CHI E’ HOJBJERG, TALENTO ACCOSTATO ALLA SAMP

5

Soriano in partenza. Nonostante la frenata di Osti, diverse fonti (tra cui Sky Sport) danno il centrocampista ormai destinato al Milan. Si tratterà di ricavare il più possibile da questa cessione: 5 milioni adesso e 5 milioni il prossimo anno è un’offerta che fa ridere i polli.
Tra la caterva di nomi accostati alla Samp per il centrocampo (solo ieri se ne contavano circa dodici) uno dei più affascinanti è certamente quello di Pierre Emile Højbjerg, classe 1995, talento indiscusso del Bayern Monaco, destinato ad una carriera importantissima.

Dopo i primi anni nel suo paese, in Danimarca (dove è considerato il maggior talento emergente), nell’estate del 2012 Højbjerg passa al Bayern Monaco. Giocherà nel Bayern B l’anno successivo (30 presenze e 8 reti) e il 13 aprile 2013 scende in campo con la prima squadra, a 17 anni: giocatore più giovane ad esordire con la maglia del Bayern nella massima serie tedesca.

Tra il 2104 e il 2015 gioca ancora 15 partite in maglia Bayern, poi il passaggio a gennaio in prestito all’Augsburg, sempre in Bundesliga, dove disputa una buona stagione (16 presenze e 2 reti).
Guardiola crede molto nel giocatore, considerato per caratteristiche come una sorta di erede di Schweinsteiger.
Quanto alla caratteristiche, Højbjerg è un centrocampista punto di riferimento della manovra, alto 1,85 m per 81 kg, abile a smistare un gran numero di palloni in partita. Rompe il gioco e costruisce, ha visione di gioco, senso della posizione e ottimo tiro.
E’ considerato una delle maggiori promesse in campo europeo. Alla Samp può arrivare in prestito col beneplacito di Guardiola. Di certo, insieme a Carbonero, sarebbe un doppio colpo notevole per la squadra blucerchiata.

Autore

SampGeneration

Il blog della Sampdoria

5 commenti

  1. Si ma sono colpi fini a se stessi “pe passa o nuttata” dicono a Napoli, a fine stagione ci troviamo senza i prestiti a cedere quei 2/3 buoni che abbiamo e poi si riparte.
    Facendo così in 2 stagioni ci troviamo con una società vuota, soldi in “bisacca” e società spolpata.
    Analisi frettolosa? Spietata? Pessimista? Il tempo sarà galantuomo…..

    • E’il centesimo nome dall acquisto di Zukanovic in poi, ancora non abbiamo visto nessuno. Che sia un talento non c’e’ dubbio, la speranza e’ che resti Soriano. Carbonero dov’e’ finito? Parlano di problemi negli accordi col fondo di investimento che ne detiene parte del cartellino. Un altro caso Balanta? L’ ultimo in ordine di tempo e’ Berbatov, quello che doveva arrivare a Firenze due anni fa, ma sull aereo prima disse si alla Juve e poi firmo’ per il Fulham. Una garanzia di serieta’.

  2. Ieri ho visto qualche immagine del ragazzo, sembra molto forte e anche Onofri, bibinazzo ma comunque competente ne ha decantato le lodi affermando che tra lui e Soriano non c’è storia!
    Sarebbe un arrivo finalmente…logico, ma mi chiedo cosa verrebbe a fare nella scapestrata Samp di oggi un simile talento…

  3. Lo si vuole capire o no che per giocare a calcio servono 11 giocatori? Non mi pare siano pochi e devono conoscersi almeno un po, devono avere gamba,devono essere allenati.

    Abbiamo fatto una figura meschina in europa league presentandoci con Barreto , Zukanovic,Fernando inattivi o senza preparazione solo per citarne alcuni.

    Ora scompaginiamo tutta la squadra e riempiamola con giocatori di campionati diversi,nazionalitò diversa e speriamo che Dio ce la mandi buona?????

    Ma vi rendete conto si o no da chi siamo stati eliminati?
    PLZEŇ 3-0 VOJVODINA

    Vi rendete conto o no che ogni giocatore che vuole andarsene viene accontentato/regalato e tutti quelli che arrivano o sono bidoni o strapagati???

  4. Lo scorso anno è andata molto bene, i soldi dei Garrone ci hanno fatto comodo.
    Quest’anno per poter essere autosufficienti avremmo dovuto forse vendere qualcuno in meno (Rizzo e Duncan li avrei tenuti, ad esempio) ed investire solo su due / tre giovani – potenziali talenti – in modo da ottenere plusvalenze nelle prossime stagioni. Stop. Questo era il mercato da fare.

    Per essere “autosufficienti” nel calcio di oggi, devi avere:
    – stadio di proprietà
    – giovani promettenti da prestare o (nel caso) vendere
    – giocare in Europa
    – avere uno sponsor da 5-6 milioni di Euro l’anno

    La Sampdoria ha questi requisiti? No!
    La sola operazione di marketing un pochino intelligente è stata quella di prendere Cassano perché ti fa andare un po’ più di gente allo stadio e perché ti fa vendere qualche maglietta in più. Basta. Ma non è detto che questa operazione vada a ripagare l’intero stipendio di Cassano o generare addirittura una plusvalenza.
    La Samp 2015-2016 non è autosufficiente, quindi si vende Soriano e magari già si promette di vendere Eder a qualche squadra. Questo vuol dire che fino all’acquisto di Zukanovic si pensava di incassare il “bonus” per l’Europa -passando il turno- ma ora essendo saltato l’incasso che avrebbe fatto quadrare i conti, bisogna adattarsi alla circostanza e ripartire da qui.

    Sino alla vigilia della partita preliminare di Europa League intravedevo un progetto intorno a questa squadra, ora solo confusione. Progetto saltato, giocheremo con i prestiti e spero che qualche sultano milionario si innamori dei nostri colori e ci faccia diventare come il Chelsea.

Lascia un commento

Powered by themekiller.com