COME NON SI GIOCA UN DERBY. FERRERO CACCIA LE PALANCHE

19

L’Abbecedario di come un derby non vada affrontato è andato in scena ieri sera a Marassi. Sampdoria senza nerbo, in balìa per 70 minuti di una squadra composta da ravatti del pallone, scarti, mele bacate della massima serie, se si eccettua Piatek.
Siamo stati messi sotto dagli schemi pane e salame (anzi, pane e acqua) di Juric: grande corsa a sfinimento e palle larghe sugli esterni. Tanto è bastato per dominare una squadra in piena involuzione come la nostra.
Le ultime settimane di campionato, dopo l’avvio incoraggiante, ci dicono con evidenza che la Sampdoria è significativamente inferiore rispetto allo scorso anno (in cui abbiamo disputato, per altro, una stagione non certo trionfale).
Manchiamo in quei reparti dove sono stati ceduti giocatori basilari. Difettiamo di peso in attacco dove Zapata o un giocatore simile ci servirebbe come il pane. Manchiamo a centrocampo, privi di Torreira: se Barreto è ai box, infatti, dimostriamo una carenza di sostanza preoccupante.
Giampaolo dopo il pessimo derby di ieri è riuscito persino a dire: “pensavo peggio!”, forse consapevole di avere un centrocampo di ballerine in tutù, con due controfigure bionde come Praet e Jankto.
Ma lo stesso Giampaolo ha voluto incaponirsi fino al 90′ e oltre con i suoi fraseggi che finivano regolarmente sui piedi degli avversari, come se i bibini fossero un’appendice del palleggio della nostra squadra.
Dice il saggio Nicolini, commentando la gara su Telenord: “Più di una volta la Samp ha avuto la possibilità di giocarsi un 3 contro 3 in avanti. Ma non ha mai provato a saltare il centrocampo e sfidare il genoa che concedeva questa possibilità”.
Macchè, abbiamo proceduto a testa bassa sui nostri schemi, come ciuchi che prendono a testate un muro di cemento.

Si è chiuso così un derby che non servirà a nessuno.
Noi ne usciamo con le ossa rotte e i malumori sempre più accentuati dei tifosi.
I bibini, con la loro abituale miopia, si dicono soddisfatti ma neanche questa volta sono riusciti a vincere. E domenica rischieranno l’imbarcata a Torino, con possibile esonero del loro allenatore, passato da essere un rifiuto umano a una specie di eroe garibaldino. Contenti loro.
In casa nostra è sempre più evidente la necessità di intervenire in modo sostanziale sul mercato di gennaio.

Gli acquisti estivi sono stati in buona parte sbagliati.  La punta che doveva arrivare in blucerchiato, l’ultimo giorno d’agosto, dovrà essere acquistata a gennaio.
Ferrero deve sborsare le palanche, non esiste assistere di nuovo a pantomime in stile Zaza, con tira e molla in cui non riusciamo a chiudere per risparmiare il centesimo di euro. Manco siamo riusciti a prendere Inglese, e non è che parliamo di Harry Kane.

Puntiamo dritti su un giocatore e chiudiamo la trattativa in modo deciso.  La società si deve svegliare e dare a Giampaolo, se sarà ancora dei nostri, una formazione titolare decente.  Presidente, caccia i soldi!

Autore

SampGeneration

Il blog della Sampdoria

19 commenti

  1. ma finiamola ragazzi con sta storia delle palanche ,oltre alla luce dei fatti anche se per molti non è visibile basta guardarsi intorno non abbiamo un belino di niente ,ne un allenatore che si sappia adattare alle esigenze ne una squadra fatta con criterio ne un staff tecnico in grado di spendere i pochi soldi disponibili con criterio vedi jankto e defrel e qui il pacco di schik alla roma sarà il karma o qualcos´altro……e un mucchio di tifosi a cui va bene tutto pronti a giustificare i cattivi risultati colpevolizzando il vento, il fato o allineamenti planetari vari…e meno di tutto l´intenzione di spendere palanche più mendichiamo e questi più se la ridono e questo fa veramente girare il belino ancora di più delle cattive prestazioni !
    dopo lo sfogo un saluto a mio hermano e a tutti voi in attesa di giorni migliori per la nostra samp !

  2. lorenzo van perg -

    gabry …hai ragione …questi pensano che il sassuolo o il parma…abbiano tutti giocatori di prima scelta….forse hanno allenatori che sanno adattare illoro schema di gioo al materiale che hanno ..e lo fanno fruttare al massimo..da noi il maestro..pretende snaturare i giocatori colla museruola obbligandoli a dimenticare la loro fantasia..mai un dribling..mai un lancio in avanti ma sempre il solito passaggetto all’indietro..tirare poi da fuori area solo se da posizione impossinbile e uqnado nons en epuo’ fare a meno…e Volete altri giocatori ?? per farli ammufire in panchina ???

  3. Grande gabry mi hai preceduto una banda di nesci a comandare che pensano a fare cassa e scriviamo Ferrero caccia le palanche quando sappiamo bene che della Samp non gliene frega una beata mazza? Per favore almeno la dignità cosa che non hanno più neanche certi tifosi poco ma proprio poco uomini

  4. Incominciando da febbraio, GP mi piaceva e non poco, mi sono convertito. Il mio banale modo di pensare il calcio mi dirigeva a un punto di vista che non mi è più voluto svanire. Torreira come diga, non come play, ma come aspirapolvere calcistica e Zapata come assist man, bomber e presenza fisica ha nascosto i punti deboli della struttura di GP. Tolti questi due aihmè vediamo un po lo scheletro e ci spaventiamo, come siamo messi. Speravo in un cambio tecnico durante l`estate… non è stato cosi e mi sono messo il cuore in pace. Ma adesso che si apare il logoramento tecnico/ideologico di GP non vedo come con altri giocatori si possa voltare pagina. Sperando che mi sbagli, la vedo dura contro Bologna e squadre a cui dovremo stare attenti in ottica salvezza.

  5. Allora partiamo dall’ allenatore: GP ha detto alla vigilia loro fanno un calcio sporco noi non dobbiamo snaturare il nostro gioco. Risultato? Loro hanno fatto il calcio sporco e noi abbiamo snaturato il nostro gioco. Non si era mai visto il gioco partire dai lanci, peraltro mediocri e preda dei difensori genoani, invece che partire, come sempre, dai difensori. Seconda cosa il centrocampo. Per una partita come il derby le mezzeali avrebbero dovuto essere Barreto e Linetty. Uno infortunato l’altro sprecato a Roma e già diffidato. Terzo aspetto l’attacco. Abbiamo 4 attacanti di nome. Quaglia è gigantesco, Defrel mezzo rotto, gli altri due due fantasmi

    • Luca (quello che stava in Brasile) -

      Ciao Silver.
      Concordo su tutto, non sulla scarsa considerazione per il Polacchino: per me é forte, hai dei numeri, ha fisico, ha voglia ed uno positivo.
      Certo che se di colpo da alternativa al gigante Zapata (mai rimpianto abbastanza) passa a essere il no.4 nelle gerarchie del sudaticcio, allora ha abbastanza ragione a voler cambiare aria, e qui siamo veramente all’assurdo, per cui
      – sei bravo a come pochi a trovare giovani talenti
      – li prendi a quattro palanche
      – appena fanno 3-4 partite da 7 e mezzo, li vendi (bene, perlomeno, questo va detto)
      – quando li tieni, anziché puntare su di loro ti affidi a vecchi arnesi o a giocatori fuori ruolo… mortificando sul nascere il campioncino
      Far giocare Caprari e non Kownacki é un delitto, cosí come é un delitto preferirei Ramirez a Saponara, anche le rare volte che non é in infermeria.

  6. Penso che l’unica nostra speranza sia che Sabatini tornato in salute prenda le redini della situazione, cazziando ed eventualmente sostituendo Giampaolo che ha già definito in Estate troppo rigido ed impostando una campagna acquisti fatta con raziocinio e programmazione, non basta spendere soldi (ammesso che la società lo voglia fare), bisogna spenderli bene, se così non sarà siamo fregati e navigheremo in una mediocrità senza fine

  7. Problema: vedo solo Errore tattico, perché Giampaolo non cambia mai strategia in corsa.
    I giocatori si sono sbattuti, hanno anche fatto pressing alto quasi tutta la partita.
    Il Genoa ha avuto più occasioni, era in casa spinto dai suoi tifosi. E questo vi mortifica?
    News per voi: la Samp non è una corazzata, e ogni tanto anche la juve viene schiacciata.
    Capisco il vostro ego, di voler dominare tutte le partite, soprattutto quelle con il Genoa. Ma è illusione: siamo da metà classifica, quindi spesso e volentieri l’avranno vinta gli altri, e ci metteranno in difficoltà, sennò sarebbe champions o scudetto sicuro per noi.
    A me non fotte nulla della rivalità con i cosiddetti cugini. Vedi Boca River, che figura hanno fatto? Il popolino si fa distrarre, intanto il ponte a che punto è? Le rivalità calcistiche sono da gente che si perde in un bicchiere d’acqua.
    Sparlate tanto del Genoa, che fa schifo, per poi sminuire noi stessi. ma siamo così sicuri? Hanno pareggiato con la juve, e ogni tanto nel tanto comprare per la legge dei grandi numeri qualche giocatore buono lo beccano, poi a gennaio va subito via. La loro sete di rivalsa (ehm… anche loro erano in campo) gli ha smossi e spinti a creare 3 palle gol… BIG DEAL!! E questo offende il vostro orgoglio? Audero ha parato, pareggio tutti a casa, piantatela di frignare. Gp per culo o bravura ha già un record: 5 derby senza Perdere.

    • Non è tanto il derby a far paura….ma il trend dell’ultimo mese e mezzo, con una squadra che non tira in porta e non crea occasioni e prende sistematicamente goal.
      Per questo continuo a pensare che in questo momento Gp sia un limite, perchè in un momento di difficoltà, vuoi anche fisica, non vuole adattare la squadra alle esigenze…Lo sanno anche i muri che basta avere un centrocampo a 5, fare un lancio lungo o cambio di campo che ci metti in difficoltà…Zapata e Torreira nascondevano i limiti del suo gioco, lo snaturavano un po’ perchè lui predilige attaccanti brevilinei e a centrocampo ha sempre voluto un costruttore di gioco, mentre Torreira era più un mediano che un regista dai piedi buoni alla Paredes (adattato da trequartista che era).
      Per l’unico modulo di Gp devi avere i giocatori adatti e soprattutto essere al 100% di forma fisica, cosa che è molto difficile tenere con continuità nell’arco di un campionato.

    • “Il Genoa ha avuto più occasioni, era in casa spinto dai suoi tifosi. E questo vi mortifica?”

      Quindi il Genoa ha avuto più occasioni perchè spinto dai suoi tifosi, ne prendo atto…
      Mi domando però dove fossero gli stessi tifosi visto che ne venivano da cinque sconfitte consecutive come padroni di casa…

      “Capisco il vostro ego, di voler dominare tutte le partite, soprattutto quelle con il Genoa. Ma è illusione: siamo da metà classifica, quindi spesso e volentieri l’avranno vinta gli altri, e ci metteranno in difficoltà, sennò sarebbe champions o scudetto sicuro per noi.”

      Grazie per averci aperto gli occhi, in effetti eravamo tutti, nessuno escluso, convinti di lottare per lo scudetto, nella peggiore delle ipotesi per un piazzamento in Champions…

      “A me non fotte nulla della rivalità con i cosiddetti cugini. Vedi Boca River, che figura hanno fatto? Il popolino si fa distrarre, intanto il ponte a che punto è? Le rivalità calcistiche sono da gente che si perde in un bicchiere d’acqua.”

      Qui potrei anche concordare con te ma ti do una notizia: ormai, per la stragrande maggioranza dei tifosi, il derby è la cosa più importante del campionato…

      “Sparlate tanto del Genoa, che fa schifo, per poi sminuire noi stessi. ma siamo così sicuri? Hanno pareggiato con la juve, e ogni tanto nel tanto comprare per la legge dei grandi numeri qualche giocatore buono lo beccano, poi a gennaio va subito via. La loro sete di rivalsa (ehm… anche loro erano in campo) gli ha smossi e spinti a creare 3 palle gol…”

      Ma pensi davvero che abbiano pareggiato con la Juve perchè sono buoni? Dimmi che stai scherzando!
      Hanno pareggiato con la Juve perchè è caduta una bagascia in mare, è capitato a loro come è capitato a noi di batterli l’anno scorso…
      Credo che nessuno si senta offeso per aver lasciato loro tre palle gol, ma per aver fatto noi un solo tiro in porta in tutto il match…

      • E invece io concordo con varie cose scritte da Altair.
        Il derby fa partita a se, ne abbiamo perso uno pure con la Samp forse più forte di sempre (1991).
        Le quote davano il Genoa leggermente favorito (e la partita ha seguito questo pronostico). E gli stessi bookmakers lo danno spacciato nella prossima a Torino.
        Partita a se.

        Mi duole molto notare che nell’articolo si parli di una partita diversa da quella che ho visto io (“dominati”, “con le ossa rotte”… devono averne giocati più d’uno, io ho visto l’altro). E’ stata una partita caratterizzata da continui cambi di fronte, dove non è che se una squadra fa due tiri in porta in più (peraltro pareggiando grazie a un regalo fattogli) vuol dire che ha dominato o che deve farsi dare tre punti in tribunale se pareggia. E’ comprensibile il livore di chi sente di “aver perso una opportunità di vincerlo”, questo si. Dopo averne persi 3 su 4 è normale. Ma nessuno ha rubato nulla. Nessuno ha regalato nulla (tranne il gol regalato da noi).

        Non concordo con Altair quando riduce l’importanza del Derby.
        E’ sempre importantissimo anche quando la Samp vince uno scudetto o si qualifica ai preliminari di Champions.

        Certo è comodo stare a fare i difficili quando se ne vincono tre e se ne pareggiano due eh?….
        Fosse stato il contrario cosa si scriverebbe?
        Ma il derby straperso con tragicamente l’orecchio alla radiolina per sapere (ripeto, durante un derby) cosa facevano le altre squadre interessate dalla lotta per non retrocedere ce lo siamo dimenticato? (Montella) Dopo quello come cazzo avete commentato???

  8. Giampaolo sinceramente ha rotto, probabile per il tipo e qualità dei calciatori che abbiamo, serva uno alla Iachini che il maestro del Tiki Taka.
    Beh sul cacciare il grano abbiamo già detto tante volte che questo è il livello, poi chiaro che se prendi Jankto e sembra un giocatore di Lega Pro questo non aiuta, se hai Caprari che può fare la differenza solo in B amen.
    Sarà un campionato di sofferenza, io sinceramente non spero nulla dal mercato di Gennaio, tanto in panca abbiamo il maestro quindi compri qualcuno gioca il Gennaio 2020…..

  9. Noto che oramai la quasi totalita’dei commentatori concordano sul fatto che giampaolo non sia un valore aggiunto ma un limite,anche se ovviamente non l’ unico.
    La partita di sabato con gli altri zozzoblu’mi preoccupa non poco e, visto il nostro penoso stato di forma, mi spingo a dire che un pareggio mi farebbe incazzare ma non disperare.
    Certo per non correre rischi inutili a gennaio bisognerebbe prendere un attaccante decente (e non ad esempioquel porco di destro) ma dubito ci sia la volonta’societaria.
    Vi abbraccio tutti fratelli miei malati di doria.

    • Spero di no, credo che la volontà di operare in attacco ci sia, perché più che una volontà è una necessità.
      Defrel domenica è stato impalpabile.
      Caprari non incide.
      Kowna è un rebus.

      Certo non tutti sanno fare gol come quello fatto da Defrel al Napoli, grandissimo gol oscurato dal tacco di Fabio… fatto nella stessa partita. Però se per problemi fisici od altro inizia a fare prestazioni così, abbiamo un reparto completo numericamente ma arido in efficacia.

  10. Leggo solo ora il post di Altair. Concordo su alcune cose ma il problema è un altro. GP ha sempre fatto lo stesso gioco palla dal portiere a uno dei centrali e da lì inizia il gioco. Sabato in conferenza ha detto che loro fanno il gioco sporco e che noi non dobbiamo snaturare il nostro gioco. Poi li abbiamo copiati con lanci lunghi del portiere solo che loro li prendevano e noi piccoli e con poca elevazione non ne abbiamo presa una.
    Vorrei sentire Gp cosa dice al riguardo.

Lascia un commento

Powered by themekiller.com