BLOCCATI DA UN CATENACCIO ANNI ’30. MA RAMIREZ DOVEVA ENTRARE PRIMA

23

Il calcio antidiluviano di Ballardini ha bloccato la Sampdoria sul punteggio di zero a zero.

Era il risultato che voleva una squadra che pratica esasperatamente e con un certo vanto la pratica dell’anticalcio. Lo pratica un po’ contro tutti gli avversari, ma stasera si è veramente superata.  Persino Nereo Rocco, fosse ancora in vita, avrebbe  vomitato a spruzzo nel vedere tanto inverecondo catenaccio.

E ricordiamoci che Nereo Rocco era uno che entrava in campo con giacca, cravatta e scarpini da calcio (cosa vera). Quindi aveva senz’altro un certo stile. Non si può dire lo stesso dei cugini, che hanno passato l’intera gara a difendersi, spazzando palla alla viva il parroco anche quando erano soli. Uno spettacolo raccapricciante.

Noi potevamo fare di più? Di certo il risultato finale è quello che voleva Ballardini. Mentre Giampaolo non è riuscito a inventarsi qualcosa per superare il catenaccio senza pudore degli avversari.
Abbiamo sbattuto contro il muro di un’antisquadra per 90 e più minuti, sempre con le stesse azioni. E’ mancata la palla sporca, il rimpallo favorevole, l’azione sugli sviluppi di un calcio piazzato che poteva cambiare le sorti della gara.
Ma è anche mancato Ramirez che in un momento della gara in cui serviva la qualità per trovare la giocata giusta è stato fatto marcire in panchina fino all’80’.

Forse Giampaolo, dopo il secondo cambio effettuato (infortunio per Murru e Bereszinski), non se l’ è sentita di rischiare il terzo. Ma il rischio è la parola chiave:se vuoi avere risultati i rischi te li devi prendere e così non è stato.

Il taccuino delle azioni della partita recita praticamente zero. Per i bibini il deserto completo.

Per la Samp qualche conclusione poco pericolosa di Quagliarella.  Poi azioni blucerchiate senza efficacia contro una muraglia bibina.

Loro sembravano in quaranta in area, forse c’era anche lo stesso Ballardini a difendere. Insomma uno spettacolo indecoroso degno di un calcio di provincia degli anni ’30.
Applausi lo stesso ai giocatori doriani che hanno dato tutto per 90 minuti. Ma per noi, in sostanza, sono due punti gettati nella latrina.

Autore

SampGeneration

Il blog della Sampdoria

23 commenti

  1. cristiano72 -

    Catenaccio doveva essere e cosi’ e’ stato come da previsione.una squadra davvero pessima la loro.Una partita di calcio non puo’ essere bella se non la si gioca in 2.da salvare solo l’impegno della squadra che pur senza mai brillare ha provato fino all’ultimo a vincere.se in piu’ aggiungiamo che ci siamo trovati come terzini sala e regini come nei peggiori incubi….Per l’europa penso che oramai sia la fine delle speranze.Dovremmo suggerire ai cuginetti di decidersi a quale cultura/radici si ispirano….credo siano un po’ in confusione……prima sono inglesi poi genovesi poi argentini poi la cantera spagnola ora addirittura striscioni in latino come nell’impero romano……ed erano pure fieri di aver pareggiato festeggiavano anche……

  2. seMarco Convalle -

    Solite difficoltà che troviamo contro squadre scarse che si difendono, Giampaolo dovrebbe studiare qualcosa di diverso perché queste situazioni si ripetono ormai da due campionati, i cambi sono stati condizionati dagli infortuni, comunque non aver rischiato nulla con Regini e Sala sulle fasce la dice lunga sulla pochezza dei bibini, su Ramirez è il solito senno di poi, in ogni caso Caprari è stato insieme a Praet il nostro migliore

    • Infatti…era Quagliarella quello da levare…non he ha piú. Possibile che l unico che non se ne avvede sia il gran maestro??

  3. Partita noiosa Regini non può giocare in serie A ma tant’è qualcuno lo mette dentro Sala no comment un allenatore mediocre che non sa andare oltre il suo gioco e adattarsi alle circostanze della partita le merde sono sempre le stesse con tifosi bipolari e frustrati i loro giocatori li rappresentano bene infatti qualcuno in un derby passato li definì macelleria sociale. Tifo Samp splendido non adatto allo spettacolo offerto.

    • Luigi ora non esagerare. Si GP ha delle manie come Alvarez, Sala e anche Regini ma ormai sono tre riserve ed entrano solo in caso si infortuni. La gara è stata impostata bene ma loro sembravano il Padova di Nereo Rocco anni 50. Catenaccio totale

  4. Il pari non mi dispiace. Partita accorta la nostra. Certo loro non hanno gioco offensivo. Ma negli ultimi tempi avevano il vizio di segnare all’ ultimo. Difesa OK. Sala, guarda qua, dava anche una discreta spinta e ha dato un bel pallone a caprari al limite dell’ area. GP questa Volta non ha rischiato e per me ha fatto meglio che in altre occasioni. Solo Una anotazione anch’ io avrei messo Ramirez ma Al posto di quagliarella, che ha bisogno di una pausa.

  5. Mah…io ho visto 2 squadre mediocri (una di più) .
    Samp con soliti fraseggi orizzontali in difesa da latte alle ginocchia. Silvestre a Ferrari, Ferrari a Sala, da questi indietro a Ferrari che passa a Silvestre, che passa a…..Rimesse laterali imbarazzanti e mai sfruttate. Ma per favore….avremo anche i punti che abbiamo (onore a Giamp) ma questa brutta copia del tiki taka non mi piace per niente…è anticalcio: pura fuffa monotona ed irritante.
    Si perdono almeno 15-20′ in ogni partita in questi ghirigori inutili in cui noi rifiatiamo, ma anche gli avversari.
    Quando finalmente alziamo il ritmo è un’altra cosa, ma siamo in grado di farlo sempre e solo per poco tempo, purtroppo.
    Questo è il limite di Giamp e della squadra attuale.

    • Condivido in pieno l’analisi, i bibini squadra oscena, ma noi non abbiamo fatto chissachè per vincerla, solito fraseggio lento e per tirare sembra che bisogna entrare col pallone in porta!
      Caprari avrà si dato vivacità, ma tirare in maniera così fiacca davanti alla porta è veramente da 0 in pagella…e pensa di essere un fenomeno, per me vale tanto quanto il nostro ex Sansone.
      Ramirez vero sarebbe dovuto entrare prima, ma per come è entrato in campo, ho capito perchè è rimasto in panchina, non ha tenuto un pallone, palle perse e 2 falli che potevano anche essere da giallo!
      Il grosso limite di Giampaolo è il non cambiare mai modulo, ne prima, ne durante…un limite che me lo fa ritenere un buon allenatore per la nostra realtà attuale, ma nulla di piu se vuoi alzare l’asticella.

    • Sarrebbe stato un altro avversario sarei con voi. Ma questi la difendevano col coltello fra i denti e se anche pandev che non avevo mai visto cosi difensivo braccava torreira come un osennato non me la sento di criticare troppo. Certo nel apertura di gioco si doveva essere più audaci, ma questo spettava ai due centrali perche loro stavano arruffati tutti nella loro metacampo. Ieri esistevano pochi sbocchi e noi non abbiamo la qualita di sfondare un muro spesso cosi.

      • Si probabilmente ieri non sarebbe servito cambiare tattica, perchè non hai in rosa chi abitualmente salta l’uomo per poterti creare superiorità numerica…del resto Ramirez appena è entrato, tentando di farlo, per poco non ci fa prendere una delle poche ripartenze di quella squadraccia

  6. Ottima fase difensiva loro, che sembrava si difendessero in 13… Rinunciatari nella fase offensiva, un pareggio gli andava benissimo per salvare gli umori e sinceramente visto che non hanno bisogno di punti era più la paura di perdere che la voglia di vincere. Si può capire.
    Noi abbiamo (di)mostrato una superiorità qualitativa e nel gioco, giustificando i punti in più.
    Ma è una occasione persa? Può essere, ma non credo che Perin abbia vissuto la peggiore partita dell’anno.

    Il rigore? Mi sembrava ci fosse in diretta.

  7. modernist359 -

    Andrò un pò controcorrente ma, tutto sommato, il pareggio mi è andato bene lo stesso tenendo presente che in difesa abbiamo perso due uomini e con Regini e Sala a sostituirli temevo il peggio anche se poi ai fatti, di fronte ad una squadra di catenacciari (con un un centrocampo ed un attacco inesistenti, praticamente giocano tutti in difesa), non abbiamo poi corso grossi rischi e si sono comportati bene.

    Il nostro centrocampo è stato impeccabile: Torreira-Praet-LInetty una prestazione ottima.

    In attacco Caprari , giocando nel ruolo di trequartista, non ha fatto male, a parte i soliti tiri imprecisi (per i quali dovrebbe esercitarsi molto ma molto durante la settimana…vero GP?), e ha recuperato tanti palloni impedendo costantemente la manovra avversaria.

    Duvan si è impegnato tanto e ha giocato al meglio che ha potuto. Non bisogna dimenticare che spesso si è trovato (come se fosse stato in un cortile) a duellare sempre con due uomini in marcatura asfissiante senza poter partire nelle sue veloci sgroppate.

    Fabio ha dato tanto ma si vede che è stanco e purtroppo ragazzi, data l’età, contro quei mastini bicolori c’era poco da fare: forse Ramirez avrebbe potuto sostituirlo prima (e non Caprari), però appena entrato ha fatto dei falli e ha lasciato più spazio alla manovra avversaria.

    Sarò fatto male, ma io mi accontento anche di questo punto e ora sotto con i furfanti bianconeri.

    • Luca (quello che stava in Brasile) -

      Concordo con questa tua analisi.
      E concordo anche con Ferrero: chi non tira non fa gol, chi non fa gol non vince.
      Semplice, Boskoviano, verissimo.

        • LUCA (QUELLO CHE STAVA IN BRASILE) -

          si, poteva evitarla, in un momento storico in cui parlare di f..a, é diventato improvvisamente pornografico e sconveniente.
          Comunque hai ragione, un presidente dovrebbe mantenere un aplomb diverso, un presidente normale almeno.

          • cristiano72 -

            Si’ si’ certo non era per moralismo la mia critica ma solo per opportunita’.si sa che oramai e’ tutto amplificato mediaticamente e tutto diventa virale e social.a me ha fatto sorridere sinceramente cosi’ come il gesto di Ballardini della sedia fa parte dell’atmosfera del derby ma loro devono dare il buon esempio sempre e non devono scendere a livelli da “bar”…quello lo dobbiamo fare noi tifosi anche perché poi succede che finisce a pugni in faccia come e’ gia’ successo in passato

  8. seMarco Convalle -

    Comunque partita bruttissima, se gli innominabili si accontentano così cavoli loro, penso che senza gli infortuni avremmo potuto fare meglio, speriamo adesso in un bel finale di campionato, Europa League o no, preferisco comunque mille volte una squadra come la nostra che prova a giocare e a vincere che un atteggiamento ridicolo di difesa per 90 minuti, per far cosa poi non si sa, a cosa gli serve un punto in più? Misteri dei non umani

  9. Ragazzi domenica prossima con probabile sconfitta nostra e vittoria viola il campionato finisce nel modo auspicato dal sempre sobrio nostro presidente che, senza il finto spauracchio di una qualificazione all europa league, puo’ dedicarsi anima e corpo gia’ ad aprile allo sport che gli riesce meglio, assieme alle brutte figure, cioe’ vendere i piu’ forti calciatori della rosa

  10. Ecco,
    il mio timore è che la mancata iniezione d’entusiasmo che sarebbe derivata dalla nostra vittoria finisca per…spegnerci, rendendo questo finale simili a tanti altri del recente passato…

  11. LUCA (QUELLO CHE STAVA IN BRASILE) -

    mi sembra chiaro che, salvo colpi di teatro poco probabili a Torino con la Juve e poi col Napoli in casa e la Lazio a Roma, la nostra c.d. asticella si é ricollocata al 10º posto… tanto rumore per nulla, quindi.
    Forse abbiamo visto un film diverso per molte giornate, forse la caratura della squadra é quella di Verona, Udine, Bologna, Benevento, Crotone, Cagliari… e noi che ci eravamo illusi che nonostante un ebete in panchina, si potesse ambire a qualcosa di piú dell’anno scorso..
    Invece, come ha detto qualcun’altra prima di me, ci dovremo accontentare di ricche plusvalenze a fine campionato. Che figata raga!!

  12. Scusate ma non dovrebbe essere la società ad avere ambizioni? Perché continuiamo a ripeterci? Dovremmo saperlo ormai che a chi comanda interessa soltanto fare cassa ma tant’è cadiamo sempre nel trabocchetto dovuto perché siamo rimasti per tanti mesi sesti in classifica. Vuoi fare l’Europa con una società miscia quando escono subito o quasi squadre più titolate? Ma su’…//

  13. seMarco Convalle -

    Fare l’Europa League sarebbe difficile e rischioso, abbiamo poche riserve all’altezza e se vuoi fare due competizioni ti servono, d’altra parte qualche obiettivo lo devi avere sennò che palle, ci vorrebbe una programmazione seria di rinforzo della squadra anno dopo anno, del resto diciamo la verità, non ci riescono neanche quelle che hanno più soldi tranne rare eccezioni (Juve, forse Napoli) e sono al nostro livello Toro e Fiorentina, siamo nella media di un calcio italiano in questi anni perdente, dobbiamo accontentarci, è brutto da dire ma è così

Lascia un commento

Powered by themekiller.com