CHI E’ PAOLO CARITO, NUOVO DIRETTORE MARKETING DELLA SAMP

3

 

Dopo l’arrivo di Paolo Viganò a capo dell’area comunicazione, Paolo Carito prenderà il posto di Marco Caroli alla guida dell’area marketing della società. Originario di Bisceglie, Carito è uomo poliedrico e vulcanico, leader manager di Social Daily (primo social media info center italiano), presidente del network OLIS (formato da diverse università internazionali e incentrato sulla ricerca di nuove opportunità di sviluppo sostenibile attraverso lo studio dell’evoluzione degli scenari globali) e presidente della Carito & Partners Factory (nata nel 2007, si occupa di marketing e di organizzazione di grandi eventi internazionali).

Sul social network LinkedIn, Carito si presenta così:

Tutti i giorni mi sforzo e mi adopero per “dettare l’umore”, disegnare soluzioni, immaginare scenari e coreografare magie”.

Un linguaggio e uno stile immaginifico che non potevano non fare breccia nel cuore di una Vipera.

La collaborazione tra Ferrero e Carito, del resto, parte da lontano: da diversi anni, infatti, i due collaborano in ambito audiovisivo in alcune produzioni televisive e cinematografiche.

In ambito sportivo Carito è stato responsabile marketing del Fabriano Basket, della Polisportiva Partenope Napoli e del Gruppo Sportivo BNL.

Con la Carito & Partners Entertainment dal 2003 si occupa di promozione e pubbliche relazioni di personaggi, autori e registi televisivi; negli anni successivi ha organizzato eventi e competizioni, quali la prima Lega Basket di Dubai (2008), la cerimonia d’apertura dei Mondiali di Nuoto di Roma (2009) e le World Series dell’America’s Cup di Napoli (2013). Nel 2012, tramite OLIS, ha organizzato e gestito le strategie di comunicazione per alcune iniziative del World Food Programme.

Un curriculum di tutto rispetto (oseremmo dire, “da cinema”) per il nuovo direttore marketing della Samp.

 

Autore

SampGeneration

Il blog della Sampdoria

3 commenti

  1. Ma magari trovare uno sponsor di livello che garantisca qualche soldo sarebbe molto cinematografico!!! La maglia è bella senza ma per la cassa meglio con lo sponsor.

  2. C’è poco da fare, lo sponsor (o gli sponsor in stile Napoli) ci vuole…la maglia pulita in stile Atletico Bilbao è meravigliosa, ma bisogna far cassa in ogni modo.

Lascia un commento

Powered by themekiller.com