DE SILVESTRI NUOVO CAPITANO: SCELTA SACROSANTA

6

Finalmente una decisione che unisce tutti i sampdoriani: Lorenzo De Silvestri è il nuovo capitano della Sampdoria. Una scelta saggia, ricaduta su di un giocatore che in quattro anni di esperienza a Genova non ha mai perso occasione per attirare su di sé il rispetto e l’amore incondizionato dei suoi tifosi: anche nei momenti bui.

In un calcio sempre più commercializzato, dove le scelte di cuore finiscono per essere sacrificate sull’altare degli interessi economici e di bottega, Lollo è uno dei pochi calciatori rimasti a rimanere legato a valori di lealtà, umanità e rispetto. Lo capisci dal suo sguardo, dai comportamenti che tiene dentro e fuori dal campo, dal rapporto sincero e franco che è riuscito a stabilire con tutti i tifosi della Sampdoria.

Un rapporto minato solo qualche giorno fa dal vecchio, “caro” Sinisa Mihajlovic, che aveva telefonato al presidente Cairo per chiedergli di portarlo in granata. Ricordiamocelo. Al nostro ex allenatore De Silvestri deve moltissimo, dato che grazie a lui aveva riconquistato un treno che sembrava perso per sempre: quello della Nazionale. Ma De Silvestri ha detto “No, grazie”. Senza battere ciglio.

Ed è proprio questo che ci piace. La sua fermezza e il suo attaccamento alla maglia, che si traducono in campo in uno stile di gioco deciso ma corretto, duro ma leale. E ora che gli è stato concesso il privilegio di stringere il suo possente bicipite con la fascia blucerchiata, da lui ci aspettiamo nient’altro di quello che già abbiamo visto in questi anni: sudore, impegno e corsa forsennata sulla fascia destra fino a perdere il respiro. Vai Lorenzo: fai capire ai nuovi arrivati cosa significa giocare nella Samp.

ROBERTO BORDI

Autore

Roberto Bordi

Redazione

6 commenti

  1. Ora qualcuno comincerà a dire che la fascia è tolta al legittimo proprietario (il capitan pescatore) come ai tempi di Gastaldello???

  2. LUCA DAL BRASILE -

    Nuova stagione, nuove speranze.
    Lorenzo De Silvestri ci mette anima e cuore, oltre che polmoni, e questo deve essere il modello da seguire per tutti, indipendentemente dal talento.
    Giusto che sia capitano e guida morale.
    Forza ragazzi, Forza Doria!

  3. Sono d’ accordissimo, capitano piu’ che meritevole! Qualcuno mi sa dire come mai Viviano non ha giocato ancora un minuto nelle amichevoli fin qui disputate? E’ infortunato?

      • piu’ che d’accordo con tutti i commenti e l’articolo..
        Desilvestri capitano in campo e fuori…….
        viviano si è lussato un dito della mano…

Lascia un commento

Powered by themekiller.com