ultimo è stato un mezzo disastro tanto da finire non di rado in panchina!
    Ha un sinistro favoloso ma è tutt’altro che un dribblomane, è sostanzialmente lento e non è che sia questo cecchino sui calci piazzati, per me è una copia ( in bello…) di Alvarez, speriamo bene…

  5. Io invece sono convinto che, nel cambio ci perdiamo, non dimentichiamo che Fernandes, ha 22 anni, con margini di miglioramento non indifferenti, x acquistare un giocatore di 30 anni, che penso abbia dato già il meglio di se,

    Non solo, vendiamo Fernandes a 9 milioni circa, avendolo pagato, 7, quindi una plusvalenza minima, se consideriamo che x Ilicic occorrono non meno di 5 milioni x l’acquisto e direi almeno 1,5 milioni ingaggio, (e mi tengo basso)…a stagione (almeno 3) io non credo si possa definire, un operazione intelligente.

    Se poi fosse vero tutto quello che si legge, che vendiamo il vendibile, direi che abbiamo altro di cui preoccupparci…

  6. Hi folks! I am a Slovene and I love to watch Seria A! I also follow Iličić for many years and I can tell you that on his day he is great player. He needs to fell welcomed by the people in club and fans and then he can give a lot.
    Do you remember his goal against Sampdoria? There is a link:
    https://www.youtube.com/watch?v=ghAXm85Wo8c

Lascia un commento

Powered by themekiller.com