COPPIA CASSANO-CORREA. MONTELLA CI CREDE

5

Riuscirà Mister Vincenzino a sposare la premiata coppia di classe cristallina Cassano-Correa (prima della fine del campionato)?
Nel valzer dei trequartisti, l’unico che finora è stato inamovibile nello scacchiere di Montella è Ricky Alvarez, il Maravilla, resuscitato come Lazzaro dalla naftalina in cui soggiornava in Albione.
Utilissimo rinforzo Ricky Alvarez, molto apprezzato da Mister Vincenzo.
Se si vuole trovare un difetto, Ricky appare un po’ fumoso, poco concreto negli ultimi metri.
Pochi assist, ancor meno le conclusioni precise ed efficaci verso la porta.
Insomma il buon Ricky, che salta con estrema agilità l’avversario, sembra il classico giocatore che fa 30 ma difficilmente arriverà a fare 31.
Resta comunque importante l’apporto di Alvarez che potrebbe però prendersi un turno di riposo domenica, lasciando spazio alla coppia di classe pura e vellutata Cassano-Correa: è l’idea che frulla nella testa di Montella, l’attacco che sta provando a Bogliasco.
Un azzardo? Forse sì, tenendo conto che col Chievo c’è poco da da rischiare o sperimentare, servono i 3 punti e poche discussioni.
Bisogna altresì dire che il Frosinone resta a 6 punti di distanza e le prossime gare vedranno i simpatici campestri ciociari impegnati contro la Fiorentina, le merdacce (a Marassi) e l’Inter.
Difficilmente il Frosinone vincerà mezza gara nelle prossime tre partite. Il discorso salvezza per la Samp, dopo l’ultima sconfitta ciociara, si è fatto decisamente più semplice.

NEWS DA BOGLIASCO
In questi giorni Montella sta provando a Bogliasco una tipologia di gioco che possa supportare il tridente di classe pura Cassano-Correa-Quagliarella, un tridente che prevede difficoltà (già osservate) in fase di non possesso.
E’ anche vero che Cassano, nell’ultima gara, si è prodigato in un insolito lavoro di sacrificio, pressando con continuità sul più importante tra i playmaker empolesi, ossia Paredes.
Un lavoro addirittura oscuro per Antonio, che si sta impegnando molto per la causa.
Lasciano un po’ perplessi, pertanto, tutte le critiche rivolte al n.99 dopo la gara contro l’Empoli (in cui comunque ha dispensato un assist, per quanto sporco, a Quagliarella). Certe critiche sembrano più dovute all’antipatia verso il giocatore che per un oggettivo discorso tecnico.
Se Cassano è stato criticato sabato, cosa avremmo dovuto fare con Correa? Prenderlo a sassate, visto che è entrato svogliato e ha sbagliato ogni palla giocata?
C’è chi ha affermato che Correa non è adatto a entrare in partita in corso.
Ma l’argentino è un professionista, ha il DOVERE di dare il massimo se gioca dal primo minuto o se l’allenatore decide di impiegarlo nell’ultima mezz’ora, stiamo scherzando?
Un giocatore forte decide una partita se gioca dal primo minuto o se gioca gli ultimi 30 minuti.
Correa domenica è stato insufficiente, ma pazienza, resta un nostro patrimonio e ci aspettiamo un risveglio contro il Chievo, una grande partita del campione Joaquin.
Cassano-Correa-Quagliarella, il tridente è possibile?

Autore

SampGeneration

Il blog della Sampdoria

5 commenti

  1. Giovanni Prussia -

    E comunque che il posto se lo giochino quei due. Gli orgogliosi vecchietti, dai piedi buoni, invece sempre in campo.

  2. Nessuna fine, semplicemente nelle gerarchie di Montella viene ( a mio parere giustamente ) dopo Quagliarella dal quale il colombiano dovrebbe solo imparare in quanto a voglia e grinta…

  3. Minchia raga Cassano Correa una ciolla ma aggiornateli sti cazzo di post ho capito che avrete anche un milione di altre cose da fare ma poi alla luce delle formazioni che scendono in campo la domenica alla fine dite delle belinate…..lo so che avete usato il condizionale però avete un blog che secondo me è migliore di tanti altri ma non ci scrivete mai però

Lascia un commento

Powered by themekiller.com