BASTA PIAGNISTEI, IL TRAGUARDO E’ SEMPRE VICINO.

8

Plachiamo i piagnistei collettivi dopo la partita di sabato sera. Non dimentichiamo che abbiamo giocato alla pari con i secondi in classifica, per di più motivatissimi per il posto Champions da conquistare.
Si levano critiche a Mihajlovic.
In effetti il gioco non è brillante, anzi è in netto ribasso, questo è sotto gli occhi di tutti.
Ma gli errori sotto porta pesano troppo, gridano vendetta.

Siamo Eder-dipendenti? Probabilmente sì, ma ormai mancano due gare, dobbiamo andare avanti, non c’è tempo per i rimpianti.
Il nostro campionato ha avuto alti e bassi. Tuttavia bisogna ammettere che siamo sempre più in alto del nostro valore, Sinisa ha più di un merito.

Ora con qualunque mezzo dobbiamo andare in Europa.

Primo perché il prossimo anno entrano più soldi. Secondo perché dobbiamo tornare a dare un profilo internazionale alla nostra squadra dopo gli ultimi anni bui.

E di certo non dobbiamo fasciarci la testa prima del dovuto. Mancano ancora due partite, possiamo anzi dobbiamo fare 6 punti. Se i cugini ne fanno 4 siamo davanti noi per gli scontri diretti.

Per chi poi è preoccupato di finire dietro i fagiani e di staccare il biglietto del viaggio soltanto per guai burocratici altrui, la risposta è: e allora?
Le regole parlano chiaro, se Preziosi (pagliaccetto parlante) non le rispetta  è giusto che se la pigli in saccoccia.
E per il bibino sarebbe magra soddisfazione piazzarsi davanti, quando il loro presidente maneggione li costringe a restare fuori dalla EL.
Sarebbe una figura di merda epocale di Preziosi e c., il resto è fuffa, non rigiriamo la frittata.
Ma ora tocca a noi prendere i 6 punti e contro l’Empoli non sarà facile, Sarri è imbestialito per il calo dei suoi giocatori, vuole portarli in ritiro.
Poi c’è Genoa-Inter, un’altra giornata tranquilla.
Ma come direbbe il vecchio fringuello buonanima di Tonino Guerra: ragazzi, un po’ di ottimismo. 
Le possibilità di raggiungere il traguardo restano sempre alte, giochiamocele fino in fondo, le partite sono alla nostra portata.

Autore

SampGeneration

Il blog della Sampdoria

8 commenti

  1. Qualcosa non funziona in attacco. E sapete che vi dico? Ridevo quando ci davano per finiti perchè al posto di Gabbiadini erano arrivati Eto’o e Muriel. Ma, oggi, siamo sicuri che senza questo scambio non avremmo qualche punto in più? Su Muriel nutro dal primo minuto in cui è stato annunciato enormi aspettative. Mi piace pensare che sia anche colpa del modo di giocare, che lo tiene troppo lontano dalla porta, e… spero tanto di non sbagliarmi.
    Poi vabbè, il discorso “episodi” (che influenzano il giudizio sulla PRESTAZIONE) è sempre valido: che un addizionale di porta non veda il portiere trattenuto in quel modo: non crederete mica che siano li solo per vedere se la palla entra o no, hanno il microfono e si parlano tutti di continuo. Errore/orrore, persino peggio di quello di Obiang!

  2. Giovanni Prussia -

    A me fa venir da ridere l’idea di finir dietro ed andare in uefa al posto loro per una licenza non pagata.

  3. 29^GIORNATA(4 APRILE): +10
    Fiorentina – Sampdoria 2-0
    Genoa – Udinese 1-1

    30^GIORNATA(11-12 APRILE): +8
    Milan – Sampdoria 1-1
    Genoa – Cagliari 2-0

    RECUPERO 25^GIORNATA(15 aprile): +5
    Genoa – Parma 2-0

    31^GIORNATA(18-19 APRILE): +6
    Sampdoria – Cesena 0-0
    Palermo – Genoa 2-1

    32^GIORNATA(26 APRILE): +3
    Napoli – Sampdoria 4-2
    Genoa – Cesena 3-1

    33^GIORNATA(29 APRILE): +1
    Sampdoria – Verona 1-1
    Milan – Genoa 1-3

    34^GIORNATA(2-3 MAGGIO): +1
    Sampdoria – Juventus 0-1
    Roma – Genoa 2-0

    35^GIORNATA(10-11 MAGGIO): +1
    Udinese – Sampdoria 1-4
    Genoa – Torino 5-1

    36^GIORNATA(16-17 MAGGIO): -2
    Sampdoria – Lazio 0-1
    Atalanta – Genoa 1-4
    che abbiamo combinato??????non ci dormo

    • Abbiamo fatto schifo, ecco cosa abbiamo fatto…..siamo poi sicuri che la nostra rosa sia così scarsa? Il fatto e che secondo me ormai abbiamo finito la benzina, e temo che i pennuti ci castighino….

  4. modernist359 -

    Le statistiche parlano chiaro: dopo Fiorentina – Sampdoria, a parte la partita con l’Udinese in cui obbligatoriamente si sono “rimescolate le carte in gioco” per le squalifiche di ben tre nostri giocatori e siamo riusciti a vincere in modo più che netto, non siamo più stati in grado di fare valere il nostro gioco che era fatto di pressing costante sull’avversario e di ripartenze veloci; siamo diventati troppo prevedibili con una marea di retropassaggi, di fraseggi continui nell’area avversaria, di calci d’angolo battuti un pò arbitrariamente, di pochissimi tiri in porta;
    abbiamo dato spesso l’opportunità all’avversario di turno di potersi riorganizzare in fretta, dopo essere noi venuti in possesso della palla e di non saperla gestire in modo tale da mettersi in condizioni di tiro favorevoli per arrivare al gol; se poi ci si aggiungono una buona dose di episodi sfavorevoli ed errori madornali sotto porta nelle poche occasioni create, i risultati sono sotto gli occhi di tutti.
    Comunque sia il traguardo della parte sinistra della classifica è stato raggiunto e prendiamo quello che verrà dalle prossime gare: onestamente però, per un segno di lealtà, darei un’opportunità di giocare in più a quelli che quest’anno si sono sempre allenati costantemente ma non hanno avuto la possibilità di esprimere le loro potenzialità.

Lascia un commento

Powered by themekiller.com