DEFREL OPZIONE INGHILTERRA. RESTA IN BILICO TONELLI

33

L’arrivo di Manolo Gabbiadini ha sorprendentemente chiuso in anticipo il mercato in entrata della Sampdoria. Si aggiungono solo alcune operazioni di contorno (che riguarderanno maggiormente la prossima stagione, come Mulè e Thorsby) e servirà forse già a gennaio il terzino sinistro al posto di Tavares, giocatore considerato da Giampaolo piu’ scarso di Dodò. Un premio memorabile.
A proposito di Dodò, ad onta di chi favoleggiava, tipo racconto da Le Mille e una notte, di imprese miraboliche di Dodò in terra brasileira, dipingendolo come un incrocio fra Roberto Carlos e Vavà e aggiungendo che la Samp avrebbe guadagnato cifre milionarie dalla sua cessione, lo pseudo terzino ha fatto invece ritorno con le pive nel sacco a Bogliasco. Piu’ tifosi lo hanno anche visto aggirarsi con fare smarrito al Porto Antico, fra chioschi di birra e frutti tropicali in attesa, probabilmente, di fare fagotto. Sarà regalato a zero nella sessione del mercato invernale.

Piu’ interessante, in uscita, è invece la situazione Defrel-Kownacki.

Con l’arrivo di Gabbiadini e l’investimento prossimo per Manolo di circa 12 milioni di euro è ben chiaro che non sarà versato un centesimo per riscattare Defrel, (riscattabile ad una cifra senza senso fissata a 18,5 milioni di euro).
Il francese è scomparso dai radar da mesi, gioca ma piu’ che altro non gioca ed è piuttosto bizzarro che ci siano ancora tifosi che vedono lo scambio Zapata-Defrel come uno scambio alla pari. Tutto questo mentre Duvan, di sportellata in sportellata, sta trascinando l’Atalanta in campionato e in coppa.
Comunque sia, Defrel dopo l’arrivo di Gabbiadini annusa l’aria della panchina a vita (sarebbe terza scelta, dopo Caprari) e sta meditando l’addio. Per il giocatore, in particolare, ci sarebbero offerte dalla Premier League. In questa operazione la Roma dovrebbe riprendersi il giocatore (quindi rendere il milione di euro del prestito ala Samp) e poi farne ciò che vuole. Ma in caso di cessione di Defrel  la Sampdoria punterà con molte probabilità a mantenere come quarto attaccante il fuggitivo Kownacki (che non farà i salti di gioia per questa ipotesi). Il Fortuna Dusseldorf mantiene comunque alto l’interesse per il giovane polacco e avrebbe presentato un’offerta interessante alla Samp: prestito a 8 milioni con diritto di riscatto fissato a 4.

Caso Tonelli
Uno dei punti cruciali del mercato è anche la situazione di Lorenzo Tonelli.
Lorenzo è pilastro della difesa blucerchiata, eletto titolare da Giampaolo in coppia con Andersen: punto di forza al punto che possiamo permetterci di tenere la vigoria ebanica di Colley in panchina.
Il Napoli, come è noto, ha prestato il difensore alla Samp con obbligo di riscatto fissato a 7,5 milioni che scatterà alla venticinquesima presenza.
In questo momento Tonelli è a quota 13 fra campionato e Coppa Italia e di questo passo il giocatore arriverà a toccare le presenze fatidiche.
La società doriana ha quindi chiesto di abbassare la cifra del riscatto o di togliere il tetto delle presenze per il giocatore. La risposta di De Laurentiis è stata una pernacchia tonante. Probabilmente emessa ancora con piu’ gusto dal presidente del Napoli sapendo che era rivolta all’indirizzo di Ferrero.
Il quadro sul difensore si complica e, secondo Il Secolo, per ovviare all’incombenza del limite di presenze, Tonelli (che pur si trova benissimo a Genova) starebbe valutando altre soluzioni come Parma e Bologna.

Inutile dire che per noi sarebbe una grande perdita da scongiurare in tutti i modi possibili.

Autore

SampGeneration

Il blog della Sampdoria

33 commenti

  1. Tonelli da tenere a tutti costi. 7,5 millioni per lui non mi sembrano molti se vediamo i quasi 19 per defrel. Non dimentichiamoci che Andersen non ci sarà più in autunno e la nostra difesa ha certamente di un Tonelli che anche se non libero di infortuni rapresenta un punto di riferimento per giovani e non. Defrel non lo vedo come progetto lungo. Per quello ch si è visto il riscatto è una cima troppo alta da arrivarci. Kownacki ha però assolutamente necessità di cambiare area. Con GP in questa fase rischia un regressione irrevocabile. Credo che con Ramirez, Saponara, Caprari, Quagliarella e Gabbiadini siamo coperti per il ritorno.

  2. lorenzo van perg -

    Che Tonelli possa essere utile nessun dubbio..abbiamo nel aso di partenza di Andersen..quasi certa..solo Colley e Ferrari come centrali e non mi sembra che si possa contare gia’ su Mule’… mai disputato partite in seria A,,DEfrel e’ stata una scommessa persa..sembrava all’inizio dovesse sfracellare ..poi e’ ritornato quello della Roma..Caprari obtorto collo..qualche partita la imbrocca..ed e’ abbatsanza polivalente…Kownacky e’ un vero rebus…imprestarlo…sarebbe la cosa logica..ma se si rompe il quaglia ??? e pure Gabbia non ha vent’anni…. tenerloin panca ..si corre effettivamente il rischio di perderlo completamente

  3. Detto che ramirez e saponara si contendono il ruolo di trequartista i soli quagliarella gabbiadini e caprari non sarebbero certo sufficienti come attaccanti per l intero girone di ritorno se vuoi provare a puntare al settimo posto,se poi in realta’del settimo posto non ti frega nulla e’un altro discorso

  4. Tonelli in ogni caso lo terrei fino alla fine del campionato, la coppa Italia purtroppo non c’è più e quindi è facile non far scattare l’obblico alternandogli a seconda delle condizione fisiche Ferrari o Colley, poi a fine campionato si vedrà, piu complesso l’affare Defrel, troppo alto il riscatto visto anche che dopo un inizio che mi aveva entusiasmato si sta un po’ perdendo, bisogna vedere se Kownacki vuole andarsene a tutti i costi o è disposto a restare

  5. Si la soluzione più logica sarebbe tenere kownacki che potrebbe giocare da prima punta in caso di infortunio di Quaglia. Il problema é che Kownacki alla Sampdoria in questo momento non sta bene e non vedo come questa situazione possa migliorare. Non abbiamo più la coppa e la rosa é ampia… se si infortuna Fabio giocherà Ramirez falso nueve e saponara trequartista. GP non ha proprio fiducia nel ragazzo polacco…

  6. Tonelli con il Milan potevi risparmiarlo x far giocare colley cosi ti gestivi le presenze in campionato e facevi fare minutaggio alla sua riserva di gran lusso. Sulle punte non mi esprimo però non credo che faccia molta differenza se a uscire sia defrel o il polacco per un campionato tranquillo che si è preposto la società in quanto con tre attaccanti e due trequartisti sei ampiamente coperto.

  7. Luca (quello che stava in Brasile) -

    Per me far andare via Defrel é una manifesta conferma di incompetenza di GP (che lo ha fortemente voluto al posto di Zapata, e giá questo la dice lunga), e della società che lo ha preso a condizioni ridicole dalla Roma, senza contare che 1 anno e mezzo prima potevamo comprarlo a 1/4 del valore dal Cesena.

    Su Tonelli é molto semplice: pacta sunt servanda… se hai fatto un accordo lo devi rispettare. O sei scemo e fai accordi senza pensare, oppure sei un quaquaraqua e li fai pensando giá di non rispettarli. Aldilà di questa ovvia premessa, fare andare via Tonelli e rimanere con Colley, Regini convalescente (!) e Alex Ferrari.. direi una belinata cosmica, ma non tanto per chi vede l’accesso alla EL come una iattura.

  8. Caro Luca, Credo che nella scelta di una eventuale cessione di Defrel non centri assolutamente GP.
    Il riscatto di Defrel è di circa 13 milioni mentre l’acquisto di Gabbiadini è di 12. Penso che la società abbia visto come più conveniente e di prospettiva il secondo. Va da sè che Defrel non vuole fare la quarta punta in una squadra che non lo riscatterà. GP non centra, poi onestamente il buon Defrel nelle ultime 5 partite non ha fato un tiro in porta. Per quanto riguarda Zapata, dopo le sue dichiarazioni, bisognerebbe prendersela con la società e non certo con l’allenatore.

    • Luca (quello che stava in Brasile) -

      Ciao Silver.
      Ci sono 2 scuole di pensiero in casa Samp: una dice che GP é vittima ogni anno delle scelte autonome della società, l’altra (ben rappresentata in questo forum) che invece vede GP come co-protagonista delle scelte medesime.
      Io propendo per la seconda, come avrai capito.

      Sotto il profilo economico comprendo e sottoscrivo quanto tu dici, ma sotto il profilo tecnico é una bestemmia, minore di quella della cessione di Zapata in cambio di Defrel, ma sempre una bestialità.
      Gabbiadini (il cui ritorno non mi dispiace affatto, sempre che non sia cotto) NON é mai stato una punta centrale, né un centravanti di sfondamento, né un centravanti di manovra come lo intende GP: la sua carriera l’ha costruita da ala o al massimo seconda punta, per cui cedendo Defrel e continuando a far marcire Kownacki in panca, la soluzione sarebbe quella di mettere Quagliarella centravanti con Gabbiadini a svariare a dx e sx… sono molto ma molto perplesso.
      Grazie per il tuo commento, sempre competente e centrato.

  9. Probabilmente dirò una belinats ma continuo a ribadire che senza obiettivi d’Europa defrel o non defrel non sposti di molto la classifica finale. Tonelli 8.5 c il riscatto essendo un giocatore border x quanto riguarda l’aspetto muscolare li trovo eccessivi dopodiché ce chi è più bravo di me x capire se sia giusto o meno

  10. Su Tonelli non so cosa la società pensi, ma sicuramente una possibilità molto concreta è che stiano cercando di farsi fare uno sconto, e la cosa sarebbe buona e giusta.
    Comunque, sarà un caso, ma ne’ Tonelli ne’ Defrel sono giocatori che tranquillizzano sulla integrità fisica, o sbaglio?

  11. Luigi concordo che senza obiettivi d europa defrel o meno sia irrilevante ma privarsi sia di lui che del polacco sarebbe comunque eccessivo

  12. Concordo, se desse maggiori garanzie come integrità fisica… sarebbe cosa ben diversa.
    Sennò allora prendiamo Giuseppe Rossi al posto di Gabbiadini 🙂

  13. PassavoPerCaso -

    Pensieri Sparsi

    1) Cedere Defrel è un cagata pazzesca. Non ha fatto un campionato eccezionale ma non sta giocando male, ed è stato pur infortunato. Al massimo si fa finire l’anno e si rimanda a casa a giugno (è stato acquistato con diritto di riscatto, non cno obbligo).

    2) Tonelli è forse il miglior difensore cnetrale che abbiamo, e lù’unico che abbia segnato. Per qualle caxxo di ragione dovremmo darlo via?

    3) Cedere ora un QUALSIASI membro della squadra è una resa che avrebbe contraccolpi psicologici.

    4) Dare la colpa a GP delle cessioni sfiora la paranoia, a mio parere. In particolare quella di Zapata.

    5) “Lo scambio Zapata Defrel” non è mai esistito. Come ho avuto modo di dire è stato Zapata per Defrel più NOVE milioni.

    • cedessimo regini o tavares ci sarebbero contraccolpi psicologici?ovviamente parli di quelli che han visto il campo almeno un centinaio di minuti e parli di vera e propria cessione credo,non ad es del prestito del polacchino

      • PassavoPerCaso -

        Ciao Solo, si ovviamente e’ come dici te. Avevo scritto di furia, intendevo qualsiasi giocatore della squadra titolare.

    • LUCA (QUELLO CHE STAVA IN BRASILE) -

      PASSAVOPERCASO:
      punti 1 e 2 d’accordo (salvo che il miglior difensore, ovviamente, é Andersen).
      Punti 4 e 5 disaccordo totale, ma giá lo sappiamo.

      Quando parlo di scambio, chiaramente, parlo di dare via imprimo e prendere il secondo, entrambi con mille clausole e vincoli, per cui non riscuoti e non paghi, ma la sostanza é che avevamo uno dei piú forti centravanti del campionato, attaccato ai colori, umile e tosto, e abbiamo scelto di avere un bravo attaccante, fisicamente al 50%, scelto da GP e con il consenso di questo (concedimi almeno questo) probabilmente dato via mentre siamo settimi…
      Film giá visto.

      • PassavoPerCaso -

        Diciamo che sull’aspetto puramente tecnico possiamo anche essere d’accordo.
        Sulle modalita’ e sui costi no. E non sono convinto che GP c’entri.

  14. Defrel comunque lo vende la Roma, non noi, così come Higuain lo vende la Juve e non il Milan, come funzioni poi da un punto di vista legale non lo so ma il giocatore è loro

  15. Premesso che avere opinioni diverse accenda il dibattito e questo lo capiamo tutti anche perché siamo 4 gatti a scrivere e lo dico con il sorriso fatta questa premessa volevo rispondere a Passavopercaso : ti prego accetto tutto ma sentir dire risvolti psicologici perché vanno via (ammesso succeda) 2 giocatori dopo 5 mesi in serie A ovvero squadre professioniste questo non si può sentire. Un saluto ai 4 gatti rimasti-:)

  16. Ciao luigi mi riaggancio a quanto scrivi e lancio una proposta visto che purtroppo come scrivi tu siamo quattro gatti: a maggio a fine campionato in un giorno scemo tipo martedi cosi non abbiam problemi di mogli figli amanti etc perche’ non ci vediamo davanti a una pizza e una birra cosi ci conosciamo?ciaoo

  17. È vero Luigi, siamo 4 gatti, comunque pensa quante opinioni diverse fra noi, c’è chi pensava a inizio campionato Quaglia fosse bollito, chi l’anno scorso pensava che Zapata fosse un bidone che ci avevano mollato, chi pensa adesso che Gabbiadini non si integri bene nel modulo di Giampaolo, chi che senza Schick era la fine, altri che Torreira era insostituibile, tantissime opinioni diverse, per non parlare di quelle su Giampaolo, la verità è che con un turn over pazzesco di giocatori e io penso anche con o senza Giampaolo siamo sempre lì, tra settimo e decimo posto, il vero argomento di discussione credo possa essere questo: è il posto che ci spetta? Si potrebbe fare di meglio considerando bacino di utenza e diritti tv e stadio ecc., oppure potrebbe andare anche molto peggio? E poi, alla lunga diventa palloso assistere ad una serie di campionati così ma quale alternativa reale abbiamo? Saluti e forza Doria a tutti i 4 gatti

  18. Ciao Semarco credo che per bacino d’utenza introiti e risorse finanziarie della società la Samp possa stare tra l’ottavo e il decimo posto dopodiché esiste l’imponderabile fortunatamente altrimenti anche per quanto riguarda i giocatori sarebbe tutto scontato. Ciao Solodoria mi sei simpatico sposi sempre le mie tesi e mi sembri a prescindere una bella persona. Sulla pizza la vedo dura non abito a Genova x servizio e proprio per lavoro ogni tanto mi imbatto in qualche giocatore dell’Inter o del Milan e qualcosa riesco a farmi dire e vi posso assicurare che quando pensiamo male non siamo poi cosi distanti dalle verità

  19. Luca (quello che stava in Brasile) -

    Ciao a tutti: io sto a Spezia (dopo lunga navigazione brasiliano-veneta).
    Mi farebbe piacere conoscere i 4 gatti..
    Ci sono, salvo problemi puntuali.
    Luca

  20. PassavoPerCaso -

    Vivo fuori dall’Italia, la pizza per me sara’ proibitiva :(.

    Ma una volta che passo per caso da Zena con piacere !

Lascia un commento

Powered by themekiller.com