DELIO ROSSI NON RESCINDE. METTIAMOLO AI LAVORI FORZATI

6

Delio Rossi non rescinde. Ha mostrato il suo celebre dito medio anche a Ferrero, che gli chiedeva di risolvere il contratto. Delio tiene duro, dopo aver incassato il premio salvezza senza alcun merito, vuole intascarsi anche il milione e duecentomila che gli spettano per contratto fino al prossimo giugno.

Dannato Delio, sta attendendo una panchina di serie A o serie B, ma per ora nulla si muove.

E forse nulla si muoverà, vista la pessima figura che il tecnico romagnolo coi pugni nelle mani ha fatto lo scorso anno.

Sinisa è stata la sua nemesi. I meriti assoluti di Mihajlovic sono stati lo specchio del fallimento grosso e grasso di Delio Rossi con la Samp.

Se fosse rimasto probabilmente saremmo tracollati in serie B, nonostante non avessimo una squadra così fetente, come la seconda parte del campionato ha dimostrato.

Ma se Delio non troverà una sistemazione in qualche squadraccia, allora scatterà il piano B del signor Viperetta.

Dopo la figuraccia dello scorso anno, sarebbe bello che Delio venisse condannato ai lavori forzati: mandarlo a spaccare le pietre nei boschi dietro Bogliasco. Pala e piccone.

Ma Ferrero ha in mente un’altra soluzione: fargli allenare i cosiddetti giocatori “esodati”, i fuori rosa che non riescono a trovare squadra.

Coi 50 nomi che abbiamo in rosa è probabile che molti giocatori ci restino sul groppone.

E allora interverrà Ferrero, che non sembra proprio il tipo che versa un milione e duecentomila euro nelle tasche di un nulla facente: per Delio Rossi sono in vista mansioni da sguattero.

Ferrero lo farà lavorare e sudare come tutti gli altri.

Saluta la poltrona, caro Delio.

Autore

SampGeneration

Il blog della Sampdoria

6 commenti

    • Fortunatamente a Ferrara gli è scaduto il contratto a fine giugno. Se Ferrero si muoverà in questo modo ha solo che i miei applausi! E’ ora di finirla con questi allenatori che vengono pagati per stare a casa. Se uno è pagato da una società è giusto che abbia qualche compito, anche ingrato, se è esonerato

  1. Poverino il caro Delio che ha scritto la letterina strappalacrime e se ne sta in poltrona a vedere le partite al caldo con birra e rutto libero e profumatamente pagato. Caro Delio la so scrivere anche io la letterina per quelle cifre. Anzi alla metà te ne scrivo anche una più convincente.
    Faresti una bella coppia con Fra Prandelli. Quanto a buffoni ovviamente.
    Una bella zappa tandem su e giù per i campi. Ma sarebbe anche troppo e oltretutto ingiusto denigrare chi questo lavoro lo fa onestamente e dignitosamente.
    Se Ferrero fa una cosa del genere diventa il mio idolo a prescindere.

  2. Delio è vergognoso, ma anche la società a pagare 1.2 milioni a questo signore……io gli farei fare solo lavori manuali visto che intellettuali sembra che non gli riescano, magari durante il campionato qualche squadra disperata lo ripesca….

  3. Delio era l’idolo della tifoseria… soprattutto di quella parte che pretende di prendere le decisioni tecniche e che pensa che il pesce puzza dalla testa.

Lascia un commento

Powered by themekiller.com